Eric Wilson: Benvenuto. Ci sono molti che dopo aver lasciato l'organizzazione dei testimoni di Geova perdono ogni fede in Dio e dubitano che la Bibbia contenga la sua parola per guidarci alla vita. Questo è molto triste perché il fatto che gli uomini ci abbiano sviato non dovrebbe farci perdere la fiducia nel nostro padre celeste. Tuttavia, accade troppo spesso, quindi oggi ho chiesto a James Penton, un esperto di storia religiosa, di discutere l'origine della Bibbia così come la abbiamo oggi, e perché possiamo fidarci che il suo messaggio è altrettanto vero e fedele oggi com'era quando originariamente scritto.

Quindi, senza ulteriori indugi, presenterò il Prof. Penton.

James Penton: Oggi parlerò dei problemi di comprensione di cosa sia realmente la Bibbia. Per generazioni nel vasto mondo protestante, la Bibbia è stata tenuta nella massima considerazione perché la maggior parte dei cristiani credenti. Oltre a questo, molti sono arrivati ​​a capire che i 66 libri della Bibbia protestante sono la parola di Dio e la nostra inerrante, e spesso usano il secondo Timoteo 3:16, 17 in cui leggiamo: "Tutta la Scrittura è ispirata da Dio ed è utile per la dottrina, per la riprensione, per la correzione e per l'istruzione nella giustizia, affinché l'uomo di Dio possa essere perfetto, completamente fornito a tutte le opere buone ".

Ma questo non significa che la Bibbia sia inerrante. Ora, la Bibbia non è stata sempre considerata come l'unica base di autorità in base alla quale i cristiani dovevano vivere. In effetti, ricordo che da ragazzo nel Canada occidentale vedevo post cattolici romani, affermazioni secondo cui "la chiesa ci diede la Bibbia; la Bibbia non ci ha dato la chiesa. '

Così era l'autorità di tradurre e determinare il significato dei testi all'interno della Bibbia che era stata lasciata interamente alla chiesa di Roma e ai suoi pontefici. Curiosamente, tuttavia, questa posizione non fu presa come dogma fino a dopo lo scoppio della Riforma protestante al Concilio cattolico di Trento. Pertanto, le traduzioni protestanti furono messe fuori legge nei paesi cattolici.

Martin Lutero fu il primo ad accettare tutto il materiale nei 24 libri delle Scritture Ebraiche, sebbene li disponga in modo diverso rispetto agli ebrei e perché non considerava i 12 profeti minori come un unico libro. Così, sulla base della "sola scriptura", cioè la "dottrina delle sole Scritture", il protestantesimo iniziò a mettere in discussione molte dottrine cattoliche. Ma Lutero stesso aveva difficoltà con alcuni libri del Nuovo Testamento, specialmente il libro di Giacomo, perché non si adattava alla sua dottrina della salvezza per sola fede, e per un certo periodo il libro dell'Apocalisse. Tuttavia, la traduzione di Lutero della Bibbia in tedesco ha stabilito la base per la traduzione delle Scritture anche in altre lingue.

Ad esempio, Tindall fu influenzato da Lutero e iniziò la traduzione in inglese delle Scritture e pose le basi per successive traduzioni in inglese, inclusa la King James o la versione autorizzata. Ma prendiamoci del tempo per trattare alcuni aspetti della storia della Bibbia prima della Riforma che non sono generalmente noti.

Primo, non sappiamo esattamente perché o da chi la Bibbia ebraica fosse stata precedentemente canonizzata o quali libri dovevano essere determinati ad essere inclusi al suo interno. Sebbene abbiamo informazioni abbastanza buone che fosse durante il primo secolo dell'era cristiana, si deve tuttavia riconoscere che molto lavoro nell'organizzazione era stato fatto poco dopo il ritorno degli ebrei dalla prigionia babilonese, avvenuto nel 539 a.C. o subito dopo. Gran parte del lavoro di usare certi libri nella Bibbia ebraica è attribuito al sacerdote e scriba Esdra che enfatizzò l'uso della Torah o dei primi cinque libri sia della Bibbia ebraica che di quella cristiana.

