Esame di Matteo 24, parte 11: Le parabole dal Monte degli ulivi

by | 8 Maggio 2020 | Esame di Matthew 24 Series, Video | 5 commenti

Ciao. Questa è la parte 11 della nostra serie Matthew 24. Da questo punto in avanti, guarderemo alle parabole, non alle profezie. 

Per una breve rassegna: Da Matteo 24: 4 a 44, abbiamo visto Gesù darci avvertimenti profetici e segni profetici. 

Gli avvertimenti consistono nel consiglio di non essere accolti da uomini chiari che affermano di essere profeti unti e che ci dicono di prendere eventi comuni come guerre, carestie, pestilenze e terremoti come segni che Cristo sta per apparire. Nel corso della storia, questi uomini sono spuntati facendo tali affermazioni e, senza fallo, i loro cosiddetti segni si sono dimostrati falsi.

Avvertì anche i suoi discepoli di essere ingannato da false affermazioni sul suo ritorno come re, al punto che sarebbe tornato in modo nascosto o invisibile. 

Tuttavia, Gesù diede ai suoi discepoli ebrei chiare istruzioni su ciò che costituiva un vero segno che avrebbe segnalato che era giunto il momento di seguire le sue indicazioni in modo da poter salvare se stessi e le loro famiglie dalla desolazione che stava per accadere a Gerusalemme.

Inoltre, parlava anche di un altro segno, un segno singolare nei cieli che avrebbe segnato la sua presenza come Re, un segno che sarebbe stato visibile a tutti, come un lampo che attraversa il cielo.

Infine, nei versetti da 36 a 44, ci ha dato avvertimenti sulla sua presenza, sottolineando ripetutamente che sarebbe arrivato inaspettatamente e che la nostra più grande preoccupazione dovrebbe rimanere sveglia e vigile.

Dopo di che, cambia la sua tattica di insegnamento. Dal versetto 45 in poi, sceglie di parlare in parabole, quattro parabole per essere esatti.

  • La parabola dello schiavo fedele e discreto;
  • La parabola delle dieci vergini;
  • La parabola dei talenti;
  • La parabola delle pecore e delle capre.

Questi sono stati tutti dati nel contesto del suo discorso sul Monte degli Ulivi e come tali hanno tutti un tema simile. 

Avrai notato che Matteo 24 si conclude con la parabola dello Schiavo Fedele e Discreto, mentre le altre tre parabole si trovano nel prossimo capitolo. Ok, ho una piccola confessione da fare. La serie Matthew 24 in realtà include Matteo 25. La ragione di questo è il contesto. Vedete, queste divisioni di capitoli furono aggiunte molto tempo dopo le parole che Matteo scrisse nel suo racconto evangelico. Ciò che abbiamo esaminato in questa serie è ciò che viene comunemente chiamato Il discorso di Olivet, perché questa sarebbe stata l'ultima volta che Gesù parlò ai suoi discepoli mentre erano con loro sul Monte degli Ulivi. Quel discorso include le tre parabole che si trovano nel capitolo 25 di Matteo, e sarebbe un disservizio non includerle nel nostro studio.

Tuttavia, prima di andare oltre, dobbiamo chiarire qualcosa. Le parabole non sono profezie. L'esperienza ci ha mostrato che quando gli uomini le trattano come profezie, hanno un programma. Stiamo attenti.

Le parabole sono storie allegoriche. Un'allegoria è una storia che ha lo scopo di spiegare una verità fondamentale in modo semplice e ovvio. La verità è tipicamente morale o spirituale. La natura allegorica di una parabola le rende molto aperte all'interpretazione e gli incauti possono essere presi in considerazione da intellettuali intelligenti. Quindi ricorda questa espressione del nostro Signore:

 “A quel tempo Gesù disse in risposta:“ Ti lodo pubblicamente, Padre, Signore dei cieli e della terra, perché hai nascosto queste cose a quelle sagge e intellettuali e le hai rivelate alle ragazze. Sì, o Padre, perché così facendo è diventato il modo da te approvato. " (Matteo 11:25, 26 NWT)

Dio nasconde le cose in bella vista. Coloro che si vantano della loro capacità intellettuale non possono vedere le cose di Dio. Ma i figli di Dio possono. Questo non significa che sia necessaria una capacità mentale limitata per comprendere le cose di Dio. I bambini piccoli sono molto intelligenti, ma sono anche fiduciosi, aperti e umili. Almeno nei primi anni, prima di arrivare all'età in cui pensano di sapere tutto quello che c'è da sapere su tutto. Giusto, genitori?

