Esame di Matthew 24, parte 1: la domanda

by | Settembre 25, 2019 | Esame di Matthew 24 Series, Video | 55 commenti

Come promesso nel mio video precedente, parleremo ora di ciò che a volte viene chiamato "la profezia di Gesù degli ultimi giorni", che è riportato in Matteo 24, Marco 13 e Luca 21. Poiché questa profezia è così centrale negli insegnamenti di Geova Testimoni, come è con tutte le altre religioni avventiste, ricevo molte domande relative ad esso, ed era la mia speranza di rispondere a tutte in questo video. Tuttavia, dopo aver analizzato l'intero ambito dell'argomento, mi sono reso conto che non sarebbe stato consigliabile provare a coprire tutto in un unico video. Sarebbe semplicemente troppo lungo. Meglio fare una breve serie sull'argomento. Quindi, in questo primo video, getteremo le basi per la nostra analisi cercando di determinare cosa ha motivato i discepoli a formulare la domanda che ha portato Gesù a fornire questo avvertimento profetico. Comprendere la natura della loro domanda è fondamentale per cogliere le sfumature della risposta di Gesù.

Come abbiamo affermato molte volte in precedenza, il nostro obiettivo è evitare interpretazioni personali. Dire: "Non lo sappiamo" è una risposta perfettamente accettabile, e molto meglio che impegnarsi in speculazioni selvagge. Non sto dicendo che la speculazione sia sbagliata, ma prima attaccaci sopra una grande etichetta dicendo: "Qui sii i draghi!" o, se preferisci, "Pericolo, Will Robinson".

Come cristiani che si svegliano, non vogliamo che la nostra ricerca finisca per adempiere le parole di Gesù in Matteo 15: 9, “Mi adorano invano; i loro insegnamenti sono semplicemente regole umane. ”(NIV)

Il problema per quelli di noi che provengono dall'Organizzazione dei Testimoni di Geova è che portiamo il peso di decenni di indottrinamento. Dobbiamo evitarlo se vogliamo avere qualche speranza di permettere allo spirito santo di condurci alla verità.

A tal fine, un buon punto di partenza è la consapevolezza che ciò che stiamo per leggere è stato registrato quasi 2,000 anni fa da uomini che parlavano una lingua diversa dalla nostra. Anche se parli greco, il greco che parli è molto cambiato rispetto al greco koine dei giorni di Gesù. Una lingua è sempre plasmata dalla cultura di chi la parla e la cultura degli scrittori biblici risale a due millenni fa.

Cominciamo.

Le parole profetiche che si trovano in questi tre racconti evangelici furono il risultato di una domanda posta a Gesù da quattro dei suoi apostoli. Per prima cosa, leggeremo la domanda, ma prima di cercare di rispondere, tenteremo di discernere cosa l'ha spinta.

Userò Traduzione letterale di Young per questa parte della discussione.

Matteo 24: 3 - “E quando fu seduto sul monte degli Ulivi, i discepoli gli si avvicinarono da solo, dicendo: 'Dicci, quando saranno questi? e qual è il segno della tua presenza e della piena fine dell'età? "

Mark 13: 3, 4 - “E mentre era seduto al monte degli Ulivi, di fronte al tempio, Pietro, Giacomo, Giovanni e Andrea, lo interrogavano da solo: Dicci quando avverranno queste cose? e qual è il segno quando tutto questo sta per essere adempiuto? "

Luca 21: 7 - “E lo interrogarono, dicendo: 'Maestro, quando, allora, avverranno queste cose? e qual è il segno quando queste cose stanno per accadere? "

Dei tre, solo Marco ci dà i nomi dei discepoli che hanno posto la domanda. Gli altri non erano presenti. Matteo, Marco e Luca ne hanno sentito parlare di seconda mano.

Ciò che è degno di nota è che Matthew divide la domanda in tre parti, mentre le altre due no. Ciò che Matthew include ma che manca all'account di Mark e Luke è la domanda: "Qual è il segno della tua presenza?"