A questo punto dovremmo riconoscere che a partire dal 280 aC circa, la numerosa popolazione ebraica espatriata che vive ad Alessandria d'Egitto iniziò a tradurre le Scritture ebraiche in greco. Dopotutto, molti di quegli ebrei non potevano più parlare ebraico o aramaico, entrambi parlati in quello che è oggi Israele. Il lavoro che hanno prodotto è stato chiamato la versione dei Settanta, che è diventata anche la versione più citata delle Scritture nel Nuovo Testamento cristiano, accanto ai libri che sarebbero stati canonizzati nella Bibbia ebraica e in seguito nella Bibbia protestante . I traduttori della Settanta aggiunsero circa sette libri che spesso non compaiono nelle Bibbie protestanti, ma sono considerati libri deuterocanonici e sono quindi presenti nelle Bibbie cattolica e ortodossa orientale. In effetti, gli ecclesiastici e gli studiosi ortodossi spesso consideravano la Bibbia dei Settanta superiore al testo ebraico masoretico.

Nella seconda metà del primo millennio d.C., gruppi di scribi ebrei noti come i Masoreti crearono un sistema di segni per garantire la corretta pronuncia e recitazione del testo biblico. Hanno anche tentato di standardizzare la divisione dei paragrafi e di mantenere la corretta riproduzione del testo da parte dei futuri scribi compilando elenchi delle principali caratteristiche ortografiche e linguistiche della Bibbia. Due scuole principali, o famiglie dei masoreti, Ben Naphtoli e Ben Asher, hanno creato testi masoretici leggermente diversi. La versione di Ben Asher ha prevalso e costituisce la base dei testi biblici moderni. La fonte più antica della Bibbia del testo masoretico è il Codice di Aleppo Keter Aram Tzova dal 925 dC circa Sebbene sia il testo più vicino alla scuola dei Masoreti Ben Asher, è sopravvissuto in una forma incompleta, poiché manca quasi tutta la Torah. La più antica fonte completa per il testo masoretico è il Codex Leningrado (B-19-A) Codex L del 1009 d.C.

Sebbene il testo masoretico della Bibbia sia un'opera straordinariamente accurata, non è perfetto. Ad esempio, in un numero molto limitato di casi, ci sono traduzioni prive di significato e ci sono casi in cui le precedenti fonti bibliche del Mar Morto (scoperte dopo la seconda guerra mondiale) concordano più con la Settanta che con il testo masoretico della Bibbia ebraica. Inoltre, ci sono differenze più significative tra il testo masoretico della Bibbia e sia la Bibbia dei Settanta che la Torah samaritana che differiscono nella durata delle figure pre-diluvio dei giorni di Noè fornite nel libro della Genesi. Quindi, chi può dire quale di queste fonti è la prima e quindi quella giusta.

Alcune cose devono essere prese in considerazione riguardo alle Bibbie moderne, in particolare riguardo alle Scritture Greche Cristiane o al Nuovo Testamento. In primo luogo, la chiesa cristiana ha impiegato molto tempo per determinare quali libri dovrebbero essere canonizzati o determinati come opere appropriate che riflettessero la natura del cristianesimo e anche ispirati. Si noti che molti libri del Nuovo Testamento hanno avuto difficoltà a essere riconosciuti nelle parti di lingua greca orientale dell'Impero Romano, ma dopo che il cristianesimo è stato legalizzato sotto Costantino, il Nuovo Testamento è stato canonizzato come esiste oggi nell'Impero Romano d'Occidente . Era il 382, ​​ma il riconoscimento della canonizzazione dello stesso elenco di libri non ebbe luogo nell'Impero Romano d'Oriente fino a dopo il 600 d.C. Tuttavia, si dovrebbe riconoscere che in generale, i 27 libri che furono infine accettati come canonici, avevano è stato a lungo accettato come riflesso della storia e degli insegnamenti della chiesa paleocristiana. Ad esempio, Origene (di Alessandria 184-253 d.C.) sembra aver utilizzato tutti i 27 libri come Scritture che in seguito furono ufficialmente canonizzate molto prima che il cristianesimo fosse legalizzato.

