Esame di Matteo 24, parte 13: La parabola delle pecore e delle capre

by | 22 Maggio 2020 | Esame di Matthew 24 Series, Altre pecore, Video | 8 commenti

Benvenuti nella parte 13 della nostra analisi del Discorso di Olivet trovato in Matteo capitoli 24 e 25. 

In questo video analizzeremo la famosa parabola delle pecore e delle capre. Tuttavia, prima di entrare in questo, volevo condividere qualcosa che mi aprisse gli occhi.

Uno dei frequentatori abituali del sito web di Beroean Pickets (Beroeans.net) ha aggiunto un pensiero significativo alla nostra precedente discussione sull'applicazione della parabola dello schiavo fedele e discreto, oggetto dell'ultimo video. Questo pensiero consiste in una singola scrittura che di per sé ribalta completamente l'insegnamento del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova secondo cui non c'è stato schiavo negli ultimi 1900 anni fino al 1919.

La Scrittura a cui mi riferisco è quando Pietro chiese a Gesù: "Signore, stai raccontando questa illustrazione solo a noi o anche a tutti?" "(Luca 12:41)

Invece di dare una risposta diretta, Gesù si lancia nella sua parabola dello schiavo fedele e discreto. Questa parabola è legata alla domanda di Pietro, che offre solo due opzioni: o la parabola si applica solo ai discepoli immediati di Gesù o si applica a tutti. Non c'è modo di interpretare una terza opzione, una che implicherebbe Gesù, "Né a te, né a tutti, ma SOLO a un gruppo che non apparirà per quasi 2,000 anni."

Dai! Siamo ragionevoli qui.

Comunque, volevo solo condividere quel boccone di cibo spirituale e ringraziare Marielle per averlo condiviso con noi. 

Ora, fino alla finale delle quattro parabole che Gesù ha condiviso con i suoi discepoli appena prima del suo arresto e della sua esecuzione, che è la parabola delle pecore e delle capre.

Dovremmo iniziare leggendo l'intera parabola, e poiché l'interpretazione data a questo passaggio dall'Organizzazione dei Testimoni di Geova figurerà nella nostra analisi, è giusto che la leggiamo per la prima volta nella loro versione della Bibbia.

“Quando il Figlio dell'uomo arriva nella sua gloria e tutti gli angeli con lui, allora si siederà sul suo glorioso trono. 32 E tutte le nazioni saranno radunate davanti a lui, e separerà le persone l'una dall'altra, proprio come un pastore separa le pecore dalle capre. 33 E metterà le pecore alla sua destra, ma le capre alla sua sinistra.

 “Allora il re dirà a quelli alla sua destra: 'Venite, voi che siete stati benedetti dal Padre mio, ereditate il regno preparato per voi dalla fondazione del mondo. Poiché ho avuto fame e mi avete dato qualcosa da mangiare; Ho avuto sete e TU mi hai dato qualcosa da bere. Ero uno straniero e tu mi hai accolto con ospitalità; nudo, e TU mi hai vestito. Mi sono ammalato e TU ti sei preso cura di me. Ero in prigione e TU sei venuto da me. ' Allora i giusti gli risponderanno con le parole: 'Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo accolto con ospitalità, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando ti abbiamo visto ammalato o in prigione e siamo venuti da te? E in risposta il re dirà loro: 'In verità vi dico, nella misura in cui l'avete fatto a uno di questi miei minimi fratelli, l'avete fatto a me'.

“Quindi dirà, a sua volta, a quelli alla sua sinistra: 'Sii sulla TUA strada da me, TU che sei stato maledetto, nel fuoco eterno preparato per il Diavolo e i suoi angeli. 42 Poiché ho avuto fame, ma TU non mi hai dato nulla da mangiare e ho avuto sete, ma NON mi hai dato nulla da bere. Ero uno sconosciuto, ma TU non mi hai ricevuto in modo ospitale; nudo, ma TU non mi hai vestito; malato e in prigione, ma tu non mi hai curato. Allora risponderanno anche con le parole: "Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in prigione e non ti abbiamo assistito?" Poi risponderà loro con le parole: "In verità ti dico, nella misura in cui non l'hai fatto a uno di questi ultimi, non me l'hai fatto". E questi partiranno in un taglio eterno, ma i giusti in una vita eterna ”.