Quindi, potremmo chiederci perché questo elemento è omesso da Marco e Luca? Un'altra domanda sorge quando confrontiamo il modo Traduzione letterale di Young rende questo passaggio con quello di quasi tutte le altre versioni della Bibbia. La maggior parte sostituisce la parola "presenza" con la parola "venire" o, a volte, "avvento". È significativo?

Prima di entrare in questo, iniziamo chiedendoci, cosa li ha spinti a fare questa domanda? Cercheremo di metterci nei loro panni. Come si vedevano?

Ebbene, erano tutti ebrei. Ora gli ebrei erano diversi da tutti gli altri popoli. Allora tutti adoravano gli idoli e tutti adoravano un pantheon di dei. I romani adoravano Giove e Apollo, Nettuno e Marte. Ad Efeso adoravano un Dio dai molteplici seni di nome Artemide. Gli antichi corinzi credevano che la loro città fosse stata fondata da un discendente del dio greco, Zeus. Tutti questi dei sono ormai scomparsi. Sono svaniti nelle nebbie della mitologia. Erano falsi dei.

Come si adora un falso dio? Adorazione significa sottomissione. Ti sottometti al tuo dio. Sottomissione significa che fai ciò che il tuo dio ti dice di fare. Ma se il tuo dio è un idolo, non può parlare. Allora come comunica? Non puoi obbedire a un comando che non senti mai, vero?

Ci sono due modi per adorare un falso Dio, un dio mitologico come Giove dei Romani. O fai quello che pensi che lui voglia che tu faccia, o fai quello che il suo prete ti dice che è la sua volontà. Che tu lo immagini o che qualche prete ti dica di farlo, stai davvero adorando gli uomini. Adorazione significa sottomissione significa obbedienza.

Ora anche gli ebrei adoravano gli uomini. Abbiamo appena letto le parole di Gesù in Matteo 15: 9. Tuttavia, la loro religione era diversa da tutte le altre. Era la vera religione. La loro nazione è stata fondata da Dio e data la legge di Dio. Non adoravano gli idoli. Non avevano un pantheon di dei. E il loro Dio, YHWH, Yehowah, Geova, qualunque cosa tu voglia, continua ad essere adorato fino ad oggi.

Vedi dove stiamo andando con questo? Se allora sei ebreo, l'unico luogo in cui adorare il vero Dio è all'interno del giudaismo, e il luogo in cui esiste la presenza di Dio sulla terra è il Sancta Sanctorum, il santuario interno all'interno del Tempio di Gerusalemme. Porta via tutto questo e togli Dio dalla terra. Come potresti adorare Dio ancora? Dove potresti adorare Dio? Se il tempio non c'è più, dove puoi offrire i tuoi sacrifici per il perdono dei peccati? L'intero scenario sarebbe impensabile per un ebreo di quell'epoca.

Eppure questo è ciò che Gesù aveva predicato. Nei tre capitoli di Matteo che precedono la loro domanda leggiamo degli ultimi quattro giorni di Gesù nel tempio, condannando i dirigenti per ipocrisia e profetizzando che la città e il tempio sarebbero stati distrutti. In effetti, sembra che le ultime parole che ha detto poco prima di lasciare il tempio per l'ultima volta siano state queste: (Questa è dalla Bibbia letterale bereana)

(Matthew 23: 29-36) “Guai a voi, scribi e farisei, ipocriti! Poiché costruisci le tombe dei profeti e adorni i monumenti dei giusti; e tu dici: "Se fossimo stati ai tempi dei nostri padri, non saremmo stati partecipi di loro nel sangue dei profeti". Così testimoniate voi stessi che siete figli di coloro che hanno ucciso i profeti. Tu, quindi, riempi la misura dei tuoi padri. Serpenti! Prole di vipere! Come scapperai dalla sentenza di Geenna? "

