"Vieni ... in un luogo isolato e riposati un po '". - Marco 6:31

[Da ws 12/19 p.2 Studio articolo 49: 3 febbraio - 9 febbraio 2020]

Il primo paragrafo si apre con questa seguente verità sulla situazione di una grande percentuale della popolazione mondiale "In molti paesi, le persone lavorano più duramente e più a lungo che mai. Le persone sovraccariche di lavoro sono spesso troppo impegnate per riposare, per trascorrere del tempo con le loro famiglie o per soddisfare i loro bisogni spirituali ”.

Suona anche come molti Testimoni che conosci? Sono loro "Lavorare di più e più a lungo che mai ” perché non hanno scelta in quanto la loro scelta di lavoro è limitata, tutto a causa della cieca obbedienza alla costante pressione dell'Organizzazione di non seguire l'istruzione superiore? Il risultato, "sono spesso troppo occupati per riposare, trascorrere del tempo con le loro famiglie o per soddisfare il loro bisogno spirituale ”, tutte cose importanti.

Il paragrafo 5 rileva che “La Bibbia incoraggia il popolo di Dio ad essere lavoratori. I suoi servitori devono essere laboriosi piuttosto che pigri. (Proverbi 15:19)”. Questo è vero. Ma poi arriva un'affermazione quasi incredibilmente insensibile, “Forse lavori in modo secolare per prenderti cura della tua famiglia. E tutti i discepoli di Cristo hanno la responsabilità di partecipare all'opera di predicazione della buona notizia. Tuttavia, devi anche riposarti a sufficienza. A volte fai fatica a bilanciare il tempo per il lavoro secolare, per il ministero e per il riposo? Come facciamo a sapere quanto lavorare e quanto riposare? ”.

“Forse lavori in modo secolare?"Quasi senza eccezioni, sarà direttamente per un datore di lavoro o come lavoratore autonomo. Ci sono solo poche persone che sono in grado di vivere gratuitamente totalmente supportate da altri. Questi pochi sono persone che beneficiano di prestazioni previdenziali fornite dai paesi occidentali o se vivi a Betel o sono sorveglianti di circoscrizione o missionari e quindi sono supportati gratuitamente da tutti gli altri Testimoni, molti dei quali poveri.

Se qualsiasi lettura di questa recensione rientra in questa categoria, si prega di considerare in preghiera ciò che la prima riga del paragrafo 13 ci ricorda "L'apostolo Paolo diede il buon esempio. Doveva fare un lavoro secolare ”. Dato il suo esempio evidenziato in questo paragrafo, è giusto che i sorveglianti di Betelite e del Circuito e le loro mogli vivano delle donazioni altrui, inclusi molti acari della vedova? L'esempio dell'apostolo Paolo non dovrebbe essere seguito?

Come testimone o ex testimone ti riposi a sufficienza? Oppure ti sembra un tapis roulant che vuoi scendere, ma non puoi a causa dell'obbligo che ti viene richiesto di fare tutto ciò che ti aspetti dall'Organizzazione. Probabilmente con un lavoro a basso reddito, fai fatica a bilanciare il tempo tra lavoro secolare, ministero e riposo?

I paragrafi 6 e 7 evidenziano che Gesù aveva una visione equilibrata del lavoro e del riposo. I paragrafi che seguono semplicemente discutono di cosa potremmo fare o dovremmo fare secondo il punto di vista dell'Organizzazione. Ma non offrono alcuna soluzione per ridurre le esigenze che i Testimoni medi hanno nel loro tempo.

A questo punto, mi vengono in mente le seguenti scritture. Le parole di Gesù in Luca 11:46 dove disse ai farisei: “Guai anche a te che sei esperto della Legge, perché carichi gli uomini con carichi difficili da sopportare, ma tu stesso non tocchi i carichi con una delle tue dita ”.

