Esame di Matthew 24; Parte 3: Predicazione in tutta la terra abitata

by | Ottobre 25, 2019 | Esame di Matthew 24 Series, Video | 56 commenti

Ciao, mi chiamo Eric Wilson, e questo è il terzo della nostra serie sul capitolo 24 di Matthew.

Vorrei che per un momento immaginassi di essere seduto sul Monte degli Ulivi ad ascoltare Gesù quando pronuncia le seguenti parole:

"E questa buona notizia del Regno sarà predicata in tutta la terra abitata come testimone di tutte le nazioni, e poi verrà la fine." (Mt 24: 14)

Che cosa avresti capito, come ebreo di quel tempo, con Gesù intendi

  1. Questa buona notizia?
  2. Tutta la terra abitata?
  3. Tutte le nazioni?
  4. La fine arriverà?

Se la nostra prima conclusione è che questo deve valere per noi, non siamo solo un po 'egocentrici? Voglio dire, non abbiamo posto la domanda e non abbiamo ottenuto la risposta, quindi perché dovremmo pensare che si applichi a noi a meno che, ovviamente, Gesù non lo dica esplicitamente, cosa che per inciso non ha.

I testimoni di Geova non solo pensano che questo versetto si applichi ai nostri giorni, ma credono anche che si applichi solo a loro. Solo loro sono incaricati di svolgere questo lavoro storico. Le vite di miliardi, letteralmente di tutti sulla terra, dipendono da quanto bene portano a termine la loro missione. Il suo completamento segnerà la fine del mondo. E sapranno quando sarà completato, perché hanno ancora un altro messaggio, un messaggio di non così buona notizia da predicare. Credono che saranno incaricati da Dio di pronunciare un messaggio di giudizio.

15 di luglio, 2015 la Torre di Guardia dice a pagina 16, paragrafo 9:

"Questo non sarà il momento di predicare la" buona notizia del Regno ". Quel tempo sarà passato. Il tempo per "la fine" sarà arrivato! (Matt. 24: 14) Senza dubbio ... (Oh, il numero di volte che ho letto le parole "senza dubbio" nella Torre di Guardia solo per subire delusioni in seguito.) Senza dubbio, il popolo di Dio proclamerà un duro messaggio di giudizio . Ciò potrebbe comportare una dichiarazione che annuncia che il mondo malvagio di Satana sta per giungere alla sua fine completa. "

Questo ostentato destino viene conferito ai testimoni di Geova da Dio. Almeno, questa è la conclusione che prendono sulla base di questo piccolo verso.

Le vite di miliardi di persone si basano davvero sull'accettazione la Torre di Guardia e Sveglio! riviste di sabato mattina? Quando cammini su quel carro per la strada sorvegliato dalle sue silenziose sentinelle, senza dargli una seconda occhiata, ti condanni davvero alla distruzione eterna?

Sicuramente un destino così terribile verrebbe con un'etichetta di avvertimento di qualche tipo, o a Dio non importa così tanto di noi.

I tre racconti di Matteo, Marco e Luca che stiamo analizzando contengono tutti vari elementi comuni, mentre alcune caratteristiche meno critiche sono assenti da uno o due racconti. (Ad esempio, Luca è l'unico che menziona il calpestio di Gerusalemme durante i tempi fissati dei Gentili. Matteo e Marco lo tralasciano). Tuttavia, gli elementi veramente cruciali, come gli avvertimenti di evitare falsi profeti e falsi cristi, sono condivisi tra tutti gli account. Che dire di questo presunto messaggio di vita o morte, fine del mondo?

Cosa dice Luke sull'argomento?

Stranamente, niente. Non fa menzione di queste parole. Marco lo fa, ma tutto quello che dice è "Inoltre, in tutte le nazioni, la buona notizia deve essere predicata prima". (Mr 13:10)

"Anche…"? È come se il nostro Signore stesse dicendo: "Oh, e comunque, la buona notizia viene predicata prima che accadano tutte queste altre cose".

Niente a proposito di "Faresti meglio ad ascoltare, o morirai".

Cosa intendeva veramente Gesù quando diceva queste parole?

Diamo un'occhiata a quella lista di nuovo.

Sarà più facile capirlo se iniziamo dal basso e lavoriamo verso l'alto.

