Gli insegnamenti e le credenze di Gesù Cristo, il Figlio di Dio

Nei nostri precedenti articoli abbiamo discusso di cosa

(1) i Patriarchi e Mosè,
(2) i Salmisti, Salomone e i Profeti,
(3) 1st Century Jewish,

creduto alla domanda: "La speranza dell'umanità per il futuro, dove sarà?"

Esamineremo ora l'argomento vitale su ciò che Gesù Cristo, il Figlio di Dio credette e insegnò mentre era sulla terra.

Gli insegnamenti di Gesù

La prima area che esamineremo è tratta dal Sermone sul Monte. Prendiamo l'account in Matthew 5: 20. Qui Gesù disse ai suoi discepoli che stavano ascoltando:

"Poiché io vi dico che se la vostra giustizia non abbonda più di quella degli scribi e dei farisei, non entrerete affatto nel regno dei cieli. [(5) - ouranon, sky (s)][I]"

Qual era il contesto di questa affermazione? Gesù chiarisce che i suoi discepoli avrebbero dovuto praticare opere più giuste di quanto i Farisei facessero se volessero entrare nel Regno dei cieli. Tuttavia, non menziona un luogo di quel Regno. Piuttosto, lo descrive come "il Regno of il paradiso" per differenziarlo "Il regno (i) del mondo".

Ad esempio, la frase "il regno di Roma" non si riferisce specificamente alla sua posizione fisica. Invece si riferisce al suo potere e dominio (area di dominio) e da dove proviene la sua autorità. D'altra parte, se Gesù avesse detto 'il regno in dei cieli, potremmo quindi dedurre logicamente che stesse parlando di un luogo fisico, ovunque fosse.

I suoi ascoltatori avrebbero pensato che stesse parlando di un luogo o di una fonte di autorità e potere?

Più tardi nel suo sermone, Gesù disse:

"Hai sentito che è stato detto: 'Devi amare il tuo vicino e odiare il tuo nemico.' Tuttavia, io ti dico: continua ad amare i TUOI nemici e a pregare per quelli che ti perseguitano; che tu potete dimostrarvi figli del VOSTRO Padre che è nei cieli [(1) - ouranois[Ii], Presenza di Dio]... "(Matteo 5: 44-45)

Qui Gesù insegnava ai discepoli, ma non aveva ancora nominato i dodici apostoli. Pertanto, il termine “discepoli” si riferisce a tutti i suoi seguaci. Pertanto, quando Gesù ha detto prima nel Sermone della Montagna, "Felici sono i pacifici poiché saranno chiamati" figli di Dio "(Matthew 5: 9) e qui "Per metterti alla prova figli di tuo padre", stava mostrando loro tutto ciò che potevano diventare "Figli di Dio". Ricordiamo che Adamo fu originariamente creato un perfetto figlio di Dio, ma divenne un figlio imperfetto di Dio.

Cosa disse Gesù che influisce sul fatto che possiamo essere o meno figli di Dio? Tutto dipende da come trattiamo gli altri (essendo pacifici tra le altre cose) e se riponiamo fiducia nella disposizione di riscatto di Cristo. Possiamo solo dimostrarci cristiani come trattiamo gli altri e viviamo la nostra vita essendo pacifici e facendo fede in Gesù Cristo (Matteo 7: 20-23, Galati 3: 26). Gesù chiarisce che suo padre era "nei cieli ” ma qui non diede alcuna indicazione che i suoi discepoli avrebbero dovuto essere in paradiso alla presenza di Dio "Figli di Dio". Piuttosto, questa designazione e questo status richiedevano essere pacifici e giusti, e con le nostre azioni potremmo dimostrare che meritiamo (per quanto gli umani imperfetti) il dono e il privilegio gratuiti di diventare "Figli di Dio".

Quale altra ricompensa Gesù promise ai suoi discepoli? Luke 6: 22-23 lo registra dicendo:

"Felice sei ogni volta che gli uomini ti odiano e ogni volta che ti escludono, ti rimproverano e scacciano il tuo nome come malvagio per amore del Figlio dell'Uomo.  Rallegrati in quel giorno e salta, perché, guarda! AL VOSTRO premiare è fantastico in (il) cielo, [(2) ourano, - regno degli spiriti, spazio esterno][Iii] poiché quelle sono le stesse cose che i loro antenati facevano ai profeti ”.

