Esame di Matteo 24, parte 12: Lo schiavo fedele e discreto

by | 15 Maggio 2020 | 1919, Esame di Matthew 24 Series, Schiavo fedele, Video | 9 commenti

Ciao, Meleti Vivlon qui. Questo è il 12th video nella nostra serie su Matteo 24. Gesù ha appena finito di dire ai suoi discepoli che il suo ritorno sarà inaspettato e che devono rimanere vigili e rimanere svegli. Quindi fornisce la seguente parabola:

“Chi è veramente lo schiavo fedele e discreto che il suo padrone ha nominato sui suoi domestici, per dare loro il cibo al momento giusto? Felice è quello schiavo se il suo padrone viene a trovarlo! Davvero ti dico che lo nominerà su tutti i suoi averi. "

“Ma se mai quel malvagio schiavo dice nel suo cuore, 'Il mio padrone sta ritardando', e inizia a picchiare i suoi compagni schiavi e a mangiare e bere con gli ubriaconi confermati, il padrone di quello schiavo verrà in un giorno che lo fa non si aspetta e in un'ora che non lo sa, e lo punirà con la massima severità e gli assegnerà il suo posto con gli ipocriti. È lì che saranno i suoi pianti e il digrignare i denti. (Mt 24: 45-51 Traduzione del Nuovo Mondo)

All'organizzazione piace concentrarsi solo sui primi tre versetti, 45-47, ma quali sono gli elementi chiave di questa parabola?

  • Un maestro nomina uno schiavo per dar da mangiare ai suoi domestici, compagni di schiavo, mentre lui è via.
  • Quando ritorna, il Maestro determina se lo schiavo è stato buono o cattivo;
  • Se fedele e saggio, lo schiavo viene premiato;
  • Se malvagio e offensivo, è punito.

Il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova non tratta queste parole come una parabola, ma piuttosto come una profezia con un adempimento molto specifico. Non sto scherzando quando dico specifico. Possono dirti l'anno stesso in cui questa profezia si è adempiuta. Possono darti i nomi degli uomini che compongono lo schiavo fedele e discreto. Non puoi essere molto più specifico di così. Secondo i testimoni di Geova, nel 1919 JF Rutherford e il personale chiave della sede centrale di Brooklyn, New York, furono nominati da Gesù Cristo come suo schiavo fedele e discreto. Oggi, gli otto uomini dell'attuale Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova costituiscono quello schiavo collettivo. Non puoi avere un adempimento profetico più letterale di quello. Tuttavia, la parabola non si ferma qui. Parla anche di uno schiavo malvagio. Quindi, se è una profezia, è tutta una profezia. Non possono scegliere e scegliere quali parti vogliono essere profetiche e quali sono solo una parabola. Tuttavia, è esattamente quello che fanno. Trattano la seconda metà della cosiddetta profezia come una metafora, un avvertimento simbolico. Com'è conveniente - poiché si parla di uno schiavo malvagio che sarà punito da Cristo con la massima severità.

“Gesù non ha detto che avrebbe nominato uno schiavo malvagio. Le sue parole qui sono in realtà un avvertimento diretto allo schiavo fedele e discreto. " (w13 7/15 p. 24 “Chi è veramente lo schiavo fedele e discreto?”)

Sì, quanto è comodo. Il fatto è che Gesù non ha nominato uno schiavo fedele. Ha appena nominato uno schiavo; uno che sperava si sarebbe dimostrato fedele e saggio. Tuttavia, quella determinazione avrebbe dovuto attendere fino al suo ritorno.

Questa affermazione che lo schiavo fedele fu nominato nel 1919 vi è ora vista stupida? Sembra che nessuno al quartier generale si sia seduto per un momento e abbia riflettuto sulle cose? Forse non ci hai pensato molto. Se è così, probabilmente ti saresti perso il vuoto in questa interpretazione. Buco aperto? Di cosa sto parlando?