Quindi il quarto elemento era: "E poi arriverà la fine".

A quale fine poteva riferirsi? Menziona solo un'estremità. La parola è al singolare. Gli avevano appena chiesto un segno per sapere quando sarebbe giunta la fine della città con il suo tempio. Naturalmente presumevano che quella fosse la fine di cui parlava. Ma perché ciò avesse senso, la buona notizia avrebbe dovuto essere predicata in tutta la terra abitata, ea tutte le nazioni, e questo non accadde nel I secolo. Oppure sì? Non saltiamo a nessuna conclusione.

Passando al terzo punto: che cosa avrebbero capito Gesù intendendo quando si riferivano a "tutte le nazioni"? Avrebbero pensato: “Oh, la buona notizia sarà predicata in Cina, India, Australia, Argentina, Canada e Messico?

La parola che usa è ethnos, da cui deriva la parola inglese "etnica".

La Concordanza di Strong ci dà:

Definizione: una razza, una nazione, le nazioni (distinte da Israele)
Uso: una razza, popolo, nazione; le nazioni, il mondo pagano, i gentili.

Quindi, quando usati al plurale, "nazioni", ethnos, si riferisce ai Gentili, il mondo pagano al di fuori dell'ebraismo.

Ecco come la parola viene usata in tutte le Scritture cristiane. Ad esempio, in Matteo 10: 5 leggiamo, "Questi 12 Gesù ha inviato, dando loro queste istruzioni:" Non andare sulla strada delle nazioni e non entrare in nessuna città samaritana; "(Mt 10: 5)

La traduzione del Nuovo Mondo usa qui "nazioni", ma la maggior parte delle altre versioni lo rendono "Gentili". All'ebreo, ethnos significava non ebrei, gentili.

Che dire del secondo elemento della sua affermazione: "tutta la terra abitata"?

La parola in greco è oikoumene. (Ee-ku-me-nee)

La Concordanza di Strong spiega il suo uso come "(propriamente: la terra che viene abitata, la terra in uno stato di abitazione), il mondo abitato, cioè il mondo romano, perché tutto al di fuori di esso era considerato privo di significato."

AIUTA Gli studi di parole lo spiegano in questo modo:

3625 (oikouménē) significa letteralmente "l'abitato (terra)". Era “originariamente usato dai Greci per denotare la terra abitata da loro stessi, in contrasto con i paesi barbari; in seguito, quando i greci divennero soggetti ai romani, "l'intero mondo romano"; ancora più tardi, per 'l'intero mondo abitato' “.

Date queste informazioni, potremmo parafrasare le parole di Gesù da leggere, "e questa buona notizia del regno sarà predicata in tutto il mondo conosciuto (l'Impero Romano) a tutti i Gentili prima che Gerusalemme venga distrutta".

È successo? Nel 62 EV, appena quattro anni prima del primo assedio di Gerusalemme e mentre era imprigionato a Roma, Paolo scrisse ai Colossesi parlando di "... la speranza di quella buona notizia che avete udito e che è stata predicata in tutta la creazione che è sotto Paradiso." (Col 1:23)

In quell'anno, i cristiani non avevano raggiunto l'India, né la Cina, né i popoli indigeni delle Americhe. Tuttavia, le parole di Paolo sono veritiere nel contesto dell'allora noto mondo romano.

Così il gioco è fatto. La buona notizia del regno di Cristo fu predicata in tutto il mondo romano a tutti i gentili prima che il sistema ebraico delle cose giungesse alla fine.

Era semplice, no?

Lì abbiamo una spiegazione semplice e inequivocabile per le parole di Gesù che si adatta a tutti i fatti della storia. Potremmo terminare questa discussione subito e andare avanti, tranne per il fatto che, come abbiamo già affermato, otto milioni di testimoni di Geova pensano di adempiere oggi Matteo 24:14. Credono che questo sia un adempimento antitipico o secondario. Insegnano che le parole di Gesù ebbero un adempimento minore nel I secolo, ma quello che vediamo oggi è l'adempimento maggiore. (Vedi w03 1/1 p. 8 par. 4.)