Ha più senso che Gesù si riferisse al source della ricompensa proveniente dal cielo [regno degli spiriti], al contrario della terra e quindi era garantita. Inoltre sarebbe stato possibile solo grazie al suo sacrificio di riscatto. Inoltre, sarà dato da Geova Dio, che, ovviamente, è in cielo, tramite Gesù Cristo. L'intero contesto dei versetti circostanti parla di non preoccuparsi dei problemi che gli uomini causano, perché non ci ricompenseranno - la fonte di quella ricompensa è terrena. Piuttosto, Geova e Gesù saranno la fonte della ricompensa.

Questo ci ricorda Matteo 6: 19-23 in cui Gesù discusse di conservare per noi tesori in cielo, [(2) ourano, - regno degli spiriti, spazio esterno] piuttosto che sulla terra. Chiaramente non stava parlando di conservare un tesoro letterale in cielo, ma piuttosto buone ragioni per Geova di darci una grande ricompensa dal cielo.

Vediamo ora Luke 20: 34-38, la cui comprensione è controversa per altri motivi. Tuttavia, a parte questi, vediamo che:

"Gesù disse loro: 'I figli di questo sistema di cose si sposano e sono dati in matrimonio, ma quelli che sono stati considerati degni di ottenere quel sistema di cose e la resurrezione dai morti non si sposano né sono dati in matrimonio. Di fatto, non possono nemmeno morire più perché sono come gli angeli e sono figli di Dio essendo figli della risurrezione. Ma che i morti lo sono rialzato persino Mosè lo rivelò, nel racconto del roveto, quando chiama Geova 'il Dio di Abramo e il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe. È un Dio, non dei morti, ma dei vivi, perché tutti vivono per lui ”.

Da questo possiamo trarre alcuni punti. In primo luogo, Gesù afferma che Geova considerava Abraamo, Isacco e Giacobbe viventi. Di conseguenza questi sarebbero quindi rivivere. Inoltre, diventeranno quelli risorti “I figli di Dio essendo figli della risurrezione”. Solo come esseri perfetti possiamo essere veramente figli o figli di Dio, come lo sono stati l'Adamo ed Eva senza peccato.

Gesù stava discutendo della domanda dei farisei su chi dei suoi sette mariti una donna sarebbe appartenuta alla risurrezione. I farisei e il resto dell'1st Gli ebrei del secolo credevano in una risurrezione sulla terra nell'ultimo giorno. È vero, né loro né noi abbiamo una conoscenza accurata della vera natura della risurrezione dei figli umani di Dio di cui parlava Gesù. Il riferimento a questi che sono come gli angeli potrebbe benissimo riferirsi, non alla natura spirituale degli angeli, ma alla loro vita eterna. Gesù dice che saranno come gli angeli che non muoiono, ma c'è un'ambiguità sufficiente nel suo passaggio che non possiamo essere dogmatici basandoci solo su questo.

Qualunque sia lo stato raggiunto dai figli di Dio nella risurrezione, possiamo dire con certezza che saranno perfetti.

Alla cena di Pasqua in 33 CE Gesù continuò a fare quanto segue e fece una dichiarazione interessante quando parlò ai suoi apostoli:

“E accettando un calice, rese grazie e disse: Prendi questo e passalo dall'uno all'altro; poiché te lo dico, d'ora in poi non berrò più dal prodotto della vite fino all'arrivo del regno di Dio. ”(Luca 22: 17-18). (Vedere anche account paralleli Matthew 26: 29 e Mark 14: 25.)

I discepoli avrebbero preso questa affermazione alla lettera. Potrebbe uno spirito materializzato Gesù bere e mangiare letteralmente, se lo scegliesse? Sì, vedi Luke 24: 42, 43 dove ha mangiato pesce alla griglia davanti ai loro occhi dopo la sua risurrezione, prima della sua ascensione al cielo. Pertanto non abbiamo basi ragionevoli per considerare questo passo delle Scritture come qualcosa di diverso da come dice letteralmente. Questo anche implicitamente significa che i discepoli che sarebbero re e sacerdoti sarebbero anche qui sulla terra perché ciò avvenga come profetizzato.

Dobbiamo anche notare che la frase "fino all'arrivo del regno di Dio [verrà]] deve essere inteso come il regno di Dio che arriva nel luogo in cui stavano bevendo, che era sulla terra. Per dire qualsiasi altra cosa, Gesù avrebbe detto "fino a quando il regno di Dio non inizierà a governare" o una formulazione simile per consentire una diversa posizione. (Vedi anche Luke 14: 15)

Ora vediamo cosa possiamo imparare dal resoconto della conversazione tra Gesù e il malfattore mentre partecipiamo alla posta in gioco della tortura. È registrato per noi in Luke 23: 43 dove dice:

"E lui [Gesù] gli disse [il malfattore]: 'Veramente te lo dico oggi, sarai con me in Paradiso' ”

Il malfattore sapeva solo che il paradiso (Giardino dell'Eden) era sulla terra. Inoltre, se Gesù intendeva il paradiso, perché non diceva semplicemente il paradiso? È quindi ragionevole comprendere questo passo delle Scritture esattamente come si legge senza darne alcuna interpretazione. Ciò significa che Gesù sarebbe sulla terra in un momento futuro in cui il malvagio risorto potrebbe essere con lui.

