Introduzione

Nel mio ultimo articolo "Superare gli ostacoli nella nostra predicazione introducendo il padre e la famiglia", Ho detto che discutere dell'insegnamento della" grande folla "potrebbe aiutare i Testimoni di Geova a comprendere meglio la Bibbia e ad avvicinarsi così al nostro Padre celeste.

Questo cercherà di esaminare l'insegnamento della "grande folla" e di aiutare coloro che sono disposti ad ascoltare e ragionare. I principi di insegnamento che Gesù ha usato e discusso in precedenza sono altrettanto importanti nel considerare questo insegnamento.

Promemoria su come dare testimonianza

C'è un punto importante da tenere a mente, che si trova nella parabola nell'account di Mark:,

“Quindi ha continuato dicendo: 'In questo modo il Regno di Dio è proprio come quando un uomo lancia semi per terra. 27 Dorme di notte e si alza di giorno, e i semi spuntano e crescono in alto - come, non lo sa. 28 Da solo il terreno porta gradualmente frutto, prima lo stelo, poi la testa, infine il grano pieno nella testa. 29 Ma non appena il raccolto lo consente, si infila nella falce, perché è arrivato il momento del raccolto '”(Mark 4: 26-29)

C'è un punto nel verso 27 in cui si trova il seminatore non responsabile della crescita, ma c'è un processo preordinato come mostrato nel versetto 28. Ciò significa che non dobbiamo aspettarci di convincere le persone della verità a causa delle nostre capacità o dei nostri sforzi. La Parola di Dio e lo spirito santo faranno il lavoro senza interferire con il dono del libero arbitrio concesso a tutti.

Questa è una lezione di vita che ho imparato a mie spese. Molti anni fa, quando sono diventato testimone di Geova, ho parlato con entusiasmo e zelo a gran parte della mia famiglia cattolica, immediata ed estesa, di ciò che avevo imparato. Il mio approccio è stato ingenuo e insensibile, poiché mi aspettavo che tutti vedessero le cose nella stessa luce. Sfortunatamente, il mio zelo e il mio entusiasmo erano fuori luogo e hanno provocato danni a quelle relazioni. Ci sono voluti un considerevole periodo di tempo e impegno per riparare molte di queste relazioni. Dopo molte riflessioni, mi sono reso conto che le persone non prendono necessariamente decisioni basate su fatti e logica. Può essere difficile o quasi impossibile per alcuni ammettere che il loro sistema di credenze religiose non è corretto. La resistenza all'idea arriva anche quando l'effetto che un tale cambiamento avrà sulle relazioni e la propria visione del mondo viene inserita nel mix. Con il tempo mi resi conto che la Parola di Dio, lo spirito santo e la mia condotta erano una testimonianza molto più potente di qualsiasi logica e ragione intelligente.

I pensieri chiave prima di procedere sono i seguenti:

  1. Usa solo la letteratura NWT e Watchtower poiché sono considerati accettabili.
  2. Non cercare di distruggere la loro fede o visione del mondo, ma offri una speranza positiva basata sulla Bibbia.
  3. Preparati a ragionare e assicurati che quello che stai cercando di aiutare abbia preparato sull'argomento.
  4. Non forzare il problema; e se le cose si surriscaldano, sii come il nostro Signore e Salvatore Gesù tenendo sempre a mente le seguenti due scritture.

"Lascia che le tue parole siano sempre gentili, condite con sale, così saprai come dovresti rispondere a ciascuna persona." (Colossesi 4: 6)

“Ma santifica il Cristo come Signore nei tuoi cuori, sempre pronto a fare una difesa davanti a tutti coloro che ti chiedono una ragione per la speranza che hai, ma facendolo con un temperamento mite e profondo rispetto. 16 Mantieni una buona coscienza, in modo tale che, in qualunque modo tu sia pronunciato, coloro che parlano contro di te possano vergognarsi a causa della tua buona condotta come seguaci di Cristo ”. (1 Peter 3: 15, 16)

Contesto dell'insegnamento della "Grande folla"

Tutti abbiamo bisogno di speranza e la Bibbia discute la vera speranza in molti luoghi. Come testimone di Geova, la speranza che è menzionata nella letteratura e negli incontri è che questo sistema finirà presto e seguirà un paradiso terrestre, dove tutti possono vivere nella beatitudine eterna. Gran parte della letteratura ha raffigurazioni artistiche di un mondo in abbondanza. La speranza è molto materialistica, dove tutti sono eternamente giovani e sani e godono di un'abbondanza di cibo diverso, case da sogno, pace globale e armonia. Tutti questi sono desideri perfettamente normali, ma manca tutto il punto di John 17: 3.

