La storia di Adamo (Genesi 2: 5 - Genesi 5: 2) - Creazione di Eva e Giardino dell'Eden

Secondo Genesi 5: 1-2, dove troviamo il colophon e tolepunto, per la sezione nelle nostre Bibbie moderne da Genesi 2: 5 a Genesi 5: 2, “Questo è il libro della storia di Adamo. Nel giorno in cui Dio creò Adamo, lo fece a somiglianza di Dio. 2 Maschio e femmina li ha creati. Dopo di che li benedisse e chiamò il loro nome Uomo nel giorno della loro creazione ".

Notiamo lo schema evidenziato quando abbiamo discusso in precedenza Genesi 2: 4, vale a dire:

Il Colophon di Genesi 5: 1-2 è il seguente:

La descrizione: “Maschio e femmina li ha creati. Dopo di che [Dio] li benedisse e chiamò il loro nome Uomo nel giorno della loro creazione ”.

quando: "Nel giorno in cui Dio creò Adamo, lo creò a somiglianza di Dio ”mostrando che l'uomo era stato reso perfetto a somiglianza di Dio prima di peccare.

Lo scrittore o il proprietario: "Questo è il libro della storia di Adamo". Il proprietario o scrittore di questa sezione era Adam.

 È un riepilogo dei contenuti e dei motivi di questa sezione che esamineremo ora più in dettaglio.

 

Genesi 2: 5-6 - Stato della creazione della vegetazione tra i 3rd Giorno e 6th Giorni

 

“Ora non c'era ancora nessun cespuglio di campo trovato sulla terra e nessuna vegetazione del campo stava ancora germogliando, perché Geova Dio non aveva fatto piovere sulla terra e non c'era uomo che coltivasse la terra. 6 Ma una nebbia saliva dalla terra e innaffiava l'intera superficie del suolo ”.

Come riconciliamo questi versetti con Genesi 1: 11-12 riguardo al 3rd Il Giorno della Creazione che affermava che l'erba sarebbe germogliata, la vegetazione che portava il seme e gli alberi da frutto con i frutti? Sembra probabile che il cespuglio dei campi e la vegetazione del campo qui in Genesi 2: 5-6 si riferiscano alle specie coltivabili come nella stessa frase il racconto dice: "non c'era uomo a coltivare la terra ”. Il termine "campi" implica anche la coltivazione.  Aggiunge anche il punto che una nebbia stava salendo dalla terra che innaffiava la superficie del terreno. Ciò manterrebbe in vita tutta la vegetazione creata, ma perché la vegetazione coltivabile cresca davvero è necessaria la pioggia. Oggi vediamo qualcosa di simile in molti deserti. La rugiada notturna può aiutare a mantenere in vita i semi, ma ha bisogno della pioggia per innescare la rapida crescita di fiori ed erbe, ecc.

Questa è anche un'affermazione particolarmente utile per comprendere la lunghezza dei giorni della Creazione. Se i giorni della Creazione fossero mille o migliaia o più anni, allora ciò significherebbe che la vegetazione è sopravvissuta per quel periodo di tempo senza alcuna pioggia, il che è uno scenario improbabile. Inoltre, il cibo che gli animali venivano dati da mangiare era anche la vegetazione (sebbene non dai campi), e la vegetazione commestibile avrebbe cominciato a esaurirsi se non fosse in grado di crescere e riprodursi rapidamente per mancanza di pioggia e umidità.

Una mancanza di vegetazione commestibile significherebbe anche la fame degli animali che erano stati appena creati in precedenza il sesto giorno. Non dobbiamo inoltre dimenticare che degli uccelli e degli insetti creati il ​​quinto giorno, molti si affidano al nettare e al polline dei fiori e inizierebbero ad avere fame se la vegetazione non crescesse presto o iniziasse ad appassire. Tutti questi requisiti di interconnessione danno peso al fatto che il giorno della creazione doveva durare solo 24 ore.