Il malfattore aveva appena chiesto, "Gesù, ricordati di me quando entri nel tuo regno" mentre pendeva lì vicino a Gesù. Non avrebbe avuto idea del fatto che il Regno di Gesù fosse nei cieli. Tuttavia, avrebbe avuto familiarità con la parola ebraica par'des che significa "Parco". Paradiso è la parola inglese data alla parola equivalente greca paradeiso, significa anche "parco", "giardino" o "recinto", derivato dalla parola persiana con lo stesso significato. A causa della sua fede, Gesù confortò quest'uomo rassicurandolo in quel momento, che sarebbe stato lì nel regno di Gesù in Paradiso.

Verso l'inizio del ministero di Gesù, ebbe un'interessante conversazione con Nicodemo sul Regno di Dio. La conversazione è stata registrata per noi dall'apostolo Giovanni in Giovanni 3: 3, 5, 9-18:

“In risposta Gesù gli disse [Nicodemo] "In verità ti dico, se nessuno è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio.",

"Gesù rispose:" In verità ti dico davvero, a meno che nessuno sia nato dall'acqua e dallo spirito, non può entrare nel regno di Dio ".

“In risposta Nicòdomus gli disse:“ Come possono accadere queste cose? ”In risposta Gesù gli disse:“ Sei un insegnante di Israele e ancora non conosci queste cose? Sinceramente ti dico: ciò che sappiamo di cui parliamo e ciò che abbiamo visto di cui siamo testimoni, ma TU non ricevete la testimonianza che diamo. Se ti ho detto cose terrene e tuttavia NON credi, come crederai se ti dico cose celesti? Inoltre, nessun uomo è salito in cielo se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell'uomo. E proprio come Mosè sollevò il serpente nel deserto, così il Figlio dell'uomo doveva essere sollevato, affinché chiunque credesse in lui potesse avere la vita eterna. “Perché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, per quello chiunque eserciti fede in lui potrebbe non essere distrutto ma avere una vita eterna. Poiché Dio ha mandato suo Figlio nel mondo, non per lui per giudicare il mondo, ma per il mondo da salvare attraverso di lui. Chi esercita fede in lui non deve essere giudicato. Colui che non esercita la fede è già stato giudicato, perché non ha esercitato la fede nel nome del Figlio di Dio unigenito ”.

Gesù stava parlando a Nicodemo del Regno di Dio e della necessità di rinascere se voleva vedere [essere nel] regno di Dio. Gesù continua confermando che prima della sua morte, nessun essere umano era mai salito in cielo. Dichiarò che sarebbe salito in paradiso. Dire che non ha colto l'occasione per informare Nicodemo né i suoi discepoli che dopo la sua ascensione, gli umani lo avrebbero seguito in cielo.

Ciò di cui Gesù parlò ai suoi discepoli fu la speranza della vita eterna [Gr. Letteralmente: lunga durata] che i suoi ascoltatori avrebbero, per impostazione predefinita, capito sulla terra. Questa speranza è stata mantenuta per i suoi ascoltatori, se hanno riposto fiducia in lui. Parte della fiducia in lui sarebbe il passo per rinascere [rinascere] dall'acqua [battezzato in acqua, = chiedere perdono dei peccati, e la richiesta di una coscienza pulita, un inizio pulito] e rinascere [rinascere] da spirito [battezzato o unto dallo Spirito Santo]. D'ora in poi, i suoi discepoli avrebbero avuto una visione spirituale della vita piuttosto che una visione terrena e carnale. (Vedi John 3: 6 “Ciò che è nato dalla carne è carne e ciò che è nato dallo spirito è spirito. ”)

Inoltre, in questo passaggio, in Giovanni 3: 16, disse Gesù tutti esercitare la fede in lui avrebbe vita eterna. I suoi ascoltatori avrebbero capito che Gesù stava parlando del futuro sulla terra e che includeva tutti coloro che confidavano in lui come il Messia. Ancora una volta, Gesù l'ha fatto non cogliere l'occasione per chiarire che c'era una speranza diversa (cioè essere in lo spirito regno regno) per quei fedeli.