Quindi, guardiamoci dalle interpretazioni contorte o complesse di qualsiasi parabola. Se un bambino non è riuscito a capirlo, allora quasi sicuramente è stato escogitato dalla mente dell'uomo. 

Gesù ha usato le parabole per spiegare idee astratte in modi che le rendessero reali e comprensibili. Una parabola prende qualcosa all'interno della nostra esperienza, nel contesto della nostra vita, e lo usa per aiutarci a capire ciò che spesso è al di là di noi. Paolo cita Isaia 40:13 quando chiede retoricamente: "Chi comprende la mente del SIGNORE [Yahweh]" (Bibbia NETTA), ma poi aggiunge la rassicurazione: "Ma noi abbiamo la mente di Cristo". (1 Corinzi 2:16)

Come possiamo comprendere l'amore, la misericordia, la gioia, la bontà, il giudizio o la collera di Dio di fronte all'ingiustizia di Dio? È attraverso la mente di Cristo che possiamo conoscere queste cose. Il nostro Padre ci ha dato il suo unigenito figlio che è “il riflesso della sua gloria”, la “rappresentazione esatta del suo stesso essere”, l'immagine del Dio vivente. (Ebrei 1: 3; 2 Corinti 4: 4) Da ciò che era presente, tangibile e conosciuto - Gesù, l'uomo - arrivammo a capire ciò che è al di là di noi, Dio Onnipotente. 

Essenzialmente, Gesù divenne l'incarnazione vivente di una parabola. È il modo in cui Dio si fa conoscere da noi. "Accuratamente nascosti in [Gesù] sono tutti i tesori della saggezza e della conoscenza". (Colossesi 2: 3)

C'è ancora un'altra ragione per l'uso frequente delle parabole da parte di Gesù. Possono aiutarci a vedere cose che altrimenti saremmo ciechi, forse a causa di pregiudizi, indottrinamento o tradizione.

Nathan ha usato una simile strategia quando ha dovuto affrontare coraggiosamente il suo re con una verità molto spiacevole. Il re Davide aveva preso la moglie di Uria l'ittita, poi per coprire il suo adulterio quando lei rimase incinta, fece in modo che Uria fosse ucciso in battaglia. Piuttosto che affrontarlo, Nathan gli raccontò una storia.

“C'erano due uomini in una città, uno ricco e l'altro povero. Il ricco aveva moltissime pecore e bovini; ma il povero non aveva nient'altro che un agnellino, che aveva comprato. Ci teneva a questo, ed è cresciuto insieme a lui e ai suoi figli. Mangiava dal poco cibo che aveva e beveva dalla sua tazza e dormiva tra le sue braccia. È diventato come una figlia per lui. Più tardi un visitatore venne dal ricco, ma non voleva prendere le sue pecore e il suo bestiame per preparare un pasto per il viaggiatore che era venuto da lui. Invece, prese l'agnello del povero e lo preparò per l'uomo che era venuto da lui.

A questo punto Davide si arrabbiò molto con l'uomo e disse a Nathan: “Sicuramente come Geova sta vivendo, l'uomo che lo ha fatto merita di morire! E dovrebbe pagare l'agnello quattro volte, perché lo ha fatto e non ha mostrato compassione. " (2 Samuele 12: 1-6)

David era un uomo di grande passione e forte senso di giustizia. Ma aveva anche un grande punto cieco quando riguardava i suoi stessi desideri e desideri. 

“Quindi Nathan disse a David:“ Tu sei l'uomo! . . “. (2 Samuele 12: 7)

Deve essere stato un pugno al cuore per David. 

È così che Nathan ha fatto in modo che David si vedesse come Dio lo ha visto. 