Che effetto ha questa convinzione sui testimoni di Geova? È come un salvagente. Quando si trovano di fronte all'ipocrisia dell'affiliazione decennale del Corpo Direttivo con le Nazioni Unite, vi si aggrappano. Quando vedono l'ondata di cattiva pubblicità che circonda decenni di maltrattamenti sessuali su minori, si aggrappano a essa come un uomo che sta annegando. "Chi altri predica la Buona Novella del Regno in tutta la terra?" dicono.

Non importa davvero che sappiano che non predicano a tutte le nazioni né in tutta la terra abitata. I testimoni non predicano nelle nazioni dell'Islam, né stanno effettivamente raggiungendo il miliardo di indù sulla terra, né stanno facendo alcuna differenza apprezzabile in paesi come la Cina o il Tibet.

Questi sono tutti fatti facilmente trascurati. La cosa fondamentale è che credono che solo i Testimoni predicano la buona notizia del regno di Dio. Nessun altro lo sta facendo.

Se possiamo dimostrare che non è così, allora questo fondamento della teologia dei Testimoni si sbriciola. Per fare ciò, dobbiamo comprendere la larghezza, la larghezza e l'altezza di questa dottrina.

Ha origine in 1934. Tre anni prima, Rutherford aveva assunto il 25% dei gruppi di studenti biblici ancora affiliati alla sua casa editrice, la Watchtower Bible and Tract Society, e li aveva trasformati in una vera organizzazione religiosa dando loro il nome di Testimoni di Geova e centralizzando il potere di nominare anziani al quartier generale. Quindi, in un articolo in due parti pubblicato su 1 e 15 di agosto, i problemi di 1934 di la Torre di Guardia, introdusse un sistema a due classi che gli permise di creare una divisione del clero e dei laici come avevano fatto le chiese della cristianità. Lo fece facendo uso di rappresentazioni antitipiche non scritturali che impiegavano le città di rifugio di Israele, il rapporto tra l'israelita Jehu e il gentile Jonadab, nonché la divisione del fiume Giordano quando i sacerdoti attraversarono con l'arca dell'alleanza. (Ho un'analisi dettagliata di questi articoli sul nostro sito Web. Metterò un link ad essi nella descrizione di questo video.)

In questo modo, ha creato una classe secondaria di cristiani chiamata la classe Jonadab altrimenti nota come le Altre Pecore.

Come prova, ecco un estratto di uno degli ultimi paragrafi dello studio in due parti: parentesi quadre aggiunte:

“Va notato che l'obbligo è imposto alla classe sacerdotale [l'unto] di condurre la guida o la lettura della legge dell'istruzione al popolo. Pertanto, dove c'è una compagnia [o congregazione] di testimoni di Geova ... il capo di uno studio dovrebbe essere selezionato tra gli unti, e allo stesso modo quelli del comitato di servizio dovrebbero essere presi dagli unti ... Jonadab era lì come uno da imparare , e non uno che doveva insegnare ... L'organizzazione ufficiale di Geova sulla terra consiste nel suo rimanente unto, e ai Jonadab [altre pecore] che camminano con l'unto devono essere insegnati, ma non essere dirigenti. Questa sembra essere la disposizione di Dio, e tutti dovrebbero attenersi volentieri a ciò. ”(W34 8 / 15 p. 250 par. 32)

Ciò ha tuttavia creato un problema. La convinzione era che atei, pagani e falsi cristiani morti prima di Armaghedon sarebbero stati resuscitati come parte della risurrezione degli ingiusti. Gli ingiusti tornano ancora nel loro stato peccaminoso. Possono raggiungere la perfezione o l'assenza di peccato solo dopo essere stati dichiarati giusti da Dio alla fine dei mille anni. Quale speranza di risurrezione avevano gli Jonadab o le altre pecore? Esattamente la stessa speranza. Anche loro sarebbero tornati peccatori e avrebbero dovuto lavorare verso la perfezione entro la fine dei mille anni. Allora, cosa spinge un Jonadab o un'altra pecora Testimone di Geova a fare grandi sacrifici per l'opera se la ricompensa che ottiene non è diversa da quella di un incredulo?

Rutherford dovette offrire loro qualcosa che il malvagio incredulo non avrebbe ottenuto. La carota era sopravvissuta ad Armageddon. Ma per renderlo davvero desiderabile, ha dovuto insegnare che coloro che furono uccisi ad Armaghedon non avrebbero avuto la resurrezione, nessuna seconda possibilità.