(Matteo 25: 31-46 Bibbia di riferimento NWT)

Questa è una parabola molto importante per la teologia dei testimoni di Geova. Ricorda, predicano che solo 144,000 persone andranno in cielo per governare con Cristo. I membri del Corpo Direttivo sono la parte più importante di questo gruppo di cristiani unti con lo spirito, poiché affermano di essere lo Schiavo fedele e discreto nominato da Gesù stesso appena 100 anni fa. Il Corpo Direttivo insegna che il resto dei testimoni di Geova sono le “altre pecore” di Giovanni 10:16.

“Ho altre pecore, che non sono di questo ovile; anche quelli che devo introdurre e ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore ”(Giovanni 10:16 NWT).  

Secondo l'insegnamento dei Testimoni, queste "altre pecore" sono relegate ad essere solo sudditi del Regno messianico, senza alcuna speranza di condividere con Gesù come re e sacerdoti. Se obbediscono al Corpo Direttivo e predicano con zelo la Buona Novella secondo i testimoni di Geova, sopravvivranno ad Armaghedon, continueranno a vivere nel peccato e avranno la possibilità di vivere la vita eterna se si comportano bene per altri 1,000 anni.

I testimoni insegnano:

"Geova ha dichiarato i suoi unti giusti come figli e le altre pecore giuste come amici sulla base del sacrificio di riscatto di Cristo ..." (w12 7 / 15 p. 28 par. 7 “One Jehovah” raccoglie la sua famiglia)

Se ci fosse anche una sola Scrittura che parlasse di alcuni cristiani che hanno la speranza di essere dichiarati giusti come amici di Dio, la condividerei; ma non ce n'è uno. Abrahamo è chiamato amico di Dio in Giacomo 2:23, ma allora Abrahamo non era cristiano. I cristiani sono indicati come figli di Dio in molte scritture, ma non hanno mai dei semplici amici. Metterò un elenco di scritture nella descrizione di questo video in modo che possiate provare questo fatto da soli. 

(Scritture che mostrano la vera speranza cristiana: Matteo 5: 9; 12: 46-50; Giovanni 1:12; Romani 8: 1-25; 9:25, 26; Galati 3:26; 4: 6, 7; Colossesi 1: 2; 1 Corinzi 15: 42-49; 1 Giovanni 3: 1-3; Apocalisse 12:10; 20: 6

I Testimoni insegnano alle Altre pecore non sono adottati come figli di Dio, ma sono relegati allo status di amici. Non sono nel nuovo patto, non hanno Gesù come loro mediatore, non vengono risuscitati alla vita eterna, ma sono risuscitati nello stesso stato peccaminoso degli ingiusti a cui si riferisce Paolo in Atti 24:15. A costoro non è permesso prendere il sangue e la carne salvavita di Gesù simboleggiati dal vino e dal pane al memoriale. 

Non c'è nessuna prova di tutto questo nella Scrittura. Quindi come fa il Corpo Direttivo a ottenere i gradi e i file per accettare? Principalmente inducendoli ad accettare ciecamente speculazioni e interpretazioni selvagge, ma anche questo deve essere basato su qualcosa di scritturale. Proprio come la maggior parte delle chiese cerca di convincere i propri seguaci ad accettare l'insegnamento del fuoco infernale applicando selvaggiamente male la parabola di Lazzaro e il ricco di Luca 16: 19-31, così la leadership dei Testimoni si affida alla parabola delle pecore e dei capri in un sforzo per sostenere la loro interpretazione egoistica di Giovanni 10:16 per creare una distinzione di classe clero / laicato.

Ecco un link per un'analisi video dettagliata della dottrina di Altre pecore, ma se vuoi davvero entrare nelle origini davvero bizzarre di questa dottrina, inserirò un link nella descrizione di questo video ad articoli scritti su Pickets Beroean.