Un ultimo punto è che anche oggi la vita come la conosciamo è incredibilmente complessa, con molte, molte, interdipendenze. Ne abbiamo menzionati alcuni sopra, ma proprio come gli uccelli e gli insetti (e alcuni animali) dipendono dai fiori, così anche i fiori ei frutti dipendono dagli insetti e dagli uccelli per la loro impollinazione e dispersione. Come hanno scoperto gli scienziati che cercano di replicare una barriera corallina in un grande acquario, manca solo un pesce o un'altra piccola creatura o vegetazione acquatica e possono esserci seri problemi per mantenere la barriera corallina come una barriera vitale per un certo periodo di tempo.

 

Genesi 2: 7-9 - Rivisitazione della creazione dell'uomo

 

“E Geova Dio formava l'uomo dalla polvere del suolo e gli soffiava nelle narici l'alito di vita, e l'uomo divenne un'anima vivente. 8 Inoltre Geova Dio piantò un giardino a Eden, verso est, e vi pose l'uomo che aveva formato. 9 Così Geova Dio fece crescere dal suolo ogni albero desiderabile alla vista e buono da mangiare e anche l'albero della vita in mezzo al giardino e l'albero della conoscenza del bene e del male ”.

In questa prima parte della prossima storia, torniamo alla creazione dell'Uomo e riceviamo dettagli extra. Questi dettagli includono che l'uomo era fatto di polvere e che fu messo in un giardino in Eden, con alberi da frutto desiderabili.

Fatto di polvere

La scienza oggi ha confermato la verità di questa affermazione, che l'uomo è formato "Fuori dalla polvere dal suolo."

[I]

È noto che 11 elementi sono necessari per la vita del corpo umano.

Ossigeno, carbonio, idrogeno, azoto, calcio e fosforo costituiscono il 99% della massa, mentre i seguenti cinque elementi costituiscono circa lo 0.85%, essendo potassio, zolfo, sodio, cloro e magnesio. Vi sono poi almeno 12 oligoelementi che si ritiene siano necessari e che in totale pesano meno di 10 grammi, meno della quantità di magnesio. Alcuni di questi oligoelementi sono silicio, boro, nichel, vanadio, bromo e fluoro. Le grandi quantità di idrogeno e ossigeno si combinano per produrre acqua che è poco più del 50% del corpo umano.

 

La lingua cinese conferma anche che l'uomo è fatto di polvere o terra. Gli antichi caratteri cinesi indicano che il primo uomo è stato fatto dalla polvere o dalla terra e poi ha avuto la vita, proprio come afferma Genesi 2: 7. Per i dettagli esatti, consultare il seguente articolo: Conferma del record della genesi da una fonte inaspettata - Parte 2 (e il resto della serie) [Ii].

Dovremmo anche notare che questo verso usa "formato" piuttosto che "creato". L'uso normale della parola ebraica "Yatsar" è spesso usato in relazione a un vasaio umano che modella un vaso di argilla, portando con sé l'implicazione che Geova ha prestato maggiore attenzione nel creare l'uomo.

Questa è anche la prima menzione di un giardino a E'den. Un giardino è coltivato eo curato e curato. In esso Dio poi mise ogni sorta di alberi di bell'aspetto con frutti desiderabili come cibo.

C'erano anche due alberi speciali:

  1. "L'albero della vita in mezzo al giardino"
  2. "L'albero della conoscenza del bene e del male".

 

Li esamineremo più in dettaglio in Genesi 2: 15-17 e Genesi 3: 15-17, 22-24, tuttavia, la traduzione qui sarebbe letta in modo più accurato se dicesse: "Anche in mezzo al giardino, l'albero della vita e l'albero della conoscenza del bene e del male" (Vedi Genesi 3: 3).

