Eric: Ciao, mi chiamo Eric Wilson. Il video che stai per vedere è stato registrato diverse settimane fa, ma a causa di una malattia non sono riuscito a completarlo fino ad ora. Sarà il primo di numerosi video che analizzano la dottrina della Trinità.

Sto girando il video con il dottor James Penton che è un professore di storia, famoso autore di diversi tomi accademici, uno studioso della Bibbia e un esperto di studi religiosi. Abbiamo sentito che era giunto il momento di unire le nostre risorse ed esaminare una dottrina che per la grande maggioranza è il segno distintivo del cristianesimo. Ti senti così? Una persona deve accettare la Trinità per essere considerata da Dio come un cristiano? Questo tipo è certamente di quell'opinione.

[Mostra video]

Quando la fede nella Trinità è diventata la pietra di paragone del cristianesimo? Gesù disse che le persone avrebbero riconosciuto il vero cristianesimo dall'amore che i cristiani avrebbero dimostrato l'un l'altro. I trinitari hanno una lunga storia di amore per coloro che non sono d'accordo con loro? Lasceremo che la storia risponda a questa domanda.

Ora altri diranno che non importa davvero ciò in cui crediamo. Puoi credere quello che vuoi credere e io posso credere quello che voglio credere. Gesù ci ama tutti finché amiamo lui e gli altri.

Se così fosse, allora perché disse alla donna al pozzo: “l'ora sta arrivando, ed è ora qui, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in Spirito e verità. Sì, il Padre vuole che queste persone lo adorino. Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorarlo in Spirito e verità ". (Giovanni 4:23, 24 Bibbia standard cristiana)

Dio sta cercando persone che lo adorino in spirito e verità. Quindi, la verità è vitale.

Ma nessuno ha tutta la verità. Tutti sbagliamo.

È vero, ma quale spirito ci guida? Cosa ci spinge a continuare a cercare la verità ea non accontentarci di qualsiasi teoria degli animali domestici sia attraente in questo momento?

Paolo disse ai Tessalonicesi di coloro che perdono la salvezza: "Periscono perché hanno rifiutato di amare la verità e così sono stati salvati". (2 Tessalonicesi 2:10)

L'amore, in particolare, l'amore per la verità, deve motivarci se vogliamo trovare il favore di Dio.

Ovviamente, quando viene chiesto, tutti affermano di amare la verità. Ma siamo brutalmente onesti qui. Quanti lo adorano davvero? Se sei un genitore, ami i tuoi figli? Sono sicuro che lo fai. Moriresti per i tuoi figli? Penso che la maggior parte dei genitori rinuncerebbe davvero alla propria vita per salvare il proprio figlio.

Ora, lascia che ti chieda questo: ami la verità? Sì. Moriresti per questo? Saresti disposto a rinunciare alla tua vita piuttosto che sacrificare la verità?

Gesù l'ha fatto. Molti cristiani lo hanno fatto. Tuttavia, quanti di coloro che oggi si definiscono cristiani morirebbero per la verità?

Jim e io proveniamo da un sistema di credenze che si descrive come "la Verità". Un testimone di Geova chiederà regolarmente a un altro TdG che hanno appena incontrato: "Da quanto tempo sei nella verità?", Oppure: "Quando hai scoperto la verità?" Quello che vogliono veramente chiedere è da quanto tempo quella persona fa parte dell'organizzazione dei testimoni di Geova.

Confondono la lealtà all'organizzazione con l'amore per la verità. Ma metti alla prova il loro amore per la verità e, nella mia esperienza abbastanza vasta, la verità perde. Dì loro la verità e riceverai in cambio calunnie, insulti ed evasione. Insomma, persecuzione.

Perseguitare coloro che dicono la verità non è una caratteristica esclusiva dei testimoni di Geova. In effetti, perseguitare qualcuno perché non è d'accordo con la tua convinzione è una grande bandiera rossa, non è vero? Voglio dire, se hai la verità, se hai ragione, non parla da sé? Non c'è bisogno di attaccare la persona che non è d'accordo. Non c'è bisogno di bruciarli sul rogo.

Ora ci sono varie versioni della dottrina della Trinità e le vedremo tutte in questa serie di video, ma concentreremo la maggior parte della nostra attenzione su quella più comunemente accettata nella vasta gamma di chiese cristiane attive oggi.

Per essere in prima linea, io e Jim non accettiamo la Trinità, anche se accettiamo che Gesù sia divino. Ciò significa, in parte, che accettiamo Gesù come un Dio in base alla nostra comprensione di una varietà di Scritture in cui entreremo lungo la strada. La gente cercherà di incasellarci, liquidandoci in modo sprezzante come ariani o unitari o addirittura rinchiudere i testimoni di Geova - fuori, ma comunque dentro. Niente di tutto ciò sarebbe accurato.

Ho scoperto per esperienza che i trinitari hanno un piccolo modo ingegnoso per respingere qualsiasi attacco alla loro fede. È una sorta di "cliché che pone fine al pensiero". Funziona così: “Oh, pensi che il Padre e il Figlio siano divinità separate, vero? Non è politeismo? "

Poiché il politeismo è la forma di culto associata al paganesimo, tentano di porre fine a tutte le discussioni mettendo sulla difensiva chiunque non accetti il ​​loro insegnamento.