Gesù parlò della futura risurrezione in Giovanni 5: 28-29, e qui ci sono altri indizi. Si legge:

"Non stupitevi di questo, poiché viene l'ora in cui tutti quelli che sono nelle tombe commemorative udranno la sua voce e Vieni fuori, quelli che hanno fatto cose buone a una risurrezione della vitae quelli che praticavano cose vili a resurrezione del giudizio. "

La parola "Giudizio "(= 2920 greco “Krisis" ) significa "un processo di separazione, selezione, giudizio". L'uso di questa parola indicherebbe che alcuni potrebbero cambiare, richiedendo una separazione di questi da quelli non disposti a cambiare. È quindi logico concludere che per questi ingiusti potrebbe anche eventualmente diventare una resurrezione alla vita. Sarebbero separati da quelli che non vogliono cambiare, per i quali sarebbe la morte eterna.

La parola greca tradotta come "Vieni fuori"Ha il significato di" uscire, prendere un passaggio particolare ".

Gesù stava qui commentando che quei morti sarebbero risorti [sulla terra] (Gr. Anastasis Letteralmente: alzati di nuovo) in futuro. Nel contesto delle scritture precedentemente citate, questo sarebbe tornato sulla terra. Quelli che "hanno praticato cose buone" sarebbero risorti alla vita e quelli che "hanno fatto cose cattive a giudizio". Sarebbero anche "venuti fuori dall'essere" all'interno delle tombe commemorative, nello stesso modo in cui fece Lazzaro quando Gesù ordinò a Lazzaro di "Vieni fuori" (John 11: 43). (Vedi anche una traduzione interlineare greca di John 5: 29.)

Gesù discusse ulteriormente della risurrezione e della vita eterna come riportato in Giovanni 6: 27, 39-40, 44, 47, 51, 54, 58.

“Lavora, non per il cibo che muore, ma per il cibo quello rimane per la vita eternache il Figlio dell'uomo ti darà ”,

“Questa è la volontà di colui che mi ha mandato, di non perdere nulla per tutto ciò che mi ha dato, ma quello Dovrei resuscitarlo all'ultimo giorno, Per questa è la volontà di mio Padre, quella tutti coloro che vedono il Figlio ed esercitano fede in lui dovrebbero avere la vita eterna e io lo resusciterò all'ultimo giorno. ",

"Nessun uomo può venire da me se il Padre, che mi ha mandato, non lo attira; e Lo resusciterò nell'ultimo giorno. ”

"In verità ti dico davvero colui che crede ha la vita eterna.",

“Sono il pane vivo che è disceso dal cielo; se qualcuno mangia di questo pane vivrà per sempre;", "54 Lui che si nutre sulla mia carne e bevande il mio sangue ha una vita eterna, e lo resusciterò all'ultimo giorno;”[Iv],

"Chi si nutre di questa volontà di pane vivere per sempre".

Da queste scritture si può chiaramente vedere che esercitare la fede in Gesù era il prerequisito per essere tra quelli risorti nell'ultimo giorno. Questa era la fede che Maria e Marta avevano quando avrebbero rivisto Lazzaro.

Inoltre Gesù promise la risurrezione l'ultimo giorno [tre volte][V] e vita eterna [sette volte][Vi]) in questo passo delle Scritture nel Vangelo di Giovanni, a coloro che sarebbero rimasti fedeli e credendo in lui come il Messia. Tuttavia, non fece menzione di andare in paradiso dopo la risurrezione o di essere resuscitato in paradiso. Sicuramente, questo sarebbe stato il momento ideale per farlo. La conclusione deve essere in assenza di qualsiasi altra informazione, che i suoi discepoli e ascoltatori avrebbero capito che si trattava di una risurrezione alla vita eterna sulla terra, che è chiaramente la comprensione che Maria e Marta avevano.

(Vedi John 11: 23-25 in Belief of the 1st Ebrei del secolo. Questo tema viene ripetuto più volte attraverso i Vangeli. Vedi anche in Appendice[Vii].)