 

Genesi 2: 10-14 - Descrizione geografica dell'Eden

 

“Ora c'era un fiume che usciva da Eden per irrigare il giardino, e di là cominciò a separarsi e divenne, per così dire, quattro corsi d'acqua. 11 Il nome del primo è Piʹshon; è quello che circonda l'intero paese di Avila, dove c'è l'oro. 12 E l'oro di quella terra è buono. Ci sono anche la gomma bdellium e la pietra d'onice. 13 E il nome del secondo fiume è Ghihon; è quello che circonda l'intera terra di Cush. 14 E il nome del terzo fiume è Hidʹdekel; è quello che va ad est dell'Assiria. E il quarto fiume è l'Eufrate ”.

In primo luogo, un fiume uscì dalla regione di Eden e fluì attraverso il giardino in cui furono posti Adamo ed Eva, per innaffiarlo. Poi arriva una descrizione insolita. Dopo aver irrigato il giardino, il fiume si è diviso in quattro ed è diventato le sorgenti di quattro grandi fiumi. Ora dobbiamo ricordare che questo era prima del diluvio dei giorni di Noè, ma sembra che uno fosse chiamato l'Eufrate anche allora.

La vera parola "Eufrate" è una forma greca antica, mentre il fiume è chiamato "Perat" in ebraico, simile all'accadico di "Purattu". Oggi, l'Eufrate sorge negli altopiani armeni vicino al lago Van che scorre quasi a sud-ovest prima di girare a sud e poi a sud-est in Siria proseguendo verso il Golfo Persico.

L'Hiddekel è inteso come il Tigri che ora inizia appena a sud di uno dei due bracci dell'Eufrate e prosegue a sud-est fino al Golfo Persico andando ad est dell'Assiria (e Mesopotamia - Terra tra due fiumi).

Gli altri due fiumi sono difficili da identificare oggi, il che non sorprende dopo il diluvio dei giorni di Noè e ogni successivo innalzamento della massa continentale.

Forse la migliore corrispondenza più vicina oggi per il Gi'hon è il fiume Aras, che sorge tra la costa sud-orientale del Mar Nero e il lago Van, nel nord-est della Turchia prima di sfociare principalmente verso est nel Mar Caspio. L'Ara era conosciuto durante l'invasione islamica del Caucaso nell'VIII secolo come Gaihun e dai Persiani durante il 19th secolo come il Jichon-Aras.

David Rohl, un egittologo, ha identificato Pishon con l'Uizhun, ponendo Havilah a nord-est della Mesopotamia. L'Uizhun è conosciuto localmente come il fiume d'oro. Sorgendo vicino allo stratovulcano Sahand, si snoda tra antiche miniere d'oro e logge di lapislazzuli prima di alimentare il Mar Caspio. Tali risorse naturali corrispondono a quelle associate alla terra di Avila in questo passaggio della Genesi.[Iii]

Probabile posizione dell'Eden

Sulla base di queste descrizioni, sembra che possiamo localizzare provvisoriamente l'ex Giardino dell'Eden nell'area della valle a est del moderno Lago Urmia delimitata dalle strade 14 e 16. La Terra di Havilah a sud-est di questo estratto di mappa, seguendo la strada 32. La Terra di Nod era probabilmente a est di Bakhshayesh (a est di Tabriz), e la Terra di Cush fuori mappa a nord-nord-est di Tabriz. Tabriz si trova nella provincia iraniana dell'Azerbaigian orientale. La cresta della montagna a nord-est di Tabriz è conosciuta oggi come Kusheh Dagh, la montagna di Kush.

 

Dati mappa © 2019 Google

 

Genesi 2: 15-17 - Adamo si stabilì nel giardino, primo comando

 

“E Geova Dio prendeva l'uomo e lo poneva nel giardino di Eden per coltivarlo e prendersene cura. 16 E Geova Dio impose all'uomo anche questo comando: “Di ogni albero del giardino puoi mangiare a sazietà. 17 Ma in quanto all'albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiarne, perché nel giorno in cui ne mangerai positivamente morirai ".