Ebbene, secondo la parabola, quando viene nominato lo schiavo? Non è evidente che è nominato dal maestro prima che il maestro parta? Il motivo per cui il padrone nomina lo schiavo è per prendersi cura dei suoi domestici - i suoi compagni schiavi - in assenza del padrone. Ora, quando lo schiavo viene dichiarato fedele e discreto, e quando lo schiavo violento viene dichiarato malvagio? Ciò accade solo quando il maestro ritorna e vede cosa ha fatto ciascuno. E quando torna esattamente il maestro? Secondo Matteo 24:50, il suo ritorno avverrà in un giorno e un'ora sconosciuti e non previsti. Ricorda cosa disse Gesù riguardo alla sua presenza solo sei versetti prima:

"Per questo motivo, anche voi vi dimostrate pronti, perché il Figlio dell'uomo sta arrivando a un'ora che non pensate di esserlo." (Matteo 24:44)

Non c'è dubbio che in questa parabola il maestro è Gesù Cristo. Partì nel 33 EV per assicurarsi il potere regale e tornerà alla sua futura presenza come Re conquistatore.

Vedete ora l'enorme difetto nella logica del Corpo Direttivo? Affermano che la presenza di Cristo sia iniziata nel 1914, poi dopo cinque anni, nel 1919, mentre è ancora presente, nomina il suo schiavo fedele e discreto. Ce l'hanno al contrario. La Bibbia dice che il padrone nomina lo schiavo quando se ne va, non quando torna. Ma il Corpo Direttivo afferma che furono nominati cinque anni dopo il ritorno di Gesù e l'inizio della sua presenza. È come se non avessero nemmeno letto l'account. 

Ci sono altri difetti in questo presuntuoso egoismo self-service, ma sono secondari a questo abisso spalancato nella teologia della JW.

La cosa triste è che anche quando lo fai notare ai molti Testimoni che rimangono fedeli a JW.org, si rifiutano di vederlo. A loro non sembra importare che questo sia un tentativo irragionevole e molto trasparente di cercare di controllare le loro vite e le loro risorse. Forse, come me, a volte ti disperi per la facilità con cui le persone si fidano di idee folli. Questo mi fa pensare all'apostolo Paolo che rimprovera i corinti:

"Dato che sei così" ragionevole ", sei felice di sopportare quelli irragionevoli. In effetti, sopporti chiunque ti schiavizza, chi divora i tuoi averi, chi prende ciò che hai, chi si esalta su di te e chi ti colpisce in faccia. " (2 Corinti 11:19, 20)

Naturalmente, per far funzionare questa stupidità, il Corpo Direttivo, nella persona del suo capo teologo, David Splane, ha dovuto rifiutare l'idea che ci fosse uno schiavo nominato per nutrire il gregge prima del 1919. In un video di nove minuti su JW.org, Splane, senza usare una sola Scrittura, tenta di spiegare come il nostro amorevole Re, Gesù, avrebbe lasciato i suoi discepoli senza cibo, senza nessuno che li nutrisse durante la sua assenza negli ultimi 1900 anni. Seriamente, come può un insegnante cristiano cercare di ribaltare una dottrina biblica senza nemmeno usare la Bibbia? (Clic qui per vedere il video di Splane)

Ebbene, il tempo per tanta stupidità disonorante per Dio è passato. Diamo uno sguardo esegetico alla parabola per vedere se siamo in grado di determinare cosa significa.

I due principali protagonisti della parabola sono il padrone, Gesù e uno schiavo. Gli unici a cui la Bibbia si riferisce come schiavi del Signore sono i suoi discepoli. Tuttavia, stiamo parlando di un singolo discepolo o di un piccolo gruppo di discepoli, come sostiene un Corpo Direttivo, o di tutti i discepoli? Per rispondere a questa domanda, guardiamo al contesto immediato.

Un indizio è la ricompensa ricevuta dallo schiavo che si rivela fedele e saggio. "In verità vi dico, lo nominerà su tutti i suoi averi." (Matteo 24:47)

Questo parla della promessa fatta ai figli di Dio di diventare re e sacerdoti per governare con Cristo. (Rivelazione 5:10)

“Quindi nessuno si vanti degli uomini; poiché tutte le cose ti appartengono, che siano Paolo o Apollo o Cefa o il mondo o la vita o la morte o le cose ora qui o le cose a venire, tutte le cose appartengono a TE; a sua volta appartieni a Cristo; Cristo, a sua volta, appartiene a Dio. " (1 Corinzi 3: 21-23)

Questa ricompensa, questo appuntamento su tutti gli effetti personali di Cristo include ovviamente le donne. 

