[Una recensione di settembre 15, 2014 torre di osservazione articolo a pagina 23]

"L'ultima morte nemica non ha portato a nulla". - 1 Cor. 15: 26

C'è una rivelazione interessante in questa settimana torre di osservazione studia l'articolo che probabilmente mancherà ai milioni di Testimoni che partecipano alla riunione. Paragrafo 15, citato da 1 Cor. 15: 22-26 legge:

“Entro la fine dei mille anni della dominazione del Regno, l'umanità ubbidiente sarà stata liberata da tutti i nemici introdotti dalla disobbedienza di Adamo. La Bibbia dice: “Proprio come in Adamo tutti muoiono, così anche in Cristo tutto sarà reso vivo. Ma ognuno nel suo proprio ordine: Cristo primizie, in seguito coloro che appartengono al Cristo [i suoi sovrani congiunti] durante la sua presenza. Successivamente, la fine, quando consegna il Regno al suo Dio e Padre, quando non ha portato a nulla tutto il governo, tutta l'autorità e il potere. E l'ultimo nemico, la morte, non è portato a nulla. "

Tutti sono resi vivi nel Cristo, ma "Ognuno nel suo proprio ordine".

  • Primo: Cristo, i primi frutti
  • Secondo: quelli che gli appartengono
  • Terzo: tutti gli altri

Ora quelli che gli appartengono sono resi vivi durante la sua presenza. Abbiamo già dimostrato che non è successo 1914. La risurrezione di coloro che gli appartengono non è ancora avvenuta. Accadrà poco prima di Armaghedon. (Mt. 24: 31) Sono resi vivi ottenendo l'immortalità e liberati per tutto il tempo dalla seconda morte. La loro è la prima risurrezione. (Re 2: 11; 20: 6)
La Bibbia parla di due risurrezioni: una per i giusti e una per gli ingiusti; una prima risurrezione e una seconda. Non si fa menzione di un terzo. (Atti 24: 15)
Gesù mostrò che i suoi unti seguaci sarebbero stati i primi, la risurrezione dei giusti.

“. . .Ma quando organizzi un banchetto, invita i poveri, gli storpi, gli zoppi, i ciechi; 14 e sarai felice, perché non hanno nulla con cui ripagarti. Perché sarai rimborsato in la risurrezione dei giusti. ”” (Lu 14: 13, 14)

Questo crea un enigma per la nostra teologia della JW, perché abbiamo otto milioni di "altre pecore" che noi diciamo essere amici retti, non figli di Dio. Molti sono morti e attendono una risurrezione. Poiché la Bibbia parla solo di due risurrezioni e siamo sellati con tre gruppi, siamo costretti a dividere in due la risurrezione dei giusti. Il primo - chiamalo Resurrezione del giusto 1.1 - va in paradiso. Il secondo, la risurrezione del giusto 1.2, va sulla terra. Problema risolto!
Non proprio.
Paolo afferma chiaramente che coloro che non vanno in paradiso per stare con Cristo sono resi vivi solo alla fine dei mille anni. Questo si adatta con Rivelazione 20: 4-6 che contrappone anche coloro che governano in cielo con gli altri che sono resi vivi solo quando sono finiti i mille anni.
Questo crea un vero problema per noi. Due settimane fa abbiamo studiato come la ricompensa "Per le" altre pecore "[è] la vita eterna sulla terra". (w14 15 / 09 p. 13 par. 6) Ma non lo è, vero? Non proprio. In realtà, quando lo guardi in modo obiettivo, le altre pecore non ricevono alcuna ricompensa.
Secondo il paragrafo 13, "La maggior parte della prole di Adam verrà riportata in vita." Secondo il paragrafo 14, quelli della prima risurrezione in cielo "Fornirà assistenza a quelli sulla terra, aiutandoli a superare l'imperfezione che non potevano conquistare da soli". (Par. 14)[UN]
Illustriamo questo da un'esperienza di vita reale. Sia Harold King (consacrato) che Stanley Jones (altre pecore) subirono la tribolazione di anni di isolamento in una prigione cinese. Alla fine, entrambi sono morti. Sulla base del nostro insegnamento, King è già in paradiso con l'immortalità. Stanley tornerà nel nuovo mondo e dovrà lavorare fianco a fianco con gli ingiusti e gli empi che sono resuscitati fino a quando entrambi non “superano l'imperfezione che non potevano conquistare da soli” dopo mille anni di irruzione.
In che modo nostro fratello Stanley ottiene una ricompensa diversa da quella accordata, per esempio, ad Attila il suino? Non sono entrambi resuscitati alla stessa eventualità? Non hanno entrambi prospettive uguali? Un buon vantaggio è l'unica ricompensa che il povero Stanley ottiene su Attila? Di quale valore quindi la fede?
Ci viene detto:

“. . Inoltre, senza fede è impossibile piacere a Dio bene, perché chiunque si avvicini a Dio deve credere che lo è e che diventa il rimuneratore di quelli che lo cercano ardentemente ". (Eb 11: 6)

È fondamentale credere che Geova diventi il ​​ricompensatore di coloro che lo cercano seriamente. Dobbiamo credere che Dio sia giusto e che mantenga le sue promesse. Paolo allude a questo quando dice:

“Se come altri uomini, ho combattuto con bestie selvagge ad Efeso, di che cosa mi fa bene? Se i morti non devono essere risuscitati, "lasciaci mangiare e bere, perché domani moriremo" "(1Co 15: 32)

Se Dio non è il ricompensatore di coloro che lo cercano seriamente, allora cosa stiamo sopportando? Per illustrare, parafrasiamo le parole di Paolo.

“. . .Se come altri uomini, ho combattuto con bestie selvagge a Efeso, a che mi serve? Se i morti devono essere risuscitati giusti e ingiusti allo stesso modo, "mangiamo e beviamo, perché domani dobbiamo morire" ".

Il denario e un giorno di lavoro

Nell'illustrazione di Gesù del denario, alcuni operai lavorarono tutto il giorno mentre altri solo per un'ora, eppure tutti ottennero la stessa ricompensa. (Mt 20: 1-16) Alcuni ritenevano che fosse ingiusto, ma non lo era, poiché tutti avevano ottenuto ciò che gli era stato promesso.
Tuttavia, la nostra teologia richiede che tutti funzionino con lo stesso importo, ma alcuni ottengono una ricompensa meravigliosa, mentre il resto, la maggioranza, non ottiene alcuna ricompensa, poiché la "ricompensa" che ottengono viene data anche a tutti coloro che non hanno lavorato affatto . Per cambiare l'illustrazione di Gesù per adattarla alla nostra teologia, alcuni lavoratori ottengono il denarius, ma la maggior parte ottiene un contratto che stabilisce se lavorano altre due settimane e se al maestro piace il loro lavoro, ottengono il denarius originariamente promesso. Oh, e tutti quelli che non hanno lavorato per niente quel giorno, ottengono anche lo stesso contratto.

La nostra dottrina Hellfire

Abbiamo discusso sul fatto che la dottrina degli incendi infernali disonora Geova; e così fa! Un Dio che torturerebbe le persone per l'eternità per una breve vita di peccato, o anche per un singolo peccato, non può essere giusto. Ma il nostro insegnamento della doppia speranza non è anche una dottrina che disonora Dio? Questa è la nostra dottrina Hellfire?
Se Geova non ricompensa coloro che sono fedeli in un mondo di uomini empi, allora è ingiusto e crudele. Se la stessa ricompensa data a coloro che lavorano per fede nel caldo sole dell'oppressione e della persecuzione viene data anche a coloro che disobbediscono a Dio e vivono una vita di licenziosità, allora Dio è ingiusto.
Poiché Geova non può mai essere ingiusto, è il nostro insegnamento che deve essere falso.

"Lascia che Dio sia trovato vero, anche se ogni uomo viene trovato bugiardo." - Romani 3: 4

___________________________________________
[UN] Questa affermazione crea un paradosso, perché se anche i giusti risorti terrestri hanno bisogno di aiuto per superare l'imperfezione che non potevano conquistare da soli, come mai i giusti celesti risorti non hanno mai avuto bisogno di tale aiuto? Sono resuscitati e trasformati immediatamente in esseri incorruttibili. Quelli vivi alla fine si trasformano in un batter d'occhio. Cosa c'è di così speciale in quei giusti destinati al cielo che li distingue dai giusti legati alla terra?
 

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.
    27
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x