Il compito originario dell'uomo era coltivare il giardino e prendersene cura. Gli fu anche detto che poteva mangiare da ogni albero del Giardino, che includeva l'albero della vita, con l'unica esclusione che era l'albero della conoscenza del bene e del male.

Possiamo anche dedurre che ormai Adamo doveva avere familiarità con la morte di animali e uccelli, ecc. Altrimenti l'avvertimento che disobbedire e mangiare dell'albero della conoscenza del bene e del male avrebbe significato la sua morte, sarebbe stato un avvertimento che non aveva senso.

Adamo sarebbe morto entro 24 ore dopo aver mangiato dell'albero della conoscenza del bene e del male? No, perché la parola per "giorno" è qualificata piuttosto che stare da sola come in Genesi 1. Si legge il testo ebraico "Beyowm" che è una frase, "nel corso della giornata", che significa un periodo di tempo. Il testo non dice "il giorno" o "quello stesso giorno", il che renderebbe chiaramente il giorno un giorno specifico di 24 ore.

 

Genesi 2: 18-25 - Creazione di Eva

 

"18 E Geova Dio continuò dicendo: “Non è bene che l'uomo continui da solo. Ho intenzione di aiutarlo, come complemento di lui. ” 19 Ora Geova Dio stava formando dal suolo ogni bestia selvaggia del campo e ogni creatura volante dei cieli, e cominciò a condurli all'uomo per vedere come li avrebbe chiamati ciascuno; e qualunque cosa l'uomo l'avrebbe chiamata, ogni anima vivente, quello era il suo nome. 20 Così l'uomo chiamava i nomi di tutti gli animali domestici e delle creature volanti dei cieli e di ogni bestia selvaggia dei campi, ma per l'uomo non fu trovato alcun aiuto come suo complemento. 21 Quindi Geova Dio fece cadere un sonno profondo sull'uomo e, mentre dormiva, prese una delle sue costole e poi richiuse la carne al suo posto. 22 E Geova Dio costruiva la costola che aveva preso dall'uomo in una donna e la portava all'uomo.

23 Quindi l'uomo ha detto: “Questa è finalmente l'osso delle mie ossa E carne della mia carne. Questa si chiamerà Donna, Perché dall'uomo questo è stato preso. "

24 Ecco perché un uomo lascerà suo padre e sua madre e dovrà restare fedele a sua moglie e loro dovranno diventare una sola carne. 25 Ed entrambi continuarono a essere nudi, l'uomo e sua moglie, e tuttavia non si vergognarono ". 

Un complemento

Il testo ebraico parla di "un aiutante" e "un opposto" o "controparte" o "complemento". Una donna non è quindi inferiore, né schiava, né proprietà. Un complemento o una controparte è qualcosa che completa il tutto. Un complemento o controparte di solito è diverso, dando cose non nell'altra parte in modo che quando unite insieme l'intera unità è superiore alle due metà individuali.

Se uno dovesse strappare a metà una banconota, ciascuna metà è una controparte dell'altra. Senza ricongiungerle entrambe, le due metà non valgono la metà dell'originale, infatti il ​​loro valore cala drasticamente da sole. In effetti il ​​versetto 24 lo conferma quando si parla di matrimonio dice: "Ecco perché un uomo lascerà suo padre e sua madre e dovrà restare fedele a sua moglie e loro dovranno diventare una sola carne ”. Qui "corpo" è intercambiabile con "carne". Ovviamente questo non avviene fisicamente, ma devono diventare un'unica unità, uniti negli obiettivi se vogliono avere successo. L'apostolo Paolo fece un punto quasi identico quando in seguito parlò della congregazione cristiana che doveva essere unita in 1 Corinzi 12: 12-31, dove disse che il corpo era composto da molte membra e che tutte avevano bisogno l'una dell'altra.

 

Quando sono stati creati gli animali e gli uccelli?