“Siete tutti figli di Dio attraverso la fede in Cristo Gesù. Poiché tutti voi che siete stati battezzati in Cristo vi siete vestiti di Cristo. Non c'è né ebreo né greco, schiavo né libero, maschio o femmina, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù. E se appartieni a Cristo, allora sei il seme e gli eredi di Abramo secondo la promessa ”. (Galati 3: 26-29 BSB)

Tutti i figli di Dio, maschi e femmine, che ottengono il premio sono nominati re e sacerdoti. Evidentemente questo è ciò a cui si riferisce la parabola quando dice che sono nominati su tutti gli averi del maestro.

Quando i testimoni di Geova trattano questa come una profezia il cui adempimento inizia nel 1919, introducono un'altra rottura nella logica. Poiché i 12 apostoli non c'erano nel 1919, non possono essere designati su tutti gli averi di Cristo, poiché non fanno parte dello schiavo. Tuttavia, uomini del calibro di David Splane, Stephen Lett e Anthony Morris ottengono quell'appuntamento. Ha senso per te?

Ciò sembrerebbe più che sufficiente per convincerci che lo schiavo si riferisce a più di una persona oa un comitato di uomini. Eppure c'è ancora di più.

Nella parabola successiva, Gesù parla dell'arrivo di uno sposo. Come per la parabola dello schiavo fedele e discreto, abbiamo il protagonista principale assente ma che ritorna in un momento inaspettato. Quindi, questa è ancora un'altra parabola sulla presenza di Cristo. Cinque delle vergini erano sagge e cinque delle vergini erano stolte. Quando leggi questa parabola da Matteo 25: 1 a 12, pensi che stia parlando di una piccola classe di persone che sono sagge e di un altro piccolo gruppo che sono stolte, o la vedi come una lezione morale che si applica a tutti i cristiani? Quest'ultima è l'ovvia conclusione, non è vero? Ciò diventa tanto più ovvio quando conclude la parabola ribadendo il suo avvertimento di essere vigili: "State all'erta, quindi, perché non conoscete né il giorno né l'ora". (Matteo 25:13)

Questo gli permette di passare direttamente alla sua prossima parabola che inizia: "Perché è proprio come un uomo in procinto di viaggiare all'estero che ha convocato i suoi schiavi e ha affidato loro i suoi averi". Per la terza volta abbiamo uno scenario in cui il master è assente ma tornerà. Per la seconda volta vengono menzionati gli schiavi. Tre schiavi per essere precisi, a ciascuno di loro una diversa quantità di denaro con cui lavorare e far crescere. Come per le dieci vergini, pensi che questi tre schiavi rappresentino tre individui o anche tre diversi piccoli gruppi di individui? Oppure li vedi come rappresentanti di tutti i cristiani a cui è stato dato un diverso insieme di doni da nostro Signore in base alle capacità individuali di ciascuno? 

In realtà, c'è uno stretto parallelo tra lavorare con i doni o talenti che Cristo ha investito in ciascuno di noi e nutrire i domestici. Pietro ci dice: "Nella misura in cui ciascuno ha ricevuto un dono, usalo nel ministrarti gli uni gli altri come eccellenti amministratori dell'immeritata benignità di Dio che si esprime in vari modi". (1 Pietro 4:10 NWT)

Dato che ovviamente trarremmo una conclusione del genere su queste ultime due parabole, perché non dovremmo pensare lo stesso del primo: che lo schiavo in questione è rappresentativo di tutti i cristiani?

Oh, ma c'è ancora di più.