Ma potresti obiettare che i trinitari sono anche politeisti con la loro versione tre in uno di Dio? In realtà no. Affermano di essere monoteisti, come gli ebrei. Vedi, credono in un solo Dio. Tre persone distinte e separate, ma un solo Dio.

Usano questo grafico per spiegare la dottrina: [Triangle from https://en.wikipedia.org/wiki/Trinity]

Questo dà loro un solo essere, ma quell'essere non è una persona, ma tre persone. Come può un singolo essere essere anche tre persone? Come avvolgere la tua mente attorno a un tale paradosso. Lo riconoscono come qualcosa di più che una mente umana può afferrare, ma lo spiegano come un mistero divino.

Ora, per quelli di noi che ripongono fede in Dio, non abbiamo problemi con i misteri che non possiamo comprendere fintanto che sono chiaramente indicati nella Scrittura. Non siamo così arroganti da suggerire che se non riusciamo a capire qualcosa, allora non può essere vero. Se Dio ci dice che qualcosa è così, allora è così.

Tuttavia, la dottrina della Trinità è espressa chiaramente nella Scrittura in modo tale che, sebbene non la capisca, devo accettarla come vera? Ho sentito trinitari fare questa affermazione. Stranamente, non fanno seguito ad esso un chiaro riferimento a tale dichiarazione scritturale. Invece, ciò che segue è una linea di ragione deduttiva molto umana. Ciò non significa che abbiano torto riguardo alle loro deduzioni, ma una cosa è una chiara affermazione nella Bibbia, mentre l'interpretazione umana è un'altra.

Tuttavia, per i trinitari ci sono solo due possibilità, il politeismo e il monoteismo con il primo pagano e il secondo cristiano.

Tuttavia, questa è una generalizzazione affrettata. Vedi, non possiamo stabilire i termini della nostra adorazione. Dio lo fa. Dio ci dice come dobbiamo adorarlo, e poi dobbiamo trovare le parole per definire ciò che dice. A quanto pare, né il "monoteismo" né il "politeismo" descrivono adeguatamente l'adorazione del Signore o del Signore come proscritta nella Scrittura. Entrerò in una discussione che ho avuto con Jim su questo argomento. Lo porterò chiedendo a Jim questa domanda:

“Jim, puoi dirci se qualcuno ha inventato un termine che descrive in modo più accurato la relazione tra il Padre e il Figlio e la nostra adorazione nei loro confronti?

Jim: Sì posso.

C'era un nuovo termine coniato nel 1860, l'anno prima che scoppiasse la guerra civile americana da un uomo di nome Max Muller. Quello che ha inventato è stato il termine "enoteistico". Ora cosa significa? Heno, beh, un solo Dio, ma l'idea è fondamentalmente questa: ce n'era uno ed è un Dio principale, supremo, il Dio sopra tutti, e che Dio è solitamente chiamato Yahweh o in una forma più antica, Geova. Ma oltre a Yahweh o Geova, c'erano altri esseri che erano conosciuti come dei, elohim. Ora la parola per Dio in ebraico è Elohim, ma normalmente quando si guarda per la prima volta si direbbe hey, questo è un Dio plurale. In altre parole, significa più di un Dio. Ma quando è fornito con verbi singolari, significa un Dio, e questo è un caso del sistema che è chiamato il plurale di Maestà. È come diceva la regina Vittoria, "non ci divertiamo". Ebbene, lo era, ma poiché era una sovrana, usava il plurale per se stessa; e nelle Scritture, Yahweh o Geova di solito è indicato come Elohim, Dio al plurale, ma con verbi che sono al singolare.

Ora, quando la parola Elohim è usata con verbi plurali, ciò significa Divinità, e quindi, daremo un'occhiata a questo per vedere se esiste sia nell'Antico Testamento che nel Nuovo Testamento.

Eric: Grazie. Quindi, la pluralità non è determinata dal sostantivo, ma dal tempo verbale.

Jim: Giusto.

Eric: Ok, quindi ho effettivamente trovato un esempio di questo. Per dimostrare ulteriormente il punto, lo dimostrerò ora.

