Esame di Matteo 24, parte 7: La grande tribolazione

by | APRILE 12, 2020 | Esame di Matthew 24 Series, Video | 15 commenti

Ciao e benvenuto alla Parte 7 della nostra considerazione esegetica di Matteo 24.

In Matteo 24:21 Gesù parla di una grande tribolazione che colpirà gli ebrei. Si riferisce ad esso come il peggiore di tutti i tempi.

"Per allora ci sarà una grande tribolazione come non si è verificata dall'inizio del mondo fino ad ora, no, né accadrà di nuovo". (Mt 24: 21)

Parlando di tribolazione, l'apostolo Giovanni viene informato di qualcosa chiamato "la grande tribolazione" in Apocalisse 7:14.

"Così subito gli ho detto:" Mio signore, sei tu quello che lo sa. " E mi disse: "Questi sono quelli che escono dalla grande tribolazione, e hanno lavato le loro vesti e le hanno rese bianche nel sangue dell'Agnello". (Ri 7:14)

Come abbiamo visto nel nostro ultimo video, i Preteristi credono che questi versi siano collegati e che entrambi si riferiscano allo stesso evento, la distruzione di Gerusalemme. Sulla base delle argomentazioni fatte nel mio video precedente, non accetto il preterismo come una teologia valida, e nemmeno la maggior parte delle denominazioni cristiane. Tuttavia, ciò non significa che la maggior parte delle chiese non creda che esista un collegamento tra la tribolazione di cui parlò Gesù in Matteo 24:21 e quella menzionata dall'angelo in Rivelazione 7:14. Forse questo è perché entrambi usano le stesse parole, "grande tribolazione", o forse è a causa dell'affermazione di Gesù che tale tribolazione è più grande di qualsiasi cosa venga prima o dopo.

In ogni caso, l'idea generale che hanno praticamente tutte queste denominazioni, inclusi i testimoni di Geova, è ben riassunta da questa dichiarazione: "La Chiesa cattolica afferma che" prima della seconda venuta di Cristo la Chiesa deve passare attraverso un processo finale che scuoterà la fede di molti credenti ... "(Chiesa cattolica romana di Santa Caterina da Siena)

Sì, mentre le interpretazioni variano, la maggior parte concorda con il principio di base secondo cui i cristiani subiranno una grande prova finale di fede alla o appena prima della manifestazione della presenza di Cristo.

I testimoni di Geova, tra gli altri, collegano quella profezia con ciò che Gesù disse che sarebbe accaduto a Gerusalemme in Matteo 24:21, che chiamano adempimento minore o tipico. Quindi concludono che Apocalisse 7:14 descrive un adempimento maggiore o secondario, quello che chiamano adempimento antitipico.

Raffigurare "la grande tribolazione" di Rivelazione come prova finale è stato un vero vantaggio per il potere delle chiese. I testimoni di Geova l'hanno sicuramente utilizzato per incitare il gregge ad avere paura dell'evento come mezzo per far sì che i ranghi si conformassero alle procedure e ai dettami dell'organizzazione. Considera cosa ha da dire la Watchtower sull'argomento:

"Obbedienza ciò che deriva dal proseguire con la maturità si rivelerà non meno salvavita quando affrontiamo il grande adempimento della profezia di Gesù secondo cui "ci sarà una grande tribolazione" di grandezza senza pari. (Matt. 24:21) Dimostreremo di esserlo obbediente verso quale futura direzione urgente potremmo ricevere da "il fedele amministratore"? (Luca 12:42) Quanto è importante che impariamo a 'diventare obbediente dal cuore'!-Rom. 6:17 “.
(w09 5/15 p. 13 par. 18 Premi su fino a maturità: “Il grande giorno di Geova è vicino”)

Analizzeremo la parabola dell '"assistente fedele" in un futuro video di questa serie di Matteo 24, ma lasciatemi dire ora senza timore di alcuna ragionevole contraddizione che da nessuna parte le Scritture sono un organo di governo composto solo da una manciata di uomini comandato dalla profezia o raffigurato in qualsiasi lingua come fornitore di ordini do-or-die ai seguaci di Cristo.

