Nei primi tre articoli di questa serie consideriamo gli aspetti storici, secolari e scientifici alla base della dottrina No Blood dei Testimoni di Geova. Nel quarto articolo, abbiamo analizzato il primo testo biblico che i Testimoni di Geova stanno usando per sostenere la loro dottrina senza sangue: Genesi 9: 4.

Analizzando i quadri storici e culturali nel contesto biblico, abbiamo concluso che il testo non può essere usato per sostenere una dottrina che proibisce la salvaguardia della vita attraverso trattamenti medici usando sangue umano o suoi derivati.

Questo ultimo articolo della serie analizza gli ultimi due testi biblici che i Testimoni di Geova usano nel tentativo di giustificare il loro rifiuto di ricevere trasfusioni di sangue: Levitico 17: 14 e Atti 15: 29.

Levitico 17: 14 è basato sulla Legge di Mosè, mentre Atti 15: 29 è la Legge Apostolica.

La legge mosaica

Circa 600 anni dopo la legge sul sangue data a Noè, Mosè, come leader della nazione ebraica al tempo dell'esodo, ricevette un codice di legge direttamente da Geova Dio che includeva le regole sull'uso del sangue:

“E qualunque uomo ci sia della casa di Israele, o degli estranei che soggiornano in mezzo a te, che mangiano qualsiasi tipo di sangue; Metterò persino la mia faccia contro quell'anima che mangia sangue e lo taglierò fuori dalla sua gente. 11 Poiché la vita della carne è nel sangue: e te l'ho data sull'altare per fare un'espiazione per le tue anime: poiché è il sangue che fa espiazione per l'anima. 12 Perciò ho detto ai figli d'Israele: Nessuna anima di te mangerà sangue, né qualsiasi estraneo che soggiorna in mezzo a te mangi sangue. 13 E qualsiasi uomo ci sia dei figli d'Israele, o degli estranei che soggiornano in mezzo a voi, che caccia e cattura qualsiasi bestia o pollame che possa essere mangiato; verserà persino il suo sangue e lo coprirà di polvere. 14 Perché è la vita di tutta la carne; il suo sangue è per la sua vita: perciò ho detto ai figli d'Israele: Mangerete il sangue di nessun modo di carne: poiché la vita di ogni carne è il suo sangue: chiunque lo mangia sarà tagliato. 15 E ogni anima che mangia ciò che è morto di se stessa, o ciò che è stato strappato dalle bestie, sia esso uno del tuo paese o uno sconosciuto, dovrà lavare entrambi i suoi vestiti e lavarsi in acqua ed essere impuro fino a quando il pari: allora deve essere pulito. 16 Ma se non li lava, né si lava la carne; allora dovrà sopportare la sua iniquità. ”(Levitico 17: 10-16)

C'era qualcosa di nuovo nella Legge mosaica che aggiungeva o alterava la legge data a Noè?

Oltre a reiterare il divieto di consumare carne che non era stata dissanguata e di applicarla a ebrei e residenti alieni, la legge richiedeva che il sangue venisse versato e coperto di terra (contro 13).

Inoltre, chiunque avesse disobbedito a queste istruzioni doveva essere messo a morte (contro 14).

È stata fatta un'eccezione quando un animale era morto per cause naturali o era stato ucciso da animali selvatici poiché in tali casi non sarebbe stata possibile un'adeguata distribuzione del sangue. Laddove qualcuno avesse mangiato quella carne, sarebbe stato considerato impuro per un certo periodo di tempo e avrebbe subito un processo di purificazione. In caso contrario, si tratterebbe di una pesante penalità (vss. 15 e 16).

Perché Geova cambia la legge sul sangue con gli israeliti da quella data a Noè? Possiamo trovare la risposta nel verso 11:

"Poiché la vita della carne è nel sangue: e te l'ho data sull'altare per fare un'espiazione per le tue anime: poiché è il sangue che rende un'espiazione per l'anima".

