Inizia il viaggio corretto

Il "Journey of Discovery through Time" stesso inizia con questo quarto articolo. Siamo in grado di iniziare il nostro "Journey of Discovery" usando i cartelli e le informazioni sull'ambiente che abbiamo raccolto dai riassunti dei Capitoli della Bibbia dagli articoli (2) e (3) in questa serie e dalle scoperte chiave fatte nell'esame delle "Domande per la riflessione "Sezione nell'articolo (3).

Per garantire che il viaggio sia facile da seguire, le Scritture analizzate e discusse saranno di solito citate per intero per un facile riferimento, consentendo di ripetere la rilettura e il riferimento al contesto e al testo. Naturalmente, il lettore è fortemente incoraggiato a leggere questi passaggi nella Bibbia direttamente se possibile, almeno una volta.

In questo articolo esamineremo e scopriremo:

  • Quando iniziò l'esilio?
    • Ezechiele, vari capitoli
    • Esther 2
    • Geremia 29 e 52
    • Matthew 1
  • Profezie precedenti soddisfatte dagli eventi dell'esilio e del ritorno ebraici
    • Levitico 26
    • Deuteronomio 4
    • 1 Kings 8
  • Passaggi individuali delle Scritture chiave
    • Geremia 27 - 70 anni di servitù predetti per Giuda e le nazioni
    • Geremia 25 - Babilonia sarebbe chiamata a rispondere, ponendo fine agli anni 70

Scoperte chiave

1. Quando iniziò l'esilio?

Una domanda molto importante da considerare è: quando iniziò l'esilio?

Si presume spesso che l'esilio ebraico iniziò con la distruzione di Gerusalemme da parte di Nabucodonosor nel 11th anno di Sedechia e terminò con il ritorno degli ebrei a Giuda e Gerusalemme con il decreto di Ciro nel suo 1st anno.

Tuttavia, cosa dicono le Scritture al riguardo?

Ezechiele

Ezechiele si riferisce chiaramente all'esilio come a partire dalla deportazione di Jehoiachin, che ebbe luogo 11 anni prima della distruzione finale di Gerusalemme e la rimozione di Sedechia come re.

  • Ezekiel 1: 2 “nel quinto anno dell'esilio del re Jehoiachin"[I]
  • Ezekiel 8: 1 “nel sesto anno " [Ii]
  • Ezechiele 20: 1 "Nel settimo anno"
  • Ezechiele 24: 1 “Nel nono anno 10th mese 10th giorno" l'assedio inizia contro Gerusalemme. (9th anno Sedekia)
  • Ezekiel 29: 1 “nel decimo anno "
  • Ezekiel 26: 1 “E avvenne nell'undicesimo anno ” molte nazioni a venire contro Tiro. Verso 7, Geova porterà Nabucodonosor contro Tiro.
  • Ezechiele 30: 20; 31: 1 “nell'undicesimo anno "
  • Ezechiele 32: 1, 17 "Nel dodicesimo anno ... del nostro esilio"
  • Ezechiele 33: 21 "Si è verificato in 12th anno in 10th mese su 5th giorno in cui è venuto da me il fuggito da Gerusalemme dicendo "La città è stata abbattuta". "
  • Ezekiel 40: 1 “nel venticinquesimo anno del nostro esilio, all'inizio dell'anno, su 10th giorno del mese in 14th un anno dopo che la città era stata abbattuta ”
  • Ezekiel 29: 17 “nel ventisettesimo anno "

Esther

Esther 2: 5, 6 parla di “Mardocheo ... figlio di Kish che era stato portato in esilio da Gerusalemme con le persone deportate che erano state portate in esilio con Ieconia (Jehoiachin) il re di Giuda che Nabucodonosor, re di Babilonia, prese in esilio."

Geremia 29

Geremia 29: 1, 2, 4, 14, 16, 20, 22, 30. Questo capitolo è stato scritto in 4th Anno di Sedechia. Questi versetti contengono più riferimenti agli esiliati, facendo chiaramente riferimento a quelli già in Babilonia al momento della stesura. Questi esiliati furono quelli che erano andati in esilio con Jehoiachin 4 anni prima.

