[dallo studio ws 12/2019 p.14]

“La Bibbia dice che sono necessari almeno due testimoni per stabilire una questione. (Num. 35:30; Deut. 17: 6; 19:15; Matt. 18:16; 1 Tim. 5:19) Ma sotto la Legge, se un uomo violentava una ragazza fidanzata "sul campo" e urlava , lei era innocente di adulterio e lui no. Dato che gli altri non hanno assistito allo stupro, perché era innocente mentre lui era colpevole? "

Il passaggio citato nella seconda parte della domanda dai lettori è stato usato per discutere contro l'atteggiamento della "testa nella sabbia" dell'Organizzazione di Guardia nel trattare le accuse di abusi sui minori. Dato che l'Organizzazione insiste su due testimoni anche nel caso di abusi sessuali su minori, che è stupro, è necessario rispondere a questa domanda. Forniranno prove del requisito di due testimoni? Esaminiamo come rispondono a questa domanda in base al brano citato, Deuteronomio 22: 25-27.

Il brano in discussione è Deuteronomio 22:25:27 che recita “Se, tuttavia, è nel campo che l'uomo ha trovato la ragazza che era fidanzata, e l'uomo l'ha afferrata e si è sdraiata con lei, anche l'uomo che si è sdraiato con lei deve morire da solo, 26 e ragazza non devi fare niente. La ragazza non ha alcun peccato che meriti la morte, perché proprio come quando un uomo insorge contro il suo prossimo e in effetti lo uccide, anche un'anima, così è in questo caso. 27 Perché fu nel campo che la trovò. La ragazza che era fidanzata urlò, ma non c'era nessuno che la salvasse ”.

In primo luogo, mettiamo questo passaggio nel vero contesto biblico prima di continuare a rivedere la risposta dell'articolo della Torre di Guardia.

Scenario 1

Deuteronomio 22: 13-21 si occupa dello scenario in cui un marito sposa una donna e dopo un po 'inizia a calunniarla, accusandola di non essere vergine quando la sposò. Ovviamente, non ci saranno mai due testimoni della conclusione del matrimonio, quindi come è stata gestita la questione? Sembra che nella prima notte di nozze sia stato usato un lenzuolo che sarebbe stato macchiato con la piccola quantità di sangue dalla rottura dell'imene della donna in occasione del suo primo rapporto sessuale a compimento del matrimonio. Questo foglio fu poi consegnato ai genitori della donna, probabilmente il giorno seguente e conservato come prova. Potrebbe quindi essere prodotto dai genitori della donna in caso di accusa contro la moglie. Se l'innocenza fu dimostrata in questo modo dalla donna, l'uomo fu fisicamente punito, multato, con l'ammenda che andò al padre della donna come risarcimento per il suo nome calunniato, e il marito non poteva divorziare da sua moglie per tutti i suoi giorni.

Punti importanti da notare:

  • Fu emesso un giudizio nonostante ci fosse un solo testimone (l'imputato) a difendersi.
  • Sono state consentite prove fisiche; In effetti si faceva affidamento per confermare l'innocenza o il senso di colpa della donna.

Scenario 2

Il Deuteronomio 22:22 affronta lo scenario in cui un uomo fu catturato "in inflagrante delicto" con una donna sposata.

Qui, potrebbe esserci un solo testimone, sebbene il cercatore potrebbe potenzialmente chiedere ad altri di assistere alla situazione compromettente. Tuttavia, la posizione compromettente in cui non avrebbero dovuto trovarsi (un uomo solo con una donna sposata che non era suo marito) e un testimone era sufficiente per stabilire la colpa.

  • Un testimone alla posizione compromettente della donna sposata da solo con un uomo che non era suo marito era sufficiente.
  • Sia l'uomo che la donna sposata hanno ricevuto la stessa punizione.
  • È stato emesso un giudizio.

