Esaminando Matteo 24, parte 4: "La fine"

by | Novembre 12, 2019 | Esame di Matthew 24 Series, Video | 36 commenti

Ciao, mi chiamo Eric Wilson. C'è un altro Eric Wilson su Internet che fa video basati sulla Bibbia, ma non è in alcun modo collegato a me. Quindi, se fai una ricerca sul mio nome ma ti viene in mente l'altro ragazzo, prova invece il mio alias, Meleti Vivlon. Ho usato quell'alias per anni sui miei siti web - meletivivlon.com, beroeans.net, beroeans.study - per evitare persecuzioni inutili. Mi è servito bene e lo uso ancora. È una traslitterazione di due parole greche che significano "studio biblico".

Questo è ora il quarto della nostra serie di video sul capitolo 24th molto controverso e spesso interpretato male di Matthew. I Testimoni di Geova credono che solo loro abbiano svelato i misteri e il vero significato delle parole di Gesù pronunciate sul Monte degli Ulivi. In realtà, sono solo una delle tante religioni che hanno frainteso la vera importanza e l'applicazione di ciò che Gesù stava dicendo ai suoi discepoli. In 1983, William R Kimball — non un Testimone di Geova — aveva detto quanto segue su questa profezia nel suo libro:

“Un'interpretazione errata di questa profezia ha spesso portato a una moltitudine di concetti errati, teorie sciocche e speculazioni fantasiose riguardanti le previsioni profetiche del futuro. Come il "principio del domino", quando il discorso di Olivet viene sbilanciato, tutte le profezie correlate lungo la linea vengono successivamente eliminate.

“Il modello di forzare le Scritture ad inchinarsi davanti alle“ mucche sacre ”della tradizione profetica è stato spesso il caso nell'interpretazione del discorso di Olivet. Poiché la priorità nell'interpretazione è stata spesso posta su un sistema profetico piuttosto che sulla chiara spinta della parola, c'è stata una riluttanza comune ad accettare le Scritture al valore nominale o nella giusta impostazione contestuale che il Signore intendeva trasmettere. Questo è stato spesso dannoso per lo studio della profezia ”.

Dal libro, Cosa dice la Bibbia sulla Grande Tribolazione di William R. Kimball (1983) pagina 2.

Avevo programmato di andare avanti con la discussione a partire dal verso 15, ma una serie di commenti generati da qualcosa che ho detto nel mio video precedente mi hanno spinto a fare ulteriori ricerche in difesa di ciò che ho detto, e di conseguenza ho ho imparato qualcosa di molto interessante.

Sembra che alcuni abbiano avuto l'impressione che quando ho detto che Matteo 24:14 si è adempiuto nel I secolo, stavo anche dicendo che la predicazione della buona notizia finì allora. Semplicemente, non è questo il caso. Mi rendo conto che il potere dell'indottrinamento JW tende ad offuscare le nostre menti in modi di cui non siamo nemmeno consapevoli.

In qualità di testimone di Geova, mi è stato insegnato che la fine a cui si riferiva Gesù nel versetto 14 era quella dell'attuale sistema di cose. Di conseguenza fui indotto a credere che la buona notizia secondo i testimoni di Geova che predicavo sarebbe giunta al suo completamento prima di Armaghedon. In effetti, non solo sarebbe terminato prima dell'Armageddon, ma sarebbe stato sostituito da un messaggio diverso. Questa continua ad essere la convinzione tra i Testimoni.

"Questo non sarà il momento di predicare la" buona notizia del Regno ". Quel tempo sarà passato. Il tempo per "la fine" sarà arrivato! (Matt 24: 14) Senza dubbio, il popolo di Dio proclamerà un duro messaggio di giudizio. Ciò può comportare una dichiarazione che annuncia che il mondo malvagio di Satana sta per giungere al termine completo. "(W15 7 / 15 p. 16, par. 9)

Naturalmente, questo ignora completamente l'affermazione di Gesù che "nessun uomo conosce il giorno né l'ora". Ha anche detto più volte che verrà come un ladro. Un ladro non trasmette al mondo che sta per rapinare la tua casa.

Immagina, se vuoi, di piantare cartelli nel vicinato, dicendoti che la prossima settimana rapinerà la tua casa. È ridicolo. È ridicolo. È oltraggioso. Eppure questo è esattamente ciò che i Testimoni di Geova intendono predicare secondo la Watchtower. Dicono che Gesù in un modo o nell'altro glielo dirà o Geova dirà loro che è ora di dire a tutti che il ladro sta per attaccare.

