Nella parte 1, abbiamo considerato l'interpretazione degli Atti 5: 42 e 20: 20 e il significato del termine “casa per casa” e abbiamo concluso:

  1. Come i JW giungono all'interpretazione di "casa in casa" dalla Bibbia e che le dichiarazioni fatte dall'Organizzazione non potrebbero essere giustificate scritturalmente.
  2. È chiaro che “casa in casa” non significa “porta a porta”. Considerando le altre occorrenze delle parole greche, l'indicazione contestuale era che il significato di “casa in casa” si riferisce a nuovi credenti che si riuniscono in case diverse per studiare le Scritture e gli insegnamenti degli apostoli.

In questo articolo esamineremo le fonti accademiche citate dall'Organizzazione dei Testimoni di Geova nel tentativo di sostenere la teologia di JW. Questi appaiono nel file Bibbia di riferimento per la traduzione del Nuovo Mondo 1984 (TNM) e Revised New World Translation (RNWT) Studia la Bibbia 2018, dove cinque fonti di riferimento sono citate nelle note a piè di pagina in Atti 5: 42 e 20: 20.

"Di casa in casa": sostegno accademico?

L' RNWT Study Bible 2018 è la più recente Bibbia pubblicata dalla Watchtower Bible and Tract Society (WTBTS). Quando si confrontano le note a piè di pagina sui due versi sopra con il NWT Reference 1984 Bible, troviamo quattro ulteriori riferimenti accademici. L'unico nel NWT Reference Bible 1984 è di RCH Lenski. Ci concentreremo sui cinque riferimenti dal RNWT Study Bible 2018 poiché includono quello di Lenski. Saranno trattati man mano che emergono in Atti 5: 42 seguiti da 20: 20.

Troviamo quanto segue nella sezione di riferimento su Atti 5: 42

(sic) “di casa in casa: Questa espressione traduce la frase greca katʼ oiʹkon, letteralmente, "secondo casa". Diversi lessici e commentatori affermano che la preposizione greca ka · ta' può essere inteso in senso distributivo. Ad esempio, un lessico dice che la frase si riferisce a “luoghi visti in serie, uso distributivo. . . di casa in casa. " (Un lessico greco-inglese del Nuovo Testamento e altra letteratura paleocristiana, terza edizione) Un altro riferimento dice che la preposizione katàʹ è "distributiva (Agisce 2: 46; 5:42:. . . di casa in casa / nelle [singole] case. " (Dizionario esegetico del Nuovo Testamento, a cura di Horst Balz e Gerhard Schneider) Lo studioso biblico RCH Lenski fece il seguente commento: “Gli apostoli non cessarono mai per un momento la loro benedetta opera. 'Ogni giorno' continuarono, e questo apertamente 'nel Tempio' dove il Sinedrio e la polizia del Tempio potevano vederli e udirli, e, naturalmente, anche κατ 'οἴκον, che è distributivo,' di casa in casa ', e non solo avverbiale, "a casa". "(L'interpretazione degli atti degli Apostoli, 1961) Queste fonti supportano l'idea che la predicazione dei discepoli fosse distribuita da una casa all'altra. Un uso simile di kàtà si verifica in Lu 8: 1, dove si dice che Gesù abbia predicato "da una città all'altra e da un villaggio all'altro". Questo metodo per raggiungere le persone andando direttamente a casa loro ha portato risultati eccezionali.Ac 6: 7; confrontare Ac 4: 16, 17; 5:28. "

Vale la pena notare le ultime due frasi. La penultima frase afferma "Un uso simile del katà si trova in Lu 8: 1, dove si dice che Gesù abbia predicato" di città in città e di villaggio in villaggio ". Ciò significa chiaramente che Gesù è andato da un posto all'altro.

L'ultima frase afferma che "Questo metodo per raggiungere le persone andando direttamente a casa loro ha portato risultati eccezionali. - Ac 6: 7; confrontare Ac 4: 16-17; 5: 28”. Qui viene raggiunta una conclusione sulla base dei versi precedenti. È utile considerare brevemente queste scritture dalla Bibbia dello studio.

  • Atti 6: 7  Di conseguenza, la parola di Dio continuava a diffondersi e il numero dei discepoli continuava a moltiplicarsi moltissimo a Gerusalemme; e una grande folla di sacerdoti cominciò a essere obbediente alla fede ".
  • Atti 4: 16-17 “Dicendo: 'Cosa dovremmo fare con questi uomini? Perché, di fatto, per loro è avvenuto un segno degno di nota, evidente a tutti gli abitanti di Gerusalemme, e non possiamo negarlo. Affinché questo non si diffonda ulteriormente tra la gente, minacciamoli e diciamo loro di non parlare più a nessuno sulla base di questo nome ".
  • Atti 5: 28 “E disse: 'Ti abbiamo rigorosamente ordinato di non continuare ad insegnare sulla base di questo nome, eppure guarda! hai riempito Gerusalemme del tuo insegnamento e sei determinato a portare su di noi il sangue di quest'uomo '".