Nell'Impero d'Oriente, l'Impero Romano d'Oriente, il greco rimase la lingua di base per Bibbie cristiane e cristiani, ma nella parte occidentale dell'impero che cadde gradualmente nelle mani di invasori germanici, come i Goti, Franchi Angeli e Sassoni, l'uso del greco è praticamente scomparso. Ma il latino rimase, e la Bibbia principale della chiesa occidentale era la Vulgata latina di Girolamo e la chiesa di Roma si oppose alla traduzione di quell'opera in una qualsiasi delle lingue vernacolari che si stavano sviluppando nel corso dei lunghi secoli che sono chiamate Medioevo. La ragione di ciò è che la chiesa di Roma riteneva che la Bibbia potesse essere usata contro gli insegnamenti della chiesa, se fosse caduta nelle mani di membri di laici e di membri di molte nazioni. E mentre ci furono ribellioni contro la chiesa dall'XI secolo in poi, la maggior parte di esse potrebbe essere spazzata via con il supporto delle autorità secolari.

Tuttavia, in Inghilterra nacque un'importante traduzione della Bibbia. Quella era la traduzione di Wycliffe (le traduzioni della Bibbia di John Wycliffe furono fatte in inglese medio intorno al 1382-1395) del Nuovo Testamento che fu tradotto dal latino. Ma fu bandito nel 1401 e coloro che lo usarono furono cacciati e uccisi. Fu quindi solo come risultato del Rinascimento che la Bibbia iniziò a diventare importante in gran parte del mondo dell'Europa occidentale, ma va notato che alcuni avvenimenti dovevano avvenire molto prima che erano importanti per la traduzione e la pubblicazione biblica.

Per quanto riguarda la lingua greca scritta, intorno all'anno 850 dC nacque un nuovo tipo di lettere greche, chiamato “minuscolo greco. Prima, i libri greci erano scritti con unicals, qualcosa come lettere maiuscole decorate, e non hanno br tra le parole e nessuna punteggiatura; ma con l'introduzione delle minuscole lettere, le parole iniziarono a essere separate e si cominciò a introdurre la punteggiatura. È interessante notare che più o meno la stessa cosa ha iniziato a verificarsi in Europa occidentale con l'introduzione di ciò che è stato chiamato "minuscolo carolingio". Quindi anche oggi i traduttori della Bibbia che vogliono controllare gli antichi manoscritti greci devono affrontare il problema di come punteggiarli, ma passiamo al Rinascimento, perché fu a quel tempo che avvennero molte cose.

Prima di tutto, c'è stato un grande risveglio all'importanza della storia antica, che includeva lo studio del latino classico e un rinnovato interesse per il greco e l'ebraico. Così, due importanti studiosi vennero alla ribalta tra la fine del XV e l'inizio del XVI secolo. Questi erano Desiderius Erasmus e Johann Reuchlin. Entrambi erano studiosi greci e Reuchlin era anche uno studioso ebraico; dei due, Erasmo era più importante, poiché fu lui a produrre una serie di revisioni del Nuovo Testamento greco, che potevano servire come base per nuove traduzioni.

Queste revisioni erano revisioni del testo basate su attente analisi dei documenti biblici cristiani greci originali che servivano come base per molte delle traduzioni del Nuovo Testamento in varie lingue, specialmente tedesco, inglese, francese e spagnolo. Non sorprende che la maggior parte delle traduzioni fossero di protestanti. Ma col passare del tempo, alcuni erano anche cattolici. Fortunatamente, tutto questo avvenne subito dopo lo sviluppo della macchina da stampa e quindi divenne facile stampare molte diverse traduzioni della Bibbia e distribuirle ampiamente.

Prima di andare avanti, devo notare qualcos'altro; fu questo che all'inizio del XIII secolo l'arcivescovo Stephen Langton, famoso per la Magna Carta, introdusse la pratica di aggiungere capitoli praticamente a tutti i libri biblici. Poi, quando ebbero luogo le traduzioni in inglese della Bibbia, le prime traduzioni in inglese della Bibbia erano basate su quelle dei martiri Tyndale e Myles Coverdale. Dopo la morte di Tyndale, Coverdale ha continuato la traduzione delle Scritture che è stata chiamata la Bibbia di Matteo. Nel 13 fu la prima Bibbia inglese ad essere pubblicata legalmente. A quel tempo, Enrico VIII aveva rimosso l'Inghilterra dalla Chiesa cattolica. Successivamente fu stampata una copia della Bibbia dei vescovi e poi venne la Bibbia di Ginevra.