Geova non cambiò idea. Ora aveva un popolo che lo serviva e stava stabilendo le regole per preservare la sua relazione con loro e gettare le basi per ciò che doveva venire sotto il Messia.

Sotto la legge di Mosè, il sangue animale aveva un uso cerimoniale: la redenzione del peccato, come possiamo vedere nel verso 11. Questo uso cerimoniale del sangue animale prefigurava il sacrificio redentore del Cristo.

Consideriamo il contesto dei capitoli 16 e 17 in cui apprendiamo l'uso del sangue animale per scopi cerimoniali e rituali. Implica:

  1. Data rituale
  2. Un altare
  3. Un sommo sacerdote
  4. Un animale vivente da sacrificare
  5. Un luogo santo
  6. Macellazione di animali
  7. Ottieni sangue animale
  8. Uso di sangue animale secondo le regole rituali

È importante sottolineare che se il rituale non fosse eseguito come prescritto dalla Legge, il Sommo Sacerdote potrebbe essere tagliato proprio come qualsiasi altra persona vorrebbe mangiare sangue.

Tenendo conto di ciò, potremmo chiederci: che cosa ha a che fare il comando di Levitico 17: 14 con la dottrina No Blood dei Testimoni di Geova? Sembrerebbe che non abbia nulla a che fare con esso. Perché possiamo dirlo? Confrontiamo gli elementi stipulati in Leviticus 17 per l'uso rituale del sangue per la redenzione dei peccati, poiché potrebbero applicarsi alla somministrazione di una trasfusione salvavita per vedere se c'è qualche correlazione.

Una trasfusione non fa parte di un rituale per la redenzione del peccato.

  1. Non c'è altare
  2. Non c'è animale da sacrificare.
  3. Non viene utilizzato sangue animale.
  4. Non c'è prete.

Durante una procedura medica ciò che abbiamo è il seguente:

  1. Un professionista medico.
  2. Donato sangue umano o derivati.
  3. Un destinatario.

Pertanto, i Testimoni di Geova non hanno basi scritturali per applicare Leviticus 17: 14 come supporto per la loro politica di proibire le trasfusioni di sangue.

I Testimoni di Geova stanno confrontando l'uso del sangue animale in un rituale religioso per riscattare il peccato con l'uso del sangue umano in una procedura medica per salvare una vita. C'è un grande abisso logico che separa queste due pratiche, in modo tale che non vi sia corrispondenza tra loro.

Gentili e sangue

I romani usavano il sangue animale nei loro sacrifici per gli idoli e per il cibo. Era comune che un'offerta fosse strangolata, cotta e poi mangiata. Nel caso in cui quell'offerta venisse dissanguata, sia la carne che il sangue venivano offerti all'idolo e poi la carne veniva mangiata dai partecipanti al rito e il sangue veniva bevuto dai sacerdoti. Una celebrazione rituale era una caratteristica comune della loro adorazione e comportava il consumo di carne sacrificata, bere eccessivo e orge sessuali. Le prostitute del tempio, sia maschi che femmine, erano una caratteristica del culto pagano. I romani avrebbero anche bevuto il sangue dei gladiatori uccisi nell'arena che si pensava guarisse l'epilessia e si comportasse da afrodisiaco. Tali pratiche non erano limitate ai romani, ma erano comuni nella maggior parte dei popoli non israeliti, come i fenici, gli ittiti, i babilonesi e i greci.

Da ciò possiamo dedurre che la Legge mosaica con il suo divieto di mangiare sangue serviva a stabilire una distinzione tra ebrei e pagani creando un muro culturale che prevalse dal tempo di Mosè in poi.