Quello che potresti non aver notato è che all'organizzazione non piace usare il racconto parallelo di Luca dello schiavo fedele e discreto quando cerca di convincere tutti che il Corpo Direttivo ha una nomina speciale da parte di Gesù. Forse questo è perché il racconto di Luca non parla di due schiavi ma di quattro. Se fai una ricerca nella biblioteca della Watchtower per scoprire chi rappresentano gli altri due schiavi, troverai un silenzio assordante sull'argomento. Diamo uno sguardo al racconto di Luke. Noterai che l'ordine che Luca presenta è diverso da quello di Matteo ma le lezioni sono le stesse; e leggendo il contesto completo abbiamo un'idea migliore di come applicare esattamente la parabola.

"Siate vestiti e pronti e fate accendere le vostre lampade, e dovreste essere come uomini che aspettano il ritorno del loro padrone dal matrimonio, così quando viene e bussa, possono subito aprirsi a lui." (Luca 12:35, 36)

Questa è la conclusione tratta dalla parabola delle dieci vergini.

“Felici sono quegli schiavi che il padrone in visita trova a guardare! Davvero ti dico che si vestirà per il servizio e li farà reclinare al tavolo e verrà loro accanto e li assisterà. E se arriva nel secondo orologio, anche se nel terzo, e li trova pronti, sono contenti! ” (Luca 12:37, 38)

Di nuovo, vediamo la continua ripetizione, il necessario insistere sul tema dell'essere svegli e preparati. Inoltre, gli schiavi qui menzionati non sono alcuni piccoli sottogruppi di cristiani, ma questo vale per tutti noi. 

“Ma sappi questo, se il padrone di casa avesse saputo a che ora sarebbe arrivato il ladro, non avrebbe lasciato che la sua casa fosse fatta irruzione. Inoltre, tieniti pronto, perché ad un'ora che non pensi probabile, il Figlio dell'uomo sta arrivando ”. (Luca 12:39, 40)

E ancora, l'enfasi sulla natura inaspettata del suo ritorno.

Detto questo, Pietro chiede: "Signore, stai raccontando questa illustrazione solo a noi o anche a tutti?" (Luca 12:41)

In risposta, Gesù disse:

“Chi è veramente il fedele amministratore, quello discreto, che il suo padrone nominerà sul suo corpo di addetti per continuare a dare loro la misura delle scorte di cibo al momento giusto? Felice è quello schiavo se il suo padrone viene a trovarlo! Ti dico in verità, lo nominerà su tutte le sue cose. Ma se mai quello schiavo dovesse dire nel suo cuore: "Il mio padrone ritarda l'arrivo" e inizia a picchiare i servi maschi e femmine e a mangiare, bere e ubriacarsi, il padrone di quello schiavo verrà un giorno in cui non lo è aspettandolo e ad un'ora che non conosce, e lo punirà con la massima severità e gli assegnerà una parte con quelli infedeli. Quindi quello schiavo che ha capito la volontà del suo padrone ma non si è preparato o non ha fatto ciò che ha chiesto sarà battuto con molti colpi. Ma chi non ha capito e ha fatto cose meritevoli di colpi sarà battuto con pochi. In effetti, a tutti coloro a cui è stato dato molto, molto sarà richiesto da lui, e quello che è stato incaricato di molto avrà più del solito richiesto da lui ”. (Luca 12: 42-48)

Luca menziona quattro schiavi, ma la determinazione del tipo di schiavo che ognuno diventa non è nota al momento della loro nomina, ma al momento del ritorno del Signore. Al suo ritorno, troverà:

  • Uno schiavo che giudica fedele e saggio;
  • Uno schiavo che verrà dichiarato malvagio e senza fede;
  • Manterrà uno schiavo, ma punirà severamente per disobbedienza intenzionale;
  • Manterrà uno schiavo, ma punirà lievemente per la disobbedienza dovuta all'ignoranza.

Si noti che parla solo di nominare un singolo schiavo, e quando torna, parla solo di un singolo schiavo per ciascuno dei quattro tipi. Ovviamente un singolo schiavo non può trasformarsi in quattro, ma un solo schiavo può rappresentare tutti i suoi discepoli, proprio come le dieci vergini e i tre schiavi che ottengono i talenti rappresentano tutti i suoi discepoli. 