Geremia 52

Geremia 52: 28-30 “Prese in esilio: nel settimo anno, gli ebrei 3,023; in 18th [Iii] anno Nabucodonosor, ... 832; in 23rd anno di Nabucodonosor, anime 745 ”. Nota: il maggior numero di esiliati era in 7th (regnante) anno di Nabucodonosor (l'esilio di Jehoiachin ed Ezechiele). (Questi versetti sembrano essere versi aggiuntivi per completare la storia e contenere informazioni non disponibili quando Geremia scrisse il suo racconto. Geremia non avrebbe avuto accesso alle figure degli esiliati, mentre Daniele o Esdra avrebbero avuto accesso ai documenti babilonesi che documentano queste figure. Il libro di Geremia sembra usare la datazione egizia per il regno di Nabucodonosor e quindi gli anni di Nabucodonosor menzionati ci sono costantemente 1 anni dopo rispetto alle tavolette di argilla cuneiforme datate per gli stessi eventi.)[Iv] Questi anni citati sembrano essere ulteriori importi presi in esilio forse all'inizio dell'assedio di 7 di Nabucodonosorth anno con la deportazione principale di Jehoiachin avvenuta un mese o due più tardi nella prima parte di 8 di Nabucodonosorth anno. Allo stesso modo, l'18th anno furono probabilmente quelli portati in esilio dalle città periferiche prese in vista dell'assedio finale di Gerusalemme che durò nel 19th anno di Nabucodonosor. 23rd un anno di esilio potrebbe riferirsi a quelli portati in esilio fuggiti in Egitto quando l'Egitto fu nuovamente attaccato alcuni anni dopo.

Matthew

Matteo 1: 11, 12 “Giosia divenne padre di Ieconia (Jehoiachin) e dei suoi fratelli al momento della deportazione in[V] Babilonia. Dopo la deportazione in Babilonia, Geconia divenne padre di Shealtiel. "

Nota: mentre la deportazione menzionata non è specificatamente nominata come quella al tempo di Ieconia (Jehoiachin), poiché è l'oggetto principale del focus di questo passaggio, è logico comprendere che la deportazione a cui si fa riferimento è quella che è avvenuta quando egli stesso fu deportato. Non è logico concludere che la deportazione menzionata avverrà in un momento successivo, come nel 11 di Sedechiath anno, soprattutto nel contesto di Geremia 52: 28 sopra menzionato.

Numero di scoperta principale 1: "L'esilio" si riferisce all'esilio di Jehoiachin. Ciò avvenne 11 anni prima della distruzione di Gerusalemme e di Giuda. Vedi in particolare Ezechiele 40: 1, dove Ezechiele afferma che Gerusalemme cadde 14 anni prima dall'25th anno di esilio, dando una data a 11th anno di esilio per la distruzione di Gerusalemme ed Ezechiele 33: 21 dove riceve notizie della distruzione di Gerusalemme nell'12th anno e 10th mese quasi un anno dopo.

Un esilio minore si verificò alla fine del regno di Sedechia con la distruzione di Gerusalemme e un altro esilio minore alcuni 5 anni dopo, probabilmente dall'Egitto.[Vi]

2. Profezie precedenti soddisfatte dagli eventi dell'esilio e del ritorno ebraici

Leviticus 26: 27, 34, 40-42 - Pentimento il requisito principale per il ripristino dall'esilio - non il tempo

"27"Se, tuttavia, con questo non mi ascolterai e dovessi semplicemente camminare in opposizione a me, 28 Dovrò quindi camminare in opposizione accesa a TE, e io, sì, dovrò castigarti sette volte per i TUOI peccati. ',' '34E io, da parte mia, poserò la terra desolata, e i tuoi nemici che vi abitano la fisseranno semplicemente stupiti. E tu spargerò tra le nazioni ... e la tua terra deve diventare una desolazione, e le tue città diventeranno una rovina desolata. In quel momento la terra pagherà i suoi sabati tutti i giorni della sua menzogna desolata, mentre tu sei nella terra dei tuoi nemici. A quel tempo la terra manterrà il Sabbath, poiché deve ripagare i suoi Sabbath. Tutti i giorni della sua menzogna desolata osserveranno il Sabbath, per il motivo che non ha rispettato il Sabbath durante i tuoi Sabbath quando ti ci soffermavi sopra. “40E certamente confesseranno il loro stesso errore e l'errore dei loro padri nella loro infedeltà quando si sono comportati infedele verso di me ...41... Forse in quel momento il loro cuore non circonciso sarà umiliato, e in quel momento pagheranno il loro errore. 42E ricorderò davvero la mia alleanza con Giacobbe. "

Numero di scoperta principale 2: Era stato predetto circa 900 anni prima che a causa del rifiuto di obbedire a Geova, gli ebrei sarebbero stati dispersi. Ciò è avvenuto con

  • (1a) Israele si sparse sull'Assiria e poi in seguito
  • (1b) Giuda su Assiria e Babilonia
  • (2) Fu anche avvertito che la terra sarebbe stata desolata, quale era, e che mentre era desolata
  • (3) avrebbe ripagato gli anni del Sabbath persi.