La legge apostolica

Intorno all'anno 40 CE, gli apostoli e gli uomini più anziani della congregazione di Gerusalemme (compresi gli apostoli in visita Paolo e Barnaba) scrissero una lettera da inviare alle congregazioni dei gentili con il seguente contenuto:

“Poiché allo Spirito Santo e a noi sembrava bene non gravare su di te di un peso maggiore di queste cose necessarie; 29Che vi astenete dalle carni offerte agli idoli, dal sangue, dalle cose strangolate e dalla fornicazione: dalle quali se vi trattenete, farete bene. Fai bene. ”(Atti 15: 28,29)

Si noti che è lo spirito santo che sta guidando questi cristiani per istruire i cristiani gentili ad astenersi da:

  1. Carni offerti agli idoli;
  2. Mangiare animali strangolati;
  3. Sangue;
  4. Fornicazione.

C'è qualcosa di nuovo qui, non nella Legge mosaica? Apparentemente. La parola "astenersi"È usato dagli apostoli e"astenersi"Sembra essere anche piuttosto privativo e assolutista. Ecco perché i testimoni di Geova usano "astenersi"Per giustificare il loro rifiuto di usare sangue umano a scopi medici. Ma prima di cedere a preconcetti, interpretazioni personali e punti di vista che potrebbero essere sbagliati, permettiamo alle Scritture di dirci da sole cosa intendevano gli apostoli dalla loro prospettiva con "astenersi".

Contesto culturale nella primitiva congregazione cristiana

Come accennato, le pratiche religiose pagane prevedevano di mangiare carne sacrificata durante le celebrazioni del tempio che comportavano ubriachezza e immoralità.

La congregazione cristiana dei gentili crebbe dopo 36 CE quando Pietro battezzò il primo non ebreo, Cornelio. Da allora, l'opportunità per le persone delle nazioni di entrare nella Congregazione Cristiana è stata aperta e questo gruppo stava crescendo molto rapidamente (Atti 10: 1-48).

Questa convivenza tra cristiani gentili ed ebrei è stata una grande sfida. In che modo persone di diversa estrazione religiosa possono vivere insieme come fratelli nella fede?

Da un lato, abbiamo gli ebrei con il loro codice di legge di Mosè che controlla ciò che potrebbero mangiare e indossare, come potrebbero agire, la loro igiene e anche quando potrebbero lavorare.

D'altro canto, gli stili di vita dei gentili violavano praticamente ogni aspetto del Codice della Legge mosaica.

Contesto biblico della legge apostolica

Dalla lettura del capitolo 15 del libro degli Atti 15, otteniamo le seguenti informazioni dal contesto biblico e storico:

  • Una frazione dei fratelli ebrei cristiani fece pressioni sui fratelli cristiani gentili affinché circoncidessero e osservassero la Legge mosaica (vss. 1-5).
  • Gli apostoli e gli anziani di Gerusalemme si incontrano per studiare la controversia. Pietro, Paolo e Barnaba descrivono le meraviglie e i segni praticati dai cristiani gentili (vss. 6-18).
  • Pietro mette in dubbio la validità della Legge dato che sia ebrei che gentili erano ora salvati per grazia di Gesù (vss. 10,11).
  • James fa un breve riassunto della discussione e sottolinea di non gravare i convertiti gentili oltre i quattro punti menzionati nella lettera che riguardano tutti le pratiche religiose pagane (vss. 19-21).
  • La lettera è scritta e inviata con Paul e Barnaba ad Antiochia (vss. 22-29).
  • La lettera è letta in Antiochia e tutti gioiscono (vss. 30,31).

Nota cosa ci dicono le Scritture su questo problema:

A causa delle differenze nei contesti culturali, la coesistenza tra cristiani gentili ed ebrei cristiani stava attraversando molte difficoltà.

I cristiani ebrei cercavano di imporre la Legge mosaica ai gentili.

I cristiani ebrei hanno riconosciuto la non validità della Legge mosaica a causa della grazia del Signore Gesù.

I cristiani ebrei erano preoccupati che i cristiani gentili potessero rientrare nella falsa adorazione, quindi proibivano quelle cose legate alle pratiche religiose pagane.

