In molte occasioni, quando discutono di un punto scritturale nuovo o esistente con un Testimone di Geova (JW), potrebbero ammettere che non può essere stabilito dalla Bibbia o che non ha senso scritturalmente. L'aspettativa è che il JW in questione possa considerare di riflettere o riesaminare gli insegnamenti della fede. Invece, la risposta comune è: "Non possiamo aspettarci che tutto vada bene, ma chi altro sta facendo l'opera di predicazione". Il punto di vista è che solo i JW intraprendono l'opera di predicazione tra tutte le confessioni cristiane e che questo è un segno identificativo del vero cristianesimo.

Se si solleva il fatto che in molte chiese le persone escono e predicano nei centri urbani, o attraverso cadute di volantini, ecc., La risposta sarà probabilmente: "Ma chi svolge il ministero casa per casa?"

Se sono sfidati su cosa significhi, allora la spiegazione è che nessun altro fa il ministero "porta a porta". Questo è diventato un "marchio di fabbrica" ​​di JW dalla seconda metà degli anni '20th secolo fino ad ora.

In tutto il mondo, i JW sono obbligati (l'eufemismo spesso usato è, "incoraggiato") a prendere parte a questo metodo di predicazione. Un esempio di questo è dato nella seguente storia di vita di Jacob Neufield tratta da la Torre di Guardia rivista di settembre 1st, 2008, pagina 23:

"Poco dopo il mio battesimo, la mia famiglia decise di immigrare in Paraguay, in Sud America, e mia madre mi implorò di andare. Ero riluttante perché avevo bisogno di ulteriori studi e addestramento sulla Bibbia. Durante una visita alla filiale dei Testimoni di Geova a Wiesbaden, ho incontrato August Peters. Mi ha ricordato la mia responsabilità di prendermi cura della mia famiglia. Mi ha anche dato questo monito: “Qualunque cosa accada, non dimenticare mai ministero porta a porta. Se lo fai, sarai proprio come i membri di qualsiasi altra religione della cristianità. ”Fino ad oggi, riconosco l'importanza di quel consiglio e la necessità di predicare“ di casa in casa ”o di porta in porta.Atti 20:20, 21(grassetto aggiunto)

Una pubblicazione più recente dal titolo Regole Regno di Dio! (2014) afferma nel capitolo 7 paragrafo 22:

"Nessuno dei metodi che abbiamo usato per raggiungere un vasto pubblico, come i giornali, i "Photo-Drama", i programmi radio e il sito Web, doveva sostituire il ministero di porta in porta. Perchè no? Perché il popolo di Geova ha imparato dal modello stabilito da Gesù. Ha fatto più che predicare a grandi folle; si è concentrato sull'aiutare le persone. (Luca 19: 1-5) Gesù addestrò anche i suoi discepoli a fare lo stesso e diede loro un messaggio da consegnare. (Leggere Luca 10: 1, 8-11.) Come discusso in Capitolo 6, quelli che prendono la direttiva hanno sempre incoraggiato ogni servitore di Geova a parlare alle persone faccia a faccia ”. -Agisce 5: 42; 20:20"(Grassetto aggiunto). 

Questi due paragrafi evidenziano l'importanza data al ministero "porta a porta". In effetti, quando si analizza il corpo della letteratura JW, spesso implica che è un segno del vero cristianesimo. Dai due paragrafi precedenti, ci sono due versetti chiave che sono usati per supportare questa attività, Agisce 5: 42 e 20: 20. Questo articolo, e i due che seguiranno, analizzeranno le basi scritturali di questa comprensione, considerandola dalle seguenti prospettive:

  1. Come i JW arrivano a questa interpretazione dalla Bibbia;
  2. Cosa significano in realtà le parole greche tradotte “casa per casa”;
  3. Se "casa a casa" equivale a "porta a porta";
  4. Altri luoghi della Scrittura in cui questi termini si presentano al fine di comprenderne meglio il significato;
  5. Ciò che rivela un esame più attento degli studiosi della Bibbia a sostegno della visione di JW;
  6. Se il libro biblico, Atti degli Apostoli, rivela i cristiani del I secolo che utilizzano questo metodo di predicazione.