Questo è essenzialmente l'equivalente JW del fuoco infernale. La dottrina del fuoco infernale è stata a lungo criticata dai Testimoni di Geova come antitetica dell'amore di Dio. Come può un Dio dell'amore torturare qualcuno per sempre e semplicemente per aver rifiutato di obbedirgli?

Tuttavia, i Testimoni non riescono a vedere l'ironia nel promuovere una convinzione che vorrebbe Dio distruggere eternamente un individuo senza fornirgli nemmeno una debole possibilità di redenzione. Dopo tutto, che possibilità ha la bambina di 13 anni nelle culture musulmana e indù di conoscere il Cristo? Del resto, che possibilità ha un musulmano o un indù di comprendere veramente la speranza cristiana? Potrei continuare con molti altri esempi.

Tuttavia, i Testimoni sono contenti di credere che questi saranno uccisi da Dio senza speranza di risurrezione, semplicemente perché hanno avuto la sfortuna di essere nati nella famiglia sbagliata o nella cultura sbagliata.

È fondamentale per la leadership dell'Organizzazione che tutti i Testimoni lo credano. Altrimenti, per cosa stanno lavorando così duramente? Se anche i non testimoni sopravvivranno ad Armaghedon, o se coloro che sono stati uccisi in quella guerra riceveranno una risurrezione, allora di cosa si tratta?

Tuttavia, questa è essenzialmente la Buona Novella predicata dai Testimoni.

A partire dal la Torre di Guardia di settembre 1, pagina 1989 19:

 "Solo i testimoni di Geova, quelli dell'unto rimanente e della" grande folla ", come organizzazione unita sotto la protezione del Supremo Organizzatore, hanno qualche speranza scritturale di sopravvivere all'imminente fine di questo sistema condannato dominato da Satana il Diavolo".

A partire dal la Torre di Guardia di agosto 15, 2014, pagina 21:

“In effetti, Gesù ci trasmette anche la voce di Geova mentre guida la congregazione tramite“ lo schiavo fedele e discreto ”. [Leggi "Corpo Direttivo"] (Matt. 24:45) Dobbiamo prendere sul serio questa guida e guida, poiché la nostra vita eterna dipende dalla nostra obbedienza ". (Staffe aggiunte.)

Pensiamoci un minuto. Per adempiere Matteo 24:14 nel modo in cui lo interpretano i Testimoni, la buona notizia deve essere predicata in tutta la terra abitata a tutte le nazioni. I testimoni non lo fanno. Neanche vicino. Stime prudenti mostrano che circa tre miliardi di esseri umani non sono mai stati predicati da un solo Testimone di Geova.

Tuttavia, mettiamo tutto da parte per il momento. Supponiamo che prima della fine l'Organizzazione troverà un modo per raggiungere ogni uomo, donna e bambino sul pianeta. Ciò cambierebbe le cose?

No, ed ecco perché. Questa interpretazione funziona solo se stanno predicando la vera buona notizia che Gesù e gli apostoli predicavano. Altrimenti, i loro sforzi sarebbero peggiori che invalidi.

Considera le parole di Paolo ai Galati sull'argomento.

“Sono stupito che ti stia allontanando così rapidamente da Colui che ti ha chiamato con immeritata gentilezza di Cristo verso un'altra buona notizia. Non che ci sia un'altra buona notizia; ma ci sono alcuni che ti stanno causando problemi e che vogliono distorcere la buona notizia di Cristo. Tuttavia, anche se noi o un angelo fuori dal paradiso dovessimo dichiararvi una buona notizia qualcosa al di là della buona notizia che vi abbiamo dichiarato, siate maledetti. Come abbiamo detto prima, ora dico di nuovo, chiunque ti stia dichiarando una buona notizia qualcosa al di là di ciò che hai accettato, sia maledetto. "(Galati 1: 6-9)

Certo, i Testimoni sono sicuri che solo loro predicano la buona, la giusta, la vera buona notizia. Considera questo da un recente articolo di studio della Torre di Guardia:

“Quindi chi sta predicando veramente la buona notizia del Regno oggi? Con piena fiducia, possiamo dire: "Testimoni di Geova!" Perché possiamo essere così sicuri? Perché stiamo predicando il messaggio giusto, la buona notizia del Regno. ”(W16 Maggio p. 12 par. 17)

"Sono gli unici a predicare che Gesù governa da re da 1914". (W16 Maggio p. 11 par. 12)

Resisti! Abbiamo già dimostrato che i Testimoni di Geova hanno torto su 1914. (Metterò qui un link ai video che dimostrano chiaramente questa conclusione dalla Scrittura.) Quindi, se questo è un pilastro della loro predicazione della buona notizia, allora stanno predicando una falsa buona notizia.