Non è stato specificato alcun periodo di tempo e tutti questi eventi separati di 3 (scattering, desolazione, Sabbath che ripagano) hanno avuto luogo.

Deuteronomio 4: 25-31 - Pentimento il requisito principale per il ripristino dall'esilio - non il tempo

“Nel caso in cui diventi padre di figli e nipoti e TU risiedessi da molto tempo nella terra e agissi in modo rovinoso e facessi un'immagine scolpita, una forma di qualsiasi cosa, e commetti il ​​male agli occhi di Geova tuo Dio in modo da offenderlo, 26 Prendo oggi come testimoni contro di te i cieli e la terra, che perirai positivamente in fretta dalla terra verso la quale stai attraversando il Giordano per prenderne possesso. Non allungherai i TUOI giorni su di esso, perché sarai annientato positivamente. 27 E Geova certamente ti disperderà tra i popoli, e in effetti ti lasceranno rimanere pochi in numero tra le nazioni verso le quali Geova ti allontanerà. 28 E lì dovrai servire gli dei, il prodotto delle mani dell'uomo, legno e pietra, che non possono vedere, né sentire, né mangiare, né annusare. 29 “Se TU cerchi Geova tuo Dio da lì, lo troverai sicuramente, perché lo chiederai con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima. 30 Quando sei in difficoltà e tutte queste parole ti hanno scoperto alla fine dei giorni, allora dovrai tornare a Geova tuo Dio e ascoltare la sua voce. 31 Per Geova il tuo Dio è un Dio misericordioso. Non ti abbandonerà né ti porterà in rovina o dimenticherà l'alleanza dei tuoi antenati che ha giurato a loro. "

Numero di scoperta principale 2 (cont.): Un messaggio simile è trasmesso in questa scrittura a quello trovato nel Levitico. Gli israeliti sarebbero stati dispersi e molti sarebbero stati uccisi. Inoltre, avrebbero dovuto pentirsi prima che Geova mostrasse loro misericordia. Ancora una volta, non viene menzionato un periodo di tempo. Tuttavia, le Scritture affermano che la fine della dispersione dipenderà dal loro pentimento.

1 Kings 8: 46-52 - Il pentimento è il requisito principale per il ripristino dall'esilio - non il tempo

"46 "Nel caso in cui peccino contro di te (perché non c'è uomo che non pecchi), e tu devi essere adirato contro di loro e abbandonarli al nemico, e i loro rapitori li portano effettivamente prigionieri nella terra del nemico distante o nelle vicinanze; 47 e in effetti vengono alla mente nella terra in cui sono stati portati via prigionieri, e in realtà ritornano e ti fanno richiesta di favore nella terra dei loro rapitori, dicendo: "Abbiamo peccato ed errato, abbiamo agito malvagiamente" ; 48 e in verità ritornano a te con tutto il loro cuore e con tutta la loro anima nella terra dei loro nemici che li hanno portati via prigionieri, e davvero ti pregano nella direzione della loro terra che hai dato ai loro antenati, la città che tu ho scelto e la casa che ho costruito a tuo nome; 49 devi anche ascoltare dai cieli, il tuo luogo di dimora stabilito, la loro preghiera e la loro richiesta di favore, e devi eseguire il giudizio per loro, 50 e devi perdonare il tuo popolo che aveva peccato contro di te e tutte le loro trasgressioni con le quali trasgredivano contro di te; e devi renderli oggetti di pietà davanti ai loro rapitori e loro devono compatirli 51 (poiché sono il tuo popolo e la tua eredità, che hai fatto uscire dall'Egitto, dall'interno del ferro forno), 52 affinché i tuoi occhi possano rivelarsi aperti alla richiesta di favore del tuo servitore e alla richiesta di favore del tuo popolo Israele, ascoltandoli in tutto ciò per cui ti chiamano."

Conferma 2 del numero di rilevamento principale: Questo passaggio delle Scritture contiene un messaggio simile sia a Levitico che a Deuteronomio. Era stato predetto che gli israeliti avrebbero peccato contro Geova.

  • Pertanto, li disperderà ed esilierà.
  • Inoltre, avrebbero dovuto pentirsi prima che Geova li ascoltasse e li ristabilisse.
  • La conclusione dell'esilio dipendeva dal pentimento, non da un periodo di tempo.