Ci sono due cose che dobbiamo considerare riguardo a Elohim in ebraico. Il primo è se quello che dice Jim è corretto - che è un costrutto grammaticale, che non indica il plurale, ma piuttosto una qualità come eccellenza o maestà; e per determinare che dobbiamo andare altrove nella Bibbia dove possiamo trovare prove che sono praticamente incontestabili, e penso che possiamo trovarle in 1 Re 11:33. Se andiamo a 1 Re 11:33, lo troveremo qui nel BibleHub, che è un'ottima risorsa per la ricerca della Bibbia in più versioni. Guardando 1 Re 11:33 nella Bibbia NIV abbiamo: "Lo farò perché mi hanno abbandonato e hanno adorato Ashtoreth, la dea [singolare] dei Sidoni, Chemosh il dio [singolare] dei Moabiti e Molek il dio [singolare] degli Ammoniti ... "

Va bene, diamo un'occhiata a come quei nomi singolari tradotti in inglese sono stati collocati nell'originale, e nell'interlineare troviamo che ogni volta che viene menzionato il dio o la dea abbiamo Elohim - 430 [e]. Di nuovo, "dea" 430, Elohim, e qui, "il dio", Elohim 430. Giusto per confermare - la concordanza dello Strong - e lo troviamo Elohim ecco la parola usata in quei tre posti. Quindi, sembra abbastanza chiaro che abbiamo a che fare con un costrutto grammaticale. Tuttavia, l'ironia di tutto questo è quando qualcuno che crede nella Trinità cerca di promuovere l'idea che la Divinità o la pluralità di Yahweh - le tre persone in una - fosse conosciuta, o almeno accennata nelle Scritture Ebraiche usando Elohim, in realtà stanno dando agli enoteisti, come Jim e io, una base eccellente per la nostra posizione, perché il trinitarismo si basa sull'intera premessa che esiste un solo Dio. È monoteista; un Dio, tre persone in un Dio. Quindi, se Yahweh si è riferito come Elohim, Yahweh Elohim, Geova Dio, o Yahweh Dio sta parlando di più dèi, ne consegue che sta parlando di enoteismo, come io e Jim accettiamo entrambi e molti come noi, che Yahweh o YHWH è il creatore, l'Onnipotente Dio e sotto di lui il suo unico anche il figlio generato è un Dio. La "parola è un Dio" e così Elohim funziona molto bene per supportare il pensiero enoteista, e così, la prossima volta che qualcuno me lo proporrà, penso invece di fare l'argomento grammaticale, dirò semplicemente: "Sì, è meraviglioso. Lo accetto, e questo dimostra il nostro punto di vista: l'enoteismo ". Comunque, mi sto solo divertendo un po '.

Prima di andare avanti, hai sollevato qualcosa di cui penso che i nostri spettatori si chiederanno. Hai detto che Yahweh era una forma più recente e Geova era la forma più antica della traduzione di YHWH. È così? Yahweh è una forma più recente?

Jim: Sì, è ... ed è una forma controversa, ma è stata generalmente accettata dalla comunità accademica perché riflette quello che doveva essere il nome. Ma nessuno lo sa, in realtà. Questa è solo una buona ipotesi.

Eric: Destra. So che c'è molto dibattito su Geova. Ci sono molte persone che pensano che fosse un nome falso, ma in realtà forse non è così vicino alla pronuncia originale ora come lo era quando fu coniato per la prima volta nel 12 ° secolo. O era il XIII secolo? 13, credo. Vado dalla memoria. Lo sapresti meglio di me. Ma "J" a quel tempo aveva un yah sembra così.

Jim: Sì, come avviene nelle lingue tedesca e scandinava, e probabilmente olandese fino ad oggi. La "J" ha un suono "Y". E ovviamente questo entra nella storia dell'uso di "J" che non faremo qui.

Eric: Destra. Molto bene. Grazie. Volevo solo coprirlo. So che riceveremo commenti su questa linea, se non lo affrontiamo ora.

Quindi, c'era qualcos'altro su cui vuoi aggiungere, penso che ci fosse qualcosa dal Salmo 82 che mi hai menzionato prima che si riferisce a questo.

Jim: Sì, sono contento che tu l'abbia sollevato perché è un perfetto esempio di enoteismo come l'avrebbe spiegato Max Muller. È, "ho detto che siete dei, e tutti voi siete figli dell'Altissimo". Questo in realtà non è il Salmo 82 versetto 1, ma va avanti con 6 e 7. Si parla di Dio seduto nella congregazione di Dio. Egli giudica tra gli dèi - "Ho detto che siete dèi e tutti voi siete figli dell'Altissimo".

Quindi, ecco Dio seduto nell'assemblea degli dei; e ci sono molti casi di questo nei Salmi. Non mi prenderò la briga di descriverlo qui, ma questo dà il quadro e talvolta, naturalmente, gli dei possono essere falsi dei o angeli retti. Apparentemente, il termine è applicato agli angeli, e in alcuni casi è applicato agli dei pagani o a una dea pagana - c'è un caso nell'Antico Testamento - e poi è applicato agli angeli e persino agli uomini in determinate circostanze.

Eric: Eccellente. Grazie. In realtà, c'è un bel elenco di Scritture che hai messo insieme. Più di quanto possiamo coprire qui. Quindi, li ho inseriti in un documento e chiunque fosse interessato a vedere l'intero elenco ... Metto un collegamento nella descrizione di questo video in modo che possano scaricare il documento e rivederlo a loro piacimento.

Jim: Quello sarà buono.

Eric: Grazie. Dato che tutto quello che hai appena detto, c'è qualche indicazione nelle Scritture precristiane, o in quello che la maggior parte delle persone chiama l'Antico Testamento, di Gesù come un Dio all'interno della disposizione enoteistica?