Questo insegnamento secondo cui la predicazione della buona notizia sarà sostituita da un messaggio finale di giudizio poco prima della fine non è solo scritturale; fa beffe della parola di Dio.

È una follia di prim'ordine. È ciò che deriva dal riporre la propria fiducia nei "nobili e nel figlio dell'uomo terreno a cui non appartiene alcuna salvezza" (Sal 146: 3).

Questo tipo di mentalità indottrinata è molto radicata e può influenzarci in modi sottili, quasi impercettibili. Potremmo pensare che ce ne siamo liberati, quando improvvisamente alza la sua brutta testolina e ci risucchia dentro. Per molti testimoni, è quasi impossibile leggere Matteo 24:14 e non pensare che si applichi ai nostri giorni.

Lasciatemi chiarire questo. Quello che credo è che Gesù non stava parlando ai suoi discepoli del completamento dell'opera di predicazione, ma del suo progresso o portata. Naturalmente l'opera di predicazione sarebbe continuata molto tempo dopo la distruzione di Gerusalemme. Nondimeno, stava assicurando loro che la predicazione della buona notizia sarebbe arrivata a tutti i gentili prima della fine del sistema di cose giudaico. Questo si è rivelato vero. Nessuna sorpresa lì. Gesù non sbaglia le cose.

Ma per quanto mi riguarda? Ho sbagliato a concludere che Matteo 24:14 si adempì nel I secolo? Ho sbagliato a concludere che la fine a cui si riferiva Gesù fosse la fine del sistema di cose giudaico?

O stava parlando della fine del sistema di cose giudaico, o si riferiva a una fine diversa. Non vedo alcuna base nel contesto per la credenza in un'applicazione primaria e secondaria. Questa non è una situazione tipo / antitipo. Menziona solo un'estremità. Quindi, supponiamo, nonostante il contesto, che non sia la fine del sistema di cose giudaico. Quali altri candidati ci sono?

Deve essere "una fine" legata alla predicazione della Buona Novella.

Armageddon segna la fine dell'attuale sistema di cose ed è legato alla predicazione della buona notizia. Tuttavia, non vedo alcun motivo per concludere che stesse parlando di Armageddon date tutte le prove presentate nel video precedente. Per riassumere ciò che abbiamo imparato lì: nessuno, inclusi i Testimoni di Geova, sta predicando la vera Buona Novella in tutta la terra abitata e in tutte le nazioni al momento attuale.

Se, in futuro, i figli di Dio riusciranno a raggiungere tutte le nazioni del mondo con la vera buona notizia che Gesù ha predicato, allora potremmo riconsiderare la nostra comprensione, ma ad oggi non ci sono prove a sostegno di ciò.

Come ho affermato prima, la mia preferenza nello studio della Bibbia è quella di andare con l'esegesi. Lasciare che la Bibbia si interpreti da sola. Se vogliamo farlo, allora dobbiamo stabilire i criteri su cui basare la nostra comprensione del significato di ogni dato passaggio delle Scritture. Ci sono tre elementi chiave da prendere in considerazione nel verso 14.

  • La natura del messaggio, vale a dire la Buona Novella.
  • Lo scopo della predicazione.
  • La fine di cosa?

Cominciamo con il primo. Qual è la buona notizia? Come abbiamo stabilito nell'ultimo video, i Testimoni di Geova non lo predicano. Non c'è nulla nel libro degli Atti, che è il resoconto principale dell'opera di predicazione del I secolo, per indicare che i primi cristiani andarono da un posto all'altro dicendo alle persone che potevano diventare amici di Dio e quindi essere salvati dalla distruzione mondiale.

Qual era l'essenza della buona notizia che predicavano? John 1: 12 dice praticamente tutto.

"Tuttavia, a tutti coloro che lo hanno ricevuto, ha dato l'autorità di diventare figli di Dio, perché stavano esercitando fede nel suo nome" (John 1: 12).

(A proposito, se non diversamente indicato, sto usando la Traduzione del Nuovo Mondo per tutte le scritture in questo video.)

Non puoi diventare qualcosa che sei già. Se sei un figlio di Dio, non puoi diventare un figlio di Dio. Non ha senso. Prima della venuta di Cristo, gli unici umani che erano stati figli di Dio erano Adamo ed Eva. Ma hanno perso quando hanno peccato. Sono stati diseredati. Non potevano più ereditare la vita eterna. Di conseguenza tutti i loro figli nacquero al di fuori della famiglia di Dio. Quindi, la buona notizia è che ora possiamo diventare figli di Dio e afferrare la vita eterna perché possiamo di nuovo essere in grado di ereditarla da nostro padre.