Secondo una dichiarazione su Internet, abbiamo quanto segue: La traduzione più popolare (cioè la traduzione in inglese) era la Bibbia di Ginevra del 1556, pubblicata per la prima volta in Inghilterra nel 1576 che era stata fatta a Ginevra dai protestanti inglesi che vivevano in esilio durante il Bloody Mary persecuzione. Mai autorizzato dalla Corona, era particolarmente popolare tra i puritani, ma non tra molti ecclesiastici più conservatori. Tuttavia, nel 1611, la Bibbia di Re Giacomo fu stampata e pubblicata anche se ci volle del tempo per diventare popolare o più popolare della Bibbia di Ginevra. Tuttavia, era una traduzione migliore per il suo bel inglese, la sua laconicità, ma oggi è obsoleta perché l'inglese è cambiato molto dal 1611. Si basava sulle poche fonti greche ed ebraiche che erano allora disponibili; ne abbiamo molti di più oggi e perché alcune delle molte parole inglesi utilizzate sono sconosciute alle persone nel 21 ° secolo.

Ok, seguirò questa presentazione con la discussione futura sulle traduzioni moderne e sui loro problemi, ma in questo momento voglio invitare il mio collega Eric Wilson a discutere alcune delle cose che ho presentato in questa breve panoramica della storia della Bibbia .

Eric Wilson: Va bene Jim, hai menzionato lettere minuscole. Cos'è un minuscolo greco?

James Penton: Beh, il termine minuscolo in realtà significa lettere minuscole, o minuscole, piuttosto che maiuscole grandi. E questo è vero per il greco; è anche vero per il nostro sistema di scrittura o stampa.

Eric Wilson: Hai anche menzionato le recensioni. Cosa sono le recensioni?

James Penton: Bene, una recensione, questo è un termine che veramente le persone dovrebbero imparare se sono interessate alla storia della Bibbia. Sappiamo che non abbiamo nessuno dei manoscritti o scritti originali che sono entrati nella Bibbia. Abbiamo copie di copie e l'idea era di tornare alle prime copie che abbiamo e forse, in una varietà di forme che ci sono pervenute, e ci sono scuole di scrittura. In altre parole, scritti minuscoli o non scritti minuscoli, ma piuttosto scritti onciali che compaiono all'inizio dell'epoca romana, e questo ha reso difficile sapere esattamente quali fossero gli scritti al tempo degli apostoli, diciamo, e così Erasmo da Rotterdam decise di farlo fare una recensione. E adesso che cos'era? Raccolse tutti i manoscritti conosciuti dei tempi antichi scritti in greco e li esaminò, li studiò attentamente e determinò quale fosse la migliore prova per un particolare testo o Scrittura. E ha riconosciuto che c'erano alcune scritture che erano scese nella versione latina, la versione che era stata usata per centinaia di anni nelle società occidentali, e ha scoperto che c'erano casi che non erano nei manoscritti originali. Così ha studiato questi e ha creato una recensione; questo è un lavoro che si basava sulle migliori prove che aveva in quel particolare momento, e fu in grado di eliminare o mostrare che certi testi in latino non erano corretti. Ed è stato uno sviluppo che ha aiutato a purificare le opere bibliche, in modo da ottenere qualcosa di più vicino all'originale attraverso le recensioni.

Ora, dai tempi di Erasmo all'inizio del XVI secolo, molti, molti più manoscritti e papiri (papiri, se vuoi) sono stati scoperti e ora sappiamo che la sua recensione non era aggiornata e gli studiosi hanno lavorato da allora davvero, per purificare i resoconti scritturali, come Westcott e Hort nel XIX secolo e le revisioni più recenti da quel momento. E quindi quello che abbiamo è un'immagine di come erano i libri biblici originali, e quelli appaiono generalmente nelle ultime versioni della Bibbia. Quindi, in un certo senso, a causa delle recensioni la Bibbia è stata purificata ed è migliore di quanto non fosse ai tempi di Erasmo e sicuramente meglio di quanto non fosse nel Medioevo.