"Questo significa vita eterna, la loro conoscenza, l'unico vero Dio e colui che hai inviato, Gesù Cristo."

In quest'ultima preghiera, Gesù sottolinea che una relazione personale e intima con il vero Dio e suo Figlio Gesù è ciò che ognuno di noi può e deve sviluppare. Dato che sono entrambi eterni, a ognuno di noi viene data la vita eterna per andare avanti con questa relazione. Tutte le condizioni paradisiache sono un dono di un Padre generoso, misericordioso e buono.

Da 1935, questa vita perfetta sulla terra è stata la principale spinta della predicazione di JW, con una reinterpretazione di Revelation 7: 9-15 e John 10: 16: la “grande folla di altre pecore”., Un esame delle pubblicazioni dei testimoni di Geova rivelerà che il collegamento tra la “grande folla” e le “altre pecore” dipende da un'interpretazione di dove è raffigurata la “grande folla” in Rivelazione 7:15. L'insegnamento è iniziato con la pubblicazione del 1 agostost e 15th, Edizione 1935 di La Torre di Guardia e Araldo della presenza di Cristo rivista, con l'articolo in due parti intitolato "La grande moltitudine". Questo articolo in due parti diede un nuovo impulso al lavoro di insegnamento dei testimoni di Geova. (Devo sottolineare che lo stile di scrittura del giudice Rutherford è piuttosto denso.)

Ragionamento su queste Scritture

In primo luogo, affermerò che non discuterò l'argomento da solo per la discussione, poiché potrebbe influenzare seriamente la fede di un Testimone e avere fede in una credenza distrutta non è edificante. Normalmente, le persone mi si avvicinano e vogliono sapere perché ho preso gli emblemi o perché non partecipo più alle riunioni. La mia risposta è che il mio studio della Bibbia e della letteratura del WTBTS mi ha portato a conclusioni che la mia coscienza non può ignorare. Dico loro che non voglio turbare la loro fede e che è meglio lasciare mentire i cani che dormono. Molti insistono sul fatto che vorrebbero sapere e che la loro fede è molto forte. Dopo ulteriori dialoghi, dirò che possiamo farlo se accettano di fare qualche pre-studio e preparazione sull'argomento della "grande folla". Sono d'accordo e chiedo loro di leggere Apocalisse - Il suo Grand Climax è a portata di mano !, capitolo 20, "Una moltitudine grande folla". Si tratta di Apocalisse 7: 9-15, dove ricorre il termine "grande folla". Inoltre, chiedo che si rinfrescino sull'insegnamento del “grande tempio spirituale”, poiché questo è usato per sostenere l'insegnamento della “grande folla”. Consiglio anche di leggere quanto segue Torre di Guardia articoli: “Il grande tempio spirituale di Geova” (w96 7 / 1 pp. 14-19) e “Il trionfo della vera adorazione si avvicina” (w96 7 / 1 pp. 19-24).

Una volta completato questo, organizziamo un incontro. A questo punto ripeto che la mia raccomandazione non è quella di avere questa discussione, ma coloro che sono arrivati ​​così lontano hanno continuato.

Ora iniziamo la sessione con la preghiera e passiamo direttamente alla discussione. Chiedo loro di indicare chi e cosa capiscono dalla "grande folla". La risposta tende ad essere un libro di testo, e io indago un po 'più a fondo su dove comprendono la "grande folla" da localizzare. La risposta è sulla terra e che sono diversi dall'144,000 menzionato nei versi precedenti di Apocalisse, capitolo 7.