“Per questo, ecco, io mando a voi profeti e saggi e scribi. Alcuni di loro uccideranno e crocifiggerete, e alcuni di voi frugheranno nelle vostre sinagoghe e perseguiterete da una città all'altra; cosicché su di te verrà tutto il sangue giusto che sarà sparso sulla terra, dal sangue del giusto Abele al sangue di Zaccaria, figlio di Berekia, che hai ucciso tra il tempio e l'altare. Davvero ti dico che tutte queste cose verranno su questa generazione. "

Riesci a vedere la situazione come l'avrebbero vista loro? Sei un ebreo che crede che l'unico posto dove adorare Dio sia a Gerusalemme al tempio e ora il figlio di Dio, quello che riconosci come il Messia, sta dicendo che le persone che ascoltano le sue parole vedranno la fine di tutte le cose. Immagina come ti farebbe sentire.

Ora, quando ci troviamo di fronte a una realtà che noi, come esseri umani, non siamo disposti o incapaci di contemplare, entriamo in uno stato di negazione. Cosa è importante per te? La tua religione? Il tuo paese? La tua famiglia? Immagina che qualcuno di cui ti fidi come oltre affidabile ti dicesse che la cosa più importante della tua vita finirà e tu sarai in giro per vederlo. Come lo gestiresti? Saresti in grado di gestirlo?

Sembra che i discepoli si stessero divertendo con questo perché quando hanno iniziato a partire dal tempio, hanno fatto di tutto per raccomandarlo a Gesù.

Matthew 24: 1 CEV - “Dopo che Gesù lasciò il tempio, i suoi discepoli si avvicinarono e dissero: 'Guarda tutti questi edifici!'”

Mark 13: 1 ESV - E mentre usciva dal tempio, uno dei suoi discepoli gli disse: "Guarda, Maestro, quali pietre meravigliose e quali meravigliosi edifici!" "

Luke 21: 5 NIV - "Alcuni dei suoi discepoli stavano osservando come il tempio era adornato con bellissime pietre e con doni dedicati a Dio".

“Guarda Signore. Guarda questi splendidi edifici e queste pietre preziose. "Il sottotesto grida abbastanza," Sicuramente queste cose non passeranno? "

Gesù capiva quel sottotesto e sapeva come rispondere. Disse: “Vedi tutte queste cose?… In verità ti dico, qui non sarà lasciata una pietra su un'altra; ognuno sarà buttato giù. " (Matteo 24: 2 NIV)

Dato quel contesto, cosa pensi che avevano in mente quando chiesero a Gesù: "Dicci, quando saranno queste cose e quale sarà il segno della tua presenza e della conclusione del sistema di cose?" (Matthew 24 : 3 NWT)

Sebbene la risposta di Gesù non fosse limitata dalle loro assunzioni, sapeva che cosa avevano in mente, che cosa le riguardava, che cosa stavano veramente chiedendo e quali pericoli avrebbero dovuto affrontare dopo la sua partenza. La Bibbia dice che li amava fino all'ultimo, e l'amore cerca sempre di beneficiare la persona amata. (John 13: 1; 1 Corinthians 13: 1-8)

L'amore di Gesù per i suoi discepoli lo spingerebbe a rispondere alla loro domanda in un modo che ne trarrebbe beneficio. Se la loro domanda presumeva circostanze diverse dalla realtà, non avrebbe voluto indurle. Tuttavia, c'erano cose che non sapeva, [pausa] e cose che non potevano sapere, [pausa] e cose che non potevano ancora gestire sapendo. [pausa] (Matteo 24:36; Atti 1: 7; Giovanni 16:12)

Per riassumere fino a questo punto: Gesù trascorse quattro giorni a predicare nel tempio e durante quel periodo profetizzò la fine di Gerusalemme e del tempio. Poco prima di lasciare il tempio per l'ultima volta, disse ai suoi ascoltatori che il giudizio per tutto il sangue versato da Abele fino all'ultimo profeta martirizzato doveva venire su quella stessa generazione. Ciò segnerebbe la fine del sistema di cose giudaico; la fine della loro età. I discepoli volevano sapere quando sarebbe successo.