Jim: Bene, prima lasciatemi dire che fin dalla Genesi, ci sono due occasioni in cui questo principio di enoteismo è molto chiaro. Uno è nel racconto pre-Noè in cui la Scrittura parla dei figli di Dio che scesero e sposarono le figlie degli uomini. Questo è uno dei casi, i figli di Dio. Quindi, diventano dèi in se stessi o sono visti come dei. Questi devono essere angeli caduti secondo la spiegazione nel libro apocrifo di Enoc e in 2 Pietro. E così hai quello, ma l'altro molto importante è nel libro dei Proverbi dove tratta l'argomento della saggezza. Ora molti studiosi diranno semplicemente: "Bene, questo ... queste sono le caratteristiche di Yahweh e non dovrebbero essere indicative di una persona o di ipostasi". Ma in realtà col passare del tempo, e in particolare nell'area del Nuovo Testamento, proprio all'inizio, e forse dovrei dire anche prima, si ottiene lo studio dell'intera questione della saggezza che diventa personificata, e questo è nel libro della saggezza, e anche nelle opere dell'ebreo alessandrino, Filone, che era un contemporaneo di Gesù Cristo e trattò del termine loghi, che indicherebbe qualcosa di simile alla saggezza nel libro dei Proverbi e nel libro della saggezza. Ora perché di questo, o di questo, dovrei dire? Ebbene, il nocciolo della questione è che la parola logos o logos, a seconda che tu voglia pronunciarla come breve o lunga O - gli ebrei oi greci ai giorni di Cristo mescolano i due tutto il tempo, quindi immagino Sono libero di ... libero di ... fare la stessa cosa - e in ogni caso, il termine è nella nostra parola inglese "logica", "logico" da logos o logos, e portava anche il concetto di razionalità e quindi era molto simile alla saggezza, e Filone, giù ad Alessandria d'Egitto, vedeva la saggezza e il logos più o meno la stessa cosa e come personalità.

Molte persone hanno sottolineato il fatto che la saggezza nei Proverbi è il genere femminile, ma questo non ha infastidito affatto Filone. Ha detto: "Sì e questo è il caso, ma potrebbe essere inteso anche come maschile. O almeno come logos è maschile; quindi la saggezza potrebbe essere indicativa di una persona maschile o di ipostasi.

Eric: Destra.

Jim: Ora, molto di questo è trattato molto chiaramente negli scritti del famoso studioso paleocristiano Origin, e lui si occupa di questo a lungo. Quindi, quello che hai qui è qualcosa che esisteva specificamente al tempo di Gesù e intorno al tempo di Gesù, e sebbene i farisei accusassero Gesù di aver commesso bestemmia per aver detto che era il figlio di Dio, egli citò direttamente i Salmi e fece notare che gli dèi furono detti di numerosi dèi, e di conseguenza ha detto: 'È lì. È scritto. Non puoi dubitarne. Non sto affatto bestemmiando. Quindi, l'idea era molto presente ai tempi di Cristo.

Eric: Destra. Grazie. In realtà, ho sempre pensato che fosse appropriato personificare Cristo e il Gesù precristiano o preesistente come logos perché, come saggezza, intendo, perché come la intendo io, la saggezza può essere definita come l'applicazione pratica della conoscenza . Sai, potrei sapere qualcosa ma se non faccio nulla con la conoscenza, non sono saggio; se applico le mie conoscenze, allora sono saggio. E la creazione dell'universo tramite Gesù, da Gesù e per Gesù, fu la più grande manifestazione dell'applicazione pratica della conoscenza che ci sia mai stata. Quindi, la saggezza personificata si adatta perfettamente al suo ruolo di primo lavoratore di Dio, se vuoi, per usare un termine che deriva dalla nostra vecchia fede.

Ma c'era qualcos'altro che volevi aggiungere riguardo a ... che stavi prendendo da Filippesi 2: 5-8? Me lo hai detto prima riguardo alla preesistenza di Cristo; perché c'è chi dubita della sua preesistenza, chi pensa che sia nato solo come uomo, e prima non fosse mai esistito.

Jim: Sì. Questa posizione è assunta da una varietà di gruppi, gruppi non trinitari, e ce ne sono parecchi, e la loro tesi è che Cristo non esisteva prima della sua esistenza umana. Non esisteva in paradiso, ma il testo in filippesi nel secondo capitolo dice molto specificamente - e Paolo ti sta dando l'esempio di umiltà là dove scrive di questo - e dice che non ha tentato in effetti - io parafrasando qui piuttosto che citando - non ha tentato di cogliere la posizione del Padre ma si è umiliato e ha assunto la forma di un uomo, anche se era in Dio; La forma di Dio, nella forma del padre. Non ha tentato di usurpare la posizione di Dio come si ritiene abbia tentato Satana, ma piuttosto ha accettato il piano di Dio e ha abbandonato la sua natura spirituale ed è sceso sulla terra sotto forma di uomo. Questo è molto chiaro. Se qualcuno vuole leggere il secondo capitolo di Filippesi. Quindi, questo indica chiaramente la preesistenza per me, e non riesco a trovare molto difficile aggirarlo.

