Geova Dio ha creato la vita. Ha anche creato la morte.

Ora, se voglio sapere cos'è la vita, cosa rappresenta la vita, non ha senso andare prima da colui che l'ha creata? Lo stesso si può dire per la morte. Se voglio sapere cos'è la morte, in cosa consiste, la fonte definitiva di quell'informazione non sarebbe quella che l'ha creata?

Se cercassi una parola nel dizionario che descrive una cosa o un processo e trovassi varie definizioni, la definizione della persona che ha creato quella cosa o ha istituito quel processo non sarebbe probabilmente la definizione più accurata?

Non sarebbe un atto di hybris, di estremo orgoglio, porre la tua definizione al di sopra di quella di creatore? Permettetemi di illustrarlo in questo modo: diciamo che c'è un uomo che è ateo. Poiché non crede nell'esistenza di Dio, la sua visione della vita e della morte è esistenziale. Per quest'uomo, la vita è solo ciò che sperimentiamo ora. La vita è coscienza, essere consapevoli di noi stessi e di ciò che ci circonda. La morte è l'assenza di vita, l'assenza di coscienza. La morte è semplice non esistenza. Ora arriviamo al giorno della morte di quest'uomo. È a letto morente. Sa che presto respirerà il suo ultimo respiro e scivolerà nell'oblio. Cesserà di essere. Questa è la sua ferma convinzione. Quel momento arriva. Il suo mondo diventa nero. Poi, nell'istante successivo, tutto è luce. Apre gli occhi e si rende conto di essere ancora vivo ma in un posto nuovo, in un corpo giovane e sano. Si scopre che la morte non è esattamente ciò che pensava che fosse.

Ora, in questo scenario, se qualcuno andasse da quell'uomo e gli dicesse che è ancora morto, che era morto prima di risorgere, e che ora che è risorto, è ancora considerato morto, ma che ha una possibilità di vivere, pensi che potrebbe essere un po' più suscettibile di accettare una diversa definizione di vita e morte rispetto a quella che aveva in precedenza?

Vedi, agli occhi di Dio, che l'ateo era già morto anche prima di morire e ora che è risorto, è ancora morto. Potresti dire: "Ma questo non ha senso per me". Potresti dire di te stesso: "Sono vivo. Non sono morto". Ma di nuovo, stai mettendo la tua definizione al di sopra di quella di Dio? Ricordi, Dio? Colui che ha creato la vita e colui che ha causato la morte?

Dico questo perché le persone hanno idee molto forti su cosa sia la vita e cosa sia la morte e impongono queste idee alla loro lettura della Scrittura. Quando tu ed io imponiamo un'idea al nostro studio della Scrittura, ci stiamo impegnando in ciò che viene chiamato eisegesis. Stiamo leggendo le nostre nozioni nella Bibbia. L'Eisegesi è la ragione per cui ci sono migliaia di religioni cristiane, tutte con idee diverse. Usano tutti la stessa Bibbia, ma trovano un modo per farla sembrare a sostegno delle loro particolari convinzioni. Non facciamolo.

In Genesi 2:7 leggiamo della creazione della vita umana.

“Il Signore Dio plasmò l'uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita; e l'uomo divenne un'anima vivente”. (Bibbia inglese mondiale)

Questo primo essere umano era vivo dal punto di vista di Dio – c'è un punto di vista più importante di quello? Era vivo perché era stato creato a immagine di Dio, era senza peccato e come figlio di Dio avrebbe ereditato la vita eterna dal Padre.

Quindi Geova Dio parlò all'uomo della morte.

“…ma non dovete mangiare dell'albero della conoscenza del bene e del male; poiché nel giorno in cui ne mangerai, certamente morirai». (Genesi 2:17 Bibbia per lo studio di Bere)

Ora fermati un minuto e pensa a questo. Adam sapeva cosa fosse un giorno. Fu un periodo di oscurità seguito da un periodo di luce. Ora, quando Adamo mangiò il frutto, morì in quel giorno di 24 ore? La Bibbia dice che visse per oltre 900 anni. Allora, Dio stava mentendo? Ovviamente no. L'unico modo in cui possiamo far funzionare questo è capire che la nostra definizione del morire e della morte non è la stessa di quella di Dio.

Potresti aver sentito l'espressione "dead man walking" che era usata per i criminali condannati alla pena di morte. Significava che agli occhi dello stato quegli uomini erano già morti. Il processo che ha portato alla morte fisica di Adamo è iniziato il giorno in cui ha peccato. Era morto da quel giorno in poi. Dato ciò, ne consegue che tutti i figli nati da Adamo ed Eva nacquero nello stesso stato. Dal punto di vista di Dio, erano morti. Per dirla in altro modo, dal punto di vista di Dio tu ed io siamo morti.

Ma forse no. Gesù ci dà speranza:

“In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna. Non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita». (Giovanni 5:24 Versione standard inglese)

Non puoi passare dalla morte alla vita se prima non sei morto. Ma se sei morto come te e io comprendo la morte, allora non puoi ascoltare la parola di Cristo né credere in Gesù, perché sei morto. Quindi, la morte di cui parla qui non è la morte che tu e io intendiamo come morte, ma piuttosto la morte come Dio vede la morte.