La Bibbia ebraica interlineare (su Biblehub) inizia con Genesi 2:19 "E formò il Signore Dio dal suolo ...". Questo è un po 'tecnico, ma basato sulla mia comprensione del tempo imperfetto consecutivo' waw ', relativo al verbo ebraico "way'yiser" dovrebbe essere tradotto "e si era formato" piuttosto che "e formato" o "si stava formando". La congiuntiva 'waw' è relativa alla creazione dell'uomo appena accennata al portare gli animali e gli uccelli creati in precedenza sullo stesso 6th giorno creativo, all'uomo da nominare. Quindi questo versetto leggerebbe più accuratamente: "Ora Geova Dio si era formato [passato recente, all'inizio di quel giorno] da terra ogni bestia selvaggia del campo e ogni creatura volante dei cieli, e cominciò a portarli all'uomo per vedere come avrebbe chiamato ciascuno; " Ciò ora significherebbe che questo verso sarebbe d'accordo con Genesi 1: 24-31 che indica che gli animali e gli uccelli furono creati per primi il 6th giorno, seguito dal culmine della sua creazione, uomo (e donna). Altrimenti, Genesi 2:19 sarebbe in contraddizione con Genesi 1: 24-31.

La versione standard inglese si legge in modo simile "Ora il Signore Dio aveva formato dal suolo ogni bestia del campo e ogni uccello del cielo e li aveva portati dall'uomo per vedere come li avrebbe chiamati". Diverse altre traduzioni trattano questo come due eventi collegati separati che dicono come la Bibbia per lo studio bereana "E dal suolo il Signore Dio formò ogni bestia del campo e ogni uccello del cielo, e li portò all'uomo per vedere come li avrebbe chiamati" ripetendo così l'origine degli animali e degli uccelli che sono stati portati all'uomo per essere nominato.

 

L'arrivo di Eva

La denominazione degli animali e degli uccelli rese ancora più ovvio ad Adamo che non aveva aiutanti o complementi, a differenza degli animali e degli uccelli che avevano tutti aiutanti o complementi. Pertanto, Dio ha completato la sua creazione dando ad Adamo un partner e un complemento.

La prima fase di questo è stata da "Geova Dio fece cadere un profondo sonno sull'uomo e, mentre dormiva, prese una delle sue costole e poi richiuse la carne al suo posto".

Il termine "sonno profondo" è "Tardemah"[Iv] in ebraico e dove è usato altrove nella Bibbia di solito sta descrivendo un sonno molto profondo che colpisce una persona di solito da un agente soprannaturale. In termini moderni, sarebbe simile a essere sottoposti ad anestesia totale per un'operazione per rimuovere la costola e chiudere e sigillare l'incisione.

La costola serviva poi come base attorno alla quale creare la donna. “E Geova Dio costruiva la costola che aveva preso dall'uomo in una donna e la portava all'uomo”.

Adamo ora era soddisfatto, si sentiva completo, aveva un complemento proprio come tutte le altre creature viventi che aveva nominato. La chiamò anche donna, "Ish-shah" in ebraico, per da uomo "Ish", è stata presa.

"Ed entrambi continuarono a essere nudi, l'uomo e sua moglie, e tuttavia non si vergognarono".

A quel tempo, non avevano mangiato dall'albero della conoscenza del bene e del male, quindi non si vergognavano di essere nudi.

 

Genesi 3: 1-5 - La tentazione di Eva

 

“Ora il serpente si dimostrò il più cauto di tutte le bestie selvagge del campo che Geova Dio aveva creato. Così cominciò a dire alla donna: "È davvero così che Dio ha detto che non dovete mangiare da ogni albero del giardino?" 2 A questo la donna disse al serpente: “Del frutto degli alberi del giardino possiamo mangiare. 3 Ma in quanto a [mangiare] del frutto dell'albero che è in mezzo al giardino, Dio ha detto: 'Non ne dovete mangiare, no, non lo dovete toccare per non morire' ”. 4 A questo il serpente disse alla donna: “Positivamente non morirete. 5 Poiché Dio sa che nel giorno stesso in cui ne mangerete i vostri occhi saranno aperti e voi sarete come Dio, CONOSCENDO il bene e il male ".