Dopo aver letto questi versetti è chiaro che "casa in casa" non è menzionato. Essendo a Gerusalemme, il modo migliore per raggiungere le persone sarebbe al tempio. Questo è stato considerato nella Parte 1, nella sezione: “Confronto di parole greche tradotte 'casa in casa'”. Non si può trarre da questi versetti l'uso del metodo “di casa in casa” come modo in cui predicavano i primi discepoli.

Troviamo anche quanto segue nella sezione di riferimento su Atti 20: 20:

(sic) “di casa in casa: O "in case diverse". Il contesto mostra che Paolo aveva visitato le case di questi uomini per insegnare loro "riguardo al pentimento verso Dio e alla fede in nostro Signore Gesù". (Ac 20: 21) Pertanto, non si riferisce esclusivamente alle chiamate o alle visite sociali per incoraggiare i compagni cristiani dopo che sono diventati credenti, poiché i compagni credenti si sarebbero già pentiti ed avrebbero esercitato fede in Gesù. Nel suo libro Word Pictures nel Nuovo Testamento, Il Dr. A. T. Robertson commenta quanto segue Ac 20: 20: "Vale la pena notare che questo più grande predicatore predicava di casa in casa e non faceva le sue visite solo chiamate sociali." (1930, Vol. III, pp. 349-350) In Gli Atti degli Apostoli con un commento (1844), Abiel Abate Livermore ha commentato le parole di Paul a Ac 20: 20: “Non si accontentava semplicemente di tenere discorsi nell'assemblea pubblica. . . ma perseguì con zelo la sua grande opera in privato, di casa in casa, e portò letteralmente a casa la verità del cielo ai focolari e ai cuori degli Efesini ". (p. 270) - Per una spiegazione sulla traduzione dell'espressione greca katʼ oiʹkous (lett. "secondo le case"), vedere nota di studio su Ac 5: 42. "

Affronteremo ogni riferimento nel contesto e considereremo se questi studiosi concordano sull'interpretazione di "casa in casa" e "porta a porta", come spiegato dalla teologia di JW.

Atti 5: riferimenti 42

  1. Un lessico greco-inglese del Nuovo Testamento e altra letteratura paleocristiana, terza edizione (BDAG) revisionato e curato da Frederick William Danker[I]

Il commento dello studio biblico su Atti 5: afferma 42 "Ad esempio, un lessico dice che la frase si riferisce a" luoghi visti in serie, uso distributivo. . . di casa in casa. "

Diamo un'occhiata al contesto più completo. Nel lessico kata è coperto in modo completo e riempie l'equivalente di sette pagine A4 con una dimensione del carattere di 12. Il preventivo specifico preso in parte è riportato di seguito ma include l'intera sezione. È sotto il sottotitolo di "marker di aspetto spaziale" e 4th sottosezione d. Le sezioni citate nella Bibbia dello studio sono evidenziate in rosso.

"dei luoghi visualizzati in serie, uso distributivo w. acc., x per x (Arrian., Anab. 4, 21, 10 κ. Σκηνήν = tenda per tenda) o da x a x: κατʼ οἶκον di casa in casa (PLond III, 904, 20 p. 125 [annuncio 104] ἡ κατʼ οἰκίαν ἀπογραφή) Ac 2: 46b; 5:42 (sia in riferimento a varie assemblee di case o congregazioni; w. meno probabilità NRSV 'a casa'); cp. 20: 20. Likew. il pl. κ. τοὺς οἴκους εἰσπορευόμενος 8: 3. κ. τὰς συναγωγάς 22: 19. κ. πόλιν (Jos., Ant. 6, 73) di città in città IRo 9: 3, ma in ogni (singola) città Ac 15: 21; 20:23; Tit 1: 5. Anche κ. πόλιν πᾶσαν (cp. Herodian 1, 14, 9) Ac 15: 36; κ. πᾶσαν πόλιν 20:23 D. κ. πόλιν καὶ κώμην Lk 8: 1; cp. vs. 4.”[Ii]

Qui abbiamo solo una citazione parziale che sembra supportare la teologia di JW. Tuttavia, quando si legge nel contesto, diventa chiaro che il punto di vista dell'autore è che il termine si riferisce a congregazioni o assemblee che si riuniscono in varie case. Si riferiscono chiaramente a tutti e tre i versetti in Atti 2:46, 5:42 e 20:20. Per preservare l'onestà intellettuale, la citazione avrebbe dovuto includere almeno quanto segue:

“… Κατʼ οἶκον di casa in casa (PLond III, 904, 20 p. 125 [annuncio 104] ἡ κατʼ οἰκίαν ἀπογραφή) Ac 2: 46b; 5:42 (sia in riferimento a varie assemblee di case o congregazioni; w. meno probabilità NRSV 'a casa'); cp. 20: 20. Likew. il pl. κ. τοὺς οἴκους εἰσπορευόμενος:

Ciò aiuterebbe il lettore a trarre una visione più chiara della prospettiva dell'autore. Chiaramente, questa fonte di riferimento non supporta la comprensione JW di "casa in casa". In effetti, la fonte sta dimostrando come la parola kata viene utilizzato in "casa in casa", "città in città" ecc.