Ma stiamo diventando un po 'fuori tema. Se vogliamo dare credito all'idea che Matteo 24:21 abbia un adempimento maggiore, secondario e antitipico, abbiamo bisogno di qualcosa di più della parola di alcuni uomini con una grande casa editrice alle spalle. Abbiamo bisogno di prove dalla Scrittura.

Abbiamo tre compiti davanti a noi.

  1. Decidi se esiste qualche legame tra la tribolazione di Matteo e quella di Apocalisse.
  2. Comprendi a cosa si riferisce la grande tribolazione di Matteo.
  3. Comprendi a cosa si riferisce la grande tribolazione dell'Apocalisse.

Cominciamo con il presunto collegamento tra di loro.

Sia Matteo 24:21 che Apocalisse 7:14 usano il termine "grande tribolazione". È sufficiente per stabilire un collegamento? Se è così, allora deve esserci anche un collegamento ad Apocalisse 2:22 dove viene usato lo stesso termine.

"Guarda! Sto per gettarla in un letto di malattia, e quelli che commettono adulterio con lei in una grande tribolazione, a meno che non si pentano delle sue azioni. ”(Re 2: 22)

Sciocco, non è vero? Inoltre, se Geova voleva che vedessimo un collegamento basato sull'uso delle parole, perché non ha ispirato Luca a usare anche lo stesso termine, "tribolazione" (in greco: thlipsis). Luca descrive le parole di Gesù come "grande angoscia" (in greco: anagké).

“Perché ci sarà grande angoscia sulla terra e l'ira contro questo popolo ". (Lu 21:23)

Nota anche che Matteo registra Gesù dicendo semplicemente "grande tribolazione", ma l'angelo dice a Giovanni:i grande tribolazione ”. Usando l'articolo determinativo, l'angelo mostra che la tribolazione a cui si riferisce è unica. Unico significa unico nel suo genere; un caso o un evento specifico, non un'espressione generale di grande tribolazione o angoscia. Come può una tribolazione unica nel suo genere essere anche una tribolazione secondaria o antitipica? Per definizione, deve stare in piedi da solo.

Alcuni potrebbero chiedersi se ci sia un parallelo a causa delle parole di Gesù che si riferiscono ad essa come alla peggiore tribolazione di tutti i tempi e qualcosa che non accadrà mai più. Penserebbero che la distruzione di Gerusalemme, per quanto grave sia stata, non si qualifica come la peggiore tribolazione di tutti i tempi. Il problema con tale ragionamento è che ignora il contesto delle parole di Gesù che sono molto chiaramente dirette a ciò che presto accadrà alla città di Gerusalemme. Questo contesto include avvertimenti come "allora lascia che quelli in Giudea inizino a fuggire sulle montagne" (versetto 16) e "continua a pregare che la tua fuga possa non avvenire in inverno né di sabato" (versetto 20). "Giudea"? "Il giorno di sabato"? Questi sono tutti termini che si applicano solo agli ebrei ai tempi di Cristo.

Il racconto di Marco dice più o meno la stessa cosa, ma è Luca che rimuove ogni dubbio che Gesù fosse - esclusivamente. riferendosi a Gerusalemme.

“Tuttavia, quando vedi Gerusalemme circondata da eserciti accampati, quindi sappi che la sua desolazione si è avvicinata. Quindi lascia che quelli in Giudea inizino a fuggire sulle montagne, lascia che quelli nel mezzo della sua partenza, e che quelli delle campagne non entrino in lei, perché questi sono giorni in cui si chiede giustizia per far sì che tutte le cose scritte possano essere adempiute. Guai alle donne incinte e a coloro che allattano un bambino in quei giorni! Perché ci sarà grande angoscia sulla terra e ira contro questo popolo“. (Lu 21: 20-23)

La terra a cui si riferisce Gesù è la Giudea con Gerusalemme come capitale; le persone sono gli ebrei. Gesù qui si riferisce alla più grande sofferenza che la nazione di Israele abbia mai e avrebbe mai sperimentato.