"E tutti coloro che hanno lasciato la casa o i fratelli o le sorelle o il padre o la madre o i bambini o le terre per amore del mio nome riceveranno molte volte di più e erediteranno la vita eterna." (Mt 19: 29)

Paolo lo mette molto bene quando scrive ai romani:

“. . Per tutti coloro che sono guidati dallo spirito di Dio sono davvero i figli di Dio. Perché tu non hai ricevuto di nuovo uno spirito di schiavitù che ha causato paura, ma hai ricevuto uno spirito di adozione come figli, con quale spirito gridiamo: "Abba, Padre!" Lo spirito stesso testimonia con il nostro spirito che siamo figli di Dio. Se, quindi, siamo bambini, siamo anche eredi, eredi di Dio, ma eredi comuni con Cristo. . . ”(Romani 8: 14-17)

Possiamo ora riferirci all'Onnipotente con un termine affettuoso: "Abba, padre". È come dire papà o papà. È un termine che mostra l'affetto rispettoso che un bambino ha verso un genitore amorevole. In questo modo diventiamo suoi eredi, coloro che ereditano la vita eterna e molto altro ancora.

Ma c'è di più nel messaggio della buona notizia. Il messaggio immediato della buona notizia non è di salvezza mondiale, ma di scelta dei figli di Dio. Tuttavia, questo porta alla salvezza dell'umanità. Paul continua:

Qual è la creazione? Gli animali non vengono salvati dalla buona notizia. Continuano come sono sempre stati. Questo messaggio è solo per gli umani. Perché allora vengono paragonati alla creazione? Perché nel loro stato attuale non sono figli di Dio. Non sono davvero diversi dagli animali nel senso che sono destinati a morire.

"Ho detto a me stesso riguardo ai figli degli uomini:" Dio li ha sicuramente messi alla prova per far loro vedere che non sono altro che animali. "Per il destino dei figli degli uomini e il destino degli animali è lo stesso. Quando uno muore così muore l'altro; anzi, hanno tutti lo stesso respiro e non vi è alcun vantaggio per l'uomo rispetto alla bestia, poiché tutto è vanità. ”(Ecclesiaste 3: 18, 19 NASB)

Quindi, l'umanità - la creazione - è liberata dalla schiavitù del peccato e restaurata nella famiglia di Dio attraverso la rivelazione dei figli di Dio che si stanno radunando ora.

James ci dice: "Perché lo ha voluto, ci ha portato avanti con la parola della verità, affinché fossimo certi frutti primordiali delle sue creature." (James 1: 18)

Se dobbiamo essere primizie come figli di Dio, i frutti che seguono devono essere gli stessi. Se raccogli le mele all'inizio del raccolto, raccogli le mele alla fine del raccolto. Tutti diventano figli di Dio. L'unica differenza è nella sequenza.

Quindi, riducendola alla sua essenza, la buona notizia è la dichiarata speranza che tutti noi possiamo tornare alla famiglia di Dio con tutti i conseguenti benefici della filiazione. Questo si basa sul guardare a Gesù come nostro salvatore.

La buona notizia riguarda il ritorno alla famiglia di Dio come figlio di Dio.

Quest'opera di predicazione, questa dichiarazione di speranza per tutta l'umanità, quando giunge al termine? Non sarebbe quando non ci sono più umani che hanno bisogno di ascoltarlo?

Se la predicazione della buona notizia finisse ad Armaghedon, miliardi di persone sarebbero rimaste al fresco. Ad esempio, che dire dei miliardi che risorgeranno dopo Armaghedon? Alla loro risurrezione, non verrà detto loro che anche loro possono diventare figli di dio se ripongono fede nel nome di Gesù? Ovviamente. E non è una buona notizia? C'è una notizia migliore di quella possibile? Non credo proprio.

Questo è così ovvio che pone la domanda: perché i testimoni di Geova insistono sul fatto che la predicazione della buona notizia finisca prima di Armaghedon? La risposta è perché la “buona notizia” che stanno predicando equivale a questo: “Unisciti all'organizzazione dei testimoni di Geova e sarai salvato dalla morte eterna ad Armaghedon, ma non aspettarti di ottenere la vita eterna per altri mille anni se ti comporti bene. "

Ma ovviamente non è questa la buona notizia. La buona notizia è: "Puoi diventare un figlio di Dio ed ereditare la vita eterna se riponi fede nel nome di Gesù Cristo ora".