Apriamo la Bibbia e leggiamo Apocalisse 7: 9-15 per essere chiari dove si trova il termine. I versetti recitano:

“Dopo questo ho visto e guarda! una grande folla, che nessun uomo era in grado di contare, di tutte le nazioni e tribù, popoli e lingue, in piedi davanti al trono e davanti all'Agnello, vestito con abiti bianchi; e c'erano rami di palma nelle loro mani. 10 E continuano a gridare ad alta voce, dicendo: "La salvezza dobbiamo al nostro Dio, che è seduto sul trono, e all'Agnello". 11 Tutti gli angeli stavano in piedi intorno al trono e gli anziani e le quattro creature viventi, e si gettarono a faccia in giù davanti al trono e adorarono Dio, 12 dicendo: “Amen! Che la lode, la gloria, la saggezza, il ringraziamento, l'onore, il potere e la forza siano per il nostro Dio nei secoli dei secoli. Amen." 13 In risposta uno degli anziani mi disse: "Questi che sono vestiti con le vesti bianche, chi sono e da dove vengono?" 14 Così subito gli ho detto: "Mio signore, tu sei quello che lo sa". E lui mi ha detto: "Questi sono quelli che escono dalla grande tribolazione, e hanno lavato le loro vesti e le hanno rese bianche il sangue dell'Agnello. 15 Ecco perché sono davanti al trono di Dio, e lo stanno rendendo sacro servizio giorno e notte nel suo tempio; e Colui seduto sul trono allargherà la sua tenda su di loro ”.

Li incoraggio ad aprire Rivelazione - Il suo Grand Climax è a portata di mano! e leggi il capitolo 20: “Una grande folla moltitudine”. Ci concentriamo sui paragrafi 12-14 e normalmente li leggiamo insieme. Il punto chiave è nel paragrafo 14 in cui viene discussa la parola greca. L'ho copiato di seguito:

In cielo o sulla terra?

12 Come sappiamo che “stare davanti al trono” non significa che la grande folla è in cielo? Ci sono molte prove chiare su questo punto. Ad esempio, la parola greca qui tradotta "prima" (enopion) significa letteralmente "agli [] occhi [di]" ed è usata più volte degli esseri umani sulla terra che sono "prima" o "agli occhi di "Geova. (1 Timoteo 5:21; 2 Timoteo 2:14; Romani 14:22; Galati 1:20) In un'occasione, mentre gli israeliti erano nel deserto, Mosè disse ad Aaronne: “Di 'all'intera assemblea dei figli d'Israele , 'Avvicinati dinanzi a Geova, perché ha udito i tuoi mormorii' ”. (Esodo 16: 9) Gli israeliti non dovevano essere trasportati in cielo per stare dinanzi a Geova in quell'occasione. (Confronta Levitico 24: 8). Piuttosto, proprio là nel deserto stavano agli occhi di Geova, e la sua attenzione era su di loro.

13 Inoltre leggiamo: “Quando il Figlio dell'uomo verrà nella sua gloria. . . tutte le nazioni si raduneranno davanti a lui ". L'intera razza umana non sarà in cielo quando questa profezia si adempirà. Sicuramente quelli che “se ne vanno per l'eruzione eterna” non saranno in cielo. (Matteo 25: 31-33, 41, 46) Invece, l'umanità è sulla terra agli occhi di Gesù, e lui rivolge la sua attenzione al giudizio. Allo stesso modo, la grande folla è “davanti al trono e davanti all'Agnello” in quanto è agli occhi di Geova e del suo Re, Cristo Gesù, dal quale riceve un giudizio favorevole.

14 Gli anziani 24 e il gruppo unto di 144,000 sono descritti come “attorno al trono” di Geova e “sul [celeste] monte Sion”. (Apocalisse 4: 4; 14: 1) La grande folla non è un sacerdote classe e non raggiunge quella posizione esaltata. È vero, in seguito viene descritto in Apocalisse 7: 15 come al servizio di Dio "nel suo tempio". Ma questo tempio non si riferisce al santuario interiore, il Santissimo. Piuttosto, è il cortile terreno del tempio spirituale di Dio. La parola greca naos, qui tradotta “tempio”, spesso trasmette il senso ampio dell'intero edificio eretto per l'adorazione di Geova. Oggi, questa è una struttura spirituale che abbraccia sia il cielo che la terra. - Confronta Matteo 26: 61; 27: 5, 39, 40; Mark 15: 29, 30; John 2: 19-21, Bibbia di riferimento per la traduzione del Nuovo Mondo, nota a piè di pagina.