In questo articolo, il New World Translation of the Holy Scriptures 1984 Reference Edition (NWT) e il Revised Study Bible of 2018 (RNWT) verrà utilizzato. Queste Bibbie hanno note a piè di pagina che cercano di spiegare o giustificare l'interpretazione di "casa in casa". Inoltre, il Traduzione interlineare del Regno delle Scritture Greche (KIT 1985) verrà utilizzato per confrontare i rendering utilizzati nella traduzione finale. Tutti questi sono accessibili online sul JW Online LIbrary. [I]

Interpretazione unica di JW di "House to House"

 Nel libro Rendiamo 'completa testimonianza riguardo al Regno di Dio (pubblicato da WTB & TS - Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania, 2009) un commento versetto per versetto al libro Atti degli Apostoli afferma quanto segue nelle pagine 169-170, paragrafi 14-15:

"Pubblicamente e di casa in casa" (Atti 20: 13-24)

14 Paul e il suo gruppo viaggiarono da Troas ad Assos, quindi a Mitilene, Chio, Samo e Mileto. L'obiettivo di Paolo era raggiungere Gerusalemme in tempo per il Festival di Pentecoste. La sua fretta di arrivare a Gerusalemme entro la Pentecoste spiega perché ha scelto una nave che ha bypassato Efeso in questo viaggio di ritorno. Dal momento che Paolo voleva parlare con gli anziani di Efeso, tuttavia, chiese di incontrarlo a Mileto. (Atti 20: 13-17) Quando arrivarono, Paolo disse loro: “Sai bene come dal primo giorno in cui sono entrato nel distretto dell'Asia sono stato con te tutto il tempo, schiavo del Signore con la massima umiltà di mente, lacrime e prove che mi hanno colpito le trame degli ebrei; mentre non mi trattenni dal dirti nessuna delle cose che erano redditizie né dall'insegnarti pubblicamente e da casa a casa. Ma ho testimoniato a fondo sia gli ebrei che i greci riguardo al pentimento verso Dio e alla fede nel nostro Signore Gesù. ”- Atti 20: 18-21.

15 Ci sono molti modi per raggiungere le persone con la buona notizia oggi. Come Paul, ci sforziamo di andare dove sono le persone, sia alle fermate degli autobus, su strade trafficate o nei mercati. Ancora, andare di casa in casa rimane il principale metodo di predicazione usato dai Testimoni di Geova. Perché? Per prima cosa, la predicazione di casa in casa offre a tutti l'opportunità adeguata di ascoltare il messaggio del Regno su base regolare, dimostrando così l'imparzialità di Dio. Inoltre, consente ai più sinceri di ricevere assistenza personale in base alle loro esigenze. Inoltre, il ministero di casa in casa costruisce la fede e la resistenza di coloro che vi si impegnano. In effetti, un marchio di veri cristiani oggi è il loro zelo nel testimoniare "pubblicamente e di casa in casa". (Grassetto aggiunto)

Il paragrafo 15 afferma chiaramente che il metodo principale del ministero è "casa in casa". Ciò deriva da una lettura di Atti 20: 18-21 in cui Paolo usa i termini "... insegnandoti pubblicamente e di casa in casa ..." I Testimoni considerano questo come una prova implicita che la loro predicazione porta a porta era il metodo principale usato nella primo secolo. Se è così, allora perché la predicazione "pubblicamente", che Paolo menziona prima di "casa in casa", non viene presa come metodo principale, sia allora che adesso?

In precedenza in Atti 17: 17, mentre Paul è ad Atene, afferma: “Così iniziò a ragionare nella sinagoga con gli ebrei e le altre persone che adoravano Dio e ogni giorno sul mercato con coloro che si trovavano a portata di mano. "

In questo racconto, il ministero di Paolo è nei luoghi pubblici, nella sinagoga e nel mercato. Non si fa menzione di predicazione di casa in casa o di porta in porta. (Nella parte 3 di questa serie di articoli, ci sarà una valutazione completa di tutte le impostazioni del ministero dal libro Atti degli Apostoli.) Il paragrafo prosegue con ulteriori quattro affermazioni.