Eric Wilson: Va bene Jim, ora puoi darci un esempio di recensione? Forse uno che induce le persone a credere nella Trinità, ma da allora si è dimostrato falso.

James Penton: Sì, ce ne sono un paio non solo rispetto alla Trinità. Forse uno dei migliori, a parte questo, è il racconto della donna sorpresa in adulterio e che fu portata avanti da Gesù per giudicarla e lui si rifiutò di farlo. Quel racconto è o falso o viene talvolta chiamato "un racconto vagante o in movimento", che appare in diverse parti del Nuovo Testamento e, in particolare, dei Vangeli; Quello è uno; e poi c'è quello che viene chiamato il "Virgola trinitaria, "E cioè, ci sono tre che rendono testimonianza in cielo, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo o Spirito Santo. E questo si è dimostrato falso o inesatto, non nella Bibbia originale.

Erasmo lo sapeva e nelle prime due recensioni che ha prodotto, non è apparso e stava affrontando un grande turbamento da parte dei teologi cattolici e non volevano che fosse tolto dalle Scritture; lo volevano lì, che fosse o no. E, infine, si è rotto e ha detto bene se riesci a trovare un manoscritto che mostra che questo era presente, e hanno trovato un manoscritto tardo e lo ha inserito, nella terza edizione della sua recensione, e ovviamente era sotto pressione . Lo sapeva meglio, ma a quel tempo chiunque avesse preso posizione contro la gerarchia cattolica o, del resto, molti protestanti, poteva finire per essere bruciato sul rogo. Ed Erasmo era un uomo troppo intelligente per riconoscerlo e naturalmente c'erano molti che accorsero in sua difesa. Era un individuo molto pieno di tatto che spesso si spostava da un posto all'altro, ed era molto interessato a purificare la Bibbia, e dobbiamo molto a Erasmo e ora è stato davvero riconosciuto quanto fosse importante la sua posizione.

Eric Wilson: La grande domanda, senti che le differenze tra il testo masoretico e la Settanta, per non parlare di altri antichi manoscritti, invalidano la Bibbia come parola di Dio? Bene, lasciami dire questo per iniziare. Non mi piace l'espressione usata nelle chiese e dalla gente comune per dire che la Bibbia è la parola di Dio. Perché mi oppongo a questo? Perché le Scritture non si chiamano mai "parola di Dio". Credo che la parola di Dio appaia nelle Scritture, ma va ricordato che gran parte delle Scritture non ha nulla a che fare direttamente con Dio, ed è un resoconto storico di ciò che accadde ai re di Israele, e così via, e anche noi avere il diavolo che parla e anche molti falsi profeti che parlano nella Bibbia, e chiamare la Bibbia nel suo insieme "Parola di Dio" è, credo, sbagliato; e ci sono alcuni studiosi eccezionali che sono d'accordo con questo. Ma quello con cui sono d'accordo è che queste sono le Sacre Scritture, gli scritti sacri che ci danno un'immagine dell'umanità nel tempo, e penso che sia molto, molto importante.

Ora, il fatto che ci siano cose nella Bibbia che sembrano contraddire l'altra, distrugge la nostra comprensione di questa serie di libri? Non credo proprio. Dobbiamo esaminare il contesto di ogni citazione della Bibbia e vedere se contraddice così seriamente, o se si contraddicono così seriamente, da farci perdere la fede nella Bibbia. Non credo che sia così. Penso che dobbiamo guardare al contesto e determinare sempre cosa dice il contesto in un dato momento. E spesso ci sono risposte abbastanza facili al problema. In secondo luogo, credo che la Bibbia mostri un cambiamento nel corso dei secoli. Cosa intendo con questo? Ebbene, esiste una scuola di pensiero che viene chiamata "storia della salvezza". In tedesco, si chiama heilsgeschichte e quel termine è spesso usato dagli studiosi anche in inglese. E ciò che significa è che la Bibbia è un resoconto aperto della volontà di Dio.