Scenario 3

Il Deuteronomio 22: 23-24 copre lo scenario in cui un uomo e una vergine fidanzata hanno rapporti sessuali in città. Se la donna non urlava, e quindi poteva essere ascoltata, allora entrambe le parti erano considerate colpevoli in quanto venivano trattate come consensuali anziché come stupri.

  • Ancora una volta, le circostanze hanno agito come testimone, con la donna fidanzata trattata come una donna sposata qui, trovandosi in una situazione compromettente.
  • Sia l'uomo che la donna sposata hanno ricevuto la stessa punizione se non ci sono stati urli perché è stato considerato consensuale.
  • Se la donna avesse urlato, ci sarebbe stata una testimone e sarebbe stata considerata una vittima di stupro innocente e solo l'uomo sarebbe stato punito (con la morte).
  • È stato emesso un giudizio.

Scenario 4

Questo è l'oggetto dell'articolo della Torre di Guardia.

Il Deuteronomio 22: 25-27 è simile allo Scenario 3 e copre lo scenario in cui un uomo si sdraia con una donna vergine impegnata sul campo al posto della città. Qui, anche se urlava, nessuno l'avrebbe ascoltata. Pertanto, è stato considerato di default come un atto non consensuale da parte della donna, e quindi stupro e adulterio da parte dell'uomo. La vergine è considerata innocente, ma l'uomo deve essere messo a morte.

  • Ancora una volta, le circostanze fungevano da testimone, con una presunzione di innocenza per la donna fidanzata poiché nessuno poteva fornire aiuto.
  • Le circostanze fungevano anche da testimone per l'uomo, con una presunzione di colpa per l'uomo a causa delle circostanze compromettenti, poiché non avrebbe dovuto essere solo con la donna fidanzata che era vista come se fosse già sposata. Non vi è alcuna necessità dichiarata di prove corroboranti.
  • È stato emesso un giudizio.

Scenario 5

Deuteronomio 22: 28-29 copre lo scenario in cui un uomo si distende con una donna che non è né fidanzata né sposata. Qui il passaggio delle Scritture non distingue tra se si trattasse di relazioni consensuali o di stupro. Ad ogni modo l'uomo deve sposare la donna e non può divorziarla per tutta la vita.

  • Qui l'uomo viene scoraggiato dallo stupro e dalla fornicazione poiché dovrà sposare la donna e provvedere a lei per tutta la vita.
  • Che si tratti di un reclamo da parte della donna o di un testimone di terze parti, non importa qui, l'uomo ottiene la punizione più pesante.
  • È stato emesso un giudizio.

Riepilogo degli scenari

Possiamo vedere uno schema apparire qui? Questi sono tutti scenari in cui è improbabile che ci sia un secondo testimone. Eppure il giudizio doveva essere dato. Sulla base di cosa?

  • Le prove fisiche decidono se l'uomo o la donna fossero colpevoli (Scenario 1).
  • Circostanze compromettenti prese come prova (Scenario 2 - 5).
  • Presunzione di colpa della donna in base a circostanze particolari (Scenario 2 e 3).
  • Presunzione di innocenza a favore della donna in circostanze particolari (Scenario 4 e 5).
  • Presunzione di colpa dell'uomo basata su circostanze particolari (Scenario 2, 3, 4 e 5).
  • Laddove entrambi colpevoli, è stata inflitta la stessa punizione.
  • È stato emesso un giudizio.

Erano leggi chiare, facili da ricordare.

Inoltre, nessuna di queste leggi menzionava nulla riguardo a qualsiasi requisito per ulteriori testimoni. In effetti, questi scenari si svolgono normalmente dove e quando non ci sono testimoni. Ad esempio, se la donna è stata attaccata in città e ha urlato. Forse qualcuno ha sentito l'urlo, ma non c'era bisogno che il testimone dell'urlo sapesse da chi provenisse o catturasse l'uomo sulla scena. Inoltre, mentre questi casi venivano processati alle porte della città, un testimone dell'urlo sarebbe venuto a conoscenza di ciò che accadeva e poteva farsi avanti.