Alla luce di tutto ciò, perché qualcuno dovrebbe pensare che ci sia un adempimento secondario, antitipico o maggiore? C'è qualcosa in questi tre resoconti che afferma che dovremmo cercare un adempimento secondario di questa grande tribolazione o grande angoscia? Secondo il Corpo Direttivo, non dovremmo più cercare alcun adempimento tipico / antitipico o primario / secondario nelle Scritture, a meno che le Scritture stesse non li identifichino chiaramente. Lo stesso David Splane afferma che fare ciò significherebbe andare oltre ciò che è scritto. (Metterò un riferimento a tali informazioni nella descrizione di questo video.)

Alcuni di voi potrebbero non essere soddisfatti del pensiero che ci sia un solo adempimento del I secolo in Matteo 24:21. Potreste ragionare: “Come potrebbe non applicarsi al futuro dato che la tribolazione che venne su Gerusalemme non fu la peggiore di tutti i tempi? Non è stata nemmeno la peggiore tribolazione che ha colpito gli ebrei. E l'olocausto, per esempio? "

È qui che entra in gioco l'umiltà. Cos'è più importante, l'interpretazione degli uomini o ciò che Gesù ha effettivamente detto? Poiché le parole di Gesù si applicano chiaramente a Gerusalemme, dobbiamo comprenderle in quel contesto. Dobbiamo tenere presente che queste parole sono state pronunciate all'interno di un contesto culturale molto diverso dal nostro. Alcune persone guardano alla Scrittura con una visione molto letterale o assoluta. Non vogliono accettare una comprensione soggettiva di nessuna Scrittura. Pertanto, pensano che da quando Gesù disse che era la più grande tribolazione di tutti i tempi, quindi in modo letterale o assoluto, doveva essere la più grande tribolazione di tutti i tempi. Ma gli ebrei non pensavano in modo assoluto e nemmeno noi dovremmo. Dobbiamo stare molto attenti a mantenere un approccio esegetico alla ricerca biblica e non imporre le nostre idee preconcette alla Scrittura.

C'è molto poco nella vita di assoluto. Esiste una verità relativa o soggettiva. Gesù stava qui dicendo verità che erano relative alla cultura dei suoi ascoltatori. Ad esempio, la nazione di Israele era l'unica nazione che portava il nome di Dio. Era l'unica nazione che aveva scelto tra tutta la terra. Era l'unico con cui aveva concluso un'alleanza. Altre nazioni potevano andare e venire, ma Israele con la sua capitale Gerusalemme era speciale, unica. Come potrebbe mai finire? Che catastrofe sarebbe stata per la mente di un ebreo; il peggior tipo di devastazione possibile.

Certo, la città con il suo tempio era stata distrutta nel 588 a.C. dai babilonesi e dai sopravvissuti portati in esilio, ma la nazione non finì allora. Furono ripristinati nella loro terra, ricostruirono la loro città con il suo tempio. La vera adorazione sopravvisse con la sopravvivenza del sacerdozio di Aaronne e il rispetto di tutte le leggi. Sono sopravvissuti anche i documenti genealogici che risalgono al lignaggio di ogni israelita fino ad Adamo. La nazione con la sua alleanza con Dio continuò senza sosta.

Tutto questo andò perduto quando arrivarono i romani nel 70 d.C. Gli ebrei persero la loro città, il loro tempio, la loro identità nazionale, il sacerdozio di Aaronne, i documenti genealogici genetici e, cosa più importante, la loro relazione di alleanza con Dio come sua unica nazione eletta.

Le parole di Gesù furono quindi adempiute completamente. Semplicemente non vi è alcuna base per considerarlo come la base per un adempimento secondario o antitipico.

Ne consegue quindi che la grande tribolazione di Rivelazione 7:14 deve essere isolata come entità separata. Quella tribolazione è una prova finale, come insegnano le chiese? È qualcosa di cui dovremmo preoccuparci nel nostro futuro? È anche un singolo evento?