Analisi delle Scritture chiave

3. Geremia 27: 1, 5-7: 70 predetti anni di servitù

Tempo scritto: circa 22 anni prima della distruzione di Gerusalemme da parte di Nabucodonosor

Scritture: “1All'inizio del regno di Geova il figlio di Gioia, re di Giuda, questa parola venne pronunciata a Geremia da Geova, dicendo: ','5 'Io stesso ho creato la terra, l'umanità e le bestie che sono sulla superficie della terra con il mio grande potere e il mio braccio disteso; e l'ho dato a chi si è dimostrato giusto ai miei occhi. 6 E ora io stesso ho consegnato tutte queste terre nelle mani di Nabot Chad Nezzar, re di Babilonia, mio ​​servitore; e perfino le bestie selvagge del campo gli ho dato di servirlo. 7 E tutte le nazioni devono servire anche lui, suo figlio e suo nipote fino al momento in cui arriva anche la sua stessa terra, e molte nazioni e grandi re devono sfruttarlo come un servo '.

8 “'“' E deve accadere che la nazione e il regno che non lo serviranno, neppure Nebùd Chad Nezzar re di Babilonia; e colui che non metterà il collo sotto il giogo del re di Babilonia, con la spada e con la carestia e con la pestilenza rivolgerò la mia attenzione su quella nazione, "è l'espressione di Geova" fino a quando avrò li finì per mano.''

Dalla prima parte del regno di Jehoiakim (afferma v1 "All'inizio del regno di Jehoiakim"), le scritture del versetto 6, affermano che tutte le terre di Giuda, Edom, ecc., erano state date in mano a Nabucodonosor da Geova. Anche le bestie selvagge del campo (contrasto con Daniel 4: 12, 24-26, 30-32, 37 e Daniel 5: 18-23) sono stati dati

  • per servirlo,
  • suo figlio (Evil-Merodach, noto anche come Amel-Marduk, re di Babilonia) e
  • suo nipote[Vii] (Belshazzar, figlio di Nabonidus[Viii] Re di Babilonia, fu efficace re di Babilonia alla sua distruzione)
  • fino al momento della sua terra [Babylon] sarebbe arrivato.
  • La parola ebraica “reshith"Significa" inizio "come in" l'inizio di "o," primo "piuttosto che" all'inizio ".