  1. Dizionario esegetico del Nuovo Testamento, a cura di Horst Balz e Gerhard Schneider

In Atti 5:42 è affermato quanto segue “Un altro riferimento dice che la preposizione katà è "Distributivo (Agisce 2: 46; 5:42:. . . di casa in casa / nelle [singole] case. " Questa citazione è tratta dal dizionario sopra. Il dizionario fornisce una suddivisione molto dettagliata dell'uso e del significato della parola kata nel Nuovo Testamento. Inizia fornendo una definizione e copre tre aree specifiche di utilizzo, suddivise in varie categorie.

(Sic) contro   kata   con gen .: giù da; attraverso; contro; di; con acc .: attraverso; durante; di; secondo

  1. Occorrenze in NT - 2. Con il gen. - a) Di posto - b) Fig. Uso - 3. Con l'acc. - a) Di luogo - b) Di tempo - c) Fig. Uso - d) Alternativa perfrastica alla gen semplice.[Iii]

Il riferimento alla Bibbia di studio è nella sezione 3 a) Di posto. Questo è dato di seguito con il RNWT citazione in evidenza. (Sic)

  1. Con l'accusativo:
  2. a) Di posto: dappertutto, sopra, dentro, a (Luke 8: 39: “per tutto l'intera città / in l'intera città ”; 15: 14: “per tutto quella terra ”; Matt 24: 7: κατὰ τόπους, “at [molti posti"; Atti 11: 1: “per tutto Giudea / in Giudea”; 24: 14: “tutto ciò che sta in piedi in la legge"), insieme, a fianco (Atti 27: 5: τὸ πέλαγος τὸ κατὰ τὴν Κιλικίαν, “il mare lungo [la costa della] Cilicia ”), verso, verso, fino a (Luke 10: 32: “vieni fino all il luogo; Atti 8: 26: “verso il Sud"; Phil 3: 14: “verso L'obiettivo. il gol"; Gal 2: 11, ecc .: κατὰ πρόσωπον, “a il volto "," faccia a faccia "," personalmente "," di fronte "," prima "; 2 Cor 10: 7: τὰ κατὰ πρόσωπον, “cosa c'è prima gli occhi"; Gal 3: 1: κατʼ ὀφθαλμούς, “prima gli occhi"), per, di (Rom 14: 22: κατὰ σεαυτόν, “per te stesso, by te stesso"; Atti 28: 16: μένειν καθʼ ἑαυτόν, “resta solo by lui stesso"; Mark 4: 10: κατὰ μόνας, “per se stessi ”), distributivo (Atti 2: 46; 5: 42: κατʼ οἶκον, "Casa a Casa / in le [singole] case ”; 15: 21, ecc .: κατὰ πόλιν, “città by città / in [ogni] città ").[Iv]

La sezione citata nell'RNWT è evidenziata in rosso. In quest'area, l'opera di riferimento afferma che è distributiva. Questo non significa "porta a porta" per includere ogni casa. Considera Atti 15: 21 fornito dal dizionario. Nel RNWT si legge "Perché dai tempi antichi * Mosè ha avuto coloro che lo predicano in città dopo città, perché viene letto ad alta voce nelle sinagoghe in ogni sabato ”. In questa impostazione, la predicazione viene fatta in un luogo pubblico (sinagoga). Ebrei, proseliti e "timorati di Dio" sarebbero venuti tutti in sinagoga e avrebbero ascoltato il messaggio. Questo può essere esteso a tutte le case della città o anche a tutte le case di coloro che frequentano la sinagoga? Chiaramente no.

Allo stesso modo, "casa in casa / nelle singole case" non può essere esteso per indicare ogni casa. In Atti 2: 46, chiaramente non può significare ogni casa a Gerusalemme, poiché significherebbe che stavano mangiando in ogni casa! Potrebbero essere alcune delle case dei credenti in cui si sono riuniti, come chiarisce il contesto delle Scritture. Questo è stato discusso nella parte 1. Per dare un significato separato agli Atti 5: 42 quando il contesto non lo giustifica, implicherebbe l'eisegesi. Questo porta una persona in un viaggio nel tentativo di giustificare una convinzione esistente.

La citazione utilizzata è valida ma fornire il paragrafo più completo aiuterebbe il lettore a prendere una decisione più ponderata del significato. Non fornisce una base per interpretarlo come ogni casa di Gerusalemme.