Non imporremo la nostra interpretazione animale domestico su questo. Non stiamo cercando di controllare le persone usando la paura ingiustificata. Invece, faremo ciò che facciamo sempre, esamineremo il contesto, che recita:

“Dopo questo ho visto e guarda! una grande folla, che nessun uomo era in grado di contare, di tutte le nazioni e tribù, popoli e lingue, in piedi davanti al trono e davanti all'Agnello, vestito con abiti bianchi; e c'erano rami di palma nelle loro mani. E continuano a gridare ad alta voce, dicendo: "Salvezza che dobbiamo al nostro Dio, che è seduto sul trono, e all'Agnello". Tutti gli angeli stavano in piedi intorno al trono e gli anziani e le quattro creature viventi, e si gettarono a faccia in giù davanti al trono e adorarono Dio, dicendo: “Amen! Che la lode, la gloria, la saggezza, il ringraziamento, l'onore, il potere e la forza siano per il nostro Dio nei secoli dei secoli. Amen." In risposta uno degli anziani mi disse: "Questi che sono vestiti con le vesti bianche, chi sono e da dove vengono?" Quindi subito gli ho detto: "Mio signore, sei tu quello che lo sa". E mi disse: “Questi sono quelli che escono dalla grande tribolazione, e hanno lavato le loro vesti e le hanno rese bianche nel sangue dell'Agnello. Ecco perché sono davanti al trono di Dio e lo stanno rendendo sacro servizio giorno e notte nel suo tempio; e Colui seduto sul trono allargherà la sua tenda su di loro ”. (Apocalisse 7: 9-15 NWT)

Nel nostro precedente video sul preterismo, abbiamo stabilito che sia le prove esterne di testimoni contemporanei che le prove interne del libro stesso, confrontate con i dati storici, indicano che il suo tempo di scrittura era verso la fine del I secolo, ben dopo la distruzione di Gerusalemme . Pertanto, stiamo cercando una realizzazione che non si esaurisca nel primo secolo.

Esaminiamo i singoli elementi di questa visione:

  1. Persone di tutte le nazioni;
  2. Gridando devono la loro salvezza a Dio e a Gesù;
  3. Con rami di palma;
  4. In piedi davanti al trono;
  5. Vestito con abiti bianchi lavati nel sangue dell'Agnello;
  6. Uscendo dalla grande tribolazione;
  7. Servizio di rendering nel tempio di Dio;
  8. E Dio stende la sua tenda su di loro.

Come avrebbe capito John cosa stava vedendo?

Per Giovanni, "persone di tutte le nazioni" significherebbe non ebrei. Per un ebreo, c'erano solo due tipi di persone sulla terra. Ebrei e tutti gli altri. Quindi, è qui per vedere i gentili che sono stati salvati.

Queste sarebbero le "altre pecore" di Giovanni 10:16, ma non le "altre pecore" descritte dai testimoni di Geova. I testimoni credono che le altre pecore sopravvivranno alla fine del sistema di cose nel Nuovo Mondo, ma continuano a vivere come peccatori imperfetti in attesa della fine del regno di Cristo di 1,000 anni per raggiungere uno stato giustificato davanti a Dio. Alle altre pecore JW non è permesso mangiare il pane e il vino che rappresentano la carne e il sangue salvavita dell'Agnello. Come conseguenza di questo rifiuto, non possono entrare nella relazione della Nuova Alleanza con il Padre attraverso Gesù come loro mediatore. In effetti, non hanno mediatore. Inoltre non sono figli di Dio, ma sono considerati solo suoi amici.

Per tutto ciò, difficilmente possono essere raffigurati come abiti bianchi lavati nel sangue dell'agnello.

Qual è il significato delle vesti bianche? Sono menzionati solo in un altro punto dell'Apocalisse.