Stati del verso 6 "E ora io stesso {Geova] ho dato tutte queste terre nelle mani di Nabucodonosor" indicando che l'azione del dare è già avvenuta, altrimenti la formulazione sarebbe futura "Io darò". Vedi anche la conferma data in 2 Re 2: 24 dove il documento afferma che al più tardi, al momento della morte di Jehoiakim, il re d'Egitto non sarebbe uscito dalla sua terra, e tutta la terra dalla Valle del Torrente d'Egitto all'Eufrate fu portato sotto il controllo di Nabucodonosor. (Se fosse stato il 7 ° anno di Jehoiakim, Nabucodonosor sarebbe stato il principe ereditario e il capo generale dell'esercito babilonese (i principi della corona erano spesso visti come re, specialmente perché erano i successori nominati), poiché divenne re nel 1 ° anno di Ioiachim). Giuda, Edom, Moab, Ammon, Tiro e Sidone erano quindi già sotto il dominio di Nabucodonosor che lo serviva in quel momento. Il verso 3 lo sottolinea quando afferma " E tutte le nazioni devono servire anche lui ", indicando di nuovo che le nazioni dovrebbero continuare a servire, altrimenti il ​​verso affermerebbe (in futuro) "e tutte le nazioni dovranno servirlo". "Servire lui, suo figlio e il figlio di suo figlio (nipote)" implica un lungo periodo di tempo, che si concluderebbe solo quando "verrà il tempo anche della sua stessa terra, e molte nazioni e grandi re dovranno sfruttarlo" ". Pertanto, la fine della servitù delle nazioni, incluso Giuda, sarebbe stata alla caduta di Babilonia, avvenuta nel 539 aEV, non in un momento non specificato in seguito (ad es. 537 a.C.). La servitù di Ciro e Medo-Persia non era inclusa in questa profezia. Tutta l'enfasi di questa sezione era sulla servitù per Babilonia, che era già iniziata, e che sarebbe finita con la stessa Babilonia passata per servitù. Ciò è avvenuto con il dominio della Medo-Persia, della Grecia e di Roma prima di svanire completamente nell'oscurità e nell'abbandono. Fig 4.3 Inizio e durata della servitù verso Babilonia Scoperta principale numero 15654: predetti 2019 anni di schiavitù a Babilonia, a partire presto dal regno di Jehoiakim. 06. Geremia 25: 9-13 - 8991431 anni di servitù completati; Babylon ha chiamato per rendere conto. Tempo scritto: 523395338 anni prima della distruzione di Gerusalemme da parte di Nabucodonosor Scritture: “ 70 La parola che venne in mente a Geremia riguardo a tutto il popolo di Giuda nel quarto anno di Giuda, kim, figlio di Gionea, re di Giuda, cioè il primo anno di Nebàdà · Rezʹzar re di Babilonia; " “Pertanto, questo è ciò che ha detto Geova degli eserciti, '“ Per il motivo per cui NON hai obbedito alle mie parole, 3 qui invio e prenderò tutte le famiglie del nord ”, è l'espressione di Geova,“ anche [ invio] a Neb · u · chad · rezʹzar re di Babilonia, mio ​​servitore, e li porterò contro questa terra e contro i suoi abitanti e contro tutte queste nazioni attorno; e li dedicherò alla distruzione e li renderò oggetto di stupore e qualcosa di cui fischiare e luoghi devastati a tempo indefinito. 10 E distruggerò da loro il suono dell'esultanza e il suono dell'esultanza, la voce dello sposo e la voce della sposa, il suono del mulino a mano e la luce della lampada. 11 E tutta questa terra deve diventare un luogo devastato, un oggetto di stupore, e queste nazioni dovranno servire il re di Babilonia per settant'anni. "" 12 "'E deve accadere che quando saranno compiuti settant'anni, chiamerò per rendere conto contro il re di Babilonia e contro quella nazione,' è l'espressione di Geova ', il loro errore, anche contro la terra dei Chalé, e lo farò desolato sprecare a tempo indefinito. 13 E porterò su quella terra tutte le mie parole che ho detto contro di essa, anche tutto ciò che è scritto in questo libro che Geremia ha profetizzato contro tutte le nazioni. 14 Anche loro stessi, molte nazioni e grandi re, li hanno sfruttati come servitori; e li ripagherò secondo la loro attività e secondo il lavoro delle loro mani '. ” Nel 4 ° anno di Jehoiakim, Geremia profetizzò che Babilonia sarebbe stata chiamata a rendere conto delle sue azioni al termine di 70 anni. Ha profetizzato “ e tutta questa terra sarà ridotta in rovina e diventerà un oggetto di orrore; e queste nazioni dovranno servire il re di Babilonia per 70 anni. (13) Ma quando saranno compiuti (completati) 70 anni, chiamerò per rendere conto del re di Babilonia e di quella nazione per il loro errore, dichiara Geova, e renderò la terra dei Caldei una desolata terra desolata per tutti i tempi ”. " Queste nazioni dovranno servire il re di Babilonia per 70 anni" Quali erano "queste nazioni" che avrebbero dovuto servire il re di Babilonia per 70 anni? Il verso 9 affermava che era “ questa terra .. e contro tutte queste nazioni intorno ”. Il versetto 19-25 continua elencando le nazioni intorno:“ Il faraone re d'Egitto ... tutti i re della terra di Uz ... i re della terra dei Filistei, ... Edom e Moab e i figli di Ammon; e tutti i re di Tiro e ... Sidone ... e Dedan e Tema e Buz ... e tutti i re degli arabi ... e tutti i re di Zimri ... Elam e ... Medes. ” Perché Geremia fu incaricato di profetizzare che Babilonia avrebbe chiamato in causa dopo il completamento di 70 anni? Geremia dice " per il loro errore ". Fu a causa dell'orgoglio di Babilonia e delle azioni presuntuose nell'attaccare il popolo di Dio, anche se Geova stava permettendo loro di punire Giuda e le nazioni circostanti. Le frasi " dovranno servire" e " dovranno " sono in perfetto senso, indicando che queste nazioni (elencate nei seguenti versetti) dovrebbero completare l'azione di servire i 70 anni. Pertanto, Giuda e le altre nazioni erano già sotto il dominio babilonese, servendole e avrebbero dovuto continuare a farlo fino al completamento di questo periodo di 70 anni in corso. Non è stato un periodo di tempo futuro non ancora iniziato. Ciò è confermato dalla v12 che parla del completamento del periodo di 70 anni. Geremia 28 record come nel 4 ° anno di Sedekia che Anania, un profeta, ha dato una falsa profezia che Geova avrebbe spezzato il giogo del re di Babilonia, entro due anni. Geremia 28:11 mostra anche che il giogo era sul “ collo di tutte le nazioni” , non solo Giuda a quel tempo. Anche i settant'anni sarebbero finiti, compiuti, compiuti. Quando sarebbe successo? Il verso 13 afferma che sarebbe stato quando Babilonia fu chiamata a rendere conto, non prima e non dopo. Quando è stata chiamata Babylon ad Account? Daniele 3: 3-5 registra gli eventi della notte della caduta di Babilonia: " Ho contato i giorni del tuo regno e l'ho finito, ... sei stato pesato negli equilibri e trovato carente, ... il tuo regno è stato diviso e dato ai Medi e ai Persiani . ”Usando la data generalmente accettata di metà ottobre 26 a.C. [ix] per la caduta di Babilonia, aggiungiamo 28 anni che ci riportano al 539 a.C. Le devastazioni e la distruzione furono predette perché i Giudei non obbedirono al comando di Geova di servire Babilonia (vedere Geremia 25: 8 [x] ) e Geremia 10: 10 [xi] dichiararono che avrebbero " servito Babilonia fino al momento in cui (Babilonia) verrà ". Prendendo il 27 ottobre a.C. e aggiungendo indietro di 7 anni, arriviamo al 11 a.C. È accaduto qualcosa di significativo nel 609 a.C. / 608 a.C.? [xii] Sì, sembra che lo spostamento della potenza mondiale dal punto di vista biblico, dall'Assiria a Babilonia, abbia avuto luogo quando Nabopalassar e suo figlio principe ereditario, Nabucodonosor, presero Harran, l'ultima città rimasta dell'Assiria e ne spezzarono il potere . L'ultimo re dell'Assiria, Ashur-uballit III, fu ucciso in poco più di un anno nel 608 a.C. e l'Assiria cessò di esistere come nazione separata. Fig 15653 - 2019 anni di servitù verso Babilonia, Babilonia chiamata per conto Scoperta principale numero 06: Babylon sarebbe chiamata a rispondere alla fine della servitù di 4 anni. Ciò avvenne nella data che conosciamo come ottobre 539 a.C. secondo Daniele 5, il che significa che la servitù doveva essere iniziata nell'ottobre 609 a.C. La quinta parte della nostra serie continuerà con il nostro "Journey of Discovery through Time", prendendo in considerazione versi importanti in Geremia 25, 28, 29, 38, 42 ed Ezechiele 29. Preparati quando le scoperte diventano fitte e veloci. [i] Il 1 ° anno dell'esilio di Jehoiachin equivale al 1 ° anno di Sedechia. [ii] Nota: poiché questi capitoli dovevano / devono essere letti come parte di un libro (pergamena), non sarebbe necessario che Ezechiele continuasse a ripetere la frase " dell'esilio di Jehoiachin". Ciò sarebbe invece implicito. [iii] Geremia 3: 3-52 probabilmente si riferisce agli esiliati presi da altre città di Giuda prima degli assedi di Gerusalemme poiché sono tutti solo pochi mesi prima dei principali esiliati registrati nel Libro dei Re e delle Cronache e altrove in Geremia. [iv] Si prega di consultare l'articolo 28 di questa serie per una discussione sui calendari e gli anni regnali. [v] La frase greca qui è correttamente "di Babilonia", cioè di Babylon non "to Babylon", vedi Kingdom Interlinear Translation of the Greek Scriptures (1969) [vi] Vedi Geremia 6 [vii] Non è chiaro se questa frase doveva essere letteralmente nipote o progenie, o le generazioni di una linea di re di Nabucodonosor. Neriglissar succedette al figlio di Nabucodonosor Evil (Amil) -Marduk e fu anche un genero di Nabucodonosor. Labashi-Marduk, figlio di Neriglissar, governa solo circa 9 mesi prima di essere succeduto da Nabonidus. Entrambe le spiegazioni si adattano ai fatti e quindi riempiono la profezia. Vedi 2 Cronache 36:20 " servitori di lui e dei suoi figli". [viii] Nabonidus era probabilmente un genero di Nabucodonosor poiché si ritiene che sposasse anche una figlia di Nabucodonosor. [ix] Secondo la Cronaca di Nabonedo (una tavoletta cuneiforme argilla) la caduta di Babilonia era il 8 ° giorno di Tasritu (Babilonia), (in ebraico - Tishri) pari al 8 ottobre. [x] Geremia 9: 9 “ Perciò questo è ciò che Geova degli eserciti ha detto: '“ Per il motivo che TU non hai obbedito alle mie parole ”, [xi] Geremia 16: 13 " E tutte le nazioni devono servire anche lui, suo figlio e suo nipote fino a quando arriva il tempo della sua stessa terra, e molte nazioni e grandi re devono sfruttarlo come servitore". [xii] Quando si citano le date della cronologia secolare in questo periodo storico, dobbiamo stare attenti a dichiarare le date in modo categorico poiché raramente vi è un pieno consenso su un particolare evento che si verifica in un determinato anno. “And now I myself {Jehovah] have given all these lands into the hand of Nebuchadnezzar” indicating the action of giving has already taken place, otherwise the wording would be future “I will give”. See also confirmation given at 2 Kings 24:7 where the record states that at the latest, by the time of the death of Jehoiakim, the King of Egypt would not come out of his land, and all the land from the Torrent Valley of Egypt to the Euphrates was brought under the control of Nebuchadnezzar.