I paragrafi 8-10 riguardano il giorno di sabato che la nazione di Israele osservò. “È stata una giornata di“ completo riposo. . . , qualcosa di santo a Geova ”. I testimoni di Geova non hanno un giorno di riposo. Il sabato non era un giorno per fare un lavoro "teocratico". Era un giorno da fare nessun lavoro. Un vero giorno di riposo. Non c'è giorno della settimana in cui i testimoni di Geova possano conformarsi allo spirito del sabato, al principio morale stabilito da Dio nella legge del sabato. No, devono lavorare tutti i giorni della settimana.

I paragrafi 11-15 trattano la domanda "Qual è il tuo atteggiamento verso il lavoro? ”.

Dopo aver menzionato che Gesù aveva familiarità con il duro lavoro, il paragrafo 12 dice quanto segue sull'apostolo Paolo: “La sua attività principale stava testimoniando il nome e il messaggio di Gesù. Tuttavia, Paul ha lavorato per sostenersi. I Tessalonicesi erano consapevoli del suo "lavoro e fatica", del suo "lavoro giorno e notte" in modo da non mettere "un onere costoso" per nessuno. (2 Tess. 3: 8; Atti 20:34, 35) Paolo potrebbe aver fatto riferimento al suo lavoro di costruttore di tende. Mentre era a Corinto, rimase con Aquila e Priscilla e "lavorò con loro, perché erano fabbricanti di tende di mestiere". "

Se l'apostolo Paolo fosse ““lavorare giorno e notte "in modo da non mettere" un onere costoso "per nessuno" allora come si può dire "La sua attività principale stava testimoniando il nome e il messaggio di Gesù"?

Vero, "testimone"Era probabilmente il suo principale scopo, l'obiettivo su cui si è concentrato, comunque in termini di attività, il suo lavoro come produttore di tende era probabilmente "la sua attività principale ”. Lavorare giorno e notte per sostenersi e spesso trascorrendo solo la predicazione del sabato significa che la predicazione era probabilmente un'attività secondaria nel tempo. Questo era certamente il caso di Corinto secondo Atti 18: 1-4 e di Salonicco secondo 2 Tessalonicesi 3: 8. Non possiamo e non dovremmo speculare ulteriormente, sebbene l'Organizzazione si senta libera di farlo. Ma va notato che l'usanza di Paolo era di parlare agli ebrei di sabato in sinagoga ovunque andasse "come era sua abitudine ”(Atti 17: 2).

Probabilmente il motivo di questa "scivolata" è quello di mantenere la pretesa che i viaggi missionari dell'apostolo Paolo fossero fondamentalmente tour di predicazione a tempo pieno quando non ci sono prove scritturali sufficienti per dirlo con certezza.

L'opera secolare di Paolo a Corinto e Salonicco per sei giorni alla settimana non coincide con l'immagine dei progetti dell'Organizzazione: vale a dire che l'apostolo Paolo era una macchina da predicazione unica. (Nota: i lettori non dovrebbero prendere questa sezione per tentare in alcun modo di ridurre i risultati e l'impegno dell'apostolo Paolo nel diffondere la buona notizia).

Il paragrafo 13 è stranamente costruito. Inizia ammettendo "L'apostolo Paolo diede il buon esempio. Doveva fare un lavoro secolare;”. Ma il resto di questa prima frase e le successive 2 frasi sono tutte su di lui che fa l'opera di predicazione. Dopo aver dichiarato, "Paolo esortò i Corinzi ad avere "molto da fare nell'opera del Signore" (1 Cor.15: 58; 2 Cor 9: 8), termina quindi il paragrafo dicendo: “Geova ispirò persino l'apostolo Paolo a scrivere:“ Se qualcuno non vuole lavorare, né lasciarlo mangiare ”. - 2 Tess. 3:10” . Sembra che vogliano dare l'impressione che se non lavori nella loro versione dell'opera di predicazione, allora non dovresti avere il permesso di mangiare. Il corretto posizionamento dell'ultima frase dovrebbe essere dopo il punto e virgola della prima frase, quando si parla di lavoro fisico.

Il paragrafo 14 sottolinea solo che "l'opera più importante in questi ultimi giorni è quella di predicare e fare discepoli ”. L'opera più importante non è forse quella di migliorare le nostre qualità cristiane? Dobbiamo avere le basi giuste, altrimenti saremmo giustamente visti come ipocriti, predicando agli altri di seguire un modo di vivere che non stiamo seguendo correttamente noi stessi.