Innanzitutto, è "dimostrando l'imparzialità di Dio ” offrendo a tutti l'opportunità adeguata di ascoltare il messaggio su base regolare. Ciò presuppone che vi sia una distribuzione uniforme di JW in tutto il mondo in base ai rapporti di popolazione. Questo chiaramente non è il caso, come dimostrato anche da un controllo casuale di alcuno Annuario di JW[Ii]. Paesi diversi hanno rapporti molto diversi. Ciò significa che alcuni potrebbero avere l'opportunità di ascoltare il messaggio sei volte all'anno, alcuni una volta all'anno, mentre altri non hanno mai ricevuto il messaggio. Come potrebbe Dio essere imparziale con questo approccio? Inoltre, alle persone viene spesso chiesto di trasferirsi in un'area che ha maggiori esigenze. Questo di per sé mostra che tutte le aree non sono coperte allo stesso modo. (La necessità di promuovere l'idea che la predicazione dei TdG è una manifestazione dell'imparzialità di Geova deriva dalla dottrina secondo cui tutti coloro che non rispondono alla loro predicazione moriranno eternamente ad Armaghedon. Questa è una conseguenza inevitabile dell'insegnamento antiscritturale riguardante le Altre pecore di Giovanni 10:16. Vedere la serie in tre parti "Avvicinamento al 2015 Memorial" per maggiori informazioni.)

Secondo, "I più sinceri ricevono assistenza personale in base alle loro esigenze". L'uso del termine “Sincere” è molto carico. Implica che coloro che ascoltano siano onesti nel loro cuore mentre quelli che non lo ascoltano hanno un cuore disonesto. Una persona potrebbe attraversare un'esperienza difficile nel momento in cui si presentano i JW e potrebbe non essere in grado di ascoltare. Un individuo potrebbe avere problemi di salute mentale, problemi economici e così via. Tutti questi fattori potrebbero contribuire a non essere in grado di ascoltare. In che modo questo dimostra la qualità dell'onestà nei loro cuori? Inoltre, potrebbe benissimo essere che il JW che si avvicina al capofamiglia abbia un modo sgradevole o sia inconsapevolmente insensibile alla situazione evidente della persona. Anche se una persona decide di ascoltare e iniziare un programma di studio, cosa succede quando non riesce a ottenere risposte soddisfacenti a una domanda o non è d'accordo su un punto e sceglie di terminare lo studio? Significa che sono disonesti? L'affermazione è chiaramente difficile da sostenere, molto semplicistica e senza alcun supporto scritturale.

Terzo, "il ministero di casa in casa costruisce la fede e la resistenza di coloro che vi si impegnano ”. Non viene fornita alcuna spiegazione su come ciò sia ottenuto, né viene fornita alcuna base scritturale per la dichiarazione. Inoltre, se l'opera di predicazione è rivolta a individui, spesso le persone potrebbero non essere a casa quando i TdG chiamano. In che modo bussare a porte vuote aiuta a rafforzare la fede e la perseveranza? La fede è costruita in Dio e in suo Figlio, Gesù. Per quanto riguarda la resistenza, risulta quando siamo sottoposti con successo a tribolazioni o prove con successo. (Romani 5: 3)

Infine, "un marchio di veri cristiani oggi è il loro zelo nel testimoniare pubblicamente e di casa in casa. " È impossibile spiegare questa dichiarazione in modo scritturale e l'affermazione che sia un marchio di fabbrica dei veri cristiani va contro l'affermazione di Gesù in Giovanni 13: 34-35, dove il segno identificativo dei suoi veri discepoli è l'amore.