Non molto tempo dopo questi eventi che avevano inciampato molti discepoli che prendevano gli insegnamenti di Gesù alla lettera, stava commentando il tentativo dei farisei di arrestarlo. In John 7: 33-34 l'account dice:

"Quindi Gesù disse: “Continuo ancora un po 'con TE prima di andare da lui che mi ha mandato.  Mi cercherete, ma non mi troverete, e dove sono io non puoi venire. "

Gli ebrei rimasero perplessi a questa affermazione chiedendosi dove Gesù intendesse andare. (John 7: 35). Gesù stava parlando ai suoi discepoli e alla folla. Gli ebrei non capivano, perché non credevano a Dio ("Colui che mi ha mandato") aveva inviato Gesù. Né sapevano che sarebbe stato messo a morte e risorto in cielo a Geova Dio (“prima di andare da lui che mi ha mandato ") per offrire un sacrificio di riscatto per l'umanità e per adempiere alla profezia biblica. Gesù sapeva che avrebbero cercato il suo corpo, non volendo credere di essere stato risuscitato ("Mi cercherete, ma non mi troverete ”). Tuttavia, non sarebbero stati in grado di trovarlo a causa della sua risurrezione in cielo.

Ciò ha sottolineato il fatto che non sarebbero stati in grado di andare fisicamente in paradiso per trovarlo né prima né poi. Né sarebbero potenzialmente in grado di farlo attraverso la loro morte e risurrezione, ovviamente, perché avevano capito che la risurrezione sarebbe tornata sulla terra come umani. Tutti ascoltando Gesù lì nella folla hanno avuto l'opportunità di essere "eletti", eppure suggerisce che tutti loro non sarebbero in grado di seguirlo. Questo passaggio indicherebbe quindi che nessun essere umano sarebbe in grado di andare in paradiso (“Dove sono io non può venire"). La parola greca tradotta come è “erchomai” il che significa "venire [e quindi anche andare] da un luogo all'altro". Ciò rafforza la comprensione che non potrebbero andare dalla terra a dove sarebbe stato, con Dio che lo aveva mandato, nei cieli. Vedi anche John 8: 21-23 e John 13: 33-36.

Pochi giorni prima del suo arresto, Gesù parlò ai suoi discepoli per cercare di prepararli a ciò che sapeva sarebbe accaduto, la perdita del loro maestro e maestro. Possiamo riprendere il racconto in Giovanni 13:33, 36 e Giovanni 14: 1-6, 23, 28-29.

"Bambini piccoli. Sono con te ancora un po '. Mi cercherete; e proprio come ho detto agli ebrei: "Dove vado non puoi venire", dico anche a te al momento. Ti sto dando un nuovo comandamento, che ti ami l'un l'altro; così come ti ho amato, che anche tu ami gli altri. ",

“Simon Pietro gli disse: 'Signore, dove vai?' Gesù rispose 'Dove sto andando non puoi seguirmi ora, ma seguirai in seguito. Pietro gli disse: 'Signore, perché non posso seguirti al momento? Mi arrenderò la mia anima a tuo favore "."

“Non lasciare che i TUOI cuori siano turbati. Esercita la fede in Dio, esercita la fede anche in me. Nella casa di mio padre ce ne sono molti dimore. Altrimenti, te l'avrei detto, perché sto andando per preparare un posto per TE. Inoltre, se vado per la mia strada e preparo un posto per TE, vengo di nuovo e ti riceverò a casa da me stesso, anche quello dove sono TU. E dove sto andando, TU conosci la strada. Thomas gli disse: “Signore, non sappiamo dove stai andando. Come conosciamo la via? "Gesù gli disse:" Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me ”.

“In risposta Gesù gli disse: 'Se qualcuno mi ama, osserverà la mia parola e mio Padre lo amerà e noi verremo da lui e faremo la nostra dimora con lui'. ...,

"8Hai sentito che ti ho detto che vado via e torno da te. Se mi amassi, rallegreresti che sto andando verso il Padre, perché il Padre è più grande di me. Quindi ora te l'ho detto prima che accada, in modo che quando ciò accada tu possa credere. "

La parola greca tradotta “dimore"Significa anche" luoghi di dimora ".

In Giovanni 13: 36 l'apostolo Pietro interrogò Gesù chiedendo "Signore, dove vai?”I discepoli non avevano ancora compreso appieno che sarebbe morto a breve. Mentre si rendeva conto che Gesù stava davvero per morire, impetuoso come sempre, voleva seguire Gesù e morire fedele con Gesù, ma Gesù disse:non puoi seguirmi ora ”. Perchè no "adesso“? Gesù aveva appena dato loro un comandamento di "amarsi”. Pochi giorni dopo la sua resurrezione, l'account in John 21: 14-19 dà la risposta sul perché non "adesso”. Fu la terza apparizione per i discepoli dopo essere stato risuscitato dai morti. Gesù chiese a Pietro “Mi ami più di questi? ” [riferendosi al pesce che avevano appena mangiato]. Peter rispose "Sì, Signore". Quindi Gesù gli chiese di "Dai da mangiare ai miei agnelli", per "Pastore mia pecorella" e a "Dai da mangiare alle mie pecorelle ”. Ha quindi continuato a dare un'indicazione di quale tipo di morte avrebbe glorificato Dio. Pertanto, come mostra chiaramente il libro degli Atti, Gesù aveva del lavoro da fare per prendersi cura della prima congregazione cristiana.