Le parabole sono strumenti potenti nelle mani di un insegnante abile e non c'è mai stato più abile di nostro Signore Gesù.

Ci sono molte verità che non desideriamo vedere, ma dobbiamo vederle se vogliamo ottenere l'approvazione di Dio. Una buona parabola può rimuovere i paraocchi dai nostri occhi aiutandoci ad arrivare alla conclusione corretta da soli, come fece Natan con il re Davide.

La cosa impressionante delle parabole di Gesù è che sono divenute completamente sviluppate sull'impulso del momento, spesso in risposta a una sfida conflittuale o anche a una domanda trabocchetto preparata con cura. Prendiamo ad esempio la parabola del Buon Samaritano. Luca ci dice: "Ma volendo dimostrarsi giusto, l'uomo disse a Gesù:" Chi è veramente il mio prossimo? " (Luca 10:29)

Per un ebreo, il suo vicino doveva essere un altro ebreo. Certamente non un romano o un greco. Erano uomini di mondo, pagani. Quanto ai samaritani, erano come apostati degli ebrei. Discendevano da Abramo, ma adoravano sulla montagna, non nel tempio. Tuttavia, alla fine della parabola, Gesù convinse questo ebreo ipocrita ad ammettere che qualcuno che considerava un apostata era il più vicino del gruppo. Tale è il potere di una parabola.

Tuttavia, quel potere funziona solo se lo lasciamo funzionare. James ci dice:

“Tuttavia, diventa colui che fa parola e non solo ascoltatore, ingannando te stesso con un falso ragionamento. Perché se qualcuno ascolta la parola e non fa ciò che fa, questo è come un uomo che guarda il proprio viso allo specchio. Perché si guarda, se ne va e dimentica immediatamente che tipo di persona è. " (Giacomo 1: 22-24)

Dimostriamo perché è possibile per noi ingannarci con un ragionamento falso e non vederci come siamo veramente. Cominciamo mettendo la parabola del buon samaritano in un ambiente moderno, pertinente per noi.

Nella parabola un israelita viene attaccato e lasciato per morto. Se sei un testimone di Geova, corrisponderebbe a un comune proclamatore di congregazione. Ora arriva un prete che passa dall'altra parte della strada. Potrebbe corrispondere a un anziano di congregazione. Successivamente, un levita fa lo stesso. Potremmo dire un betelita o un pioniere nel linguaggio moderno. Quindi un samaritano vede l'uomo e gli presta aiuto. Potrebbe corrispondere a qualcuno che i Testimoni considerano un apostata o qualcuno che ha consegnato una lettera di dissociazione. 

Se conosci situazioni per esperienza che si adattano a questo scenario, condividile nella sezione commenti di questo video. Ne conosco molti.

Il punto che Gesù sta facendo è che ciò che rende una persona un buon vicino è la qualità della misericordia. 

Tuttavia, se non pensiamo a queste cose, possiamo perdere il punto e ingannarci con falsi ragionamenti. Ecco un'applicazione che l'Organizzazione fa di questa parabola:

“Anche se cerchiamo coscienziosamente di praticare la santità, non dovremmo sembrare superiori e ipocriti, specialmente quando abbiamo a che fare con familiari non credenti. La nostra gentile condotta cristiana dovrebbe almeno aiutarli a capire che siamo diversi in modo positivo, che sappiamo come mostrare amore e compassione, proprio come fece il buon Samaritano dell'illustrazione di Gesù. - Luca 10: 30-37. " (w96 8/1 p. 18 par. 11)

Belle parole. Quando i Testimoni si guardano allo specchio, questo è ciò che vedono. (Questo è quello che ho visto quando ero anziano.) Ma poi se ne vanno nel mondo reale, dimenticano che tipo di persona sono veramente. Trattano i familiari non credenti, soprattutto se erano Testimoni, peggio di qualsiasi estraneo. Abbiamo visto dalle trascrizioni del tribunale nella Commissione reale australiana del 2015 che avrebbero totalmente evitato una vittima di abusi sessuali su minori perché si è dimessa dalla congregazione che ha continuato a sostenere il suo aggressore. So dalla mia esperienza di vita che questo atteggiamento è universale tra i Testimoni, radicato attraverso il ripetuto indottrinamento delle pubblicazioni e della piattaforma del congresso.