A questo punto, forse ti starai chiedendo come sia possibile per tutti noi essere in grado di nutrire i domestici del Signore. Puoi vedere come tutti noi dobbiamo essere preparati per il suo ritorno, così la parabola delle dieci vergini, cinque sagge e cinque stolte, può essere adattata alla nostra vita di cristiani mentre ci prepariamo per il suo ritorno. Allo stesso modo, puoi vedere come tutti noi riceviamo doni diversi dal Signore. Efesini 4: 8 dice che quando il Signore ci lasciò, ci diede dei doni. 

"Quando salì in alto, condusse via i prigionieri e fece regali agli uomini". (BSB)

Per inciso, la traduzione del Nuovo Mondo traduce erroneamente questo come "doni negli uomini", ma ogni singola traduzione nella caratteristica parallela di biblehub.com lo rende come "regali agli uomini" o "alle persone". I doni che Cristo dà non sono gli anziani di congregazione come l'organizzazione vorrebbe farci credere, ma doni in ognuno di noi che possiamo usare per la sua gloria. Ciò si adatta al contesto di Efesini che tre versetti più tardi dicono:

“Ed è stato Lui a dare ad alcuni di essere apostoli, alcuni ad essere profeti, altri ad essere evangelisti, altri ad essere pastori e insegnanti, per equipaggiare i santi per le opere di ministero, per edificare il corpo di Cristo, fino a quando tutti noi raggiungere l'unità nella fede e nella conoscenza del Figlio di Dio, mentre maturiamo fino in fondo alla statura di Cristo. Quindi non saremo più neonati, sballottati dalle onde e portati in giro da ogni vento di insegnamento e dall'astuta astuzia degli uomini nelle loro truffe ingannevoli. Invece, dicendo la verità nell'amore, in tutte le cose cresceremo in Cristo stesso, che è il capo ”. (Efesini 4: 11-15)

Alcuni di noi possono lavorare come missionari o apostoli, quelli inviati. Altri, possono evangelizzare; mentre altri ancora sono bravi a guidare o insegnare. Questi vari doni dati ai discepoli vengono dal Signore e sono usati per edificare l'intero corpo di Cristo.

Come costruisci il corpo di un bambino in un adulto adulto? Dai da mangiare al bambino. Tutti noi ci nutriamo l'un l'altro in vari modi, e quindi tutti noi contribuiamo alla crescita reciproca.

Potresti guardarmi come uno che nutre gli altri, ma spesso sono io che vengo nutrito; e non solo con la conoscenza. Ci sono momenti in cui il meglio di noi è depresso e ha bisogno di essere nutrito emotivamente o fisicamente debole e ha bisogno di essere sostenuto, o spiritualmente esausto e ha bisogno di essere ricaricato. Nessuno fa tutto da mangiare. Tutti si nutrono e tutti sono nutriti.

Nel tentativo di sostenere la loro folle idea che solo il Corpo Direttivo è lo schiavo fedele e discreto, incaricato di nutrire tutti gli altri, hanno usato il racconto di Matteo 14 dove Gesù nutre la moltitudine con due pesci e cinque pani. La frase usata come titolo dell'articolo era "Nutrire molti attraverso le mani di pochi". Il testo del tema era:

“E ha dato istruzioni alle folle di reclinarsi sull'erba. Quindi prese i cinque pani e i due pesci e, guardando in cielo, pronunciò una benedizione e, dopo aver rotto i pani, li diede ai discepoli e i discepoli li diedero alle folle ... ”(Matteo 14:19)

Ora sappiamo che i discepoli di Gesù includevano donne, donne che servivano (o alimentavano) a nostro Signore dalle loro cose.

“Poco dopo andò in viaggio da una città all'altra e da un villaggio all'altro, predicando e dichiarando la buona notizia del regno di Dio. E i dodici erano con lui, e alcune donne che erano state guarite da spiriti malvagi e malattie, Maria la cosiddetta Maddalena, da cui erano usciti sette demoni, e Joanna, moglie di Chuza, responsabile di Erode, e Susanna e molte altre donne, che stavano ministrando loro dalle loro cose ”. (Luca 8: 1-3)

Sono abbastanza sicuro che il Corpo Direttivo non vuole che consideriamo la probabilità che alcuni dei "pochi che nutrono i molti" siano donne. Ciò difficilmente supporta il loro uso di questo racconto per giustificare il loro ruolo auto-assunto di alimentatori del gregge.