È tutto quello che si aspettavano che accadesse?

No.

Poco prima che Gesù salisse in cielo, gli chiesero: "Signore, stai restaurando il regno in Israele in questo momento?" (Atti 1: 6 NWT)

Sembra che accettassero che l'attuale sistema ebraico sarebbe finito, ma credevano che una nazione ebraica restaurata sarebbe seguita sotto Cristo. Quello che non potevano afferrare in quel momento erano le scale temporali coinvolte. Gesù gli aveva detto che si sarebbe assicurato il potere regale e poi sarebbe tornato, ma sembra evidente dalla natura delle loro domande che pensavano che il suo ritorno sarebbe coinciso con la fine della città e del suo tempio.

Ciò si è rivelato essere il caso?

A questo punto, sarebbe vantaggioso tornare alle domande sollevate in precedenza riguardo alla differenza tra il racconto di Matteo della questione e quello di Marco e Luca. Matteo aggiunge la frase: "Quale sarà il segno della tua presenza?" Perché? E perché quasi tutte le traduzioni lo rendono come "il segno della tua venuta" o "il segno del tuo avvento"?

Questi sono anche sinonimi?

Possiamo rispondere alla prima domanda rispondendo alla seconda. E non commettere errori, aver sbagliato si è già dimostrato spiritualmente devastante, quindi proviamo a farlo bene questa volta.

quando Traduzione letterale di Young nonché Traduzione del Nuovo Mondo dai testimoni di Geova rendono la parola greca, parusia, come "presenza" sono letterali. Credo che i testimoni di Geova lo stiano facendo per il motivo sbagliato. Si stanno concentrando sull'uso comune della parola, che letteralmente significa "essere accanto" (HELPS Word-studies 3952) Il loro pregiudizio dottrinale vorrebbe farci credere che Gesù è stato invisibilmente presente dal 1914. Per loro, questa non è la seconda venuta di Cristo, che credono si riferisca al suo ritorno ad Armaghedon. Quindi, per i Testimoni, Gesù è venuto, o verrà, tre volte. Una volta come Messia, di nuovo nel 1914 come Re davidico (Atti 1: 6) e una terza volta ad Armaghedon.

Ma l'esegesi ci impone di ascoltare ciò che è stato detto con l'orecchio di un discepolo del I secolo. C'è un altro significato parusia che non si trova in inglese.

Questo è spesso il dilemma che il traduttore deve affrontare. Ho lavorato come traduttrice nella mia giovinezza e, anche se dovevo occuparmi solo di due lingue moderne, avrei comunque incontrato questo problema. A volte una parola in una lingua ha un significato per il quale non esiste una parola corrispondente precisa nella lingua di destinazione. Un buon traduttore deve rendere il significato e le idee dello scrittore, non le sue parole. Le parole sono semplicemente gli strumenti che usa e se gli strumenti si dimostrano inadeguati, la traduzione ne risentirà.

Lasciate che vi faccia un esempio.

“Quando mi faccio la barba, non uso schiuma, schiuma né spuma. Uso solo schiuma. "

“Cuando me afeito, no uso espuma, espuma, ni espuma. Solo uso espuma. "

Come madrelingua inglese, capisci immediatamente le differenze rappresentate da queste quattro parole. Sebbene fondamentalmente si riferiscano tutti a schiuma di qualche tipo, non sono la stessa cosa. Tuttavia, in spagnolo, queste differenze sfumate devono essere spiegate con l'uso di una frase o di un aggettivo descrittivo.

Questo è il motivo per cui preferisci una traduzione letterale per motivi di studio, perché ti porta un passo più vicino al significato dell'originale. Ovviamente ci deve essere la volontà di capire, quindi l'orgoglio deve essere gettato dalla finestra.