E, naturalmente, ci sono altre, molte altre scritture che potrebbero essere messe in pratica. Ho un libro che è stato pubblicato da una coppia di gentiluomini che appartengono alla Chiesa di Dio, Fede di Abramo, e ognuno di loro cerca di farla finita con l'idea della preesistenza, dicendo: 'Bene questo ... questo non si adatta al pensiero ebraico , e penso che sia un terribile errore quando parli del pensiero ebraico o greco o del pensiero di qualcun altro, perché ci sono diversi punti di vista all'interno di qualsiasi comunità e suggerire che nessun pensiero ebraico della preesistenza è semplicemente una sciocchezza. Certamente, Filone in Egitto lo fece, ed era un contemporaneo di Gesù Cristo.

Eric: Destra.

Jim: E a loro piace semplicemente dire che: "Bene, questo è il predetto di Dio cosa succederà in futuro". E non lottano nemmeno con questi passaggi che mostrano la preesistenza.

Eric: Si. Sono troppo difficili da affrontare, quindi li ignorano. Mi chiedo se quello che stiamo vedendo nella comunità che sostiene la preesistenza è simile a quello che vediamo nei Testimoni di Geova che cercano così duramente di allontanarsi dalla Trinità che vanno all'estremo opposto. I testimoni fanno di Gesù solo un angelo, anche se un arcangelo, e questi altri gruppi lo trasformano in un essere umano, non essendo mai esistito. entrambi sono necessari ... beh, non necessari ... ma entrambi sono reazioni, credo, alla dottrina della Trinità, ma reazioni eccessive; andando troppo lontano dall'altra parte.

Jim: Esatto, e i Testimoni avevano fatto qualcosa in un periodo di tempo. Quando ero giovane nei testimoni di Geova. Non c'era dubbio che c'era un grande rispetto per Cristo e per molto tempo i testimoni avrebbero pregato Cristo e reso grazie a Cristo; e negli ultimi anni, naturalmente, l'hanno eliminato e hanno detto che non dovresti pregare Cristo, non dovresti adorare Cristo. Dovresti adorare solo il Padre; e hanno preso una posizione ebraica estrema. Ora mi riferisco ai farisei e agli ebrei che si opposero a Cristo nel prendere quella posizione, perché ci sono molti passaggi nel Nuovo Testamento in cui indica, in particolare negli ebrei, che i primi cristiani adoravano Cristo come figlio del Padre. Quindi, si sono spostati troppo nella direzione opposta, e mi sembra che fossero ... che sono molto in disarmonia con il Nuovo Testamento.

Eric: Sono arrivati ​​fino alla scorsa settimana torre di osservazione studio, c'era una dichiarazione che non dovremmo amare Cristo troppo poco e non dovremmo amarlo troppo. Che dichiarazione straordinariamente stupida da fare; ma mostra come hanno relegato Cristo a una sorta di status di modello piuttosto che alla sua vera posizione. E tu ed io abbiamo capito che lui è divino. Quindi, l'idea che non sia divino o che non sia della natura di Dio non è qualcosa che rifiutiamo in alcun modo, ma c'è una differenza tra l'essere divino e l'essere Dio stesso, e penso che ora arriviamo a quella scrittura appiccicosa di Giovanni 1: 1. Quindi ti piacerebbe affrontarlo con noi?

Jim: Sì, lo farei. Questa è una Scrittura trinitaria chiave e anche una Scrittura non trinitaria chiave. E se guardi alle traduzioni bibliche, ce ne sono molte che si riferivano a Gesù come Dio e altri che ... che si riferivano a lui come a un Dio, e la Scrittura particolare è, in greco è: En archē ēn ho Logos kai ho Logos ēn pros ton Theon kai Theos ēn ho Logos. E posso darvi la mia traduzione di questo, e penso che legga: "in principio era il Logos - la parola, cioè, perché Logos significa che tra le varie altre cose - e il Logos era rivolto verso Dio e Dio o un dio era la parola ”.

Perché traduco in questo mentre il Logos era rivolto a Dio? Ebbene, piuttosto che il Logos era con Dio? Beh, semplicemente perché la preposizione in questo caso, professionisti, in Koine il greco non ha bisogno di cosa esattamente "con" fa in inglese, dove si ha l'idea di "insieme a" o "in associazione con". Ma il termine significa qualcosa di meno di quello, o forse di più.

E Helen Barrett Montgomery nella sua traduzione di Giovanni da 1 a 3, e sto leggendo alcune di queste, è che lei scrive: "In principio era la parola e la parola era faccia a faccia con Dio e la Parola era Dio".

Questo è curioso. Professionisti significa come faccia a faccia o separato da Dio e indica il fatto che c'erano 2 persone lì e non della stessa sostanza e ne parlerò più tardi.