In ogni caso, la loro illustrazione serve a capire come opera lo schiavo fedele e discreto. Solo non come intendevano. Considera che secondo alcune stime avrebbero potuto essere presenti 20,000 persone. Dobbiamo presumere che i suoi discepoli distribuissero personalmente cibo a 20,000 persone? Pensa alla logistica coinvolta nel nutrire così tanti. In primo luogo, una moltitudine di quelle dimensioni coprirebbe diversi acri di terra. È un sacco di camminare avanti e indietro trasportando carichi pesanti di cibo. Stiamo parlando di tonnellaggio qui. 

Dobbiamo presumere che un piccolo numero di discepoli portasse tutto quel cibo su tutta quella distanza e lo distribuisse a ciascun individuo? Non avrebbe più senso per loro riempire un cestino e portarlo fuori da un gruppo e lasciare il cestino con qualcuno in quel gruppo che si occuperebbe di distribuirlo ulteriormente? In effetti, non ci sarebbe modo di nutrire molte persone in un arco di tempo relativamente breve senza delegare il carico di lavoro e condividerlo tra molti.

Questo in effetti è un ottimo esempio di come opera lo schiavo fedele e discreto. Gesù fornisce il cibo. Noi non. Lo portiamo e lo distribuiamo. Tutti noi lo distribuiamo secondo quanto abbiamo ricevuto. Questo richiama alla mente la parabola dei talenti che, ricorderai, è stata pronunciata nello stesso contesto della parabola dello schiavo fedele. Alcuni di noi hanno cinque talenti, altri due, altri uno solo, ma ciò che Gesù vuole è che lavoriamo con ciò che abbiamo. Allora gli renderemo conto. 

Questa sciocchezza sul fatto che non ci sia stata nomina dello schiavo fedele prima del 1919 è irritante. Il fatto che si aspettino che i cristiani inghiottano tale trippa è francamente offensivo.

Ricorda, nella parabola, il padrone nomina lo schiavo appena prima che se ne vada. Se ci rivolgiamo a Giovanni 21 scopriamo che i discepoli avevano pescato e non avevano preso nulla per tutta la notte. All'alba, Gesù risorto appare sulla riva e non si rendono conto che è lui. Dice loro di gettare la rete sul lato destro della barca e quando lo fanno, è piena di così tanti pesci che non possono tirarla dentro.

Pietro si rende conto che è il Signore e si tuffa in mare per nuotare fino a riva. Ora ricorda che tutti i discepoli abbandonarono Gesù quando fu arrestato e quindi tutti devono provare un'enorme vergogna e senso di colpa, ma nessuno più di Pietro che in realtà rinnegò il Signore tre volte. Gesù deve ristabilire il loro spirito e, tramite Pietro, li ripristinerà tutti. Se Peter, il peggior colpevole, viene perdonato, allora tutti sono perdonati.

Stiamo per vedere la nomina dello schiavo fedele. John ci dice:

“Quando sbarcarono, videro un fuoco di carbone con del pesce sopra e del pane. Gesù disse loro: "Portate un po 'del pesce che avete appena pescato". Allora Simon Pietro salì a bordo e trascinò a riva la rete. Era pieno di pesci grossi, 153, ma anche con tanti pesci la rete non si strappò. “Venite, fate colazione”, disse loro Gesù. Nessuno dei discepoli osò chiedergli: "Chi sei?" Sapevano che era il Signore. Gesù venne, prese il pane e lo diede loro, e fece lo stesso con il pesce ". (Giovanni 21: 9-13 BSB)

Uno scenario molto familiare, non è vero? Gesù ha nutrito la folla con pesce e pane. Ora sta facendo lo stesso per i suoi discepoli. I pesci catturati erano dovuti all'intervento del Signore. Il Signore ha fornito il cibo.

