Credenze degli ebrei del I secolo

Nei nostri precedenti articoli abbiamo discusso di ciò che (1) i Patriarchi e Mosè (2) il salmista, Salomone e i profeti hanno creduto alla domanda “La speranza dell'umanità per il futuro. Dove sarà?

Esamineremo ora quali erano le credenze di 1st Ebrei del secolo.

Credenza di 1st Ebrei del secolo

In Matthew 6 troviamo il racconto in cui Gesù stava discutendo della pratica della giustizia e della preghiera. In Matthew 6: 9-10 troviamo il passaggio indicato in vari modi come Preghiera modello, Preghiera del Signore e Preghiera del Padre Nostro. Gesù ha dato i seguenti suggerimenti:

“Allora devi pregare in questo modo:“ 'Padre nostro nei cieli, sia santificato il tuo nome. Lascia che venga il tuo regno. Lascia che la tua volontà abbia luogo, come in cielo, anche sulla terra."

In questa preghiera modello, Gesù affermò che a quel tempo, all'inizio del suo ministero, la volontà di Dio stava avvenendo in cielo. La preghiera era per il regno a venire. Da dove a dove? La parola greca "erchomai'tradotto' lascia venire 'significa' venire da un posto all'altro 'come nelle persone che arrivano. Gesù era qui sulla terra, ci ha insegnato a pregare per il Regno, quindi i suoi ascoltatori avrebbero capito che il Regno doveva essere qui sulla terra, da dove pregavano i suoi seguaci. Doveva anche essere fatta la volontà di Dio sulla terra come (come) in cielo.

Se fosse per volontà di Dio che ad un certo punto nel futuro, alcuni umani risorgessero alla loro morte come una creatura spirituale nei cieli, allora sicuramente non avrebbe molto più senso per Gesù dire "il tuo regno viene ”o inizia in paradiso invece di "Il tuo regno viene"? Direbbe anche che "la tua volontà avrà luogo in cielo ” piuttosto che avere luogo "Anche sulla terra".

È volontà di Dio che venga il Regno. La sua volontà è già stata fatta ed eseguita nei cieli, ma non sulla terra. Come apprendiamo da altre Scritture, il Regno porterebbe un giusto governo sulla terra, così questo assicurerebbe che anche la sua volontà sia fatta qui sulla terra.

Dobbiamo anche tenere presente che fino a questo punto nella scrittura delle Scritture ispirate, nessuna parola del genere è registrata nella parola di Dio secondo cui fa parte della volontà di Dio che alcuni o tutti gli umani fedeli vadano in paradiso.

Qualcuno potrebbe chiedere: come è stata fatta la volontà di Dio in cielo dai tempi di Gesù sulla terra? Soprattutto con Satana non scacciato dal cielo? Le Scritture mostrano che a Satana fu concesso l'accesso al cielo secondo la volontà di Dio [indennità] fino al tempo nominato menzionato in Apocalisse 12: 7-9 per lui quando non gli sarà più permesso di essere in paradiso (Vedi Lavoro 1: 7 e Lavoro 2: 2). Quando si verificano esattamente gli eventi in Revelation 12 non è chiaro. Potrebbe essersi già verificato in 1st Secolo o potrebbe essere ancora futuro. In ogni caso, ciò non influisce sulla nostra comprensione del fatto che la volontà di Dio è fatta in cielo.

  • Conclusione: Il focus della preghiera era sull'applicazione della volontà di Dio già fatta nei cieli, ora applicata sulla terra per portare i suoi benefici all'umanità. Nel contesto delle scritture precedenti, con cui i discepoli e il pubblico di Gesù avrebbero avuto familiarità (vedi in particolare il commento su Esodo 19), non sorprende quindi che i discepoli stessero cercando il Regno di Dio sulla terra che incidesse sulla vita in Israele a quel tempo. Gesù non ha dichiarato nulla qui che cambierebbe questa percezione.

Ora cercheremo di esaminare un passaggio molto interessante delle Scritture che causa problemi per qualsiasi insegnamento della vita celeste per i giusti da tempo immemorabile o dal primo secolo in poi. È il passaggio trovato in Luke 13: 23,28-30. Si è posta la domanda sul numero di coloro che vengono salvati. Noi leggiamo:

"23 Ora un certo uomo gli disse: "Signore, quelli che vengono salvati sono pochi?"28Qui è dove [TUO] piangerà e il digrignare di [TUO] denti, quando vedrai Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, ma voi stessi buttati fuori. Inoltre, le persone verranno dalle parti orientali e occidentali, e da nord e sud, e si adagieranno a tavola nel regno di Dio. E guarda! ci sono gli ultimi che saranno i primi, e ci sono i primi che saranno gli ultimi ".