Il culto dell'idolo era già proibito ai cristiani. Era un dato di fatto. Ciò che la congregazione di Gerusalemme stava facendo era proibire esplicitamente le pratiche connesse alla falsa adorazione, adorazione pagana, che potrebbero allontanare i gentili dal Cristo.

Ora capiamo perché James ha messo cose come mangiare animali strangolati o carne usata nel sacrificio o nel sangue allo stesso livello della fornicazione. Queste erano tutte pratiche collegate ai templi pagani e potevano ricondurre il cristiano gentile alla falsa adorazione.

Cosa significa "astenersi"?

La parola greca usata da James è "apejomai” e come da Concordanza di Strong si intende "Per tenere lontano" or "Essere distanti".

La parola apejomai proviene da due radici greche:

  • “Apo”, si intende lontano, separazione, retromarcia.
  • "Eco", si intende mangia, divertiti o usare.

Ancora una volta, abbiamo scoperto che la parola usata da James è correlata all'azione di mangiare o consumare per bocca.

Con questo in mente, consideriamo ancora Atti 15: 29 usando il significato originale greco di “astenersi”:

“Non mangiare cibo dedicato agli idoli, non mangiare sangue dedicato agli idoli, non mangiare strangolato (carne con sangue) dedicato agli idoli e non praticare l'immoralità sessuale e la prostituzione sacra. Se voi fratelli fate questo, sarete benedetti. Saluti".

Dopo questa analisi potremmo chiederci: cosa c'entra At 15: 29 con le trasfusioni di sangue? Non esiste un singolo punto di connessione.

L'organizzazione sta tentando di rendere il consumo di sangue animale come parte di un rituale pagano equivalente a una moderna procedura medica salvavita.

La legge apostolica è ancora valida?

Non c'è motivo di presumere che non lo sia. L'idolatria è ancora condannata. La fornicazione è ancora condannata. Dal momento che il consumo di sangue era stato condannato al tempo di Noè, il divieto rafforzato nella nazione di Israele e riapplicato ai gentili che diventarono cristiani, non sembra esserci alcuna base per suggerire che non si applichi più. Ma ancora una volta, stiamo parlando dell'ingestione di sangue come cibo, non di una procedura medica che non ha nulla a che fare con l'alimentazione.

La legge di Cristo

Le Scritture sono chiare sull'idolatria, sulla fornicazione e sul consumo di sangue come cibo. Per quanto riguarda le procedure mediche, sono saggiamente silenziose.

Avendo stabilito tutto quanto sopra, si noti che ora siamo sotto la legge di Cristo e come tale ogni decisione presa dal singolo cristiano relativa a qualsiasi procedura medica che autorizza o rifiuta è una questione di coscienza personale e non qualcosa richiedere il coinvolgimento di altri, in particolare in qualsiasi carattere giudiziario.

La nostra libertà cristiana include l'obbligo di non imporre il nostro punto di vista personale sulla vita degli altri.

In conclusione

Ricorda che il Signore Gesù insegnò:

"Un amore più grande non ha un uomo che questo, che un uomo dona la vita per i suoi amici". (John 15: 13)

Poiché la vita è nel sangue, un Dio amorevole condanna te se donassi parte della nostra vita (sangue umano) per salvare la vita di un parente o del nostro prossimo?

Il sangue simboleggia la vita. Ma il simbolo è più importante di quello che simboleggia? Dovremmo sacrificare la realtà per il simbolo? Una bandiera simboleggia il paese che rappresenta. Tuttavia, un esercito sacrificherebbe il suo paese per preservare la sua bandiera? O brucerebbero persino la bandiera se, così facendo, salvassero il loro paese?

La nostra speranza è che questa serie di articoli abbia aiutato i nostri fratelli e sorelle Testimoni di Geova a ragionare dalle Scritture su questo tema della vita e della morte e a prendere la propria determinazione coscienziosa al posto di seguire ciecamente i dettami di un gruppo di auto-nominati uomini.