Dove stava andando Gesù?

  1. Stava preparando un posto per i suoi discepoli, ma non afferma dove si troverebbe fisicamente quel posto. Infatti "nella casa di mio padre ci sono molte dimore ” [luoghi di dimora], ovvero la presenza di Geova, lo spazio esterno al di fuori della Presenza di Geova, i cieli fisici intorno alla terra, la terra, la tomba e probabilmente più ad es. (Vedi l'uso delle parole greche tradotte come "cieli" in Appendice e Parte 1)
  2. Per andare a preparare questo posto dovrebbe morire, risorgere e ascendere alla presenza di Geova per offrire la sua perfetta vita umana come riscatto. Solo allora quella dimora sarebbe diventata possibile. Solo dopo aver preparato l'abitazione sarebbe stato possibile per Peter e gli altri seguire. Gesù non diede alcuna indicazione che questa dimora sarebbe stata pronta prima del suo ritorno ("Vengo di nuovo") né che i discepoli sarebbero andati in quella dimora prima del suo ritorno.

Dove Gesù riceverebbe i discepoli?

  1. Egli afferma "Vengo di nuovo e ti riceverò a casa da solo, anche quello dove sono io. ” secondo NWT e alcune altre traduzioni. The Kingdom Interlinear e altre traduzioni interlineari greche rendono questo passaggio "Porterò con te verso me stesso, affinché anche dove sei io sia ”. "Home" è quindi la propensione e l'addizione del traduttore, probabilmente basate sulle loro credenze esistenti. Tale aggiunta, che può cambiare la potenziale comprensione di questo passaggio, non dovrebbe essere aggiunta al testo. In inglese, abbiamo la frase "tienimi / avvicinati a me", che sarebbe una buona corrispondenza per la frase "portami con te". La frase "Sono arrivo ancora" può essere compreso solo come Gesù che viene sulla terra. Era sulla terra una volta, e 'tornare di nuovo' significa ripetere l'avvento o tornare. Una volta tornato, si sarebbe verificato il ricevimento dei suoi fedeli discepoli. Pertanto, i discepoli sarebbero stati in grado di stare di nuovo con Gesù.
  2. 1 Tessalonicesi 4: 16, 17 descrive questo evento quando sotto ispirazione Paul scrisse: "il Signore stesso discenderà dal cielo [(3) Gr: ouranou, - Spazio esterno, regno degli spiriti][Viii]  ... e quelli che sono morti in unione con Cristo sorgeranno per primi. [questo include Peter e Paul]  Dopo noi viventi che sopravvivranno, insieme con loro, fatti rapire da loro [probabilmente quando Elia fu catturato] tra le nuvole per incontrare il Signore nell'aria; [i cieli terreni, non la presenza di Geova o il regno degli spiriti] E così saremo sempre con il Signore ”. Pertanto, mentre questi versetti in Giovanni e in Tessalonicesi possono essere interpretati (e sono stati) come i discepoli che incontrano Gesù in cielo (come nel regno degli spiriti), questo non è ciò che i testi dicono chiaramente, e va contro il modo normale e naturale di leggendo i passaggi.
  • Gesù stava parlando ai discepoli, che erano qui sulla terra. Avrebbero naturalmente capito che il ritorno di Gesù sarebbe tornato qui sulla terra. Ciò sarebbe in accordo con la parabola che Gesù diede in Luca 19: 12-27, circa “Un uomo di nobile nascita che ha viaggiato in una terra lontana per assicurarsi il potere regale per se stesso e ritorno."..." Alla fine è tornato dopo aver ottenuto il potere regale ". Ritornando [sulla terra], avrebbe potuto iniziare ad attuare il regno di Dio [il regno dei cieli] che a sua volta significherebbe la preparazione di un luogo [dimora] per loro come rappresentanti [terreni] [re e sacerdoti] di quel regno per quelli che si erano dimostrati fedeli.