“Quando aprì il quinto sigillo, vidi sotto l'altare le anime di quelli massacrati a causa della parola di Dio e della testimonianza che avevano dato. Gridarono a gran voce, dicendo: "Fino a quando, Sovrano Signore, santo e vero, ti stai astenendo dal giudicare e vendicare il nostro sangue su coloro che abitano sulla terra?" E una veste bianca è stata data a ciascuno di essie gli fu detto di riposare ancora un po ', finché il numero non fu riempito dai loro compagni schiavi e dai loro fratelli che stavano per essere uccisi come erano stati. " (Ri 6: 9-11)

Questi versetti si riferiscono agli unti figli di Dio che vengono martirizzati per aver reso testimonianza riguardo al Signore. Sulla base di entrambi i racconti, sembrerebbe che le vesti bianche denotino la loro approvazione davanti a Dio. Sono giustificati per la vita eterna dalla grazia di Dio.

Per quanto riguarda il significato dei rami di palma, l'unico altro riferimento si trova in Giovanni 12:12, 13 dove la folla loda Gesù come colui che viene nel nome di Dio come Re d'Israele. La grande folla riconosce Gesù come il loro Re.

La posizione della grande folla fornisce un'ulteriore prova che non stiamo parlando di una classe terrena di peccatori in attesa di avere la possibilità di vivere entro la fine del regno millenario di Cristo. La grande folla non solo sta davanti al trono di Dio che è nei cieli, ma è raffigurata mentre “gli rende sacro servizio giorno e notte nel suo tempio”. La parola greca qui tradotta "tempio" è naos.  Secondo Strong's Concordance, questo è usato per indicare "un tempio, un santuario, quella parte del tempio dove risiede Dio stesso". In altre parole, la parte del tempio in cui solo il sommo sacerdote poteva andare. Anche se lo espandiamo per riferirci sia al Santo che al Sancta Sanctorum, stiamo ancora parlando del dominio esclusivo del sacerdozio. Solo gli eletti, i figli di Dio, hanno il privilegio di servire con Cristo sia come re che come sacerdoti.

"E tu li hai resi un regno e sacerdoti per il nostro Dio, e regneranno sulla terra". (Apocalisse 5:10 ESV)

(Per inciso, non ho usato la Traduzione del Nuovo Mondo per quella citazione perché evidentemente il pregiudizio ha fatto sì che i traduttori usassero "over" per il greco epi che in realtà significa "su" o "su" in base alla concordanza di Strong. Ciò indica che questi sacerdoti saranno presenti SULLA terra per effettuare la guarigione delle nazioni - Rivelazione 22: 1-5).

Ora che comprendiamo che sono i figli di Dio che vengono fuori dalla grande tribolazione, siamo più preparati a capire a cosa si riferisce. Cominciamo con la parola in greco, thlipsis, che secondo Strong significa "persecuzione, afflizione, angoscia, tribolazione". Noterai che non significa distruzione.

Una ricerca per parola nel programma JW Library elenca 48 occorrenze di "tribolazione" sia al singolare che al plurale. Una scansione in tutte le Scritture cristiane indica che la parola è quasi invariabilmente applicata ai cristiani e il contesto è quello di persecuzione, dolore, angoscia, prove e prove. Infatti, diventa evidente che la tribolazione è il mezzo con cui i cristiani sono provati e raffinati. Per esempio:

“Sebbene la tribolazione sia momentanea e leggera, produce per noi una gloria che ha sempre più peso e che è eterna; mentre teniamo gli occhi non sulle cose viste, ma sulle cose invisibili. Le cose viste sono temporanee, ma le cose invisibili sono eterne. " (2 Corinti 4:17, 18)

La 'persecuzione, afflizione, angoscia e tribolazione' sulla congregazione di Cristo è iniziata poco dopo la sua morte e da allora è continuata. Non è mai diminuito. È solo sopportando quella tribolazione e uscendo dall'altra parte con la propria integrità intatta che si ottiene la veste bianca dell'approvazione di Dio.

Negli ultimi duemila anni, la comunità cristiana ha sopportato tribolazioni e prove senza fine per la propria salvezza. Nel Medioevo, era spesso la chiesa cattolica a perseguitare e uccidere gli eletti per aver testimoniato la verità. Durante la riforma, molte nuove denominazioni cristiane vennero all'esistenza e presero il mantello della Chiesa cattolica perseguitando anche i veri discepoli di Cristo. Abbiamo visto di recente come i Testimoni di Geova amano gridare allo scandalo e affermare di essere perseguitati, spesso dalle stesse persone che essi stessi evitano e perseguitano.