È l'unica cosa sbagliata nella predicazione della buona notizia dei testimoni di Geova? No.

Cominciamo con Armageddon. Il loro obiettivo principale è Armageddon. Credono che Gesù verrà e giudicherà tutta l'umanità a quel punto e condannerà chiunque non sia Testimone di Geova alla distruzione eterna.

Su cosa si basa?

La parola Armaghedon compare solo una volta nella Bibbia. Solo una volta! Eppure pensano di sapere tutto su ciò che rappresenta.

Secondo fonti storiche affidabili, la parola fu rivelata ai cristiani verso la fine del primo secolo, molto tempo dopo gli eventi registrati nel libro degli Atti. (So ​​che i Preteristi non saranno d'accordo con me su questo, ma lasciamo quella discussione per il nostro prossimo video.) Se leggi il libro degli Atti, non troverai alcun riferimento ad Armageddon. È vero che il messaggio che i cristiani del I secolo predicarono in tutta la terra abitata e in tutte le nazioni in quel momento era di salvezza. Ma non è stata la salvezza da una catastrofe che attraversa il globo. In effetti, quando esaminerai l'unico posto in cui la parola Armageddon compare nella Bibbia, vedrai che non dice nulla su tutta la vita che viene distrutta per l'eternità. Leggiamo solo la Bibbia e vediamo cosa ha da dire.

“. . Sono, in effetti, espressioni ispirate dai demoni e compiono segni, ed escono dai re di tutta la terra abitata, per riunirli alla guerra del grande giorno di Dio Onnipotente ... E li hanno raccolti insieme al luogo chiamato in ebraico Armageddon. ”(Re 16: 14, 16)

Noterai che non ogni uomo, donna e bambino viene portato in guerra, ma i re o governanti della terra. Questo coincide con la profezia che si trova nel libro di Daniele.

“Ai tempi di quei re l'Iddio del cielo istituirà un regno che non sarà mai distrutto. E questo regno non sarà trasmesso ad altre persone. Distruggerà e metterà fine a tutti questi regni, e rimarrà solo per sempre ”(Da 2: 44)

Come ogni potere di conquista, lo scopo di Gesù non sarà quello di distruggere tutta la vita, ma piuttosto di annientare qualsiasi opposizione al suo governo, sia esso politico, religioso o istituzionale. Naturalmente, chiunque combatta contro di lui fino al più umile del genere umano otterrà ciò che si merita. Tutto quello che possiamo dire è che non c'è nulla nelle Scritture che indichi che ogni uomo, donna e bambino sulla terra sarà ucciso in eterno. A coloro che vengono uccisi, infatti, non viene esplicitamente negata la speranza di una risurrezione. Che siano risorti o meno è qualcosa che non possiamo dire con certezza. A dire il vero, ci sono prove che coloro a cui Gesù predicò direttamente, così come i malvagi di Sodoma e Gomorra, torneranno nella risurrezione. Quindi questo ci dà speranza, ma semplicemente non dovremmo fare alcuna dichiarazione categorica in merito. Sarebbe un giudizio e come tale sarebbe sbagliato.

Ok, quindi i testimoni hanno torto sull'istituzione 1914 del regno e sulla natura di Armageddon. Sono questi gli unici due elementi nella loro predicazione della buona notizia falsi? Purtroppo no. C'è qualcosa di molto peggio da considerare.