Questo lascia la domanda sollevata da v4 e v5. Cosa intendeva quando ha detto in v4 “dove sto andando sai la strada“? In John 13: 36 Gesù disse a Pietro "Dove sto andando non puoi seguirmi ora, ma seguirai in seguito”. Questo avvenne subito dopo che Giuda Iscariota aveva lasciato il pasto serale per tradire Gesù. Gesù stava dicendo che sarebbe morto [fedele], ma Pietro non poteva ancora morire ("non puoi seguirmi ora ”). Perché? Gli sarebbe stato chiesto di predicare la buona notizia di Gesù risorto agli ebrei e in seguito ai gentili, come avrebbe scoperto in seguito). In John 14: 1, ha ricordato loro di non essere turbati, ma di "esercitare la fede in Dio " e “Esercitare la fiducia anche in me”. Pertanto sapevano "la strada", Per essere ricevuti a casa da Gesù al momento e nel luogo appropriati, dovrebbero seguire"la strada"O"esercizio fisico[Ing] fede in Dio [Geova], ... anche in me [lui, Gesù Cristo] ”fino alla morte, come Gesù avrebbe presto dimostrato a loro.

  • Sarebbe fuori contesto dedurre che "il luogo"Era il paradiso e "la via" era la risurrezione in cielo, quando "la strada”Stava chiaramente morendo fedele a Geova e Gesù. In John 14: 5 Thomas non aveva ancora capito o capito e ha chiesto "Come facciamo a sapere la strada? " Gesù nella sua risposta a Tommaso ha ribadito il suo precedente punto di esercitare la fede in Dio e in se stesso dicendo: “Io [Gesù] sono la via [Gr: “hodos"= Modo di pensare e sentire, non direzione fisica] e la verità [Gr: "aletheia" = in realtà] e la vita. Nessuno viene al Padre se non attraverso [esercitando fede in] me".
  • John 14: 3-4 “Se vado [Greco: viaggio] e preparare un posto [Gr: "topon" = una porzione di spazio segnata, come un'eredità] per te vengo [Gr: "erchomai" = vieni da un posto [cielo] ad un altro posto [terra]] di nuovo e ti riceverà [Gr: "paralempsomai" = a stretto contatto con l'iniziativa personale] a me stesso. 4 dove sto andando [Gr: "hypago" = aprire la strada (fedele fino alla morte)], sapete [Gr: “oida” = percepire mentalmente]. "
  • John 14: 23 sta parlando di coloro che hanno mostrato amore per loro [Dio e Gesù] e altri. Dice "[Dio e Gesù] noi verremo [dal paradiso] a lui [colui che ama Gesù e osserva la sua parola] e rendi il nostro dimora [resta, dimora] con lui [l'essere umano fedele (che vive sulla terra)] ”Nota: lo farebbero venire quei fedeli, non i fedeli vanno in paradiso a Lo stesso sentimento è espresso in John 14: 28 “I sto andando via [in paradiso] e io sto tornando [alla terra] a te". Questo ci ricorda anche Revelation 21: 3, che dice in parte “Guarda! Il tenda [dimora, o tabernacolo] di Dio è con l'umanità, e lo farà risiedere [dimora o tabernacolo] con loro "

Riassumendo, questo passaggio nel contesto e su un attento esame, non supporta un cambio di posizione per quei fedeli. Piuttosto Gesù sarebbe tornato [quando verrà in potere e gloria] prima che i suoi discepoli potessero unirsi a lui, e che i suoi discepoli non si sarebbero uniti a lui in cielo solo nel cielo.

La conversazione che Gesù ebbe con Pilato ci fornisce anche alcune informazioni utili. Lì in Giovanni 18: 36 Gesù rispose a Pilato dicendo:

"Il mio regno non fa parte di questo mondo. Se il mio regno fosse parte di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto che io non fossi consegnato ai Giudei. Ma, come è, il mio regno non è di questa fonte ".

Gesù diede questa risposta a Pilato perché Pilato aveva chiesto a Gesù cosa aveva fatto in modo tale che la sua stessa nazione e capi sacerdoti lo consegnassero a Pilato. Nota che Gesù risponde: “Il mio regno non fa parte di questo mondo [è il regno di Dio / dei Cieli] "..."il mio regno non proviene da questa fonte ” [non da qui, (o regno), riferendosi al mondo degli uomini che lottano per il potere, piuttosto la sua fonte era da Dio, dal cielo (un altro regno).] Qui Gesù stava dimostrando di non essere solo un altro rivale per Ponzio Pilato di cui preoccuparsi. Il regno di Gesù non aveva nulla a che fare con i litigi terreni che gli uomini avevano sul potere. Non stava coltivando il favore di nessuno per manovrare al potere e potenzialmente rimuovere Pilato o Cesare. Gesù quindi non era una minaccia per Pilato. Piuttosto, sarebbe Geova Dio, una fonte non terrena, che gli darebbe quel potere in futuro.