Inoltre, in la Torre di Guardia di luglio 15th, 2008, alle pagine 3, 4 sotto l'articolo intitolato "Il ministero casa per casa: perché è importante adesso? ” troviamo un altro esempio dell'importanza attribuita a questo ministero. Ecco i paragrafi 3 e 4 nella sottovoce "Il metodo apostolico":

3 Il metodo di predicare di casa in casa ha le sue basi nelle Scritture. Quando Gesù mandò gli apostoli a predicare, istruì loro: "In qualunque città o villaggio entri, cerca chi vi merita". In che modo cercavano quelli meritevoli? Gesù disse loro di andare nelle case della gente, dicendo: “Quando entrate in casa, salutate la famiglia; e se la casa merita, lascia che la pace che desideri venga su di essa. ”Dovevano visitare senza un precedente invito? Nota le ulteriori parole di Gesù: "Ovunque qualcuno non ti accolga o ascolti le tue parole, uscendo da quella casa o quella città scuoti la polvere dai tuoi piedi". (Matt. 10: 11-14) Queste istruzioni chiariscono che mentre gli apostoli "attraversavano il territorio di villaggio in villaggio, dichiarando la buona notizia", ​​dovevano prendere l'iniziativa di visitare le persone nelle loro case. - Luke 9: 6.

4 La Bibbia menziona specificamente che gli apostoli predicavano di casa in casa. Ad esempio, Atti 5:42 dice di loro: "Ogni giorno nel tempio e di casa in casa continuavano senza sosta a insegnare e dichiarare la buona notizia riguardo al Cristo, Gesù". Circa 20 anni dopo, l'apostolo Paolo ricordò agli anziani della congregazione di Efeso: "Non mi sono trattenuto dal dirvi nessuna delle cose che erano utili né dall'insegnarvi pubblicamente e di casa in casa". Paolo visitò quegli anziani prima che diventassero credenti? Evidentemente è così, poiché insegnò loro, tra le altre cose, "il pentimento verso Dio e la fede nel nostro Signore Gesù". (Atti 20:20, 21) Commentando Atti 20:20, Word Pictures di Robertson nel Nuovo Testamento dice: "Vale la pena notare che questo più grande dei predicatori predicava di casa in casa".

Nel paragrafo 3, Matteo 10: 11-14 è usato per sostenere il ministero di casa in casa. Leggiamo questa sezione per intero[Iii]. Afferma:

“In qualunque città o villaggio entri, cerca chi vi merita e rimani lì fino a quando non parti. 12 Quando entri in casa, saluta la famiglia. 13 Se la casa merita, lascia che la pace che desideri venga su di essa; ma se non è meritevole, lascia che la pace da te ritorni su di te. 14 Ovunque nessuno ti riceva o ascolti le tue parole, uscendo da quella casa o da quella città, scuotiti la polvere dai piedi ".

Nel verso 11, il paragrafo lascia opportunamente fuori le parole "... e rimani lì finché non te ne vai". Nella società dei giorni di Gesù, fornire ospitalità era molto importante. Qui gli Apostoli erano estranei alla "città o villaggio" e cercavano alloggio. Viene loro chiesto di trovare questo alloggio e di restare fermo e di non muoversi. Se un Testimone vuole davvero seguire il consiglio biblico e applicare il contesto delle parole di Gesù, non andrebbe di casa in casa una volta che ha trovato qualcuno che lo ascolta meritevole.

Nel paragrafo 4, gli atti 5: 42 e 20: 20, 21 sono citati con un'interpretazione del significato. Insieme a questo, una citazione da Le parole di Robertson nel Nuovo Testamento è fornito. Esploreremo ora questi due versi usando il NWT Reference Bible 1984 nonché RNWT Study Edition 2018 e Kingdom Interlinear Translation of the Greek Scriptures 1985. Considerando queste Bibbie, ci sono note a piè di pagina che contengono riferimenti a vari commentatori della Bibbia. Vedremo i commenti nel contesto e ottenere un quadro più completo sull'interpretazione di "casa in casa" di JWs nell'articolo di follow-up, Parte 2.