Gesù disse ai suoi discepoli che avrebbero dovuto "Sforzatevi energicamente di entrare dalla porta stretta, perché molti ... cercheranno di entrare ma non potranno”. (Luke 13: 24). Rifiuterebbe anche molti che bussarono alla porta perché lo erano “Lavoratori di ingiustizia”. (Luke 13: 27b). Il Regno di Dio non era solo per gli ebrei che ascoltavano Gesù secondo la sua affermazione nel versetto 28. Perché? Fu perché Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i [veri] profeti sarebbero stati anche lì insieme a molti non ebrei[I] ( 'gente delle parti orientali, occidentali, del nord e del sud ") reclinabile "a tavola in il regno di dio'[non sotto il Regno di Dio]. La chiara conseguenza qui è che il regno di Dio sarebbe sulla terra [con un resuscitato Abramo, Isacco e Giacobbe], piuttosto che in paradiso di cui esiste no citare.

C'è un resoconto parallelo in Matteo 8: 10-12 in cui Gesù ha a che fare con l'ufficiale dell'esercito di Cafarnao (un non ebreo). Lì dice: “Ti dico la verità, senza nessuno in Israele ho trovato una fede così grande. Ma io ti dico che molti dalle parti orientali e occidentali verranno e si adatteranno al tavolo con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli; mentre i figli del Regno saranno gettati nell'oscurità all'esterno. C'è dove [loro] piangeranno e il digrignare dei [loro] denti ”.

La parola greca per "nel" is 'en '[1722 greco di Strong] che significa "dentro", "dentro". I figli del regno, che inizialmente erano ebrei, a causa della loro azione nel respingere il Messia, sarebbero stati essi stessi respinti da Dio. Solo ebrei come i fedeli patriarchi sarebbero in il regno dei cieli insieme a molti non ebrei. È l'appartenenza del Regno per ('di') il paradiso, non il Regno in il paradiso. È un regno di origine celeste, piuttosto che di origine terrena.

Che questo fosse il discepolo del primo secolo compreso ci è confermato dall'account registrato in Luca 19: 11-27. Lì leggiamo:

"11Mentre ascoltavano queste cose, raccontò un'altra illustrazione, perché era vicino a Gerusalemme e pensarono che il Kingdom of God stava per apparire all'istante. 12 Quindi disse: “Un uomo di nobile nascita viaggiò in una terra lontana per assicurarsi il potere regale per se stesso e per tornare. 13 Chiamando dieci dei suoi schiavi, diede loro dieci miʹna e disse loro: "Fai affari con questi fino a quando arrivo". 14 Ma i suoi cittadini lo odiavano e hanno inviato un corpo di ambasciatori dopo di lui per dire: "Non vogliamo che quest'uomo diventi re su di noi". 15 “Quando alla fine tornò dopo aver assicurato il potere regale, convocò gli schiavi ai quali aveva dato i soldi, al fine di accertare cosa avevano guadagnato dalla loro attività commerciale. 16 Quindi il primo si fece avanti e disse: "Signore, il tuo miʹna ha guadagnato dieci miʹnas". 17 Gli disse: "Ben fatto, bravo schiavo! Perché in una questione molto piccola ti sei dimostrato fedele, detieni l'autorità su dieci città ". 18 Ora arrivò il secondo, dicendo: "Il tuo miʹna, Signore, ha fatto cinque miʹna." 19 Anche a questo disse: "Anche tu sei responsabile di cinque città". 20 Ma ne è venuto un altro dicendo: "Signore, ecco il tuo miʹna che ho tenuto nascosto in un panno. 21 Vedi, avevo paura di te, perché sei un uomo duro; prendi ciò che non hai depositato e raccogli ciò che non hai seminato. " 22 Gli disse: "Con le tue stesse parole ti giudico, schiavo malvagio. Sapevi, sono un uomo duro, che ho preso ciò che non ho depositato e ho raccolto ciò che non ho seminato? 23 Allora perché non hai messo i miei soldi in una banca? Poi alla mia venuta, l'avrei raccolto con interesse. 24 "Detto questo, disse a quelli che stavano accanto:" Prendi il miʹna da lui e dallo a quello che ha i dieci miʹna. " 25 Ma gli dissero: "Signore, ha dieci miʹna!" 26 'A te dico, a tutti quelli che hanno, sarà dato di più, ma da chi non ha, anche ciò che ha sarà portato via. 27 Inoltre, porta qui questi miei nemici che non volevano che diventassi re su di loro ed eseguili di fronte a me. ""

Qui è chiaro che i discepoli credevano che il Regno di Dio sarebbe apparso qui sulla terra. Quando? Mentre Gesù era qui sulla terra in quanto era colui con il diritto legale al trono di David e quindi al Re Designato di quel Regno. Gesù quindi diede loro una parabola in cui spiegava cosa sarebbe successo.