Ho sempre persone che scrivono facendo affermazioni forti basate sulla loro comprensione di una parola tradotta tratta dalla loro amata versione della Bibbia. Questo non è il modo per capire la Scrittura.

Ad esempio, qualcuno che apparentemente voleva una ragione per trovare da ridire sulla Bibbia citò 1 Giovanni 4: 8 che dice che "Dio è amore". Poi quella persona ha citato 1 Corinzi 13: 4 che dice: "l'amore non è geloso". Infine, è stato citato Esodo 34:14 dove Yehowah si riferisce a se stesso come "un Dio geloso". Come potrebbe un Dio amorevole essere anche un Dio geloso se l'amore non è geloso? Il difetto di questa linea di ragionamento semplicistico è la presunzione che le parole inglese, greca ed ebraica siano tutte completamente sinonimi, ma non lo sono.

Non possiamo comprendere alcun documento, figuriamoci uno scritto migliaia di anni fa in una lingua antica, senza comprendere il contesto testuale, storico, culturale e personale.

Nel caso dell'uso di Matthew di parusia, è il contesto culturale che dobbiamo considerare.

La Concordanza di Strong dà la definizione di parusia come "una presenza, un arrivo". In inglese, questi termini hanno qualche relazione reciproca, ma non sono strettamente sinonimi. Inoltre, il greco ha una parola perfettamente buona per "entrare" Eleusis, che Strong's definisce "un arrivo, un arrivo, un avvento". Quindi, se Matteo intendeva "venire" come implica la maggior parte delle traduzioni, perché l'ha usato parusia e non Eleusis?

Lo studioso della Bibbia, William Barclay, ha questo da dire su un antico uso della parola parusia.

“Inoltre, una delle cose più comuni è che le province risalgono a una nuova era dal parusia dell'imperatore. Cos ha datato una nuova era dal parusia di Caio Cesare in AD 4, così come la Grecia dal parusia di Adriano nel 24 dC Una nuova sezione del tempo emerse con l'arrivo del re.

Un'altra pratica comune era quella di coniare nuove monete per commemorare la visita del re. I viaggi di Adriano possono essere seguiti dalle monete coniate per commemorare le sue visite. Quando Nerone visitò Corinto, le monete furono coniate per commemorare il suo adventus, avvento, che è l'equivalente latino del greco parusia. Era come se con l'arrivo del re fosse emerso un nuovo insieme di valori.

Parusia a volte è usato per l '"invasione" di una provincia da parte di un generale. È così usato dall'invasione dell'Asia da parte di Mithradate. Descrive l'ingresso in scena di un potere nuovo e conquistatore ".

(Parole del Nuovo Testamento di William Barclay, p. 223)

Con questo in mente, leggiamo Atti 7:52. Questa volta andremo con la versione standard inglese.

“Quale dei profeti i tuoi padri non hanno perseguitato? E hanno ucciso quelli che hanno annunciato in anticipo il arrivo del Giusto, che ora hai tradito e ucciso, "

Qui, la parola greca non è "presenza" (parusia) ma "coming" (Eleusis). Gesù venne come il Cristo o Messia quando fu battezzato da Giovanni e unto con lo spirito santo da Dio, ma anche se allora era fisicamente presente, la sua presenza regale (parusia) doveva ancora iniziare. Non aveva ancora iniziato a regnare come re. Pertanto, Luca in Atti 7:52 si riferisce alla venuta del Messia o Cristo, ma non alla presenza del Re.

Quindi, quando i discepoli chiesero della presenza di Gesù, chiesero: "Quale sarà il segno del tuo arrivo come re?", O "Quando inizierai a governare su Israele?"