Come puoi vedere, i punti principali per lo scenario sono in linea con gli altri 4 scenari. Inoltre, il risultato per lo scenario 4 è molto simile allo scenario 5, in cui l'uomo è anche considerato il colpevole.

Alla luce del vero contesto, quindi, esaminiamo ora la risposta dell'Organizzazione a questo scenario e la domanda dei "lettori".

Risposta dell'organizzazione

La frase di apertura afferma: “Il racconto di Deuteronomio 22: 25-27 non riguarda principalmente la dimostrazione della colpa dell'uomo, perché è stato riconosciuto. Questa legge si concentrava sull'instaurazione dell'innocenza della donna. Nota il contesto ”.

Questa affermazione è nella migliore delle ipotesi disingenua. Certo, questo account "Non si tratta principalmente di dimostrare la colpa dell'uomo". Perché? "perché quello è stato riconosciuto". Non c'erano requisiti di prova necessari per stabilire la colpa dell'uomo. La legge indicava che un uomo in queste circostanze sarebbe stato ritenuto colpevole, a causa di circostanze compromettenti che avrebbe dovuto evitare. periodo. Nessuna ulteriore discussione.

Tuttavia, contrariamente a quanto afferma l'articolo della Torre di Guardia, non si concentra "Sullo stabilire l'innocenza della donna". Non ci sono istruzioni nel racconto biblico su come stabilire la sua innocenza. La conclusione ragionevole è che è stato imputato automaticamente che fosse innocente.

In parole povere, se l'uomo fosse solo nei campi, fatta eccezione per la compagnia di una donna fidanzata, si potrebbe automaticamente ritenere colpevole di adulterio per essere in quella situazione compromettente in primo luogo. Pertanto, se la donna affermava di essere stata violentata, l'uomo non aveva alcuna difesa da usare contro tale accusa.

Potremmo ipotizzare che forse i giudici hanno tentato di trovare un testimone o testimoni che potrebbero mettere la donna nelle stesse vicinanze dell'uomo allo stesso tempo. Tuttavia, anche se fossero stati trovati testimoni, nella migliore delle ipotesi sarebbero solo prove circostanziali, non un secondo testimone dell'evento reale. Dovrebbe essere chiaro alle persone ragionevoli che due testimoni dell'atto di stupro o di adulterio non erano richiesti per il giudizio. Anche con buone ragioni, perché ovviamente, dato il tipo di peccato e le circostanze dello scenario, era improbabile che esistessero.

I restanti 4 piccoli paragrafi di questa cosiddetta risposta confermano semplicemente le ipotesi di colpa e innocenza in questo scenario (4) e nello scenario 5.

In che modo questo articolo della Torre di Guardia affronta "l'elefante nella stanza" riguardo al requisito per due testimoni menzionati all'inizio della domanda?

Mettendolo senza mezzi termini, l'articolo ignora semplicemente "l'elefante nella stanza". L'Organizzazione non tenta nemmeno di affrontare come questo si applicherebbe a nessuno dei 5 scenari in Deuteronomio 22: 13-29.

Dovremmo essere arrabbiati? Non proprio. In realtà, l'Organizzazione si è appena scavata in un buco più grande. Come mai?

Che dire del principio che l'Organizzazione ha ora messo in stampa come indicato nel paragrafo 3, che recita:

"In quel caso, alla donna fu dato il beneficio del dubbio. In che senso? Si presumeva che "urlasse, ma non c'era nessuno che potesse salvarla". Quindi non stava commettendo adulterio. L'uomo però era colpevole di stupro e adulterio perché "la sopraffece e si sdraiò con lei", la donna fidanzata ".

Riesci a vedere qualche differenza tra quello scenario e quella formulazione e quanto segue?