E, cosa interessante, questa era una pubblicazione, o divenne una pubblicazione dell'American Baptist Publishers Society, quindi lei cavalcava come trinitaria. E così era Charles B. Williams, e ha la parola o il Logos che dice faccia a faccia con Dio e come lei, è abbastanza evidente, abbastanza evidente che è un Trinitario. Una traduzione privata nella lingua del popolo nel 1949 fu assegnata al Moody Bible Institute per la pubblicazione, e certamente quelle persone erano e sono trinitari. Quindi abbiamo tutti i tipi di traduzioni in inglese e in altre lingue, in particolare tedesco, che sono ... che dicono, beh, "la Parola era Dio", e quasi come molti dicono, "e la parola era un Dio", o "la parola era divina".

Molti studiosi sono stati nervosi e la ragione di ciò è che in greco quando una parola prende l'articolo determinativo, e l'articolo determinativo in inglese è "il", e quindi diciamo "il dio", ma in greco c'era no "un dio" in senso letterale. E il modo in cui l'hanno gestito ...

Eric: Nessun articolo indefinito.

Jim: Esatto, e il modo in cui hanno gestito questo era che non c'erano parole per un articolo indefinito come "a" o "an" in inglese e così spesso, quando vedi un sostantivo senza articolo, senza l'articolo determinativo, presumi che in una traduzione inglese, dovrebbe essere indefinito piuttosto che definito. Quindi, quando si dice "il Logos" in precedenza nella Scrittura con un articolo determinativo e tuttavia prosegue dicendo che il Logos era Dio, allora non c'è nessun articolo determinativo davanti a quel termine, "dio", e quindi tu si può presumere da questo punto di fatto, si dovrebbe tradurre questo passaggio è "un Dio" piuttosto che "il Dio". E ci sono molte traduzioni che lo fanno, ma bisogna stare attenti. Bisogna stare attenti. Non puoi dirlo in modo dogmatico perché i grammatici hanno dimostrato che ci sono molti casi in cui i nomi senza l'articolo determinativo sono ancora definiti. E questo argomento continua ad assurdo. E se ti capita di essere un Trinitario, picchierai la scrivania e dirai: "Bene, è un fatto preciso che quando ci si riferisce al Logos come Dio, significa che è una delle tre persone della Trinità, e quindi lui è il Dio ". Ci sono altri che dicono: "Niente affatto".

Ebbene, se si guardassero gli scritti di Origin, che è uno dei più grandi studiosi cristiani primitivi, si sarebbe messo in fila con le persone che dicevano che "un dio" era corretto, e sarebbe stato un sostenitore del Traduzione dei Testimoni di Geova in cui hanno che “la parola era un Dio”.

Eric: Destra.

Jim: e ... ma non possiamo essere dogmatici su questo. È impossibile essere dogmatici al riguardo, e se guardi gli Unitari da una parte ei Trinitari dall'altra, litigheranno per questo e presenteranno tutti i tipi di argomenti, e gli argomenti continuano ad assurdo. E ti chiedi quali siano i vari aspetti: se i postmodernisti hanno ragione quando dicono: "Beh, è ​​ciò che il lettore prende da un documento scritto piuttosto che ciò che intendeva la persona che ha scritto il documento". Beh, non possiamo arrivare a tanto.

Ma vorrei, suggerirei allora che discutendo sulla natura grammaticale di questo testo a Giovanni 1: 1-3, è meglio applicare un altro mezzo per studiare l'intera questione, e suppongo che sia perché sono particolarmente interessato a queste cose sul base della mia formazione accademica. Sono fondamentalmente uno storico; il mio dottorato era nella storia. Sebbene a quel tempo avessi un minore in studi religiosi e abbia trascorso molto tempo a studiare non una religione, ma molte religioni e certamente le Scritture; ma direi che il modo di affrontare questo problema è storico.

Eric: Destra.

Jim: Ciò mette queste Scritture, questi passaggi nel contesto di ciò che stava accadendo nel I secolo, quando Gesù Cristo era vivo e poco dopo la sua morte; e il fatto è che la dottrina della Trinità non è venuta all'esistenza, né conclamata né conclusa, nei secoli dopo la morte di Cristo, e la maggior parte degli studiosi lo sa oggi. E un numero casuale di un certo numero di bravi studiosi cattolici, eccezionali cattolici lo ha riconosciuto.

Eric: Così…

Jim: Penso che sia eccezionale.

Eric: Quindi, prima di passare a questo, perché questo è davvero l'obiettivo principale di questo video, la storia, solo per chiarire a tutti coloro che rimangono un po 'impantanati nella discussione di Giovanni 1: 1, penso che sia un principio ampiamente accettato tra coloro che studiano la Bibbia esegeticamente afferma che se c'è un passaggio che è ambiguo, che può essere ragionevolmente preso in un modo o nell'altro, allora quel passaggio non può servire come prova ma piuttosto può servire solo come supporto, una volta che hai stabilito una prova ferma altrove.