Confronto di parole greche tradotte “da casa a casa”

Come discusso in precedenza, ci sono due versi che la teologia di JW usa per supportare il ministero porta a porta, Atti 5: 42 e 20: 20. La parola tradotta "casa in casa" è katʼ oiʹkon. Nei due versi precedenti e in Atti 2:46, il costrutto grammaticale è identico e usato con l'accusativo singolare in senso distributivo. Nei restanti quattro versetti in cui ricorre - Romani 16: 5; 1 Corinzi 16:19; Colossesi 4:15; Filemone 2: anche la parola è usata ma non nello stesso costrutto grammaticale. La parola è stata evidenziata e tratta dal KIT (1985) pubblicato da WTB & TS e riportato di seguito:

Tre posti Kat oikon è tradotto con lo stesso senso distributivo.

Atti 20: 20

Atti 5: 42

 Atti 2: 46

Il contesto di ogni utilizzo delle parole è importante. In Atti 20:20, Paolo è a Mileto e gli anziani di Efeso sono saliti per incontrarlo. Paolo dà parole di istruzione e incoraggiamento. Proprio da queste parole, non è possibile affermare che Paolo andò di porta in porta nel suo lavoro di ministero. Il passaggio in Atti 19: 8-10 fornisce un resoconto dettagliato del ministero di Paolo a Efeso. Afferma:

Entrato nella sinagoga, per tre mesi parlò con franchezza, pronunciando discorsi e ragionando in modo persuasivo sul Regno di Dio.Ma quando alcuni si rifiutarono ostinatamente di credere, parlando ingiuriosamente della Via davanti alla folla, si ritirò da loro e separò i discepoli da loro, pronunciando discorsi ogni giorno nell'auditorium della scuola di Tirano. 10 Questo andò avanti per due anni, in modo che tutti coloro che vivevano nella provincia dell'Asia ascoltassero la parola del Signore, sia ebrei che greci ".

Qui si afferma chiaramente che tutti gli abitanti della provincia hanno ricevuto il messaggio attraverso i suoi discorsi quotidiani nella sala di Tyrannus. Ancora una volta, non si fa menzione di un ministero "marchio" di Paul che prevedeva la predicazione di casa in casa. Semmai, il "marchio" implicito è quello di tenere riunioni giornaliere o regolari in cui le persone possono partecipare e ascoltare i discorsi. A Efeso, Paolo andò all'incontro settimanale alla Sinagoga per 3 mesi e poi per due anni nell'auditorium della scuola di Tyrannus. In Atti 19 non viene menzionato il lavoro di casa in casa durante il suo soggiorno a Efeso.

Per favore, leggi Atti 5: 12-42. In Atti 5: 42, Pietro e gli altri apostoli sono stati appena rilasciati dopo un processo nel Sinedrio. Avevano insegnato nel colonnato di Salomone nel tempio. In Atti 5: 12-16, Pietro e altri apostoli stavano compiendo molti segni e prodigi. La gente li teneva in grande considerazione e i credenti venivano aggiunti al loro numero. Tutti i malati portati a loro furono guariti. Non afferma che gli Apostoli andarono nelle case del popolo, ma piuttosto che le persone vennero o furono portate da loro.

  • Nei versi 17-26, il sommo sacerdote, pieno di gelosia, li arrestò e li mise in prigione. Vengono liberati da un angelo e gli viene detto di stare nel tempio e parlare alla gente. Lo fecero alla pausa del giorno. È interessante notare che l'angelo non chiede loro di andare porta a porta, ma di andare a prendere una posizione nel tempio, uno spazio molto pubblico. Il capitano del tempio e i suoi ufficiali li portarono non con la forza ma attraverso una richiesta al Sinedrio.
  • Nei versi 27-32, vengono interrogati dal sommo sacerdote sul perché stessero facendo questo lavoro quando gli era stato precedentemente ordinato di non farlo (vedere Atti 4: 5-22). Pietro e gli apostoli testimoniano e spiegano che devono obbedire a Dio e non agli uomini. Nei versi 33-40, il sommo sacerdote vuole ucciderli, ma Gamaliel, un rispettato insegnante di legge, ha sconsigliato questo corso d'azione. Il sinedrio, prese il consiglio, batté gli apostoli e li accusò di non parlare in nome di Gesù e li liberò.
  • Nei versetti 41-42, si rallegrano per il disonore subito, come lo è per il nome di Gesù. Continuano nel tempio e di nuovo di casa in casa. Bussavano alla porta delle persone o venivano invitati a casa dove avrebbero predicato ad amici e parenti? Di nuovo, non si può dedurre che stessero visitando porta a porta. L'enfasi è sul modo molto pubblico di predicare e insegnare nel tempio accompagnato dai segni e dalle guarigioni.