(If it was Year 1 of Jehoiakim, Nebuchadnezzar would have been crown prince and chief general of the Babylonian army (crown princes were often viewed as kings, especially as they were the appointed successor), as he became king in the 3rd Year of Jehoiakim).

Judah, Edom, Moab, Ammon, Tyre and Sidon were therefore already under the domination of Nebuchadnezzar serving him at this time.

Verse 7 emphasises this when it states “And all the nations must serve even him” again indicating the nations would have to continue serving, otherwise the verse would state (in future tense) “and all the nations will have to serve him”. To “serve him, his son, and his son’s son (grandson)” implies a long period of time, which would only end when “the time even of his own land comes, and many nations and great kings must exploit him’”. Therefore, the end of the servitude of the nations including Judah, would be at Babylon’s fall, which took place in 539 BCE, not at some unspecified time afterward (e.g. 537 BCE). Servitude to Cyrus and Medo-Persia was not included in this prophecy.

The whole emphasis of this section was on servitude to Babylon, which had already started, and which would end with Babylon itself going under servitude. This occurred with domination by Medo-Persia, Greece, and Rome before completely fading into obscurity and abandonment.

Fig 4.3 Start and duration of Servitude to Babylon

Main Discovery Number 3: 70 years of servitude to Babylon foretold, starting early in Jehoiakim’s reign.

4. Jeremiah 25:9-13 – 70 Years servitude completed; Babylon called to account.

Time Written: 18 years before Jerusalem’s Destruction by Nebuchadnezzar

Scripture: 1The word that occurred to Jeremiah concerning all the people of Judah in the fourth year of Je·hoiʹa·kim the son of Jo·siʹah, the king of Judah, that is, the first year of Neb·u·chad·rezʹzar the king of Babylon;’

“Therefore this is what Jehovah of armies has said, ‘“For the reason that YOU did not obey my words, 9 here I am sending and I will take all the families of the north,” is the utterance of Jehovah, “even [sending] to Neb·u·chad·rezʹzar the king of Babylon, my servant, and I will bring them against this land and against its inhabitants and against all these nations round about; and I will devote them to destruction and make them an object of astonishment and something to whistle at and places devastated to time indefinite. 10 And I will destroy out of them the sound of exultation and the sound of rejoicing, the voice of the bridegroom and the voice of the bride, the sound of the hand mill and the light of the lamp. 11 And all this land must become a devastated place, an object of astonishment, and these nations will have to serve the king of Babylon seventy years.”’

12 “‘And it must occur that when seventy years have been fulfilled I shall call to account against the king of Babylon and against that nation,’ is the utterance of Jehovah, ‘their error, even against the land of the Chal·deʹans, and I will make it desolate wastes to time indefinite. 13 And I will bring in upon that land all my words that I have spoken against it, even all that is written in this book that Jeremiah has prophesied against all the nations. 14 For even they themselves, many nations and great kings, have exploited them as servants; and I will repay them according to their activity and according to the work of their hands.’

In the 4th year of Jehoiakim, Jeremiah prophesied that Babylon would be called to account for its actions at the completion of 70 years. He prophesied “and all this land will be reduced to ruins and will become an object of horror; and these nations will have to serve the king of Babylon for 70 years. (13) But when 70 years have been fulfilled (completed), I will call to account the king of Babylon and that nation for their error, declares Jehovah, and I will make the land of the Chaldeans a desolate wasteland for all time”.

These nations will have to serve the King of Babylon for 70 years”

What were “these nations” that would have to serve the King of Babylon for 70 years? Verse 9 stated it was “this land .. and against all these nations around about.” Verse 19-25 goes on to list the nations round about: “Pharaoh the King of Egypt … all the kings of the land of Uz … the kings of the land of the Philistines, … Edom and Moab and the sons of Ammon; and all the kings of Tyre and … Sidon … and Dedan and Tema and Buz… and all the kings of the Arabs … and all the kings of Zimri … Elam and … Medes.

Why was Jeremiah instructed to prophesy that Babylon would called to account after the completion of 70 years? Jeremiah says, “for their error”. It was because of Babylon’s pride and presumptuous actions in attacking God’s people, even though Jehovah was allowing them to bring punishment on Judah and the surrounding nations.