Ecco un'altra applicazione della parabola del buon samaritano che fanno:

“La situazione non era diversa quando Gesù era sulla terra. I leader religiosi hanno mostrato una totale mancanza di preoccupazione per i poveri e i bisognosi. I capi religiosi venivano descritti come “amanti del denaro” che “divoravano le case delle vedove” e che erano più preoccupati di mantenere le loro tradizioni che di prendersi cura degli anziani e dei bisognosi. (Luca 16:14; 20:47; Matteo 15: 5, 6) È interessante che nella parabola di Gesù del buon samaritano, un sacerdote e un levita, vedendo un uomo ferito, gli passassero accanto sul lato opposto del strada piuttosto che deviare per aiutarlo. - Luca 10: 30-37 ". (w06 5/1 p. 4)

Da questo si potrebbe pensare che i Testimoni siano diversi da questi “capi religiosi” di cui parlano. Le parole vengono così facili. Ma le azioni gridano un messaggio diverso. 

Quando ho servito come coordinatore del corpo degli anziani alcuni anni fa, ho cercato di organizzare un contributo di beneficenza attraverso la congregazione per alcuni bisognosi. Tuttavia, il sorvegliante di circoscrizione mi ha detto che ufficialmente non lo facciamo. Anche se nel I secolo avevano una congregazione ufficiale per provvedere ai bisognosi, gli anziani Testimoni sono costretti a seguire quel modello. (1 Timoteo 5: 9) Perché un ente di beneficenza legalmente registrato dovrebbe avere una politica per schiacciare le opere di beneficenza organizzate? 

Gesù disse: "Lo standard che usi nel giudicare è lo standard in base al quale sarai giudicato". (Matteo 7: 2 NLT)

Ripetiamo il loro standard: “I leader religiosi hanno mostrato una completa mancanza di preoccupazione per i poveri e i bisognosi. I capi religiosi furono descritti come "amanti del denaro" che "divorarono le case delle vedove" "(w06 5/1 p. 4)

Ora considera queste illustrazioni tratte dalle recenti pubblicazioni della Torre di Guardia:

In contrasto con la realtà degli uomini che vivono nel lusso, sfoggiando gioielli scandalosamente costosi e acquistando grandi quantità di costoso scotch.

TLa lezione per noi è non leggere mai una parabola e trascurarne l'applicazione. La prima persona che dovremmo misurare in base alla lezione tratta dalla parabola siamo noi stessi. 

Per riassumere, Gesù ha usato parabole:

  • per nascondere la verità agli indegni, ma rivelarla ai fedeli.
  • per superare il pregiudizio, l'indottrinamento e il pensiero tradizionale.
  • per rivelare cose a cui le persone erano cieche.
  • per insegnare una lezione morale.

Infine, dobbiamo tenere a mente che le parabole non sono profezie. Dimostrerò l'importanza di rendersene conto nel prossimo video. Il nostro obiettivo nei prossimi video sarà esaminare ciascuna delle quattro parabole finali di cui il Signore ha parlato nel Discorso di Olivet e guarda come ognuno si applica a noi individualmente. Non perdiamoci il loro significato in modo da non subire un destino avverso.

Grazie per il tuo tempo. Puoi controllare la descrizione di questo video per un collegamento alla trascrizione e collegamenti a tutta la libreria di video di Beroean Pickets. Vedi anche il canale YouTube spagnolo chiamato "Los Bereanos". Inoltre, se ti piace questa presentazione, fai clic sul pulsante Iscriviti per essere avvisato di ogni uscita video.

 

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.

    Leggi questo nella tua lingua:

    English简体中文DanskNederlandsFilipinoSuomiFrançaisDeutschItaliano日本語한국어ພາສາລາວPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀРусскийEspañolKiswahiliSvenskaதமிழ்TürkçeУкраїнськаTiếng ViệtZulu

    Pagine dell'autore

    Temi

    Articoli per mese

    5
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x