Fondamentalmente, l'intero insegnamento si basa sulla nostra comprensione del tempio spirituale antitipico. Il tabernacolo costruito da Mosè nel deserto e il tempio di Gerusalemme costruito da Salomone aveva un santuario interno (in greco, naos) e solo i sacerdoti e il sommo sacerdote potevano entrare. I cortili esterni e l'intera struttura del tempio (in greco, Ierone) sono i luoghi in cui il resto del popolo si è riunito.

Nella spiegazione di cui sopra, abbiamo ottenuto completamente nel modo sbagliato. Questo è stato un errore che è tornato a un articolo "La" grande folla "rende il servizio sacro, dove?" (w80 8 / 15 pp. 14-20) Questa è stata la prima volta che la "grande folla" è stata discussa in modo approfondito da 1935. L'errore di cui sopra sul significato della parola è stato fatto anche in questo articolo e se leggi i paragrafi 3-13, lo vedrai in una versione più completa. Il Libro delle rivelazioni è stato rilasciato nel 1988 e come potete vedere da quanto sopra, ribadisce la stessa errata comprensione. Perché posso dirlo?

Si prega di leggere "Domande dai lettori" in 1st Maggio, 2002 The Watchtower, pp. 30, 31 (ho evidenziato tutti gli elementi chiave). Se vai al quinto motivo, vedrai che il significato corretto della parola naos è ora dato.

Quando Giovanni vide la "grande folla" rendere sacro servizio nel tempio di Geova, in quale parte del tempio lo stavano facendo? —Revelation 7: 9-15.

È ragionevole affermare che la grande folla adora Geova in uno dei cortili terreni del suo grande tempio spirituale, in particolare quello che corrisponde al cortile esterno del tempio di Salomone.

In tempi passati, è stato detto che la grande folla è un equivalente spirituale, o un antitipo, della Corte dei Gentili che esisteva ai giorni di Gesù. Tuttavia, ulteriori ricerche hanno rivelato almeno cinque ragioni per cui non è così. Primo, non tutte le caratteristiche del tempio di Erode hanno un antitipo nel grande tempio spirituale di Geova. Ad esempio, il tempio di Erode aveva una corte delle donne e una corte d'Israele. Sia gli uomini che le donne potevano entrare nella Corte delle Donne, ma solo gli uomini potevano entrare nella Corte di Israele. Nei cortili terreni del grande tempio spirituale di Geova, uomini e donne non sono separati nella loro adorazione. (Galati 3:28, 29) Quindi non esiste un equivalente della Corte delle donne e della Corte d'Israele nel tempio spirituale.

In secondo luogo, non vi era Corte dei Gentili nei piani architettonici divinamente forniti del tempio di Salomone o del tempio visionario di Ezechiele; né ce n'era uno nel tempio ricostruito da Zerubbabel. Pertanto, non vi è alcun motivo per suggerire che una Corte dei Gentili debba partecipare alla grande disposizione del tempio spirituale di Geova per l'adorazione, specialmente se si considera il seguente punto.

Terzo, la Corte dei Gentili fu costruita dal re edomita Erode per glorificarsi e per ingraziarsi Roma. Erode iniziò a ristrutturare il tempio di Zorobabele forse nel 18 o 17 aEV Il Dizionario biblico di Anchor spiega: “I gusti classici del potere imperiale in Occidente [Roma]. . . imponeva un tempio più grande di quelli di città orientali comparabili ". Tuttavia, le dimensioni del tempio vero e proprio erano già stabilite. Il dizionario spiega: "Sebbene il Tempio stesso avrebbe dovuto avere le stesse dimensioni dei suoi predecessori [di Salomone e Zorobabele], il Monte del Tempio non era limitato nelle sue dimensioni potenziali". Quindi, Erode espanse l'area del tempio aggiungendo quella che nei tempi moderni è stata chiamata la Corte dei Gentili. Perché una costruzione con un simile background avrebbe un antitipo nella disposizione del tempio spirituale di Geova?