(Dovrei soffermarmi qui per un chiarimento. La Bibbia parla di una sola speranza offerta ai cristiani in Efesini 4: 4-6. Tuttavia, ogni volta che parlo di questa speranza, alcuni hanno l'idea che non credo in una terra paradisiaca piena di esseri umani perfetti e senza peccato. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Tuttavia, questa non è l'unica speranza attualmente offerta da Dio. Stiamo mettendo il carro davanti ai buoi se lo pensiamo. Primo, il Padre si mette l'amministrazione mediante la quale tutta l'umanità può essere riconciliata con Lui. Quindi, attraverso questa amministrazione, è possibile il ripristino dell'umanità nella famiglia terrena di Dio. Quella speranza terrena sarà estesa a tutti coloro che vivono sotto il regno messianico, siano essi Sopravvissuti ad Armaghedon o risorti. Ma ora siamo nella prima fase del processo: il raduno di coloro che comporranno la prima risurrezione di Apocalisse 20: 6. Questi sono i figli di Dio).

Tornando alla nostra discussione: il sostegno alla sua dottrina "altre pecore" è l'unica cosa che l'Organizzazione spera di ottenere da questa parabola? Anzi, no. Il marzo 2012 torre di osservazione affermazioni:

“Le altre pecore non dovrebbero mai dimenticare che la loro salvezza dipende dal loro sostegno attivo agli“ unti ”fratelli di Cristo ancora sulla terra. (Matt 25: 34-40) " (w12 3 / 15 p. 20 par. 2)

Ciò significa che se vuoi essere salvato, devi obbedire al Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova. Negli ormai famigerati video sui bunker della Convention regionale, l'idea trasmessa nello studio della Watchtower del novembre 2013 "Sette pastori, otto duchi — cosa significano per noi oggi" è stata rafforzata.

“A quel tempo, la direzione salvavita che riceviamo dall'organizzazione di Geova potrebbe non apparire pratica dal punto di vista umano. Tutti noi dobbiamo essere pronti a obbedire a qualsiasi istruzione che possiamo ricevere, che appaiano o meno dal punto di vista strategico o umano ”. (w13 11/15 p. 20 par. 17 Sette pastori, otto duchi: cosa significano per noi oggi)

La Bibbia non dice questo. Invece, ci viene insegnato che "non c'è salvezza in nessun altro [tranne Gesù], poiché non esiste un altro nome sotto il cielo che sia stato dato tra gli uomini da cui dobbiamo essere salvati". (Atti 4:12)

Vedi quanto sia scomodo per un uomo che sta cercando di convincere altri uomini a obbedirgli incondizionatamente. Se il Corpo Direttivo non riesce a convincere i Testimoni ad accettare la loro applicazione della parabola delle pecore e dei capri a se stessi, allora non hanno alcuna base per affermare che la nostra “salvezza dipende dal nostro attivo sostegno a loro”.

Fermiamoci un momento e impegniamo il nostro potere di pensiero critico. Gli uomini del Corpo Direttivo dicono che, secondo la loro interpretazione della parabola delle pecore e dei capri, la vostra e la mia salvezza dipende dal fatto che diamo loro un'obbedienza assoluta. Hmm… Ora cosa dice Dio riguardo al dare obbedienza assoluta agli uomini?

"Non fidarti dei principi, né di un figlio dell'uomo, che non può portare la salvezza". (Salmo 146: 3 Traduzione del Nuovo Mondo)

Cos'è un principe? Non è forse un unto per governare, per governare? Non è questo che i membri del Corpo Direttivo affermano di essere? Ascoltiamo Losch parlare proprio di questo argomento: {INSERT LOSCH VIDEO ABOUT GOD TRUSTING THE SLAVE}

Quando ha avuto origine questa idea corrente delle altre pecore da parte dei principi auto-unti? Che ci crediate o no, era nel 1923. Secondo il marzo 2015 torre di osservazione:

“La Torre di Guardia del 15 ottobre 1923 ... presentava solide argomentazioni scritturali che limitavano l'identità dei fratelli di Cristo a coloro che avrebbero governato con lui in cielo, e descrivevano le pecore come coloro che sperano di vivere sulla terra sotto il dominio di Cristo “. (w15 03/15 p. 26 par. 4)

Ci si deve chiedere perché questi "solidi argomenti scritturali" non siano riprodotti in questo articolo del 2015. Purtroppo, il numero del 15 ottobre 1923 di la Torre di Guardia non è stato incluso nel programma della Biblioteca della Torre di Guardia e alle sale del Regno è stato detto di rimuovere tutte le vecchie pubblicazioni molti anni fa, quindi non c'è modo per il Testimone di Geova medio di verificare questa affermazione a meno che non voglia infrangere la direzione del Governatore Corpo e vai su Internet per cercare questo.