Il fatto che pensassero che il regno regale di Cristo avrebbe coinciso con la distruzione del tempio, non significa che doveva farlo. Il fatto che volessero un segno del suo arrivo o avvento come King non significa che ne avrebbero ottenuto uno. Questa domanda non era ispirata da Dio. Quando diciamo che la Bibbia è ispirata da Dio, ciò non significa che ogni opera scritta in essa provenga da Dio. Quando il Diavolo tentò Gesù, Yehowah non stava mettendo le parole nella bocca di Satana.

Quando diciamo che la Bibbia è ispirata da Dio, ciò non significa che ogni parola scritta in essa provenga da Dio. Quando il Diavolo tentò Gesù, Yehowah non stava mettendo le parole nella bocca di Satana. Quando diciamo che il racconto biblico è ispirato da Dio, intendiamo dire che contiene racconti veritieri accanto alle vere parole di Dio.

I testimoni dicono che Gesù iniziò a governare nel 1914 come Re. In caso affermativo, dove sono le prove? La presenza di un re era segnata in una provincia romana dalla data dell'arrivo dell'imperatore, perché quando il re era presente, le cose cambiarono, furono emanate leggi, furono avviati progetti. L'imperatore Nerone fu intronizzato nel 54 d.C. ma per i corinzi la sua presenza iniziò nel 66 d.C. quando visitò la città e propose la costruzione del Canale di Corinto. Non è successo perché è stato assassinato poco dopo, ma hai capito.

Allora, dov'è la prova che la presenza regale di Gesù ebbe inizio 105 anni fa? Del resto, quando alcuni dicono che la sua presenza è iniziata nel 70 EV, dove sono le prove? L'apostasia cristiana, i secoli bui, la guerra dei 100 anni, le crociate e l'Inquisizione spagnola - non sembra la presenza di un re che vorrei governare su di me.

Le prove storiche ci portano alla conclusione che la presenza di Cristo, sebbene menzionata nella stessa domanda, è un evento separato dalla distruzione di Gerusalemme e del suo tempio?

Quindi, Gesù fu in grado di dare loro un avvertimento sulla vicinanza della fine del sistema di cose ebraico?

Ma alcuni potrebbero obiettare: "Gesù non divenne re nel 33 EV?" Sembra di sì, ma Salmo 110: 1-7 parla del suo sedere alla destra di Dio fino a quando i suoi nemici non sono sottomessi ai suoi piedi. Di nuovo, con parusia non stiamo parlando necessariamente dell'intronizzazione di un re, ma della visita del re. Probabilmente Gesù fu in trono in cielo in 33 CE, ma la sua visita sulla terra come Re doveva ancora venire.

Alcuni credono che tutte le profezie pronunciate da Gesù, comprese quelle che si trovano in Rivelazione, si siano adempiute nel I secolo. Questa scuola di teologia è conosciuta come Preterismo e coloro che la sostengono sono chiamati Preteristi. Personalmente, non mi piace l'etichetta. E non mi piace nulla che permetta a un essere umano di classificare facilmente qualcuno in una categoria. Lanciare etichette alle persone è l'antitesi del pensiero critico.

Il fatto che alcune delle parole di Gesù si siano adempiute nel I secolo è al di là di ogni ragionevole domanda, come vedremo nel prossimo video. La domanda è se tutte le sue parole si applicano al primo secolo. Alcuni sostengono che sia così, mentre altri postulano l'idea di una duplice realizzazione. Una terza alternativa è che parti della profezia si siano adempiute nel I secolo mentre altre devono ancora avverarsi.

Dopo aver esaurito il nostro esame della domanda, passeremo ora alla risposta data da Cristo. Lo faremo nella seconda parte di questa serie di video.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.

    Leggi questo nella tua lingua:

    English简体中文DanskNederlandsFilipinoSuomiFrançaisDeutschItaliano日本語한국어ພາສາລາວPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀРусскийEspañolKiswahiliSvenskaதமிழ்TürkçeУкраїнськаTiếng ViệtZulu

    Pagine dell'autore

    Temi

    Articoli per mese

    55
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x