  1. L'interpretazione del Atti degli Apostoli, 1961 di RCH Lenski[V]

L' RNWT Study Bible stati: "Lo studioso biblico RCH Lenski ha fatto il seguente commento:"Mai per un momento gli apostoli cessarono la loro opera benedetta. "Ogni giorno" continuavano, e questo apertamente "nel Tempio" dove il Sinedrio e la polizia del Tempio potevano vederli e ascoltarli, e, naturalmente, anche κατ "οἴκον, che è distributivo," da casa a casa ", e non semplicemente avverbiale "a casa.'””

La citazione completa su Atti 5: 42 in "Commentario di Lenski sul Nuovo Testamento" afferma quanto segue (la sezione citata nella Bibbia dello studio è evidenziata in giallo):

Gli apostoli non cessarono mai per un momento la loro opera benedetta. "Ogni giorno" continuarono, e questo apertamente "nel Tempio" dove il Sinedrio e la polizia del Tempio potevano vederli e ascoltarli, e, naturalmente, anche κατʼ οἶκον, che è distributivo, "di casa in casa", e non semplicemente avverbiale, "a casa". Continuarono a riempire Gerusalemme dal centro alla circonferenza con il Nome. Disdegnavano di lavorare solo in segreto. Non conoscevano la paura. L'imperfetto, "non stavano cessando", con i suoi participi presenti complementari è ancora descrittivo, e "non stavano cessando" (negativo) è una litote per "erano sempre in corso". Il primo participio, "insegnamento", è reso più specifico dal secondo, "proclamare come buona novella Gesù il Cristo"; τὸν Χριστόν è predicativo: "come il Cristo". Qui abbiamo il primo esempio di εὑαγγελίζεσθαι negli Atti nel senso pieno della predicazione del vangelo, e con esso il potente nome "Gesù" e il suo pieno significato in "il Cristo", il Messia di Dio (2:36). Questo "nome" chiude opportunamente la narrazione attuale. Questo era l'opposto dell'indecisione. Questa era la certezza divinamente forgiata che molto tempo prima aveva preso la decisione finale. Questa era la gioia che veniva da quella certezza. Gli apostoli non si lamentarono nemmeno per un momento dell'ingiustizia che avevano subito per mano delle autorità; non si vantavano del proprio coraggio e forza d'animo né si preoccupavano di difendere il proprio onore personale contro la vergogna loro inflitta. Se pensavano a se stessi, era solo per dimostrarsi fedeli al Signore lavorando per l'onore del suo grande e benedetto Nome. Tutto il resto lo hanno affidato nelle sue mani.

La citazione utilizzata nell'RNWT è di nuovo rossa e in un contesto più completo. Ancora una volta, il commentatore non rilascia dichiarazioni esplicite a sostegno della teologia della JW sul ministero "porta a porta". Poiché si tratta di un commento versetto per versetto su Atti degli Apostoli, sarebbe interessante leggere i commenti su Atti 2: 46 e 20: 20. Il commento completo su Atti 2: 46 afferma:

Giorno dopo giorno, entrambi rimanendo saldi di comune accordo nel Tempio e spezzando il pane casa per casa, mangiavano il loro cibo con esultanza e semplicità di cuore, lodando Dio e avendo favore a tutto il popolo. Inoltre, il Signore continuava ad aggregare giorno dopo giorno i salvati. Gli imperfetti descrittivi continuano. Luca abbozza la vita quotidiana della prima congregazione. Le tre frasi κατά sono distributive: “giorno per giorno”, “casa per casa”; τε ... τε correlano i primi due participi (R. 1179), "sia ... e". I credenti visitarono entrambi il Tempio e spezzarono il pane casa per casa a casa. Le visite giornaliere al Tempio erano fatte allo scopo di partecipare al culto del Tempio; vediamo Pietro e Giovanni così impegnati in 3: 1. La separazione dal Tempio e dagli ebrei si sviluppò generalmente gradualmente e naturalmente. Fino a quando non è stato effettuato, i cristiani hanno usato il Tempio che Gesù aveva onorato e che lo caratterizzava (Giovanni 2: 19-21) come lo avevano usato prima. I suoi ampi colonnati e le sale offrivano loro spazio per le proprie assemblee.

 Molti pensano che "spezzare il pane" si riferisca di nuovo al Sacramento, ma in un breve abbozzo come questo Luca difficilmente lo ripeterebbe in questo modo. L'aggiunta “casa per casa” non aggiungerebbe nulla di nuovo poiché è evidente che il Tempio non era il luogo del Sacramento. "Spezzare il pane" si riferisce anche a tutti i pasti e non solo a quelli che potrebbero precedere il Sacramento come agape. "Casa per casa" è come "giorno per giorno". Non significa semplicemente "a casa" ma in ogni casa. Ovunque ci fosse una casa cristiana, i suoi abitanti mangiavano il loro cibo "in esultanza di cuore", con grande gioia per la grazia concessa loro e "con semplicità o unicità di cuore", rallegrandosi per l'unica cosa che riempiva i loro cuori di tale gioia . Questo nome deriva da un aggettivo che significa "senza pietra", quindi perfettamente liscio e uniforme, metaforicamente, una condizione che non è disturbata da nulla di contrario.