Genesi 2: 9 affermava che l'albero della vita era nel mezzo del giardino, qui l'indicazione è che l'albero della conoscenza era anche nel mezzo del giardino.

Rivelazione 12: 8 identifica Satana il Diavolo come la voce dietro il serpente. Dice, "Così fu scagliato il grande drago, il serpente originale, quello chiamato Diavolo e Satana, che sta sviando l'intera terra abitata";.

Satana il Diavolo, che probabilmente usava il ventriloquio per far sembrare che il serpente parlasse, era furbo nel modo in cui affrontò l'argomento. Non disse a Eva di andare a mangiare dell'albero. Se l'avesse fatto, probabilmente l'avrebbe rifiutato a priori. Invece, ha creato il dubbio. Ha chiesto in effetti: "Hai sentito bene che non dovresti mangiare da ogni albero"? Tuttavia, Eva conosceva il comando perché lo ripeté al serpente. Ha detto in effetti: "Possiamo mangiare da ogni albero da frutto che ci piace tranne un albero in mezzo al giardino dove Dio ha detto di non mangiarne né toccarlo, altrimenti morirete".

Fu a questo punto che Satana poi contraddisse ciò che Eva aveva ripetuto. Disse il serpente: “VOI positivamente non morirete. 5 Poiché Dio sa che nel giorno stesso in cui ne mangerete i vostri occhi saranno aperti e voi sarete come Dio, CONOSCENDO il bene e il male ". In tal modo il Diavolo stava sottintendendo che Dio stava trattenendo qualcosa di valore da Adamo ed Eva e che mangiare il frutto divenne più allettante per Eva.

 

Genesi 3: 6-7 - Cadere in tentazione

 Di conseguenza, la donna vide che l'albero era buono per il cibo e che era qualcosa da desiderare agli occhi, sì, l'albero era desiderabile da guardare. Così, iniziò a prendere il suo frutto e a mangiarlo. In seguito ne diede un po 'anche al marito quando era con lei e lui cominciò a mangiarlo. 7 Poi gli occhi di entrambi si aprirono e iniziarono a rendersi conto di essere nudi. Quindi, hanno cucito insieme le foglie di fico e hanno fatto le coperture del lombo per se stessi "

 

Sotto ispirazione, l'apostolo Giovanni scrisse in 1 Giovanni 2: 15-17 “Non amare né il mondo né le cose del mondo. Se uno ama il mondo, l'amore del Padre non è in lui; 16 perché tutto nel mondo - il desiderio della carne e il desiderio degli occhi e la vistosa esibizione dei propri mezzi di vita - non ha origine dal Padre, ma ha origine dal mondo. 17 Inoltre il mondo sta passando e anche il suo desiderio, ma chi fa la volontà di Dio rimane per sempre ”.

Nel mangiare dall'albero della conoscenza del bene e del male, Eva cedette al desiderio della carne (il gusto del buon cibo) e al desiderio degli occhi (l'albero era desiderabile da guardare). Voleva anche un mezzo di vita che non era suo di diritto prendere. Voleva essere come Dio. Pertanto, a tempo debito, morì, proprio come farà questo mondo malvagio al tempo stabilito da Dio. Non è riuscita a farlo "Il volere di dio" e rimarrai per sempre. Sì, "cominciò a prenderne il frutto e a mangiarlo ”. Eva cadde dalla perfezione all'imperfezione in quel momento. Non è avvenuto perché è stata creata imperfetta, ma perché non è riuscita a respingere quel desiderio e pensiero sbagliato e come ci dice Giacomo 1: 14-15 "Ma ognuno è messo alla prova essendo attirato e adescato dal proprio desiderio. 15 Allora il desiderio, quando è diventato fertile, partorisce il peccato; a sua volta, il peccato, quando è stato compiuto, produce la morte ”. Questa è una lezione importante che possiamo imparare, poiché possiamo vedere o sentire qualcosa che ci tenta. Questo di per sé non è il problema, il problema è quando non respingiamo la tentazione e quindi rifiutiamo di prendere parte a quella trasgressione.