Quarto, quasi chiunque - i gentili ciechi, zoppi e non circoncisi - poteva entrare nella corte dei gentili. (Matteo 21:14, 15) È vero, la corte serviva a uno scopo per molti gentili incirconcisi che desideravano fare offerte a Dio. Ed era lì che Gesù a volte si rivolgeva alle folle e per due volte espelleva i cambiavalute e i mercanti, dicendo che avevano disonorato la casa di suo Padre. (Matteo 21:12, 13; Giovanni 2: 14-16) Tuttavia, The Jewish Encyclopedia dice: “Questo cortile esterno non era, a rigor di termini, una parte del Tempio. Il suo suolo non era sacro e chiunque poteva entrarvi ".

Quinto, la parola greca (hi · e · ron ') tradotta "tempio" usata con riferimento alla Corte dei Gentili "si riferisce all'intero complesso, piuttosto che specificamente all'edificio del Tempio stesso", dice A Handbook on the Gospel of Matthew, di Barclay M. Newman e Philip C. Stine. Al contrario, la parola greca (naos ') tradotta “tempio” nella visione di Giovanni della grande folla è più specifica. Nel contesto del tempio di Gerusalemme, di solito si riferisce al Sancta Sanctorum, all'edificio del tempio o al recinto del tempio. A volte è reso “santuario”. - Matteo 27: 5, 51; Luca 1: 9, 21; Giovanni 2:20.

I membri della grande folla esercitano fede nel sacrificio di riscatto di Gesù. Sono spiritualmente puri, avendo "lavato le loro vesti e le hanno rese bianche nel sangue dell'Agnello". Pertanto, sono dichiarati giusti con l'obiettivo di diventare amici di Dio e di sopravvivere alla grande tribolazione. (Giacomo 2:23, 25) Sotto molti aspetti sono come proseliti in Israele che si sottomisero al patto della Legge e adorarono insieme agli israeliti.

Ovviamente quei proseliti non prestavano servizio nel cortile interno, dove i sacerdoti svolgevano i loro compiti. E i membri della grande folla non sono nel cortile interno del grande tempio spirituale di Geova, il quale cortile rappresenta la condizione di filiazione umana perfetta e giusta dei membri del “santo sacerdozio” di Geova mentre sono sulla terra. (1 Pietro 2: 5) Ma come disse l'anziano celeste a Giovanni, la grande folla è davvero nel tempio, non fuori dall'area del tempio, in una specie di cortile spirituale dei gentili. Che privilegio! E come evidenzia la necessità per ciascuno di mantenere la purezza spirituale e morale in ogni momento!

Stranamente, pur correggendo il significato di Naos, i seguenti due paragrafi contraddicono tale comprensione e fanno una dichiarazione che non può essere sostenuta scritturalmente. Se naos è l'area del santuario, quindi nel tempio spirituale significa cielo e non terra. Quindi la "grande folla" è in piedi in paradiso.

È interessante notare che in 1960 avevano già capito correttamente naos e 'Ierone'.

"Il tempio degli apostoli" (w60 8 / 15)

Paragrafo 2: Ci si potrebbe chiedere, che tipo di edificio potrebbe essere quello che ha spazio per tutto questo traffico? Il fatto è che questo tempio non era solo un edificio ma una serie di strutture di cui il santuario del tempio era il centro. Nella lingua originale questo è reso abbastanza chiaro, gli scrittori delle Scritture distinguono tra i due per l'uso delle parole hierón e naós. Ierone riferito all'intero parco del tempio, mentre Naòs applicato alla struttura del tempio stesso, successore del tabernacolo nel deserto. Così Giovanni dice che Gesù trovò tutto questo traffico nel cielo. Ma quando Gesù paragonò il suo corpo a un tempio, usò la parola naós, che significa "santuario" del tempio, come indicato nella nota a piè di pagina della Traduzione del Nuovo Mondo.

Il paragrafo 17: Il pavimento del santuario del tempio (naós) era dodici gradini più in alto rispetto alla Corte dei Sacerdoti, la cui parte principale era alta novanta piedi e larga novanta piedi. Proprio come con il tempio di Salomone, c'erano delle camere ai lati e al centro c'era il Luogo Santo, largo trenta piedi e alto e lungo sessanta, e il Santo dei Santi, un cubo di trenta piedi. Le tre storie di camere intorno ai lati e "soffitte" sopra spiegano la differenza tra le misure interne del Santo e del Santissimo e quelle esterne.