Il secondo paragrafo fornisce chiaramente la comprensione del termine di Lenski. Il commento completo è autoesplicativo. Lenski non interpreta la “casa in casa” come andare verso ogni porta, ma piuttosto come riferirsi alle case dei credenti.

Passando al commento su Atti 20: 20, afferma;

Ὡς è parallelo al πῶς che si verifica in v. 18. Primo, il Signore nell'opera di Paolo; secondo, la Parola del Signore, l'opera di insegnamento di Paolo. Il suo unico motivo e unico scopo non era quello di nascondere o trattenere una sola cosa di tutto ciò che era vantaggioso per i suoi ascoltatori. Non ha mai cercato di salvarsi o di cercare il minimo vantaggio per se stesso. È così facile restare fermi su alcuni punti; uno può persino nascondere a se stesso il suo vero motivo nel farlo e persuadersi che sta seguendo i suggerimenti della saggezza. "Non mi sono ritirato", dice Paul, e questa è la parola corretta. Poiché ci rimpiccioliamo naturalmente quando prevediamo ferite o perdite come risultato di ciò che dovremmo insegnare e predicare.

L'infinito con τοῦ è l'ablativo dopo un verbo di ostacolare, negare, ecc., E il negativo μή viene mantenuto sebbene non sia necessario, R. 1094. Nota i due infiniti: "da proclamare e da insegnare", entrambi sono efficaci aoristi, quello che si riferisce agli annunci, l'altro alle istruzioni, sia “in pubblico che di casa in casa”, Paul sfruttando ogni opportunità.

 Ancora una volta, non è possibile trarre alcuna conclusione da questi due paragrafi che supportano l'interpretazione JW di "casa in casa". Attingendo a tutti i commenti su tutti e tre i versetti, diventa chiaro che Lenski sembra pensare che la "casa in casa" significhi nelle case dei credenti.

Consideriamo i due commenti nelle note su Atti 20: 20 in RNWT Study Bible 2018. Questi sono gli 4th e 5th Riferimenti.

Agisce su 20: riferimenti 20

  1. Word Pictures nel Nuovo Testamento, Dr. A. T. Robertson (1930, Vol. III, pp. 349-350)[Vi]

Ecco la citazione di Word Pictures nel Nuovo Testamento, Il Dr. A. T. Robertson commenta quanto segue Ac 20: 20: "Vale la pena notare che questo grande predicatore predicò di casa in casa e non fece le sue visite solo chiamate sociali".

Questo sembra mostrare che il Dott. Robertson supporta la vista JW, ma consideriamo il paragrafo completo con il RNWT citazione evidenziata in rosso. Non stiamo citando tutti i paragrafi sul versetto ma quello relativo a "casa in casa". Si afferma "Pubblicamente (δημοσιαι - dēmosiāi avverbio) e di casa in casa (και κατ οικους - kai kat 'oikous). Di (secondo) case. Vale la pena notare che questo grande predicatore predicò di casa in casa e non fece le sue visite solo chiamate sociali. Stava facendo affari nel regno per tutto il tempo come nella casa di Aquila e Priscilla (1 Corinzi 16:19) ".

La frase che segue, omessa da WTBTS è critica. Mostra che il Dr. Robertson vede "casa in casa" come riunione in una congregazione domestica come mostrato da 1 Corinthians 16: 19. Il significato completo cambia tralasciando l'ultima frase. È impossibile trarre qualsiasi altra conclusione. Il lettore deve chiedersi, il tralasciare l'ultima frase è stato una svista da parte del ricercatore? O questo punto è così teologicamente importante che i ricercatori / scrittori sono stati accecati dall'eisegesi? Come cristiani, dobbiamo dimostrare gentilezza, ma questa svista potrebbe essere vista anche come un'omissione deliberata di fuorviare. Ogni lettore deve decidere da solo. Ricordiamo quanto segue da 1 Corinthians 13: 7-8a come ognuno di noi decide.

"Sopporta tutto, crede a tutto, spera tutto, sopporta tutto. L'amore non sbaglia mai. "

Consideriamo il riferimento finale.