E se non riponessi fede in Gesù per diventare un figlio di Dio adesso? Bene, secondo Paolo, rimani parte della creazione. Quando i figli di Dio saranno rivelati, allora la creazione si rallegrerà nel vedere che anche loro possono avere l'opportunità di diventare figli di Dio. Se rifiuti l'offerta in quel momento con le prove schiaccianti a portata di mano, allora tocca a te.

Quando predicano queste buone notizie?

Circa il tempo in cui l'ultimo umano è risorto, non diresti? È collegato a un fine?

Secondo Paul, sì.

“Tuttavia, ora Cristo è stato risuscitato dai morti, i primi frutti di coloro che si sono addormentati [nella morte]. Poiché la morte avviene attraverso un uomo, la resurrezione dei morti avviene anche attraverso un uomo. Perché proprio come in Adamo tutti muoiono, così anche in Cristo tutto sarà reso vivo. Ma ognuno nel suo rango: Cristo i frutti primitivi, poi quelli che appartengono a Cristo durante la sua presenza. Il prossimo, Alla fine, quando consegna il regno al suo Dio e Padre, quando non ha portato a nulla tutto il governo, tutta l'autorità e il potere. Perché deve governare come re fino a quando [Dio] non ha messo tutti i nemici sotto i suoi piedi. Come ultimo nemico, la morte non deve essere portata a nulla. (1Co 15: 20-26)

Alla fine, quando Gesù ha ridotto a nulla tutto il governo, l'autorità e il potere e persino portato la morte a nulla, possiamo tranquillamente dire che la predicazione della buona notizia sarà finita. Possiamo anche dire che ogni essere umano che abbia mai vissuto in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo, da qualsiasi tribù, lingua, popolo o nazione avrà ricevuto il messaggio della buona notizia.

Quindi, se preferisci considerare questo come un compimento assoluto piuttosto che soggettivo o relativo, possiamo dire inequivocabilmente che alla fine del regno millenario di Cristo questa buona notizia sarà stata predicata in tutta la terra abitata per ogni nazione prima della fine.

Vedo solo due modi in cui Matteo 24:14 può applicare e soddisfare tutti i criteri. Uno è relativo e uno è assoluto. Sulla base della mia lettura del contesto, penso che Gesù stesse parlando relativamente, ma non posso dirlo con assoluta certezza. So che altri preferiranno l'alternativa, e alcuni anche adesso continueranno a credere che le sue parole si applichino all'insegnamento dei testimoni di Geova secondo cui la predicazione della buona notizia termina appena prima di Armaghedon.

Quanto è importante capire esattamente a cosa si riferiva? Ebbene, mettendo da parte per il momento l'interpretazione dei testimoni di Geova, le due possibilità di cui abbiamo discusso non ci toccano in alcun modo al momento. Non sto dicendo che non dovremmo predicare la buona notizia. Ovviamente dovremmo, ogni volta che se ne presenta l'opportunità. Detto questo, con Matteo 24:14 non stiamo parlando di un segno che predice l'approssimarsi della fine. Questo è ciò che i Testimoni hanno erroneamente affermato e guardano al danno che ha fatto.

Quante volte si torna a casa da un'assemblea di circoscrizione o da un'assemblea regionale e invece di sentirsi sollevati, si è pieni di colpa? Ricordo che da anziano come ogni visita del sorvegliante di circoscrizione era qualcosa che temevamo. Erano sensi di colpa. L'organizzazione non è motivata dall'amore, ma dal senso di colpa e dalla paura.

L'errata interpretazione e errata applicazione di Matteo 24:14 pone un pesante fardello su tutti i testimoni di Geova, perché li costringe a credere che se non fanno del loro meglio e oltre nella predicazione di porta in porta e con i carri, lo faranno essere colpevole di sangue. Moriranno eternamente persone che avrebbero potuto essere salvate se solo avessero lavorato un po 'più duramente, sacrificate un po' di più. Ho fatto una ricerca nella biblioteca della Watchtower sul sacrificio di sé usando il token: "self-sacrifc *". Ho più di mille visite! Indovina quanti ne ho presi dalla Bibbia? Non uno.

', Ha detto Nuf.

Grazie per aver guardato.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.

    Leggi questo nella tua lingua:

    English简体中文DanskNederlandsFilipinoSuomiFrançaisDeutschItaliano日本語한국어ພາສາລາວPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀРусскийEspañolKiswahiliSvenskaதமிழ்TürkçeУкраїнськаTiếng ViệtZulu

    Pagine dell'autore

    Temi

    Articoli per mese

    36
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x