Altre scritture rilevanti

Luca 7: 14

"Con ciò si avvicinò e toccò la bara, e i portatori si fermarono, e disse:" Giovane, ti dico, alzati! "

La parola tradotta "Alzati!" O "sorgere"È" egeiro "e significa" svegliarsi, suscitare, sollevare ". La stessa parola è usata in John 5: 21 quando parla di Dio che risuscita i morti. Questo brano registra la risurrezione del figlio della vedova di Nain sulla terra di Gesù.

Mark 5: 41

"E, prendendo la mano del bambino, le disse: "Talʹi · tha cuʹmi", che, tradotto, significa: "Fanciulla, ti dico, alzati!"

La parola tradotta "Alzati!" O "sorgere"È" egeiro "e significa" svegliarsi, suscitare, sollevare "ed è la stessa parola usata in Luke 7: 14 e John 5: 21. Questa è l'occasione in cui Gesù compie la sua seconda risurrezione, quella della figlia di Giairo. La restituì viva ai suoi genitori che erano fuori di sé in estasi.

John 5: 21

"Perché proprio come il Padre solleva i morti e li rende vivi, così anche il Figlio rende vivi quelli che vuole ”.

La parola tradotta "Alzati!" O "sorgere"È" egeiro "e significa" svegliarsi, suscitare, sollevare "ed è la stessa parola usata in Luke 7: 14. Ancora una volta, non viene discusso nessun luogo, quindi per impostazione predefinita il pubblico capirà che questo è sulla terra dove vive l'uomo.

John 11: 23-24

"Gesù le disse: "Tuo fratello risusciterà". 24 Marta gli disse: "So che risorgerà nella risurrezione l'ultimo giorno".

Questi versetti sono stati discussi nella parte 3 in “Belief of the 1st Secondi ebrei ”. Gesù non ha corretto la comprensione di Marta perché era corretta. Tuttavia, Gesù fece un'eccezione per Lazzaro e lo riportò in vita. Sarebbe morto di nuovo in futuro, e quindi avrebbe atteso la risurrezione l'ultimo giorno. 

Conclusione

Gesù Cristo, il figlio di Dio, come portavoce di Dio non ha insegnato nulla di contrario alla credenza di 1st Ebrei del secolo in cui era che ci sarebbe stata la risurrezione alla vita sulla terra l'ultimo giorno [giudizio]. Non vi era alcun concetto insegnato da Gesù di alcun essere umano resuscitato in cielo come creature spirituali.

In questa serie finora abbiamo esaminato:

  • Le credenze e gli scritti dei patriarchi e di Mosè.
  • Le credenze e gli scritti dei Salmisti, Salomone e i Profeti.
  • Le credenze di 1st Ebrei del secolo.
  • Le credenze e gli insegnamenti di Gesù Cristo, il Figlio di Dio.

Nel fare ciò, abbiamo scoperto che tutti questi esami dimostrano che questi credevano nella vita eterna e nella risurrezione alla vita [sulla terra], ma non un accenno di alcuna speranza di vita nei cieli. Gli Apostoli dopo la morte e la risurrezione di Gesù insegnarono qualche eccezione o cambiamento a questa convinzione? Inoltre, se sì, avevano l'autorità per farlo?

Questo è ciò che esamineremo nel nostro quinto articolo di questa serie. Cosa insegnavano e credevano gli apostoli?

RICHIESTA IMPORTANTE: Si richiede che qualsiasi commento (che è molto gradito) sia limitato ai libri biblici e al periodo coperto da questo articolo. L'intera Bibbia sarà trattata in sezioni, quindi gli scrittori e i periodi biblici successivi saranno trattati negli articoli successivi e sarebbe il posto migliore per commenti pertinenti a quelle sezioni.

_________________________________________________________________

[I] Si prega di consultare la parte 1 di questa serie.

[Ii] Si prega di consultare la parte 1 di questa serie.

[Iii] Si prega di consultare la parte 1 di questa serie.

[Iv] La frase "all'ultimo giorno", è anche comunemente tradotta "nell'ultimo giorno" e "nell'ultimo giorno" in altre traduzioni.

[V] Qualcosa detto o fatto "tre volte" nella Bibbia di solito è per sottolineare che era accurato o qualcosa di garantito.

[Vi] Qualcosa detto o (da fare) "sette volte" nella Bibbia può spesso indicare completezza celeste.

[Vii] L'appendice, disponibile su richiesta.

[Viii] Si prega di consultare la parte 1 di questa serie.

Tadua

Articoli di Tadua.
    6
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x