  1. Atti degli Apostoli con un commento (1844), Abate Abiel Livermore[Vii]

Nella nota a piè di pagina degli Atti 20: 20 viene fatta una citazione dallo studioso di cui sopra. Nel Gli Atti degli Apostoli con un commento (1844), Abiel Abate Livermore ha commentato le parole di Paul a Ac 20: 20: “Non si accontentava semplicemente di tenere discorsi nell'assemblea pubblica. . . ma perseguì con zelo il suo grande lavoro in privato, di casa in casa, e letteralmente lo portò avanti home la verità del cielo nei cuori e nei cuori degli Efesini ”. (p. 270) Si prega di vedere il riferimento completo con la citazione WTBTS evidenziata in rosso:

Atti 20: 20, 21 Non ho trattenuto niente. Il suo obiettivo non era quello di predicare ciò che gli piaceva, ma ciò di cui avevano bisogno, il vero modello di un predicatore di giustizia. - Di casa in casa. Non si accontentò semplicemente di tenere discorsi nell'assemblea pubblica, e rinunciare ad altri strumenti, ma perseguì con zelo la sua grande opera in privato, di casa in casa, e portò letteralmente a casa la verità del cielo nei cuori e nei cuori degli Efesini.— Sia per gli ebrei, e anche per i greci. La stessa dottrina era essenzialmente necessaria per l'uno come per l'altro. I loro peccati potevano assumere forme diverse, ma la purificazione interiore e la spiritualizzazione del carattere dovevano essere effettuate dalla stessa azione celeste, sia nel caso del formalista e bigotto, sia del sensuale e idolatra. - Pentimento verso Dio. Alcuni critici considerano questo come il dovere peculiare dei Gentili, passare dalla loro idolatria alla fede e all'adorazione di un solo Dio; ma il pentimento sembrerebbe coprire tutto quel terreno, e anche di più, ed essere imperativo per l'ebreo errante così come per i pagani; poiché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio. - Fede verso il nostro Signore, ecc. Quindi di fede; era la parte di un ebreo coerente credere nel Messia, che il suo legislatore e profeti avevano predetto per mille anni, - accogliere la rivelazione più vicina e più tenera di Dio in suo Figlio; tuttavia al Gentile era anche richiesto non solo di voltarsi dai santuari inquinati dell'idolatria all'adorazione dell'Altissimo, ma di avvicinarsi al Salvatore del mondo. La maestosa semplicità della predicazione dell'apostolo e la totale enfasi che egli pose sulle principali dottrine e doveri del Vangelo, non dovrebbero passare inosservate.

Ancora una volta, diventa chiaro che sulla base di questa parte del commento non è possibile trarre la conclusione che Abiel Abate Livermore ha capito che ciò significa "porta a porta". Se esaminiamo i suoi commenti in Atti 2: 46 e 5: 42, avremo una visione più chiara della sua comprensione di "casa in casa". In Atti 2: 46 afferma:

“Abbiamo, in questo e nel verso seguente, un quadro continuo della bellezza e della vitalità spirituale della chiesa primitiva. Quale autore di fatti o di fiction ha presentato una storia più interessante di una comunità felice rispetto all'evangelista cristiano - una comunità alla quale ogni uomo, nei suoi sensi giusti, vorrebbe più unirsi a se stesso - o in cui tutti gli elementi dell'amore, e pace e progresso, sono combinati in modo più approfondito 2 La società, le nazioni, il genere umano non possono essere portati, finalmente, a mantenere la squisita promessa di questa lunga era scomparsa e ripristinare, per così dire, il vecchio dipinto alla realtà della nuova vita? La più alta forma di civiltà cristiana deve ancora apparire, ma l'alba si è rotta da est. - Continuando ogni giorno con un accordo nel tempio. Probabilmente hanno partecipato al culto nel tempio alle solite ore di preghiera, delle nove del mattino e delle tre del pomeriggio. Atti iii. 1. Non si erano ancora scrollati di dosso il giogo ebraico e giustamente conservarono un po 'di fedeltà alla vecchia fede nella loro adozione e assimilazione con quella nuova; come i naturalisti ci dicono che la vecchia foglia non cade a terra, fino a quando il nuovo germoglio inizia a gonfiarsi sotto di essa. - Spezzare il pane di casa in casa. O, "a casa", in contraddizione con i loro esercizi nel tempio. Le stesse occasioni sono citate qui come in ver. 42. Il carattere della rifusione era quello di un intrattenimento sociale, unito a una commemorazione religiosa. Atti xx. 7. Si dice che le agapae, o feste d'amore, nacquero dalla necessità di provvedere ai poveri, che precedentemente avevano vissuto sui sacrifici; ma che, dopo la loro conversione, furono esclusi dalla loro fede da questa fonte di sostegno. - La loro carne. Inglese antico per "cibo". Animale o vegetale. - Con gioia. Alcuni discernono, in questa frase, la gioia dei poveri per la generosità così generosamente concessa. —Unicità del cuore. E in queste parole si vede la semplicità e la libertà dall'orgoglio e dall'ostentazione dei ricchi nella loro benevolenza. Ma le espressioni sono generali, piuttosto che limitate alle classi, e descrivono subito la purezza del motivo e lo spirito elastico della gioia, che pervade la nuova associazione. Abbiamo qui una descrizione dell'influenza che la vera religione, veramente ricevuta e obbedita, ha sui suoi soggetti ”.