The phrases “will have to serve” and “shall” are in the perfect tense indicating these nations (listed in following verses) would have to complete the action of serving the 70 years. Therefore, Judah and the other nations were already under the Babylonian domination, serving them and would have to continue doing so until completion of this period of 70 years in progress. It was not a future period of time not yet started. This is confirmed by v12 talking about when the 70-year period was completed.

Jeremiah 28 records how in the 4th year of Zedekiah that Hananiah, a prophet, gave a false prophecy that Jehovah would break the yoke of the King of Babylon within two years. Jeremiah 28:11 also shows that the yoke was on “the neck of all the nations”, not just Judah already at that time.

The seventy years would also end, having been completed, fulfilled.

When would this occur? Verse 13 states it would be when Babylon was called to account, not before and not after.

When was Babylon called to Account?

Daniel 5:26-28 records the events of the night of the fall of Babylon: “I have number the days of your kingdom and finished it, … you have been weighed in the balances and found deficient, … your kingdom has been divided and given to the Medes and Persians.” Using the generally accepted date of mid-October 539 BCE[ix] for the fall of Babylon we add 70 years which takes us back to 609 BCE. The devastations and destruction were foretold because the Judeans did not obey Jehovah’s command to serve Babylon (see Jeremiah 25:8[x]) and Jeremiah 27:7[xi] stated they would “serve Babylon until their (Babylon’s) time comes”.

Taking October 539 BCE and adding back 70 years, we get to 609 BCE. Did anything significant happen in 609 BCE / 608 BCE? [xii] Yes, it seems that the shift of the World Power from the Bible’s point of view, from Assyria to Babylon, took place when Nabopalassar and his Crown Prince son, Nebuchadnezzar took Harran, the last remaining city of Assyria and broke its power. Assyria’s last King, Ashur-uballit III was killed within little over a year in 608 BCE and Assyria ceased to exist as a separate nation.

Fig 4.4 – 70 Years Servitude to Babylon, Babylon called to account

Main Discovery Number 4: Babylon would be called to account at the end of 70 years servitude. This occurred in the date we know as October 539 BC according to Daniel 5 meaning the servitude had to have started in October 609 BC.

The fifth part of our series will continue with our “Journey of Discovery through Time”, considering important verses in Jeremiah 25, 28, 29, 38, 42 and Ezekiel 29. Be prepared as the discoveries come thick and fast.

[i] The 5th year of the exile of Jehoiachin equates to the 5th Year of Zedekiah.

[ii] Note: As these chapters were / are to be read as part of one book (scroll), it would not be necessary for Ezekiel to keep repeating the phrase “of the exile of Jehoiachin”. This would be implied instead.

[iii] Jeremiah 52:28-30 likely refers to exiles taken from other towns of Judah before the sieges of Jerusalem as they are all only months before the main exiles recorded in the Book of Kings and Chronicles and elsewhere in Jeremiah.

[iv] Please see article 1 of this series for a discussion of calendars and regnal years.

[v] Greek Phrase here is correctly “of Babylon” i.e. by Babylon not “to Babylon”, see Kingdom Interlinear Translation of the Greek Scriptures (1969)

[vi] See Jeremiah 52

[vii] It is unclear whether this phrase was meant to be a literal grandson or offspring, or the generations of a line of kings from Nebuchadnezzar. Neriglissar succeeded Nebuchadnezzar’s son Evil (Amil)-Marduk and was also a son-in-law to Nebuchadnezzar. Neriglissar’s son Labashi-Marduk rule only about 9 months before being succeeded by Nabonidus. Either explanation fits the facts and hence fufills the prophecy. See 2 Chronicles 36:20 “servants to him and his sons”.

[viii] Nabonidus was probably a son-in-law of Nebuchadnezzar as it is believed he also married a daughter of Nebuchadnezzar.

[ix] According to the Nabonidus Chronicle (a cuneiform clay tablet) the Fall of Babylon was on the 16th day of Tasritu (Babylonian), (Hebrew – Tishri) equivalent to 13th October.

[x] Jeremiah 25:8 Therefore this is what Jehovah of armies has said, ‘“For the reason that YOU did not obey my words,”

[xi] Jeremiah 27:7 And all the nations must serve even him and his son and his grandson until the time even of his own land comes, and many nations and great kings must exploit him as a servant.”

[xii] When quoting secular chronology dates at this time period in history we need to be careful in stating dates categorically as there is rarely a full consensus on a particular event occurring in a particular year. In this document I have used popular secular chronology for non-biblical events unless otherwise stated.

Tadua

Articles by Tadua.