Ma nessuno di noi è vincolato da quel divieto, vero? Quindi, ho ottenuto il volume del 1923 di la Torre di Guardiae a pagina 309, par. 24, e ha trovato i "solidi argomenti scritturali" a cui si riferiscono:

“A chi, quindi, si applicano i simboli pecore e capre? Rispondiamo: le pecore rappresentano tutti i popoli delle nazioni, non generati dallo spirito ma disposti verso la giustizia, che riconoscono mentalmente Gesù Cristo come il Signore e che cercano e sperano in un momento migliore sotto il suo regno. Le capre rappresentano tutta quella classe che afferma di essere cristiana, ma che non riconosce Cristo come il grande Redentore e re del genere umano, ma afferma che l'attuale ordine malvagio delle cose su questa terra costituisce il regno di Cristo ”.

Si potrebbe supporre che "validi argomenti scritturali" includa ... non so ... scritture? Apparentemente no. Forse questo è solo il risultato di una ricerca sciatta e di un'eccessiva sicurezza da parte dello scrittore dell'articolo del 2015. O forse è indicativo di qualcosa di più inquietante. In ogni caso, non ci sono scuse per fuorviare otto milioni di lettori fedeli dicendo loro che il proprio insegnamento è basato sulla Bibbia, mentre in realtà non lo è.

Aspetta un attimo, aspetta un attimo ... c'è qualcosa nel 1923 ... Oh, giusto! Fu allora che il giudice Rutherford, il principale membro dello Schiavo Fedele e Discreto secondo l'attuale dottrina, stava nutrendo il gregge con l'idea che la fine sarebbe arrivata due anni dopo, nel 1925, a partire dalla risurrezione di "antichi degni" come Abramo, Mosè e il re Davide. Ha persino comprato una villa con 10 camere da letto a San Diego chiamata Beth Sarim (Casa dei Principi) e ha messo l'atto a nome di quei "principi dell'Antico Testamento". Era un bel posto per Rutherford per l'inverno e per scrivere, tra le altre cose. (Vedi Wikipedia sotto Beth Sarim)

Si noti che questa grande dottrina è stata concepita in un momento in cui al gregge veniva insegnato anche un altro fantasy di fine giornata. Non molto di un pedigree dottrinale, non saresti d'accordo?

Paragrafo 7 del suddetto marzo 2015 torre di osservazione continua assicurando il grado e il dossier: "Oggi abbiamo una chiara comprensione dell'illustrazione delle pecore e delle capre".

Ah, beh, se è così - se finalmente hanno ragione - allora come interpreta l'Organizzazione i sei atti di misericordia di cui parla Gesù? Come li placiamo, li nutriamo quando hanno fame, li ripariamo quando sono soli, li vestiamo quando sono nudi, li allattiamo quando sono malati e li sosteniamo quando sono imprigionati?

Dato che oggi il Corpo Direttivo si considera il primo dei fratelli di Gesù, come si può applicare a loro questa parabola? Come dobbiamo placare la loro sete, nutrire i loro stomaci affamati e coprire i loro corpi nudi? Vedi il problema. Vivono in un lusso più grande della stragrande maggioranza dei ranghi. Allora come realizzare la parabola?