 Atti 2: 46 può significare solo nelle case dei credenti. Ciò è supportato anche dalle traduzioni Bibbie di studio e di riferimento come a casa. Passando ora ai suoi commenti in Atti 5: 41-42, vediamo quanto segue:

“Il consiglio. Compreso, come sembrerebbe, il Sinedrio e altri sono intervenuti per l'occasione. - Rallegrarsi per il fatto che fossero considerati degni, ecc. Sebbene fossero stati trattati in modo molto ignominioso, non consideravano una disgrazia, ma un onore, soffrire per una causa così grande; poiché erano partecipi di sofferenze simili a quelle del loro Maestro prima di loro. Phil. iii. 10; Col. i. 24; 1 Pet. iv. 13. - In ogni casa. O, “di casa in casa”, poiché tale è l'idioma del greco. Invece di smorzare il loro coraggio, le loro prove accesero nuovo zelo nella diffusione della verità. Invece di obbedire agli uomini, si presero con nuova fedeltà e interesse a obbedire a Dio. - Insegna e predica. L'uno che si riferisce, probabilmente, alle loro fatiche pubbliche, l'altro alle loro istruzioni private; l'uno a ciò che facevano nel tempio, l'altro a ciò che facevano di casa in casa. - Gesù Cristo, cioè, secondo i migliori traduttori, predicavano Gesù il Cristo, o che Gesù è il Cristo, o Messia. Chiude così trionfalmente questo nuovo racconto della persecuzione degli apostoli. L'intera narrazione è luminosa di verità e realtà, e non può che lasciare una profonda impressione su ogni lettore senza pregiudizi dell'origine divina e dell'autorità del Vangelo ".

È interessante notare che si riferisce al termine "casa in casa" come un linguaggio. Pertanto, capisce questo termine come peculiare dei cristiani del I secolo. Quindi afferma che stavano insegnando e predicando, uno pubblicamente e l'altro in privato. Poiché la parola greca di predicazione si riferisce a un annuncio pubblico, la conclusione naturale è che ciò è stato fatto pubblicamente e che l'insegnamento sarebbe stato in privato. Si prega di vedere il significato del termine dal dizionario di Strong di seguito:

g2784. κηρύσσω kēryssō; di affinità incerta; annunciare (come un banditore pubblico), in particolare la verità divina (il Vangelo): - predicatore (-er), proclamare, pubblicare.

AV (61) - predica 51, pubblica 5, proclama 2, predica + g2258 2, predicatore 1;

  1. essere un araldo, officiare come un araldo
    1. proclamare alla maniera di un araldo
    2. sempre con il suggerimento di formalità, gravità e un'autorità che deve essere ascoltata e rispettata
  2. pubblicare, proclamare apertamente: qualcosa che è stato fatto
  • utilizzato della proclamazione pubblica del Vangelo e delle questioni ad esso relative, fatta da Giovanni Battista, da Gesù, dagli apostoli e da altri insegnanti cristiani ...

La teologia di JW applica il termine lavoro di predicazione al ministero “casa per casa”. In questo lavoro, la comprensione è di trovare quelli "giustamente disposti" e di offrire un programma di studio della Bibbia. Questo chiaramente non è la comprensione di Livermore.

Un'interpretazione potrebbe essere quella di proclamare in un luogo pubblico e, per gli interessati, un programma di studio nelle loro case. Questa comprensione negherebbe immediatamente la comprensione "porta a porta" che la teologia JW si applica a questo termine. Tutto considerato, la comprensione più probabile è che si sono incontrati in case private per l'istruzione congregazionale. Ancora una volta, analizzando in profondità il lavoro di un altro studioso, la conclusione teologica di JW diventa insostenibile.

 Conclusione

Dopo aver esaminato tutte e cinque le fonti di riferimento, possiamo trarre le seguenti conclusioni:

  1. In ogni caso, le fonti di riferimento e gli studiosi associati chiaramente non concordano con la teologia di JW su "casa a casa".
  2. In effetti, considerando i commenti su tutti e tre i versetti, Atti 2: 46, 5: 42 e 20: 20, l'opinione è che si riferisce alle riunioni dei credenti nelle case.
  3. Le pubblicazioni WTBTS sono molto selettive nel citare queste fonti. Queste fonti sono viste da WTBTS come l'equivalente della "testimonianza di esperti" in un tribunale. Dà ai lettori l'impressione che sostengano la teologia JW. Pertanto, i lettori sono indotti in errore sui pensieri degli autori di queste fonti di riferimento. In ogni caso, la "testimonianza di esperti" in realtà mina l'interpretazione JW di "casa in casa"
  4. C'è il problema del lavoro del dottor Robertson in cui la ricerca era molto scarsa, o era un tentativo deliberato di fuorviare i lettori.
  5. Tutto ciò porta i segni distintivi dell'eisegesi, in cui gli autori sono alla disperata ricerca di un dogma particolare.
  6. Un'altra osservazione interessante: il fatto che tutti questi studiosi (testimonianza di esperti) sono visti dai JW come parte della cristianità. La teologia di JW insegna che sono apostate e fanno le offerte di Satana. Ciò significa che i JW fanno riferimento a coloro che seguono Satana. È un'altra contraddizione nella teologia dei JW e che richiede uno studio separato.