Quindi, Giovanni 1: 1 sosterrebbe una dottrina trinitaria, se puoi provare la Trinità altrove. Supporterebbe una comprensione enoteistica, se possiamo provarlo altrove. Questo è quello che faremo ... beh, utilizzeremo tre metodi. Questa è la parte 1. Probabilmente avremo almeno altri 2 video. Si esamineranno i testi di prova che utilizzano il Trinitario; un altro esaminerà i testi di prova che gli ariani hanno usato, ma per ora penso che la storia sia un modo molto prezioso per stabilire il fondamento o la sua mancanza della dottrina della Trinità. Quindi, ti lascio il pavimento aperto.

Jim: Andiamo molto bene. Penso che sia molto chiaro che non c'era la dottrina della Trinità nei primi due secoli, almeno non nella forma in cui esiste oggi. Il trinitarismo non arrivò nemmeno al concilio di Nicea nel 325 d.C. come vorrebbero molti trinitari. In realtà, ciò che abbiamo a Nicea è l'accettazione della dottrina di un ...

Eric: Dualità.

Jim: Sì, 2 persone invece di 3. E il motivo era che erano preoccupati principalmente per la relazione tra padre e figlio. Lo Spirito Santo non è stato affatto menzionato in questo momento, quindi hai sviluppato una dottrina binataria, non trinitaria, e che sono arrivati ​​a questo usando un termine particolare, "hamaucious", che significa lo stesso sostanza, e hanno sostenuto che il padre e il figlio erano della stessa sostanza.

Ora questo è stato introdotto dall'imperatore Costantino, ed era solo un cristiano parziale, se vuoi dire così. Non fu battezzato finché non fu quasi pronto per morire. E che ha commesso molti crimini gravi, ma è diventato qualcuno che era positivo nei confronti del cristianesimo, ma voleva che fosse ordinato, e così ha deciso che avrebbe dovuto porre fine alle discussioni in corso. E introdusse questa parola e questo fu con soddisfazione del partito trinitario o del partito binatario come allora, perché volevano dichiarare eretico Ario, che era la persona che non voleva accettare questa idea. E questo era quasi l'unico modo in cui potevano dichiararlo eretico. E così hanno introdotto questo termine che da allora è diventato parte della teologia cattolica almeno dal punto di vista di un partito.

Quindi, la Trinità è molto tardi in ritardo. Viene molto più tardi quando hanno dichiarato che lo Spirito Santo è la terza persona della Trinità. E questo è 3.

Eric: E un altro imperatore era coinvolto e quello era, no?

Jim: Giusto. Teodosio il Grande.

Eric: Quindi, non solo ha messo fuorilegge il paganesimo, ma anche il tuo arianesimo fuorilegge o qualsiasi cosa non trinitaria ... quindi, ora era contro la legge credere che Dio non fosse una Trinità.

Jim: È vero, è vero. Diventò illegale essere un cristiano pagano o ariano e tutte queste posizioni furono bandite e perseguitate, sebbene l'arianesimo rimase nelle terre selvagge delle tribù germaniche perché gli ariani che mandarono fuori i missionari e convertirono la maggior parte delle tribù germaniche che erano conquistando l'Europa occidentale e la parte occidentale dell'Impero Romano.

Eric: Bene, quindi fammi capire bene, hai un'idea che non è esplicitamente dichiarata nella Scrittura e dagli scritti storici era praticamente sconosciuta nel cristianesimo del I e ​​II secolo; nasce in una disputa nella chiesa; fu governata da un imperatore pagano che non fu battezzato all'epoca; e poi avevi cristiani che non lo credevano, lui perseguitava; e dobbiamo credere che Dio non ha usato Gesù Cristo né gli apostoli per rivelare questo, ma piuttosto ha usato un imperatore pagano che avrebbe perseguitato coloro che erano in disaccordo.

Jim: Esatto, anche se in seguito tornò, si voltò e cadde sotto l'influenza di un vescovo ariano e alla fine fu battezzato dagli ariani piuttosto che dai trinitari.

Eric: Va bene. L'ironia è questo gocciolamento.

Jim: Ebbene, quando ci addentreremo in questo punto, scoprirete che praticamente tutte le decisioni prese nei concili teologici furono prese con il sostegno delle autorità secolari, imperatori romani, e infine una di loro fu largamente determinata da uno dei i papi, e questo trattava della questione del Cristo incarnato, che doveva essere visto e adorato come interamente Dio e interamente uomo.

Quindi, la determinazione della dottrina non è stata fatta affatto da una chiesa unita. Fu fatto da quella che divenne una chiesa unita o quasi una chiesa unita sotto gli auspici delle autorità secolari.

Eric: Bene, grazie. Quindi, solo per riassumere la nostra discussione di oggi, stavo guardando un video di un trinitario che spiega la dottrina, e ha ammesso che era molto difficile da capire, ma ha detto "non importa se non capisco esso. È chiaramente affermato nella Bibbia, quindi devo solo accettare per fede ciò che è completamente affermato ".

Ma da quello che mi stai dicendo, non ci sono prove nella Bibbia, né nella storia della nazione di Israele prima di Cristo, né in alcuna comunità del cristianesimo fino al 3 ° secolo di una chiara indicazione di una Trinità.