In Atti 2: 46, il contesto è il giorno di Pentecoste. Pietro ha tenuto il primo sermone registrato dopo la risurrezione e l'ascensione di Gesù. Nel verso 42, le quattro attività condivise da tutti i credenti sono:

"E hanno continuato (1) dedicandosi all'insegnamento degli apostoli, (2) all'associazione, (3) all'assunzione di pasti e (4) alle preghiere".

Questa associazione avrebbe avuto luogo nelle case dopo aver condiviso un pasto. Successivamente, il verso 46 afferma:

"E giorno dopo giorno erano costantemente presenti nel tempio con uno scopo unito, e prendevano i loro pasti in case diverse e condividevano il loro cibo con grande gioia e sincerità di cuore ”,

Questo offre uno sguardo alla prima vita cristiana e al metodo di predicazione. Erano tutti cristiani ebrei in questa fase e il tempio era il luogo in cui le persone visitavano per questioni di culto. È qui che si sono riuniti e nei seguenti capitoli degli Atti vediamo che vengono aggiunti ulteriori dettagli. Sembra che il messaggio sia stato dato al Colonnato di Salomone a tutto il popolo. Le parole greche non possono davvero significare "porta a porta" in quanto ciò significherebbe che sono andati a mangiare "porta a porta". Deve significare che si sono incontrati nelle case di diversi credenti.

Basato su Atti 2: 42, 46, è molto probabile che “casa per casa” significasse che si radunarono nelle case degli altri per discutere degli insegnamenti degli apostoli, amici, mangiarono insieme e pregarono. Questa conclusione è ulteriormente supportata considerando le note a piè di pagina NWT Reference Bible 1984 per i tre versi sopra. Le note a piè di pagina affermano chiaramente che un rendering alternativo potrebbe essere "e nelle case private" o "e secondo le case".

Nella tabella seguente, ci sono tre posti in cui le parole greche katʼ oiʹkon apparire. La tabella include la traduzione nel file NWT Reference Bible 1984. Per completezza, le note di accompagnamento sono incluse in quanto forniscono possibili rendering alternativi:

Scrittura Traduzione Le note
Atti 20: 20 Anche se non mi sono trattenuto dal dirvi nessuna delle cose che erano utili né dall'insegnarvi pubblicamente e di casa in casa *.
O, “e nelle case private”. Lett. “E secondo le case”. Gr., kai katʼ oiʹkous. Qui ka · ta' è usato con l'accusativo pl. in senso distributivo. Confronta 5: 42 ftn, "House".

 

Atti 5: 42 E ogni giorno nel tempio e di casa in casa * continuavano senza smettere di insegnare e dichiarare la buona notizia di Cristo, Gesù. Lett. “Secondo house. ”Gr., kat' oi'kon. Qui ka · ta' è usato con il canto accusativo. in senso distributivo. RCH Lenski, nel suo lavoro L'interpretazione degli Atti degli Apostoli, Minneapolis (1961), ha fatto il seguente commento su Atti 5: 42: “Mai per un momento gli apostoli hanno cessato il loro lavoro benedetto. "Ogni giorno" continuavano, e questo apertamente "nel Tempio" dove il Sinedrio e la polizia del Tempio potevano vederli e ascoltarli, e, naturalmente, anche κατ "οἴκον, che è distributivo," da casa a casa ", e non semplicemente avverbiale, "a casa". "

 

Atti 2: 46 E giorno dopo giorno erano costantemente presenti al tempio con un accordo, e consumavano i loro pasti in case private * e mangiavano cibo con grande gioia e sincerità di cuore, O, "di casa in casa". Gr., katʼ oiʹkon. Vedi 5: 42 ftn, "House".