I paragrafi 16-18 riguardano la rubrica "Qual è il tuo atteggiamento di riposo? ”.

Dopo aver dichiarato, "Gesù sapeva che a volte lui e gli apostoli avevano bisogno di riposo ”, si spera che ci vengano dati alcuni suggerimenti pratici su come trovare il tempo adeguato per riposare. Ma no. Ci viene invece consigliato di non essere come il ricco nell'illustrazione di Gesù in Luca 12:19, che non voleva fare alcun lavoro e godersi la vita. Quanti Testimoni conosci che sono in grado di vivere come il ricco nell'illustrazione di Gesù o lo stanno facendo? Probabilmente ce ne sono alcuni, ma sono rari!

Questo è seguito dalla pressione nel paragrafo 17 per usare il nostro tempo di riposo dal lavoro per fare ancora più lavoro! In effetti, il testo non è preceduto da "'sarebbe bene'" o da una formulazione simile, dimostrando che abbiamo la scelta, ma che ci incoraggia. Piuttosto non ci viene data alcuna opzione. Ci viene detto che lo facciamo, e di conseguenza ciò significa che se non lo stiamo facendo, allora non siamo buoni Testimoni. Dice "Oggi cerchiamo di imitare Gesù usando il tempo che ci separa dal lavoro non solo per riposare, ma anche per fare del bene testimoniando gli altri e partecipando alle adunanze cristiane. In effetti, per noi, fare discepoli e partecipare alle riunioni è così importante che facciamo ogni sforzo per impegnarci regolarmente in quelle sacre attività ”. Questa formulazione deduce che dobbiamo fare queste cose senza dubbio e con ogni momento libero. Nessuna menzione di riposo!

Ma aspetta, e quelli di noi abbastanza fortunati da potersi permettere una vacanza? Come Testimoni siamo in grado di rilassarci quando finalmente abbiamo il tempo di riposare?

Non secondo l'organizzazione. "Anche quando siamo in vacanza, manteniamo la nostra normale routine spirituale di partecipare alle riunioni ovunque ci troviamo". Sì, metti in valigia vestito, cravatta, camicia elegante o abito da riunione, con molta attenzione, in modo che non sia sgualcita e che la Bibbia e le pubblicazioni della tua riunione, riempiano metà della valigia. La tua grande fuga dalla normale routine per riposare e ricaricare la tua forza fisica e mentale non può avvenire nemmeno per una o due settimane. Alle riunioni devi andare!

Anche se per Geova fosse un obbligo partecipare alle riunioni due volte alla settimana (cosa che non lo è), sarebbe stato così spietato da negarci la vita eterna perché abbiamo perso alcune riunioni.

Il paragrafo conclusivo (18) ci dice "Quanto siamo grati che il nostro Re, Cristo Gesù, sia ragionevole e ci aiuti ad avere una visione equilibrata del lavoro e del riposo! ”

Fortunatamente, possiamo essere grati per l'atteggiamento di Gesù. Ma per quanto riguarda l'atteggiamento dell'organizzazione?

Sì, Gesù "vuole che otteniamo il resto di cui abbiamo bisogno. Vuole anche che lavoriamo sodo per provvedere ai nostri bisogni fisici e per impegnarci nel lavoro rinfrescante di fare discepoli ”.

Al contrario, l'Organizzazione non è disposta nemmeno a permetterci di trascorrere qualche giorno senza andare a una riunione o persino tentare di predicare.

Pertanto abbiamo una scelta da fare.

Chi è il nostro maestro?

  • Gesù, chi vuole aiutarci e prenderci i nostri pesi, e chi capisce di cosa siamo fisicamente e mentalmente capaci?

Or

  • L'Organizzazione, che mostra che si preoccupa di più di noi che predichiamo e partecipiamo alle riunioni senza interruzione, piuttosto che alla nostra salute mentale e fisica?

Tadua

Articoli di Tadua.