Abbiamo un'ulteriore e più importante linea di evidenza da esplorare. Questo sarebbe il libro biblico, Atti degli Apostoli. Questa è la prima testimonianza della fede nascente e il fulcro del libro è il viaggio di 30 anni della "Buona Novella su Gesù" in viaggio da Gerusalemme, luogo di nascita del movimento cristiano, alla città più importante di quel tempo, Roma . Dobbiamo vedere se i resoconti in Atti supportano l'interpretazione "di casa in casa". Questo sarà considerato nella Parte 3.

Clicca qui per visualizzare la parte 3 di questa serie.

________________________________

[I] Federico William Danker (12 luglio 1920 - 2 febbraio 2012) è stato un noto studioso del Nuovo Testamento e il preminente Koine greco lessicografo per due generazioni, lavorando con F. Wilbur Gingrich come editore del Bauer Lexicon a partire da 1957 fino alla pubblicazione della seconda edizione in 1979, e come unico editore da 1979 fino alla pubblicazione della 3rd edizione, aggiornandola con i risultati della moderna borsa di studio, convertendola in SGML per consentirne la facile pubblicazione in formato elettronico e migliorare sensibilmente l'usabilità del lessico, nonché la tipografia.

[Ii] Ⓓ dei luoghi visualizzati in serie, uso distributivo w. acc., x per x (Arrian., Anab. 4, 21, 10 κ. Σκηνήν = tenda per tenda) o da x a x: κατʼ οἶκον di casa in casa (PLond III, 904, 20 p. 125 [annuncio 104] ἡ κατʼ οἰκίαν ἀπογραφή) Ac 2: 46b; 5:42 (sia in riferimento a varie assemblee di case o congregazioni; w. meno probabilità NRSV 'a casa'); cp. 20: 20. Likew. il pl. κ. τοὺς οἴκους εἰσπορευόμενος 8: 3. κ. τὰς συναγωγάς 22: 19. κ. πόλιν (Jos., Ant. 6, 73) di città in città IRo 9: 3, ma in ogni (singola) città Ac 15: 21; 20:23; Tit 1: 5. Anche κ. πόλιν πᾶσαν (cp. Herodian 1, 14, 9) Ac 15: 36; κ. πᾶσαν πόλιν 20:23 D. κ. πόλιν καὶ κώμην Lk 8: 1; cp. vs. 4.

[Iii] Balz, HR e Schneider, G. (1990–). Dizionario esegetico del Nuovo Testamento (Vol. 2, p. 253). Grand Rapids, Mich .: Eerdmans.

[Iv] Balz, HR e Schneider, G. (1990–). Dizionario esegetico del Nuovo Testamento (Vol. 2, p. 253). Grand Rapids, Mich .: Eerdmans.

[V] RCH Lenski (1864-1936) fu un illustre studioso e commentatore luterano. Ha studiato al seminario teologico luterano a Columbus, Ohio, e dopo aver conseguito il dottore in divinità è diventato decano del seminario. Ha anche servito come professore al Capital Seminary (ora Trinity Lutheran Seminary) a Columbus, Ohio, dove ha insegnato esegesi, dogmatica e omiletica. I suoi numerosi libri e commenti sono scritti da una prospettiva luterana conservatrice. L'autore di Lenski Commento di Lenski al Nuovo Testamento, una serie di commenti in volume 12 che fornisce una traduzione letterale del Nuovo Testamento.

[Vi] Dott. AT Robertson è nato a Cherbury vicino a Chatham, in Virginia. È stato istruito a Wake Forest (NC) College (1885) e al Seminario Teologico Battista Meridionale (SBTS), Louisville, Kentucky (Th. M., 1888), dove è stato in seguito istruttore e professore dell'interpretazione del Nuovo Testamento, e rimase in quel posto fino a un giorno nel 1934.

[Vii] Rev Abiel Abate Livermore era un sacerdote, nato a 1811 e morto a 1892. Ha scritto commenti sul Nuovo Testamento.

 

Eleasar

JW da oltre 20 anni. Si è dimesso di recente da anziano. Solo la parola di Dio è verità e non possiamo più usare che siamo nella verità. Eleasar significa "Dio ha aiutato" e sono pieno di gratitudine.
    9
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x