  1. L'uomo di nobile nascita [Gesù stesso] sarebbe andato via [morire e ascendere al cielo]. (Luke 19: 12), (Luke 18: 31-33).
  2. Lui [Gesù] avrebbe assicurato il potere regale [da Geova dopo aver presentato il suo sacrificio di riscatto]. (Luke 19: 15), (Matthew 28: 18).
  3. Lui [Gesù] sarebbe quindi tornato [sulla terra]. (Luke 19: 15), (1 Tessalonicesi 4: 16).
  4. Al suo ritorno [di Gesù] [la sua venuta] avrebbe chiamato un giudizio [giudizio] di quelli sulla terra. (Luke 19: 15), (Matthew 25: 19, 31-33).
  5. Qui [Gesù] esaminerebbe le azioni del suo schiavo [seguaci cristiani] e ai fedeli [cristiani] verrebbero attribuite maggiori responsabilità in base al loro talento che detiene la responsabilità delle città [come re e sacerdoti]. (Luke 16: 19-23), (Matthew 25: 20-31).
  6. Egli [Gesù] avrebbe poi organizzato la distruzione dei malvagi che lo avevano rifiutato. [Raccolto, Armageddon]. (Luke 19: 27), (Matthew 25: 41-46).

Nota che Gesù non ha corretto la convinzione del discepolo che il Regno di Dio sarebbe apparso qui sulla terra. Invece, ha appena corretto i tempi di quell'evento. Il momento era che sarebbe stato in futuro al suo ritorno, piuttosto che in un prossimo futuro durante il periodo in cui era vivo sulla terra.

Gli eventi accaduti durante l'ultima risurrezione compiuta da Gesù sulla terra nel primo secolo sono importanti anche per comprendere la convinzione, non solo degli ebrei, ma dei discepoli di Gesù.

L'evento di costruzione della fede della risurrezione di Lazzaro è registrato in Giovanni 11: 23-25. Raccogliamo il racconto quando Gesù parlava del morto Lazzaro a Marta, sorella di Lazzaro.

 “Gesù le disse:“ Tuo fratello sorgerà. "Martha gli disse:" Lo so risorgerà nella risurrezione l'ultimo giorno. "Gesù le disse:" Io sono la risurrezione e la vita. Chi esercita fiducia in me, anche se muore, prenderà vita;"

 Da ciò apprendiamo che Martha è in comune con l'altro 1st Gli ebrei del secolo credevano in una futura risurrezione, "l'ultimo giorno", alla terra.

Gesù non ha fatto nulla per cambiare o correggere questa visione. Sarebbe stata un'opportunità ideale per chiarire che ora c'erano due destinazioni per quelli risorti, ma non lo fece.

Inoltre, non vi è alcuna notizia che quando Lazzaro fu resuscitato, si lamentò o menzionò di essere stato riportato sulla terra dal cielo [per morire di nuovo]. Ciò aggiungerebbe peso alla comprensione che la resurrezione in cielo non stava avvenendo in quel momento.

  • La parola greca usata per "sorgerà" significa sollevarsi, alzarsi da uno stato di mentire nella morte. È legato a 'risurrezione' che è di rialzarsi facendo riferimento alla risurrezione fisica del corpo.

Dopo la morte e risurrezione di Gesù, apparve ai suoi discepoli. Avevano una visione diversa adesso? Nota cosa è successo. Atti 1: 6-7 ci dice:

“Quando, ora, si erano radunati, andarono a chiedergli:“ Signore, stai restaurando il regno in Israele A quest'ora?" Disse loro: "Non appartiene a VOI conoscere i tempi o le stagioni che il Padre ha posto nella propria giurisdizione;"

Anche dopo la morte di Gesù, i discepoli capirono che il regno di Dio / Cieli era nei cieli o sulla Terra? Dalla loro domanda, si aspettavano un regno terrestre di Dio sopra / su Israele di origine o fonte celeste, cioè da Dio non dagli uomini. Prima della morte di Gesù, volevano governare alla sua destra e alla sua sinistra [sulla terra]. In che modo Gesù gestì questa domanda?