Gesù ha anche ricreato elementi della notte in cui Pietro lo rinnegò. Ad un certo punto, era seduto intorno a un fuoco come è ora quando rinnegò il Signore. Peter gli ha negato tre volte. Nostro Signore gli darà l'opportunità di tornare indietro a ogni rifiuto. 

Gli chiede tre volte se lo ama e tre volte Peter afferma il suo amore. Ma ad ogni risposta Gesù aggiunge comandi come: "Nutri i miei agnelli", "Pastore delle mie pecore", "Nutri le mie pecore".

In assenza del Signore, Pietro deve mostrare il suo amore nutrendo le pecore, i domestici. Ma non solo Pietro, ma tutti gli apostoli. 

Parlando dei primi giorni della congregazione cristiana, leggiamo:

"Tutti i credenti si sono dedicati all'insegnamento degli apostoli, alla fratellanza, alla condivisione dei pasti (compresa la Cena del Signore) e alla preghiera". (Atti 2:42 NLT)

Parlando metaforicamente, durante il suo ministero di 3 anni e mezzo, Gesù aveva dato ai suoi discepoli pesce e pane. Li aveva nutriti bene. Ora era il loro turno di nutrire gli altri. 

Ma il nutrimento non si è fermato agli apostoli. Stephen è stato assassinato da oppositori ebrei arrabbiati.

Secondo Atti 8: 2, 4: “In quel giorno sorsero grandi persecuzioni contro la congregazione che era a Gerusalemme; tutti tranne gli apostoli erano sparsi in tutte le regioni della Giudea e della Samaria ... Tuttavia, coloro che erano stati dispersi attraversarono la terra dichiarando la buona notizia della parola. "

Così ora quelli che erano stati nutriti stavano nutrendo gli altri. Ben presto anche le persone delle nazioni, i gentili, diffondevano la buona novella e pascolavano le pecore del Signore.È successo qualcosa stamattina proprio mentre stavo per girare questo video, a dimostrazione efficace di come opera oggi lo schiavo. Ho ricevuto un'email da uno spettatore che diceva questo:

Ciao cari fratelli,

Volevo solo condividere qualcosa con te che il Signore mi ha mostrato un paio di giorni fa che penso sia estremamente importante.

È una prova inconfutabile che mostra che TUTTI i cristiani devono prendere parte al Pasto Serale del Signore - e la prova è sorprendentemente semplice:

Gesù comandò gli stessi 11 discepoli che erano con lui nella notte del pasto serale:

"Andate dunque e fate discepoli di persone di tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello spirito santo, insegnando LORO ad OSSERVARE tutte le cose che vi ho comandato".

La parola greca tradotta "osservare" è la stessa parola usata in Giovanni 14:15 dove Gesù disse:

"Se mi ami, OSSERVI i miei comandamenti".

Quindi, Gesù stava dicendo a quegli 11: “insegnate a TUTTI i miei discepoli ad obbedire esattamente a ciò che vi ho comandato di obbedire”.

Cosa comandò Gesù ai Suoi discepoli al Pasto Serale del Signore?

"Continua a farlo in ricordo di me." (1 Cor 11:24)

Pertanto TUTTI i discepoli di Gesù sono tenuti a prendere gli emblemi del Pasto Serale del Signore in obbedienza a un comando diretto di Cristo stesso.

Ho pensato di condividerlo perché è probabilmente l'argomento più semplice e potente che io conosca - e che tutti i JW capiranno.

Cordiali saluti a tutti voi ...

Non avevo mai considerato questa particolare linea di ragionamento prima. Sono stato nutrito e il gioco è fatto.  

Trasformare questa parabola in una profezia e convincere il gregge di testimoni di Geova a credere nell'inganno ha permesso al Corpo Direttivo di creare una gerarchia di sottomissione. Dicono di servire Geova e convincono il gregge a servirli nel nome di Dio. Ma il fatto è che se obbedisci agli uomini non servi Dio. Servi gli uomini.