Perché, donando denaro all'Organizzazione, costruendo le sue proprietà immobiliari e, più di ogni altra cosa, predicando la sua versione della Buona Novella. La Torre di Guardia di marzo 2015 fa questo passo:

“Il numero crescente di potenziali pecore considera un privilegio sostenere i fratelli di Cristo non solo nell'opera di predicazione, ma anche in altri modi pratici. Ad esempio, danno contributi finanziari e aiutano a costruire Sale del Regno, Sale delle Assemblee e strutture delle filiali e obbediscono lealmente a quelli nominati dallo "schiavo fedele e discreto" per assumere la guida ". (w15 03/15 p. 29 par. 17)

Certo, per molti anni, ho accettato questa interpretazione perché come molti testimoni fedeli mi sono fidato di questi uomini e ho accettato la loro interpretazione dell'identità delle altre pecore e la convinzione che solo i Testimoni di Geova predicassero la vera buona notizia in tutte le terra. Ma ho imparato a non essere così fiducioso. Ho imparato a chiedere di più a coloro che mi insegnano. Una cosa che chiedo è che non ignorino gli elementi chiave di un insegnamento biblico che potrebbero essere scomodi per la loro interpretazione.

Hai notato quali elementi di questa parabola sono stati completamente ignorati dall'organizzazione? Ricordati che eisegesis è una tecnica con la quale si ha un'idea e si scelgono le Scritture per supportarla, ignorando quelle che la confuterebbero. D'altro canto, esegesi guarda tutte le Scritture e lascia che la Bibbia si interpreti da sola. Facciamolo adesso.

Nessuno vuole morire eternamente. Vogliamo tutti vivere per l'eternità. Ne consegue quindi che tutti noi vogliamo essere pecore agli occhi del Signore. Chi sono le pecore? Come possiamo identificare quel gruppo in modo da assicurarci di finire come parte di esso?

Contesto temporale

Prima di entrare nel contesto reale della parabola, esaminiamo le circostanze o il contesto temporale. Questa è una delle quattro parabole date tutte allo stesso tempo, allo stesso pubblico, nelle stesse circostanze. Gesù sta per lasciare la terra e deve dare ai suoi discepoli alcune istruzioni e rassicurazioni finali.

Un elemento comune a tutte e quattro le parabole è il ritorno del re. Abbiamo già visto nelle prime tre parabole - lo schiavo fedele, le dieci vergini, i talenti - che si fa domanda a tutti i suoi discepoli ed esclusivamente ai suoi discepoli. Sia lo schiavo malvagio che lo schiavo fedele provengono dall'interno della comunità cristiana. Le cinque vergini indolenti rappresentano cristiani che non si preparano per il suo ritorno, mentre le cinque vergini sagge sono cristiane che rimangono svegli e preparate. La parabola dei talenti parla della crescita dell'investimento del Signore coltivando i doni dello spirito che ognuno di noi ha ricevuto.

Un altro elemento comune in tutte e quattro le parabole è quello del giudizio. Qualche forma di giudizio ha luogo al ritorno del Maestro. Detto questo, non sarebbe che le pecore e le capre rappresentino anche due diversi risultati che possono essere applicati a tutti i discepoli di Cristo?

Un elemento che ha causato confusione è il fatto che le pecore e le capre siano giudicate in base al modo in cui hanno gestito i bisogni dei fratelli di Cristo. Pertanto, supponiamo che ci siano tre gruppi: i suoi fratelli, le pecore e le capre.

Questa è una possibilità, ma dobbiamo ricordare che nella parabola dello schiavo fedele e discreto, tutti i fratelli di Cristo, tutti i cristiani, sono nominati per nutrirsi a vicenda. Diventano solo un tipo di schiavo o un altro al momento del giudizio. Sta succedendo qualcosa di simile nell'ultima parabola? È il modo in cui ci trattiamo a determinare se finiamo per diventare una pecora o una capra?

La risposta a questa domanda si trova nel versetto 34.

"Allora il re dirà a quelli alla sua destra: 'Vieni, tu che sei stato benedetto da mio Padre, eredita il Regno preparato per te dalla fondazione del mondo". (Matteo 25:34)

Le pecore sedute alla destra del padrone ereditano il regno preparato per loro dalla fondazione del mondo. Chi eredita il regno? Sono i figli del re che ereditano il regno. Romani 8:17 dice:

"E se siamo bambini, allora siamo eredi: eredi di Dio e coeredi di Cristo - se davvero soffriamo con Lui, così che possiamo anche essere glorificati con Lui." (Romani 8:17 BSB)

Cristo eredita il regno. I suoi fratelli sono coeredi che ereditano anche loro. Le pecore ereditano il regno. Ergo, le pecore sono i fratelli di Cristo.