Dio ha trovato le persone come erano in una determinata società. Ad esempio, gli israeliti furono chiamati ad entrare nella terra promessa di Canaan e distruggere le persone che vivevano lì. Ora, se veniamo al cristianesimo, primo cristianesimo, i cristiani non credevano nel prendere la spada o combattere militarmente per diversi secoli. Fu solo dopo che il cristianesimo fu veramente legalizzato dall'Impero Romano che iniziarono a partecipare agli sforzi militari e divennero duri come chiunque altro. Prima di allora, erano pacifisti. I primi cristiani agirono in un modo molto diverso da quello che avevano agito Davide e Giosuè, e altri, combattendo con le comunità pagane intorno e nella stessa Canaan. Quindi, Dio lo ha permesso e spesso dobbiamo fare un passo indietro e dire: "beh, che cosa siete di Dio?" Ebbene, Dio risponde a questa domanda nel libro di Giobbe quando dice: Guarda, ho creato tutte queste cose (sto parafrasando qui), e tu non c'eri, e se permetto a qualcuno di essere messo a morte, posso anche riportare quella persona dalla tomba e quella persona può rialzarsi in futuro. E le Scritture cristiane indicano che ciò accadrà. Ci sarà una risurrezione generale.

Quindi, non possiamo sempre mettere in discussione il punto di vista di Dio in queste cose perché non comprendiamo, ma vediamo questo sbrogliare o passare da concetti molto basilari nell'Antico Testamento o nelle Scritture Ebraiche ai profeti e, infine, al Nuovo Testamento, che ci dà la comprensione di cosa fosse Gesù di Nazareth.

Ho una fede profonda in queste cose, quindi ci sono modi in cui possiamo guardare la Bibbia, il che la rende comprensibile come espressione della volontà di Dio e del suo piano divino di salvezza per l'umanità nel mondo. Inoltre, dobbiamo riconoscere qualcos'altro, Lutero ha sottolineato un'interpretazione letterale della Bibbia. Questo va un po 'lontano perché la Bibbia è un libro di metafore. In primo luogo, non sappiamo com'è il paradiso. Non possiamo raggiungere il paradiso, e anche se ci sono un buon numero di materialisti che dicono: "beh, questo è tutto quello che c'è, e non c'è niente oltre", beh, forse siamo come i piccoli falsari indiani che erano indiani ciechi fakiers e che si stavano aggrappando a varie parti differenti dell'elefante. Non potevano vedere l'elefante nel suo insieme perché non ne avevano la capacità, e oggi c'è chi dice che l'umanità è incapace di capire tutto. Penso che sia vero, e quindi nella Bibbia siamo serviti da una metafora dopo l'altra. E che cosa sia, la volontà di Dio è spiegata in simboli che possiamo capire, simboli umani e simboli fisici, che possiamo capire; e quindi, possiamo raggiungere e comprendere la volontà di Dio attraverso queste metafore e simboli. E penso che sia molto necessario per capire cos'è la Bibbia e qual è la volontà di Dio; e siamo tutti imperfetti.

Non credo di avere la chiave per tutte le verità che sono nella Bibbia, e non credo che nessun altro lo abbia. E le persone sono molto presuntuose quando pensano di avere la guida immediata di Dio per dire qual è la verità, ed è un peccato che sia le grandi chiese che molti movimenti settari all'interno della cristianità cerchino di imporre la loro teologia e le loro dottrine agli altri. Dopo tutto, la Scrittura in un punto dice che non abbiamo bisogno di insegnanti. Possiamo, se tentiamo di imparare con pazienza e di comprendere la volontà di Dio tramite Cristo, possiamo avere un'immagine. Sebbene non sia perfetto perché siamo tutt'altro che perfetti, tuttavia, ci sono verità che possiamo applicare nella nostra vita e che dovremmo fare. E se lo facciamo, possiamo avere grande rispetto per la Bibbia.

Eric Wilson: Grazie Jim per aver condiviso questi fatti e approfondimenti interessanti con noi.

Jim Penton: Grazie mille Eric, e sono così felice di essere qui e lavorare con te in un messaggio per molte, molte persone che soffrono per le verità bibliche e la verità dell'amore di Dio, dell'amore di Cristo e dell'importanza di nostro Signore Gesù Cristo, per tutti noi. Potremmo avere una comprensione diversa dagli altri, ma alla fine Dio rivelerà tutte queste cose e, come disse l'apostolo Paolo, vediamo in uno specchio oscuramente, ma poi capiremo o sapremo tutto.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.
    19
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x