La prima domanda che mi viene posta a questo punto è: "Chi è la grande folla e stai dicendo che non c'è risurrezione terrena?"

La mia risposta è che non pretendo di sapere chi rappresenta la "grande folla". Vado solo sulla comprensione del WTBTS. Pertanto, l'ovvia conclusione è che devono essere in paradiso. Questo fa non significa che non c'è risurrezione terrena, ma non può applicarsi a questo gruppo che sta in paradiso.

È importante in questa fase non fornire una spiegazione o un'interpretazione alternativa poiché hanno bisogno di tempo per rendersi conto che qui non c'è apostasia ma solo qualcuno onestamente perso per le risposte.

Fino a questo punto, ho usato solo riferimenti WTBTS. A questo punto, mostro la mia ricerca sulle due parole greche per verificare dove altro la parola naos si verifica. L'ho trovato 40 + volte nelle Scritture Greche Cristiane. Ho creato un tavolo e consultato sei dizionari biblici e circa sette diversi commenti. È sempre il santuario interiore del tempio sulla terra o in una cornice celeste in Apocalisse. Nel libro biblico dell'Apocalisse, la parola compare 14, volte (oltre ad Apocalisse 7) e significa sempre paradiso.,

Scarica il grafico d'uso della parola Naos e Hieron nel NT

Spiego quindi come ho deciso di tornare indietro e studiare l'insegnamento di 1935 Torre di Guardia e ho anche trovato i due 1 di agostost e 15th, 1934 Torre di Guardia con gli articoli di "Sua gentilezza". Offro di condividere gli articoli e le mie note sugli insegnamenti in esso contenuti.

Quindi, fornisco un riepilogo dei vari insegnamenti che sono stati usati per supportare questa comprensione della "grande folla". Ci sono fondamentalmente quattro elementi costitutivi. Anche il quarto è errato, ma il WTBTS non lo ha ancora ammesso, e non dico davvero nulla a meno che non lo chiedano. In tal caso, faccio in modo che leggano John 10 nel contesto e guardino Efesini 2: 11-19. Metto in chiaro che questa è una possibilità, ma sono felice di ascoltare altre prospettive.

Ecco i quattro elementi fondamentali su cui si basa l'insegnamento della "grande folla".

  1. Dove stanno nel tempio? (Vedi Apocalisse 7: 15) Naos indica il santuario interiore in base alla "Domanda dei lettori" del 1 maggio 2002 del WT. Ciò significa che il luogo della “grande folla” deve essere rivisto sulla base della nuova comprensione del tempio spirituale (vedere w72 12/1 pp. 709-716 “L'unico vero tempio in cui adorare”, w96 7/1 pp. 14-19 Il grande tempio spirituale di Geova e w96 7/1 pp. 19-24 Il trionfo della vera adorazione si avvicina). Il punto è stato corretto nel 2002 "Question from Readers".
  2. Ieu e Jonadab di tipo e antitipo basati sul WT del 1934 agosto 1 sulla "Sua gentilezza" non si applicano più in base alla regola del Corpo Direttivo secondo cui possono essere accettati solo gli antitipi applicati nella Scrittura., Non si afferma esplicitamente che Jehu e Jonadab hanno una rappresentazione profetica antitipica, quindi l'interpretazione di 1934 deve essere respinta in base alla posizione ufficiale dell'Organizzazione.
  3. Gli insegnamenti delle Città di Rifugio di tipo e antitipo basati sul 15 agosto 1934 "Sua gentilezza Parte 2" non sono più validi. Questa è una dichiarazione esplicita, come possiamo vedere nel novembre 2017, la Torre di Guardia edizione di studio. L'articolo in questione è "Stai prendendo rifugio in Geova?" Una casella nell'articolo indica quanto segue:

Lezioni o antitipi?