Questo libera il gregge da ogni obbligo verso Gesù, perché pensano di non essere quelli che saranno giudicati al suo ritorno, poiché non sono nominati suoi schiavi fedeli. Sono solo osservatori. Quanto è pericoloso per loro. In questo caso pensano di essere al sicuro dal giudizio, ma non è così, come sottolinea il racconto di Luca.

Ricorda che nel racconto di Luca ci sono altri due schiavi. Uno che ha disobbedito alla volontà del maestro inconsapevolmente. Quanti Testimoni disubbidiscono inconsapevolmente a Gesù mentre si attengono alle istruzioni del Corpo Direttivo, pensando di non far parte dello schiavo fedele? 

Ricorda, questa è una parabola. Una parabola viene utilizzata per istruirci su una questione morale che ha ramificazioni nel mondo reale. Il maestro ha incaricato tutti noi che siamo stati battezzati nel suo nome di pascere le sue pecore, i nostri compagni di schiavitù. La parabola ci insegna che ci sono quattro potenziali risultati. E per favore comprendi che mentre mi concentro sui testimoni di Geova a causa della mia esperienza personale, questi risultati non sono limitati ai membri di quel gruppo religioso relativamente piccolo. Sei un battista, un cattolico, un presbiteriano o un membro di una delle migliaia di denominazioni della cristianità? Quello che sto per dire vale anche per te. Ci sono solo quattro risultati per noi. Se servi la congregazione con funzioni di supervisione, sei particolarmente vulnerabile alla tentazione che capita allo schiavo malvagio di approfittare dei tuoi simili e diventare violento e sfruttatore. Se è così, Gesù “ti punirà con la massima severità” e ti caccerà tra quelli senza fede.

Stai servendo uomini nella tua chiesa, congregazione o sala del Regno e ignori i comandi di Dio nella Bibbia, forse inconsapevolmente? Ho chiesto ai Testimoni di rispondere alla sfida: "A chi obbedireste: il Corpo Direttivo o Gesù Cristo?" con una solida affermazione di sostegno al Corpo Direttivo. Questi stanno consapevolmente disobbedendo al Signore. Molti colpi attendono una disobbedienza così sfacciata. Ma poi abbiamo quella che probabilmente è la maggioranza, che si accontenta di crogiolarsi in un falso conforto, pensando che obbedendo al proprio sacerdote, vescovo, ministro o anziano di congregazione, sono graditi a Dio. Disobbediscono inconsapevolmente. Vengono battuti con pochi colpi.

Qualcuno di noi vuole subire uno di questi tre risultati? Non preferiremmo tutti trovare favore agli occhi del Signore ed essere nominati su tutti i suoi averi?

Allora, cosa possiamo trarre dalla parabola dello schiavo fedele e discreto, dalla parabola delle 10 vergini e dalla parabola dei talenti? In ogni caso, agli schiavi del Signore, tu ed io, resta un lavoro particolare da svolgere. In ogni caso, quando il maestro torna, c'è una ricompensa per aver svolto il lavoro e una punizione per non averlo fatto. 

E questo è tutto ciò che dobbiamo sapere su queste parabole. Fai il tuo lavoro perché il padrone verrà quando meno te lo aspetti e terrà conto di ciascuno di noi.

E la quarta parabola, quella delle pecore e delle capre? Ancora una volta, l'organizzazione tratta quella come una profezia. La loro interpretazione ha lo scopo di consolidare il loro potere sul gregge. Ma a cosa si riferisce veramente? Bene, lo lasceremo per il video finale di questa serie.

Sono Meleti Vivlon. Vorrei ringraziarvi molto per la visione. Si prega di iscriversi se si desidera ricevere le notifiche di video futuri. Lascerò le informazioni nella descrizione di questo video per la trascrizione, nonché un link a tutti gli altri video.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.

    Leggi questo nella tua lingua:

    English简体中文DanskNederlandsFilipinoSuomiFrançaisDeutschItaliano日本語한국어ພາສາລາວPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀРусскийEspañolKiswahiliSvenskaதமிழ்TürkçeУкраїнськаTiếng ViệtZulu

    Pagine dell'autore

    Temi

    Articoli per mese

    9
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x