Questa è chiamata "proiezione". Proiettare il proprio peccato sulle proprie vittime.

Questo evitamento è solo una piccola parte della tribolazione che i cristiani hanno subito nelle mani della religione organizzata nel corso dei secoli.

Ora, ecco il problema: se proviamo a limitare l'applicazione della grande tribolazione a un minuscolo segmento di tempo come quello rappresentato dagli eventi relativi alla fine del mondo, allora che dire di tutti i cristiani che sono morti dai tempi di Cristo ? Stiamo suggerendo che coloro che vivono alla manifestazione della presenza di Gesù sono diversi da tutti gli altri cristiani? Che sono speciali in qualche modo e devono ricevere un livello eccezionale di test di cui il resto non ha bisogno?

Tutti i cristiani, dai dodici apostoli originali fino ai nostri giorni, devono essere messi alla prova. Dobbiamo tutti passare attraverso un processo mediante il quale, come nostro Signore, impariamo l'obbedienza e siamo resi perfetti, nel senso di essere completi. Parlando di Gesù, in Ebrei si legge:

“Sebbene fosse un figlio, ha imparato l'obbedienza dalle cose che ha sofferto. E dopo che fu reso perfetto, divenne responsabile della salvezza eterna per tutti coloro che gli obbedivano. . “. (Eb 5: 8, 9)

Ovviamente non siamo tutti uguali, quindi questo processo varia da persona a persona. Dio sa che tipo di prova gioverà a ciascuno di noi individualmente. Il punto è che ognuno di noi deve seguire le orme del nostro Signore.

"E chiunque non accetti il ​​suo palo di tortura e mi segua non è degno di me." (Matteo 10:38)

Se preferisci "palo di tortura" a "croce" non è importante qui. Il vero problema è ciò che rappresenta. Quando Gesù disse questo, stava parlando agli ebrei che capirono che essere inchiodati a un palo o una croce era il modo più vergognoso di morire. Prima sei stato spogliato di tutti i tuoi averi. La tua famiglia e i tuoi amici ti hanno voltato le spalle. Sei stato persino spogliato dei tuoi indumenti esterni e sfilato pubblicamente seminudo mentre eri costretto a portare lo strumento della tua tortura e morte.

Ebrei 12: 2 dice che Gesù disprezzava la vergogna della croce.

Disprezzare qualcosa è aborrirlo al punto che ha un valore negativo per te. Significa meno di niente per te. Dovrebbe aumentare di valore solo per arrivare al livello che non significa nulla per te. Se vogliamo compiacere il nostro Signore, dobbiamo essere disposti a rinunciare a tutto ciò che ha valore se chiamati a farlo. Paolo guardò a tutto l'onore, le lodi, la ricchezza e la posizione che avrebbe potuto ottenere come fariseo privilegiato e lo considerò come una gran quantità di spazzatura (Filippesi 3: 8). Come ti senti riguardo alla spazzatura? Lo desideri?

I cristiani hanno sofferto tribolazioni negli ultimi 2,000 anni. Ma possiamo giustamente affermare che la grande tribolazione di Rivelazione 7:14 si estende per così tanto tempo? Perchè no? C'è qualche limite di tempo sulla durata di una tribolazione di cui non siamo consapevoli? In effetti, dovremmo limitare la grande tribolazione solo agli ultimi 2,000 anni?

Diamo un'occhiata al quadro generale. La razza umana soffre da oltre seimila anni. Fin dall'inizio Geova si è proposto di fornire un seme per la salvezza della famiglia umana. Quel seme è composto da Cristo insieme ai figli di Dio. In tutta la storia umana, c'è stato qualcosa di più importante della formazione di quel seme? Può un processo, uno sviluppo, un progetto o un piano superare il proposito di Dio di radunare e raffinare individui della razza umana per il compito di riconciliare il genere umano nella famiglia di Dio? Questo processo, come abbiamo appena visto, implica il sottoporre ciascuno a un periodo di tribolazione come mezzo per testare e raffinare, per estirpare la pula e raccogliere il grano. Non ti riferiresti a quel singolare processo con l'articolo determinativo “il”? E non lo identifichereste ulteriormente con l'aggettivo distintivo “ottimo”. O c'è un periodo di tribolazione o prova più grande di questo?