A partire dalla fine del XIX secolo, La Torre di Guardia attirò l'attenzione sul significato profetico delle città di rifugio. “Questa caratteristica della tipica legge mosaica prefigurava fortemente il rifugio che il peccatore può trovare in Cristo”, affermava il numero del 19 ° settembre 1. "Cercando rifugio in lui mediante la fede, c'è protezione". Un secolo dopo, la Torre di Guardia identificò l'antitipica città di rifugio come "il provvedimento di Dio per proteggerci dalla morte per aver violato il suo comandamento sulla santità del sangue".

Tuttavia, il numero della Torre di Guardia del 15 marzo 2015 ha spiegato perché le nostre recenti pubblicazioni raramente menzionano tipi profetici e antitipi: "Laddove le Scritture insegnano che un individuo, un evento o un oggetto è tipico di qualcos'altro, lo accettiamo come tale . Altrimenti, dovremmo essere riluttanti ad assegnare un'applicazione antitipica a una certa persona o account se non esiste una base scritturale specifica per farlo ". Poiché le Scritture tacciono riguardo a qualsiasi significato antitipico delle città di rifugio, questo articolo e il prossimo sottolineano invece le lezioni che i cristiani possono imparare da questa disposizione.

  1. L'insegnamento di John 10: 16 è l'unico rimasto e quell'applicazione è contestata contestualmente, così come scritturalmente dagli Efesini 2: 11-19.

Pertanto, tre punti su quattro hanno dimostrato di essere in errore. Il punto 4th può essere ragionato contestualmente e anche smentito.

Inoltre, in 1st Può 2007, la Torre di Guardia (pagine 30, 31), c'è una "Domanda dai lettori" intitolata, “Quando cesserà la chiamata dei cristiani a una speranza celeste?"Questo articolo afferma chiaramente alla fine del quarto paragrafo, "Pertanto, sembra che non possiamo fissare una data specifica per la fine della chiamata dei cristiani alla speranza celeste".

Ciò solleva un'ulteriore domanda sul perché questa chiamata non sia insegnata a coloro che studiano la Bibbia. Una spiegazione scritturale di come funzionerebbe questa chiamata non è delineata se non per dire che una persona ha un sentimento e la speranza diventa sicura.

In conclusione, l'attuale insegnamento sulla "grande folla" non può essere sostenuto da un punto di vista scritturale e neppure le pubblicazioni del WTBTS non lo supportano più da un punto di vista scritturale. Da allora non sono state apportate ulteriori revisioni la Torre di Guardia di 1st Maggio 2002. Ad oggi, la maggior parte delle persone ha lasciato domande e molti mi hanno seguito per verificare le possibili soluzioni. Alcuni hanno chiesto perché non scrivo alla Società. Fornisco l'ottobre 2011, la Torre di Guardia riferimento in cui ci viene detto di non scrivere in quanto non hanno ulteriori informazioni se non è già presente nelle pubblicazioni,. Spiego che dovremmo rispettare tale richiesta.

Infine, sottolineo che ho usato solo la letteratura NWT, WTBTS e sono andato solo a dizionari e commenti per studiare le parole greche in modo più dettagliato. Questo studio ha confermato la "Domanda dei lettori" in 2002. Ciò quindi stabilisce che i miei problemi sono sinceri e non ho nulla contro il TS del WTB, ma non posso in buona coscienza insegnare questa speranza. Condivido quindi la relazione che ho con il mio Padre celeste sulla base del sacrificio di suo Figlio e di come sto cercando di "vivere nel Cristo". Questo è qualcosa che offro di discutere con loro in una riunione futura.

_______________________________________________________________________

, Tutti i riferimenti scritturali provengono dall'edizione 2013 di New World Translation (NWT), salvo diversa indicazione. Questa traduzione è opera della Watchtower Bible and Tract Society (WTBTS).

, Per maggiori dettagli, consultare la Torre di Guardia articoli di agosto 1st e 15th 1935 con articoli intitolati “La grande moltitudine” Parti 1 e 2 rispettivamente. La traduzione preferita utilizzata dal WTBTS all'epoca era la Traduzione di Re Giacomo e il termine usato è "la grande moltitudine". Inoltre, la Torre di Guardia articoli di agosto 1st e 15th 1934 includeva articoli intitolati “His Kindness Parts 1 e 2” rispettivamente e gettava le basi per l'insegnamento impostando l'insegnamento di tipo e antitipo di “Jehu e Jonadab” come due classi di cristiani, uno che sarebbe andato in paradiso per diventare un co -righello con Gesù Cristo e l'altro che avrebbe fatto parte dei soggetti terreni del regno. Le "Città del Rifugio" sono anche viste come tipi per i cristiani di fuggire dal Vendicatore del Sangue, Gesù Cristo. Questi insegnamenti dovevano avere il loro adempimento antitipico dopo l'istituzione del Regno messianico in 1914. La maggior parte degli insegnamenti in queste riviste non sono più tenuti dal WTBTS, ma la teologia risultante è ancora accettata.