La situazione è stata ulteriormente aggravata perché “Poi diede del [frutto] anche a suo marito quando era con lei e lui cominciò a mangiarlo”. Sì, Adamo si unì volontariamente a lei peccando contro Dio e disobbedendo al suo unico comando. Fu allora che iniziarono a rendersi conto di essere nudi e quindi si fecero dei rivestimenti per i lombi con le foglie di fico.

 

Genesis 3: 8-13 - Discovery and the Blame game

 

"8 In seguito udirono la voce di Geova Dio che camminava nel giardino nella parte ventilata della giornata, e l'uomo e sua moglie si nascosero dalla faccia di Geova Dio tra gli alberi del giardino. 9 E Geova Dio continuava a chiamare l'uomo e a dirgli: "Dove sei?" 10 Alla fine disse: "La tua voce l'ho sentita in giardino, ma ho avuto paura perché ero nudo e così mi sono nascosto". 11 A quel punto disse: “Chi ti ha detto che eri nudo? Hai mangiato dall'albero dal quale ti avevo comandato di non mangiare? " 12 E l'uomo ha continuato dicendo: "La donna che hai dato per essere con me, mi ha dato [frutto] dall'albero e così ho mangiato". 13 Detto questo Geova Dio disse alla donna: "Che cosa hai fatto?" A questo la donna rispose: "Il serpente, mi ha ingannato e così ho mangiato".

Più tardi quel giorno Adamo ed Eva udirono la voce di Geova Dio nel giardino nella parte ventilata della giornata. Ora entrambi avevano la coscienza sporca, così andarono a nascondersi tra gli alberi del giardino, ma Geova continuò a chiamarli, chiedendo "Dove sei?". Alla fine, Adam ha parlato. Dio chiese immediatamente se avessero mangiato dall'albero da cui aveva comandato loro di non mangiare.

È qui che le cose potrebbero essere andate diversamente, ma non lo sapremo mai.

Invece di confessare che, sì, Adamo aveva disobbedito al comando di Dio ma si è pentito di averlo fatto e ha chiesto perdono, invece, ha incolpato Dio con la sua risposta “La donna che hai dato perché fosse con me, mi ha dato [il frutto] dell'albero e così ho mangiato”. Inoltre, ha aggravato il suo errore poiché ha mostrato chiaramente di aver saputo da dove Eva aveva ottenuto il frutto. Non spiegò di aver mangiato ciò che Eva gli aveva dato senza sapere da dove provenisse e poi si rese conto o gli fu detto da Eva dell'origine del frutto.

Naturalmente, Geova Dio chiese poi una spiegazione a Eva, che a sua volta incolpò il serpente, dicendo che l'aveva ingannata e così lei mangiò. Come abbiamo letto in Genesi 3: 2-3,6, Eva sapeva che ciò che aveva fatto era sbagliato perché aveva detto al serpente del comando di Dio di non mangiare dall'albero e delle conseguenze se l'avessero fatto.

Per questa disubbidienza al ragionevole comando di Dio di non mangiare da un albero tra tutti gli alberi del Giardino ci sarebbero molte conseguenze.

 

Queste conseguenze saranno discusse nella parte successiva (6) della nostra serie che esamina il resto della Storia di Adamo.

 

 

[I] Di OpenStax College - Questa è una versione troncata di File: 201 Elements of the Human Body-01.jpg, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=46182835

[Ii] https://beroeans.net/2020/03/17/16806/

[Iii] Per un diagramma schematico, vedere p55 "Legend, The Genesis of Civilization ”di David Rohl.

[Iv] https://biblehub.com/hebrew/8639.htm

Tadua

Articoli di Tadua.
    3
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x