In realtà, secondo questa comprensione, "la grande tribolazione" deve abbracciare tutta la storia umana. Dal fedele Abele fino all'ultimo figlio di Dio da rapire. Gesù lo predisse quando disse:

"Ma io ti dico che molti dalle parti orientali e occidentali verranno e si adatteranno al tavolo con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli ..." (Matteo 8:11)

Quelli delle parti orientali e occidentali devono riferirsi ai gentili che si adagieranno con Abramo, Isacco e Giacobbe - i padri della nazione ebraica - al tavolo con Gesù nel regno dei cieli.

Da ciò, sembra evidente che l'angelo stia ampliando le parole di Gesù quando dice a Giovanni che una grande folla di gentili che nessun uomo può contare uscirà anche dalla grande tribolazione per servire nel regno dei cieli. Quindi, la grande folla non è l'unica a uscire dalla grande tribolazione. Ovviamente, i cristiani ebrei e gli uomini fedeli dei tempi precristiani furono messi alla prova; ma l'angelo nella visione di Giovanni fa solo riferimento alla prova della grande folla di gentili.

Gesù disse che conoscere la verità ci renderà liberi. Pensa a come Apocalisse 7:14 è stato abusato dal clero per instillare paura nel gregge in modo da controllare meglio i loro compagni cristiani. Paolo disse:

“So che dopo la mia scomparsa i lupi oppressivi entreranno in mezzo a TE e non tratteranno il gregge con tenerezza. . “. (At 20:29)

Quanti cristiani nel corso del tempo hanno vissuto nel terrore del futuro, contemplando un'orribile prova della loro fede in un cataclisma planetario. A peggiorare le cose, questo falso insegnamento distoglie l'attenzione di tutti dalla vera prova che è la nostra continua tribolazione quotidiana di portare la nostra croce mentre ci sforziamo di vivere la vita di un vero cristiano in umiltà e fede.

Vergogna per coloro che presumono di guidare il gregge di Dio e di abusare delle Scritture in modo da dominarlo sui loro compagni cristiani.

“Ma se mai quel malvagio schiavo dovesse dire nel suo cuore, 'Il mio padrone sta ritardando', e dovrebbe iniziare a battere i suoi compagni schiavi e dovrebbe mangiare e bere con gli ubriaconi confermati, il padrone di quello schiavo verrà un giorno che non si aspetta e in un'ora che non lo sa, e lo punirà con la massima severità e gli assegnerà la sua parte con gli ipocriti. C'è dove [il suo] pianto e il digrignamento dei [suoi] denti saranno ”. (Matteo 24: 48-51)

Sì, vergogna per loro. Ma vergognatevi anche se continuiamo a cadere per i loro trucchi e inganni.

Il Cristo ci ha resi liberi! Abbracciamo quella libertà e non torniamo ad essere schiavi degli uomini.

Se apprezzi il lavoro che stiamo facendo e desideri farci andare avanti e in espansione, c'è un link nella descrizione di questo video che puoi usare per aiutare. Puoi anche aiutarci condividendo questo video con gli amici.

Puoi lasciare un commento qui sotto, o se hai bisogno di salvaguardare la tua privacy, puoi contattarmi a meleti.vivlon@gmail.com.

La ringrazio molto per il vostro tempo.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.

    Leggi questo nella tua lingua:

    English简体中文DanskNederlandsFilipinoSuomiFrançaisDeutschItaliano日本語한국어ພາສາລາວPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀРусскийEspañolKiswahiliSvenskaதமிழ்TürkçeУкраїнськаTiếng ViệtZulu

    Pagine dell'autore

    Temi

    Articoli per mese

    15
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x