  • Gesù li ha corretti su come where il regno di Dio sarebbe? No.
  • Comunque lui fatto correggili come quando la sua regola sarebbe. Nel verso 7 ha detto "non ti appartiene"Per sapere quando. L'implicazione logica che ne deriva è quella
    1. avevano ragione su dove, e quindi non avevano bisogno di correzioni o
    2. questo sarebbe corretto in seguito.
    3. Se è stato corretto in un secondo momento, dobbiamo chiederci quali scritture mostrino quando erano chiaramente corretto.
    4. Se è stato corretto in seguito, con quale autorità è stato corretto?

Passiamo ora alcuni anni a quando l'apostolo Paolo si stava difendendo davanti al governatore romano Felix. Paolo rispose alle domande poste dal Governatore e gli disse:

“E ho speranza nei confronti di Dio, che spero anche questi uomini non vedano l'ora, che ci sarà una risurrezione di entrambi i giusti e gli ingiusti. "  (Atti 24: 15)

 Come possiamo vedere, l'apostolo Paolo commentò che sia lui che i suoi accusatori [i farisei] avevano la speranza di una risurrezione in comune [sulla terra, come è implicito un luogo]. Dato che i farisei non credevano nella risurrezione in cielo, ma sulla terra, sarebbe logico concludere che così fece anche l'apostolo Paolo, specialmente perché era un ex fariseo. La disputa che si era verificata in precedenza nel sinedrio tra i sadducei e i farisei riguardava se ci fosse o meno una risurrezione, non dove la risurrezione avrebbe avuto luogo. (Agisce su 23: 6-8).

Conclusione

In conclusione possiamo vedere chiaramente che 1st Gli ebrei del secolo credevano che la risurrezione sarebbe tornata alla vita sulla terra nell'ultimo [giudizio] giorno. Non esisteva il concetto di resurrezione in cielo come creatura spirituale. Gesù e l'apostolo Paolo (un ex fariseo) predicarono in accordo con queste credenze prevalenti. A quel tempo gli ebrei non avevano chiaramente idea o comprensione di una destinazione alternativa.

Finora abbiamo esaminato:

  • Le credenze e gli scritti dei patriarchi e di Mosè.
  • Le credenze e gli scritti dei Salmisti, Salomone e i Profeti.
  • Le credenze di 1st Ebrei del secolo.

Finora tutti questi esami mostrano che gli israeliti / ebrei credevano nella vita eterna. Inoltre, che questa vita eterna avrebbe seguito la risurrezione alla vita sulla terra, ma non un accenno di alcuna speranza di vita nei cieli. Gesù ha insegnato qualche eccezione o modifica a questa convinzione?

Questo è ciò che esamineremo nel nostro quarto articolo della serie. Cosa insegnava e credeva Gesù Cristo, il Figlio di Dio?

RICHIESTA IMPORTANTE: Si richiede che qualsiasi commento (che è molto gradito) sia limitato ai libri biblici e al periodo coperto da questo articolo. L'intera Bibbia sarà trattata in sezioni, quindi gli scrittori e i periodi biblici successivi saranno trattati negli articoli successivi e sarebbe il posto migliore per commenti pertinenti a quelle sezioni.

[I] Giovanni 10: 16: Gesù parlando con gli ebrei disse: “E ho altre pecore, che non sono di questo ovile; anche quelli che devo portare e ascolteranno la mia voce (che la maggior parte di 1st ebrei del secolo non lo erano) e diventeranno un solo gregge, un solo pastore ". Gesù era chiaramente il pastore mentre diceva 'Ho altre pecore'. Lui e gli apostoli predicarono solo agli ebrei. In Matthew 15: 24 Jesus ha detto “Non sono stato inviato a nessuno, ma alle pecore perdute della casa di Israele"('questa piega "). Ma con il rifiuto di Gesù come Messia, (vedi Daniel 9: 26, 27 'E dopo le settimane 62, il Messia sarà tagliato fuori con niente per se stesso. .. e deve mantenere l'alleanza in vigore per molti per una settimana; e alla metà della settimana farà cessare il sacrificio e l'offerta di regali ”) l'invito doveva essere esteso ('anche quelli che devo portare'). L'estensione dell'invito avvenne con l'apertura del Regno di Dio ai Gentili in 36 CE con il battesimo di Cornelius registrato in Atti 10: 28 dove Pietro disse: “Sai bene quanto sia illegale per un ebreo unirsi a se stesso o avvicinarsi a un uomo di un'altra razza; eppure Dio mi ha mostrato che non dovrei chiamare nessun uomo contaminato o impuro. " Un angelo ha raccontato a Cornelius in Atti 10: 31 "Cornelio, la tua preghiera è stata ascoltata favorevolmente e i tuoi doni di misericordia sono stati ricordati davanti a Dio." Vedi Appendice: Chi sono le altre pecore?

Tadua

Articoli di Tadua.
    14
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x