Giovanni 1:12 ci dice che tutti coloro che esercitano fede nel nome di Gesù ottengono “l'autorità di diventare figli di Dio”. Romani 8:14, 15 ci dice che "tutti coloro che sono guidati dallo spirito di Dio sono davvero figli di Dio" e hanno "ricevuto uno spirito di adozione". Questa adozione rende i cristiani eredi di Dio che possono ereditare dal loro Padre ciò che ha, la vita eterna. 1 Timoteo 2: 4-6 ci dice che Gesù è il mediatore tra Dio e gli uomini, un “riscatto per tutti”. In nessun luogo i cristiani vengono indicati come amici di Dio, ma solo come suoi figli. Dio ha fatto un accordo o un'alleanza con i cristiani, chiamato Nuova Alleanza. Da nessuna parte ci viene detto che la stragrande maggioranza dei cristiani è esclusa da questo patto, che in realtà non ha affatto patto con Dio.

La buona notizia che Gesù predicò e che i suoi seguaci presero e predicarono in tutta la terra abitata prima della distruzione di Gerusalemme fu che tutti coloro che credevano in Cristo potevano diventare figli adottivi di Dio e condividere con Cristo il regno dei cieli. Non c'era speranza secondaria che predicavano. Non una salvezza alternativa.

Da nessuna parte nella Bibbia trovi nemmeno un accenno di una buona notizia diversa che dice alle persone che saranno dichiarate giuste come amici di Dio ma non bambini e saranno risuscitate ancora in uno stato di peccato nonostante siano state dichiarate giuste. Non si parla da nessuna parte di un gruppo di cristiani che non sarebbero stati inclusi nel nuovo patto, non avrebbero avuto Gesù Cristo come loro mediatore, non avrebbero avuto la speranza della vita eterna immediatamente dopo la loro risurrezione. Da nessuna parte viene detto ai cristiani di astenersi dal prendere gli emblemi che rappresentano la carne e il sangue salvavita del nostro Signore Gesù Cristo.

Se, dopo aver sentito questo, la tua prima reazione è di chiedere: "Stai dicendo che tutti vanno in paradiso?" O, "Stai dicendo che non c'è speranza terrena?"

No, non sto dicendo niente del genere. Quello che sto dicendo è che l'intera premessa della buona notizia che i Testimoni di Geova predicano è sbagliata da zero. Sì, ci sono due risurrezioni. Paolo parlò di una risurrezione degli ingiusti. È chiaro che l'ingiustizia non può ereditare il regno dei cieli. Ma non ci sono due gruppi di giusti.

Questo è un argomento molto complesso e che spero di affrontare in modo molto dettagliato in una serie di video futuri. Ma solo per calmare la preoccupazione che molti potrebbero provare, diamo un'occhiata brevemente. Uno schizzo in miniatura, se vuoi.

Hai miliardi di persone nel corso della storia che hanno vissuto in alcune delle condizioni più orrende immaginabili. Hanno subito un trauma che la maggior parte di noi non può nemmeno immaginare. Ancora oggi miliardi di persone vivono in condizioni di estrema povertà o soffrono di malattie debilitanti, oppressione politica o schiavitù di varia natura. Come può una qualsiasi di queste persone avere una ragionevole ed equa possibilità di conoscere Dio? Come potranno mai sperare di riconciliarsi nella famiglia di Dio? Il campo di gioco, per così dire, deve essere livellato. Tutti devono avere una giusta possibilità. Entrano i figli di Dio. Un piccolo gruppo, provato e messo alla prova come lo stesso Gesù, a cui poi è stata data l'autorità e il potere non solo di governare la terra e garantire la giustizia, ma anche di agire come sacerdoti, in modo da assistere i bisognosi e aiutare tutti a ristabilire una relazione con Dio.

La buona notizia non riguarda il salvare ogni uomo donna e bambino da una morte infuocata ad Armaghedon. La buona notizia riguarda il raggiungimento di coloro che accetteranno l'offerta di diventare un figlio adottivo di Dio e che sono disposti a servire in tale veste. Una volta che il loro numero è completo, Gesù può portare alla fine del dominio umano.

I testimoni credono che solo quando finiscono l'opera di predicazione Gesù può portare alla fine. Ma Matthew 24: 14 si è adempiuto nel primo secolo. Non ha compimento oggi. Gesù porterà la fine quando il numero completo degli eletti, i figli di Dio, sarà completo.