 

Ci sono altre quattro occorrenze di "Kat oikon" nel Nuovo Testamento. In ognuna di queste occorrenze, il contesto mostra chiaramente che si trattava di case di credenti, in cui la congregazione locale (chiesa di casa) si separava e si prendeva anche da mangiare come già discusso in Atti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Romani 16: 5

1 Corinthians 16: 19

Colossesi 4: 15

Philemon 1: 2

 Conclusione

Dopo aver analizzato queste Scritture nel contesto, possiamo elencare i principali risultati:

  1. L'analisi contestuale di Atti 5:42 non supporta la teologia di casa in casa dei testimoni di Geova. Gli indicatori sono che gli apostoli predicavano pubblicamente nell'area del tempio, nel colonnato di Salomone, e poi i credenti si riunivano in case private per promuovere la loro conoscenza delle Scritture Ebraiche e degli insegnamenti degli Apostoli. L'angelo che ha liberato gli Apostoli li ordina di stare nel tempio e non si parla di andare “porta a porta”.
  2. Quando Atti 20: 20 viene preso in considerazione con l'opera di Paolo in Efeso in Atti 19: 8-10, diventa chiaro che Paolo insegna ogni giorno per due anni nell'auditorium di Tyrannus. Ecco come il messaggio si è diffuso a tutti nella provincia dell'Asia Minore. Questa è una dichiarazione esplicita nella Scrittura che l'Organizzazione JW ignora. Ancora una volta, la loro interpretazione teologica di "casa in casa" non è sostenibile.
  3. Atti 2: 46 chiaramente non può essere interpretato come “casa per casa” come in ogni casa, ma solo come nelle case dei credenti. NWT lo traduce chiaramente in case e non in "casa in casa". Nel fare ciò, accetta che le parole greche possano essere tradotte come "case" piuttosto che "casa per casa", come fanno in Atti 5: 42 e 20: 20.
  4. Le altre ricorrenze 4 delle parole greche nel Nuovo Testamento si riferiscono tutte chiaramente alle riunioni della congregazione nelle case dei credenti.

Da tutto quanto sopra, chiaramente non è possibile trarre l'interpretazione teologica JW di "casa in casa" significa "porta a porta". In effetti, sulla base di questi versetti, la predicazione sembra essere fatta in luoghi pubblici e la congregazione si è incontrata nelle case per promuovere il loro apprendimento delle Scritture e degli insegnamenti degli apostoli.

Inoltre, nel loro riferimento e nello studio delle Bibbie, vengono citati vari commentatori della Bibbia. Nella parte 2 esamineremo queste fonti nel contesto, per vedere se l'interpretazione di questi commentatori concorda con la teologia di JW sul significato di "casa in casa".

Clicca qui per visualizzare la parte 2 di questa serie.

________________________________________

[I] Poiché i JW preferiscono questa traduzione, faremo riferimento a questo nelle discussioni se non diversamente indicato.

[Ii] Fino all'anno scorso, WTB & TS ha pubblicato un annuario di storie ed esperienze selezionate dell'anno precedente e fornisce dati sullo stato di avanzamento del lavoro nei singoli paesi e nel mondo. I dati includono il numero di proclamatori JW, le ore trascorse a predicare, il numero di persone che studiano, il numero di battesimi, ecc. qui per accedere agli Annuari da 1970 a 2017.

[Iii] È sempre utile leggere l'intero capitolo per avere un senso più completo del contesto. Qui Gesù sta inviando gli apostoli 12 appena scelti con chiare istruzioni su come compiere il ministero in quell'occasione. Gli account paralleli si trovano in Mark 6: 7-13 e Luke 9: 1-6.

Eleasar

JW da oltre 20 anni. Si è dimesso di recente da anziano. Solo la parola di Dio è verità e non possiamo più usare che siamo nella verità. Eleasar significa "Dio ha aiutato" e sono pieno di gratitudine.
    11
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x