Dice che questo regno è stato preparato per le pecore dalla fondazione del mondo.

Quando è stato fondato il mondo? La parola greca qui resa "fondare" è katabolé, che significa: (a) fondazione, (b) deposito, semina, deposito, tecnicamente usato dell'atto del concepimento.

Gesù non sta parlando del pianeta, ma del momento in cui è nato il mondo dell'Umanità, il concepimento del primo uomo, Caino. Prima che fosse concepito, Geova aveva predetto che due semi o discendenti sarebbero stati in guerra l'uno con l'altro (vedere Genesi 3:15). Il seme delle donne fu Gesù e attraverso di lui tutti quelli che componevano la sua sposa unta, i figli di Dio, i fratelli di Cristo.

Ora considera questi versi paralleli e ai quali si applicano:

"Tuttavia, dico questo, fratelli, che carne e sangue non possono ereditare il regno di Dio, né la corruzione eredita l'incorruzione." (1 Corinti 15:50)

"... come ha scelto noi per essere in unione con lui prima della fondazione del mondo, che dovremmo essere santi e senza macchia davanti a lui innamorati". (Efesini 1: 4)

Efesini 1: 4 parla di qualcosa scelto prima della fondazione del mondo e ovviamente parla di cristiani unti. 1 Corinzi 15:50 parla anche di cristiani unti che ereditano il regno di Dio. Matteo 25:34 usa entrambi questi termini che sono applicati altrove ai cristiani unti, i "fratelli di Cristo".

Qual è la base del giudizio in questa parabola? Nella parabola dello schiavo fedele si trattava di nutrire o meno i propri compagni di schiavitù. Nella parabola delle vergini, si trattava di restare svegli. Nella parabola dei talenti, dipendeva se si lavorava per accrescere il dono lasciato a ciascuno. E ora abbiamo sei criteri che costituiscono la base del giudizio.

Tutto dipende dal fatto che quelli che vengono giudicati,

  1. ha dato da mangiare agli affamati;
  2. ha dato acqua agli assetati;
  3. ha mostrato ospitalità a uno sconosciuto;
  4. vestito il nudo;
  5. curato i malati;
  6. confortò quelli in prigione.

In una frase, come descriveresti ciascuno di questi? Non sono tutti atti di misericordia? Una gentilezza mostrata a qualcuno che soffre e ha bisogno?

Cosa ha a che fare la misericordia con il giudizio? James ci dice:

“Chi non pratica la misericordia avrà il suo giudizio senza pietà. La misericordia esulta trionfalmente sul giudizio. ”(James 2: 13 NWT Reference Bible)

A questo punto, possiamo dedurre che Gesù ci sta dicendo che se vogliamo essere giudicati favorevolmente, dobbiamo compiere atti di misericordia; altrimenti, otteniamo ciò che meritiamo.

James continua:

“A che giova, fratelli miei, se qualcuno dice di avere fede ma non ha opere? Quella fede non può salvarlo, vero? 15 Se un fratello o una sorella non hanno vestiti e cibo a sufficienza per la giornata, 16 tuttavia uno di voi dice loro: “Andate in pace; state al caldo e ben nutriti ”, ma non date loro ciò di cui hanno bisogno per il loro corpo, di che beneficio è? 17 Così anche la fede in sé, senza le opere, è morta ". (Giacomo 2: 14-17)

Gli atti di misericordia sono atti di fede. Non possiamo essere salvati senza fede.

Ricordiamoci che questa parabola delle pecore e dei capri è solo una parabola, non una profezia. Ci sono elementi profetici, ma una parabola ha lo scopo di insegnare una lezione morale. Non è onnicomprensivo. Non possiamo prenderlo alla lettera. Altrimenti, tutto ciò che dovresti fare per ottenere la vita eterna sarebbe trovare uno dei fratelli di Cristo, dargli un bicchiere d'acqua quando ha sete, e bingo, bango, bungo, sei salvato te stesso per l'eternità.

Scusate. Non così facile. 