L'angelo lo rivelò a Giovanni:

“Quando aprì il quinto sigillo, vidi sotto l'altare le anime di quelli massacrati a causa della parola di Dio e della testimonianza che avevano dato. Gridarono a gran voce, dicendo: "Fino a quando, Sovrano Signore, santo e vero, ti stai astenendo dal giudicare e vendicare il nostro sangue su coloro che abitano sulla terra?" E una veste bianca fu data a ciascuno di loro, e gli fu detto di riposare ancora un po ', finché il numero non fu riempito dai loro compagni schiavi e dai loro fratelli che stavano per essere uccisi come erano stati. ”(Re 6: 9-11)

La fine del dominio umano arriva solo quando il numero completo dei fratelli di Gesù è pieno.

Lasciatemelo ribadire. È solo quando l'intero numero dei fratelli di Gesù è pieno, che arriva la fine del governo umano. Armaghedon arriva quando tutti gli unti figli di Dio sono suggellati.

E così, ora arriviamo alla vera tragedia che ne è derivata a causa della predicazione della cosiddetta buona notizia predicata dai testimoni di Geova. Negli ultimi 80 anni, i testimoni di Geova hanno dedicato miliardi di ore nel tentativo inconsapevole di respingere la fine. Vanno di porta in porta per fare discepoli e dicono loro che non possono entrare nel regno come figli di Dio. Stanno tentando di sbarrare l'accesso al Regno dei cieli.

Sono come i capi dei giorni di Gesù.

“Guai a voi, scribi e farisei, ipocriti! perché hai chiuso il regno dei cieli davanti agli uomini; poiché voi stessi non entrate, né permettete a quelli che entrano di entrare. ”(Mt 23: 13)

La buona notizia che predicano i Testimoni è in realtà una buona notizia. È diametralmente opposto al messaggio predicato dai cristiani del I secolo. Funziona contro lo scopo di Dio. Se la fine arriva solo quando viene raggiunto il numero completo dei fratelli di Cristo, allora gli sforzi dei testimoni di Geova di convertire milioni di persone alla convinzione di non essere chiamati a essere figli di Dio hanno lo scopo di vanificare tale sforzo.

Questo fu iniziato da JF Rutherford in un momento in cui affermava che lo spirito santo non dirigeva più l'opera, ma che gli angeli stavano comunicando messaggi di Dio. Quale “angelo” non vuole che il seme delle donne salga al potere?

Ora possiamo capire perché Paolo ne abbia parlato così fortemente ai Galati. Leggiamolo di nuovo, ma questa volta dalla New Living Translation:

“Sono scioccato dal fatto che ti allontani così presto da Dio, che ti ha chiamato a se stesso attraverso l'amorevole misericordia di Cristo. Stai seguendo un modo diverso che finge di essere la Buona Novella ma non è affatto la Buona Novella. Sei stato ingannato da coloro che hanno deliberatamente distorto la verità su Cristo. Lascia che la maledizione di Dio cada su chiunque, incluso noi o anche un angelo dal cielo, che predica un tipo di Buona Novella diverso da quello che ti abbiamo predicato. Ripeto ciò che abbiamo detto prima: se qualcuno predica qualche buona notizia diversa da quella che hai accolto, lascia che quella persona sia maledetta. "(Galati 1: 6-9)

Matteo 24:14 non ha alcun adempimento moderno. Si è adempiuto nel I secolo. Applicarlo ai tempi moderni ha portato milioni di persone a lavorare inconsapevolmente contro gli interessi di Dio e il seme promesso.

L'avvertimento e la condanna di Paolo risuonano tanto quanto nel primo secolo.

Posso solo sperare che tutti i miei ex fratelli e sorelle all'interno della comunità dei Testimoni di Geova terranno conto in preghiera di come questo avvertimento li influenza individualmente.

Continueremo la nostra discussione su Matthew 24 nel nostro prossimo video analizzando dal verso 15 in poi.

Grazie per aver guardato e per il vostro supporto.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.

    Leggi questo nella tua lingua:

    English简体中文DanskNederlandsFilipinoSuomiFrançaisDeutschItaliano日本語한국어ພາສາລາວPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀРусскийEspañolKiswahiliSvenskaதமிழ்TürkçeУкраїнськаTiếng ViệtZulu

    Pagine dell'autore

    Temi

    Articoli per mese

    56
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x