“In quel caso al bambino è stato dato il beneficio del dubbio. In che senso? Si presumeva che il bambino avesse urlato, ma non c'era nessuno che potesse salvarlo. Quindi, il minore non stava commettendo fornicazione. L'uomo (o la donna), tuttavia, si è reso colpevole di stupro, adulterio o fornicazione infantile perché ha sopraffatto il minore e si è sdraiato con loro, il minore inconsistente ”.

[Nota: il bambino era minorenne e non ci si può aspettare che capisca quale sia il consenso. Indipendentemente dal fatto che qualcuno pensi che il minore possa comprendere appieno ciò che stava accadendo, un minore non posso acconsentire secondo la legge.]

Non c'è assolutamente alcuna differenza nell'ultima affermazione che abbiamo creato, e nell'affermazione o nel principio forniti nell'articolo, tranne nei dettagli molto piccoli che non negano in alcun modo la gravità della situazione. In effetti, questi piccoli cambiamenti rendono il caso ancora più avvincente. Se una donna è considerata la nave più debole, quanto più è un figlio minore di entrambi i sessi.

In base alla dichiarazione o al principio nell'articolo della Torre di Guardia, non sarebbe giustizia che l'adulto debba essere ritenuto colpevole in quest'ultimo caso con un figlio minore in assenza di prove convincenti del contrario? Inoltre, al bambino o al minore dovrebbe essere concesso il beneficio del dubbio anziché l'abusatore?

Inoltre, in base agli scenari discussi in Deuteronomio 22, nel caso di abusi sessuali su minori l'adulto è quello in posizione compromettente, che dovrebbe conoscere meglio. Non importa se l'adulto è il padre o il patrigno, la madre, la matrigna, lo zio o la zia, per la vittima, o l'anziano, servitore di ministero, pioniere, in una posizione di fiducia. Spetta all'aggressore dimostrare di non aver molestato il minore dando un alibi dimostrabile per tutte le occasioni. Non è compito della parte più debole, a rischio, dimostrare la propria innocenza con la fornitura di un altro testimone che sarebbe impossibile ottenere in queste circostanze. Inoltre, vi è un precedente scritturale mostrato in questi scenari esaminati, per l'evidenza fisica sotto forma di prove del DNA ottenute da un medico, e così via per essere accettabile come testimone aggiuntivo. (Nota l'uso del mantello della prima notte di nozze nello scenario 1).

Un ultimo punto a cui pensare. Chiedi a qualcuno che ha vissuto nell'attuale Israele per un po 'di tempo, come la legge viene applicata lì. La risposta sarà "l'essenza o lo spirito della legge". Ciò differisce notevolmente dalla legge negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania e in altri paesi in cui l'applicazione della legge è alla lettera della legge, piuttosto che allo spirito o all'essenza della legge.

Possiamo vedere chiaramente come l'Organizzazione si attenga alla "lettera della legge" per quanto riguarda l'applicazione dei principi biblici ai giudizi all'interno dell'Organizzazione. Questo è come l'atteggiamento dei farisei.

Che contrasto con lo stato secolare di Israele, che nonostante il suo secolarismo, applica la legge secondo lo spirito della legge, seguendo il principio delle Leggi, come intendeva Geova e anche come applicato da Cristo e dai primi cristiani.

Pertanto all'Organizzazione applichiamo le parole di Gesù riportate in Matteo 23: 15-35.

In particolare Matteo 23:24 è molto applicabile, come si legge "Guide cieche, che sforzano il moscerino ma inghiottono il cammello!". Si sono sforzati e hanno mantenuto il requisito per due testimoni (moscerino), applicandolo dove non avrebbero dovuto e nel farlo inghiottire e ignorare il quadro molto più grande della giustizia (il cammello). Hanno anche applicato la lettera della legge (quando non lo fanno in modo coerente tra i problemi) anziché l'essenza della legge.

Tadua

Articoli di Tadua.