, Questi sono Revelation 3: 12, 7: 15, 11: 1-2, 19, 14: 15, 17, 15: 5-8, 16, 1 e 17.

, È interessante vedere come l'NWT lo rende in tutti i versetti dell'Apocalisse come 3: 12 e 21: 22 sono autoesplicativi. Perché la parola santuario manca in 7: 15 quando compare nei capitoli 11, 14, 15 e 16?

5 Guarda marzo 15, 2015, la Torre di Guardia (pagine 17,18) “Domanda dai lettori”: "In passato, le nostre pubblicazioni parlavano spesso di tipi e antitipi, ma negli ultimi anni lo hanno fatto raramente. Perché?"

Sempre nella stessa edizione, c'è un articolo di studio intitolato "This is the Way You Approved". Il paragrafo 10 afferma: “Come potremmo aspettarci, nel corso degli anni Geova ha aiutato“ lo schiavo fedele e discreto ”a diventare costantemente più discreto. La discrezione ha portato a una maggiore cautela quando si tratta di chiamare un racconto biblico un dramma profetico a meno che non ci sia una chiara base scritturale per farlo. Inoltre, è stato scoperto che alcune delle spiegazioni più vecchie su tipi e antitipi sono eccessivamente difficili da comprendere per molti. I dettagli di tali insegnamenti, che descrivono chi e perché, possono essere difficili da mantenere, ricordare e applicare. Ancora più preoccupante, tuttavia, è che le lezioni morali e pratiche dei racconti biblici in esame possono essere oscurate o perse in tutto il controllo di possibili adempimenti antitipici. Quindi, scopriamo che la nostra letteratura oggi si concentra maggiormente sulle lezioni semplici e pratiche sulla fede, la resistenza, la devozione divina e altre qualità vitali che apprendiamo dai racconti biblici. (Grassetto e corsivo aggiunti)

, Vedi 15th Ottobre, 2011 The Watchtower, pagina 32, "Domanda dai lettori": “Cosa devo fare quando ho una domanda su qualcosa che ho letto nella Bibbia o quando ho bisogno di consigli su un problema personale?"
Nel paragrafo 3, si afferma “Naturalmente, ci sono alcuni argomenti e scritture che le nostre pubblicazioni non hanno affrontato in modo specifico. E anche quando abbiamo commentato un particolare testo biblico, potremmo non aver affrontato la domanda specifica che hai in mente. Inoltre, alcuni resoconti biblici sollevano domande perché non tutti i dettagli sono indicati nelle Scritture. Pertanto, non possiamo trovare risposte immediate a ogni domanda che si pone. In tal caso, dovremmo evitare di speculare su cose a cui semplicemente non è possibile rispondere, per non lasciarci coinvolgere nel dibattito sulle "domande per la ricerca piuttosto che sull'erogazione di qualcosa da parte di Dio in relazione alla fede"1 Tim. 1: 4; 2 Tim. 2: 23; Titus 3: 9) Né la filiale né il quartier generale mondiale sono in grado di analizzare e rispondere a tutte queste domande che non sono state considerate nella nostra letteratura. Possiamo essere certi che la Bibbia fornisca informazioni sufficienti per guidarci attraverso la vita, ma omette anche abbastanza dettagli da richiedere che abbiamo una forte fiducia nel suo divino Autore. -Vedere pagine da 185 a 187 del libro Avvicinati a Geova. "

 

Eleasar

JW da oltre 20 anni. Si è dimesso di recente da anziano. Solo la parola di Dio è verità e non possiamo più usare che siamo nella verità. Eleasar significa "Dio ha aiutato" e sono pieno di gratitudine.
    69
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x