Ricorderai la parabola del grano e delle erbacce, trovata anche nel libro di Matteo. In quella parabola, persino gli angeli non potevano distinguere quali fossero il grano e quali fossero le erbacce fino al raccolto. Che possibilità abbiamo di sapere chi è veramente uno dei fratelli di Cristo, un figlio del regno e chi è un figlio del malvagio? (Matteo 13:38) Quindi i nostri doni di misericordia non possono essere egoistici. Non possono essere limitati a pochi. Perché non sappiamo chi sono i fratelli di Cristo e chi no. Pertanto, la misericordia dovrebbe essere una caratteristica della personalità cristiana che tutti noi vogliamo mostrare.

Allo stesso modo, non pensiamo che questo coinvolga letteralmente tutte le nazioni, nel senso che questo giudizio particolare ricade su ogni ultimo essere umano vivente quando Cristo si siede sul suo trono. In che modo i bambini piccoli ei bambini piccoli sono in grado di mostrare misericordia ai fratelli di Cristo? In che modo le persone nelle zone della terra dove non ci saranno cristiani potranno mostrare misericordia a uno dei suoi fratelli? 

I cristiani vengono da tutte le nazioni. La grande folla di Rivelazione 7:14 proviene da ogni tribù, popolo, lingua e nazione. Questo è il giudizio sulla casa di Dio, non sul mondo in generale. (1 Pietro 4:17)

Tuttavia, il Corpo Direttivo fa la parabola delle pecore e dei capri su Armaghedon. Affermano che Gesù giudicherà il mondo allora e condannerà alla morte eterna come capre tutti coloro che non sono membri attivi della fede dei testimoni di Geova. Ma c'è un evidente difetto nella loro logica.

Considera il giudizio. 

"Questi partiranno nel taglio eterno, ma i giusti nella vita eterna." (Matteo 25:46)

Se le pecore sono le "altre pecore", allora questo versetto non può essere applicato, poiché le altre pecore, secondo il Corpo Direttivo, non partono per la vita eterna, ma rimangono peccatori e nella migliore delle ipotesi e hanno la possibilità di vivere la vita eterna solo se continuano a comportarsi bene per i prossimi 1,000 anni. Eppure qui, nella Bibbia, la ricompensa è una garanzia assoluta! Ricorda che il versetto 34 mostra che implica l'eredità del regno, cosa che solo i figli del Re possono fare. È il regno di Dio e i figli di Dio lo ereditano. Gli amici non ereditano; solo i figli ereditano.   

Come abbiamo detto prima, una parabola ha spesso lo scopo di insegnare una lezione morale in modo facile da capire. Gesù è qui che ci mostra il valore della misericordia nel compimento della nostra salvezza. La nostra salvezza non dipende dall'obbedienza al Corpo Direttivo. Dipende dalla nostra gentilezza amorevole nei confronti dei bisognosi. Infatti, Paolo definì questo l'adempimento della legge del Cristo:

"Continuate a portare i pesi gli uni degli altri, e in questo modo adempirete la legge del Cristo". (Galati 6: 2 NWT).

Paolo scrisse ai Galati esortandoli: "Quindi, fintanto che ne avremo l'opportunità, lavoriamo su ciò che è buono verso tutti, ma specialmente verso quelli legati a noi nella fede". (Galati 6:10)

Se vuoi capire quanto l'amore critico, il perdono e la misericordia siano per la tua salvezza e la mia, leggi tutto 18th capitolo di Matteo e meditare sul suo messaggio.

Spero che ti sia piaciuta la nostra discussione su Discorso di Olivet trovato in Matteo 24 e 25. Spero che ti sia stato utile. Controlla la descrizione di questo video per i collegamenti ad altri video su altri argomenti. Per l'archivio di articoli precedenti su molti argomenti relativi ai Testimoni di Geova, controlla il sito web di Beroean Pickets. Ho inserito anche un collegamento a questo nella descrizione. Grazie per aver guardato.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.

    Leggi questo nella tua lingua:

    English简体中文DanskNederlandsFilipinoSuomiFrançaisDeutschItaliano日本語한국어ພາສາລາວPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀРусскийEspañolKiswahiliSvenskaதமிழ்TürkçeУкраїнськаTiếng ViệtZulu

    Pagine dell'autore

    Temi

    Articoli per mese

    8
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x