Jim: È vero, è vero; e non c'è un chiaro supporto per esso da parte dei consigli della chiesa fino al 381. Abbastanza tardi. Piuttosto tardi. E nel Medioevo, ovviamente, le chiese orientali e quelle romane occidentali si divisero, in parte, su questioni riguardanti la Trinità. Quindi, non c'è mai stata una posizione unita su molte cose. Abbiamo gruppi come i cristiani copti in Egitto, i nestoriani e così via che sono stati in giro per tutto il Medioevo che non hanno accettato alcune delle idee dell'ultimo concilio che trattava della natura di Cristo.

Eric: Destra. Ci sono alcuni che diranno: “Beh, non importa davvero se credi che la Trinità non lo sia. Siamo tutti credenti in Cristo. Va tutto bene."

Posso vedere il punto di vista, ma d'altra parte, sto pensando a Giovanni 17: 3 che dice che in realtà lo scopo della vita, la vita eterna, è conoscere Dio e conoscere il figlio di Dio, Gesù Cristo, e se stiamo iniziando il nostro viaggio di conoscenza su una falsa premessa, su una base artigianale debole e difettosa, non otterremo ciò che vogliamo ottenere. È meglio partire da una verità e poi estenderla.

Quindi, questa discussione è, penso, vitale perché conoscere Geova Dio o Yahweh o YHWH, come desideri chiamarlo, e conoscere suo figlio, Yeshua o Gesù, è davvero fondamentale per il nostro obiettivo finale di essere uno con Dio nello scopo e nella mente e nel cuore e nell'essere figli di Dio.

Jim: Lasciatemi dire questo in chiusura, Eric: quando ti fermi e pensi al numero di persone nel corso dei secoli che sono state messe a morte da cattolici, cattolici romani, greco-ortodossi, cristiani calvinisti, seguaci del movimento riformato di Giovanni Calvino, i luterani e gli anglicani, nel corso degli anni in cui così tante persone sono state messe a morte per aver rifiutato di accettare la dottrina della Trinità. È scioccante! Naturalmente, il caso più noto è quello dell'incendio sul rogo di Serveto nel XVI secolo, a causa della sua negazione della Trinità; e sebbene Giovanni Calvino non volesse che fosse bruciato sul rogo, voleva essere diretto, ed era il Consiglio o il gruppo secolare al comando a Ginevra che decise che doveva essere bruciato sul rogo. E c'erano molti altri che ... ebrei che furono costretti a convertirsi al cattolicesimo in Spagna e poi ricadevano e tornarono al giudaismo - alcuni di loro in realtà erano ebrei praticanti e rabbini ebrei - ma per proteggersi esteriormente, divennero sacerdoti cattolici, il che era davvero strano, e molte di queste persone, se venivano catturate, venivano giustiziate. È stata una cosa terribile. Unitari indipendentemente dal fatto che - ce ne fossero di vari tipi - ma che negavano la Trinità, furono perseguiti in Inghilterra e furono messi fuori legge fino al XIX secolo; e un certo numero di studiosi di spicco erano antitrinitari: John Milton, Sir Isaac Newton, John Locke e, più tardi, nel XIX secolo, l'uomo che scoprì l'ossigeno: la sua casa e la sua biblioteca furono distrutte da una folla e dovette fuggire negli Stati Uniti dove è stato accolto da Thomas Jefferson.

Quindi, quello che hai è una dottrina che tutti i tipi di persone hanno messo in dubbio e le azioni poco amorevoli dei Trinitari sono state oltraggiose. Ora, questo non vuol dire che alcuni Unitari siano stati meno che cristiani nel loro comportamento, come ben sappiamo. Ma il fatto è che è stata una dottrina che è stata difesa spesso dal rogo, che bruciava sul rogo. E questa è la cosa orribile perché il fatto è che quando guardi i frequentatori della chiesa dei giorni nostri. La persona media che va in chiesa, che sia un cattolico, un anglicano, un frequentatore di una chiesa riformata ... molti, molti altri ... non capiscono, le persone non capiscono la dottrina e ho avuto un certo numero di sacerdoti che me lo hanno detto la domenica della Trinità, che fa parte del calendario della chiesa, non sanno cosa farne perché non lo capiscono neanche.

Dottrina molto difficile, molto difficile da capire.

Eric: Quindi, posso ascoltare la verità, non dobbiamo andare oltre le parole di Gesù in Matteo 7 dove dice: "Con le loro opere conoscerai questi uomini". Possono parlare bene, ma le loro opere rivelano il loro vero spirito. È lo spirito di Dio che li guida ad amare o lo spirito di Satana li guida a odiare? Questo è forse il più grande fattore determinante per chiunque cerchi veramente conoscenza e saggezza a questo riguardo.

Jim: Ebbene, la storia di questa particolare dottrina è stata terribile.

Eric: Sì, è così.

Jim: Lo è davvero.

Eric: Bene, grazie mille Jim, apprezzo il tuo tempo e ringrazio tutti per aver guardato. Torneremo di nuovo nella parte 2 di questa serie non appena potremo mettere insieme tutte le nostre ricerche. Quindi, per ora ti saluto.

Jim: E buona sera

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.
    135
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x