Hai un gatto o un cane? Se lo fai, sono sicuro che ami il tuo animale domestico. Ma sai anche che a un certo punto, quell'amato animale domestico se ne andrà per non tornare mai più. Un gatto o un cane vivono dai 10 ai 15 anni e poi cessano di esistere. Beh, prima che conoscessimo Dio, io e te eravamo sulla stessa barca.

Ecclesiaste 3:19 recita:

“Poiché ciò che accade ai figli degli uomini accade anche agli animali; una cosa accade loro: come muore uno, così muore l'altro. Sicuramente, hanno tutti un respiro; l'uomo non ha alcun vantaggio sugli animali, perché tutto è vanità”. (Nuova versione di Re Giacomo)

Non è così che doveva essere. Siamo stati fatti a immagine di Dio, quindi dovevamo essere diversi dagli animali. Dovevamo continuare a vivere e non morire mai. Per lo scrittore dell'Ecclesiaste tutto è vanità. Tuttavia, Dio ha mandato suo figlio per spiegarci esattamente come le cose potrebbero essere diverse.

Sebbene la fede in Gesù sia la chiave per raggiungere la vita, non è così semplice. So che alcuni vorrebbero farci credere questo, e se solo leggessi Giovanni 5:24, potresti avere questa impressione. Tuttavia, John non si è fermato qui. Ha anche scritto quanto segue sul raggiungimento della vita dalla morte.

“Sappiamo di essere passati dalla morte alla vita, perché amiamo i nostri fratelli. Chi non ama rimane nella morte”. (1 Giovanni 3:14 BSB)

Dio è amore e Gesù è l'immagine perfetta di Dio. Se dobbiamo passare dalla morte ereditata da Adamo alla vita che ereditiamo da Dio attraverso Gesù, dobbiamo anche riflettere l'immagine dell'amore di Dio. Questo non viene fatto istantaneamente, ma gradualmente. Come Paolo disse agli Efesini: “…finché non raggiungiamo tutti l'unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, la persona matura, alla misura della statura della pienezza di Cristo…” (Efesini 4 :13 New Heart Bibbia inglese)

L'amore di cui stiamo parlando qui è l'amore altruistico per gli altri che Gesù ha esemplificato. Un amore che mette gli interessi degli altri al di sopra dei nostri, che cerca sempre il meglio per il nostro fratello o sorella.

Se riponiamo fede in Gesù e pratichiamo l'amore del nostro Padre celeste, smettiamo di essere morti agli occhi di Dio e passiamo alla vita. Ora stiamo parlando della vita reale.

Paul disse a Timothy come afferrare la vita reale:

“Di' loro di operare nel bene, di essere ricchi di opere eccellenti, di essere generosi, pronti a condividere, facendo in modo sicuro per se stessi un ottimo fondamento per il futuro, in modo che possano avere una salda presa sulla vera vita”. (1 Timoteo 6:18, 19 NWT)

Lo Contemporary English Version rende il versetto 19 come: "Questo getterà una solida base per il futuro, così sapranno com'è la vera vita".

Se c'è una vita reale, ce n'è anche una falsa. Se c'è una vita vera, ce n'è anche una falsa. La vita che viviamo senza Dio è una vita falsa. Questa è la vita di un gatto o di un cane; una vita che finirà.

Com'è che siamo passati dalla morte alla vita se crediamo in Gesù e amiamo i nostri fratelli cristiani? Non moriamo ancora? No non lo facciamo. Ci addormentiamo. Gesù ci ha insegnato questo quando Lazzaro è morto. Ha detto che Lazzaro si è addormentato.

Disse loro: “Lazzaro, il nostro amico, è andato a riposare, ma io vado là per svegliarlo dal sonno”. (Giovanni 11:11 TN)

Ed è esattamente quello che ha fatto. Lo ha riportato in vita. In tal modo ci ha insegnato una lezione preziosa tramite la sua discepola, Martha. Noi leggiamo:

“Marta disse a Gesù: “Signore, se tu fossi stato qui, mio ​​fratello non sarebbe morto. Ma anche adesso so che Dio ti darà tutto ciò che gli chiedi».

“Tuo fratello risorgerà”, le disse Gesù.

Marta rispose: "So che risorgerà nella risurrezione nell'ultimo giorno".

Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita. Chi crede in me, anche se muore, vivrà. E chiunque vive e crede in Me non morirà mai. Credi questo?””
(Giovanni 11:21-26 BSB)

Perché Gesù dice di essere insieme la risurrezione e la vita? Non è ridondanza? La risurrezione non è vita? No. La resurrezione è il risveglio da uno stato di sonno. La vita—ora stiamo parlando della definizione di vita data da Dio—la vita non muore mai. Puoi risorgere alla vita, ma puoi anche risorgere alla morte.

Sappiamo da quanto abbiamo appena letto che se riponiamo fede in Gesù e amiamo i nostri fratelli, passiamo dalla morte alla vita. Ma se risorge qualcuno che non ha mai riposto fede in Gesù né ama i suoi fratelli, anche se è stato risvegliato dalla morte, si può dire che sia vivo?

Posso essere vivo dal tuo punto di vista, o dal mio, ma sono vivo dal punto di vista di Dio? Questa è una distinzione molto importante. È la distinzione che ha a che fare con la nostra salvezza. Gesù disse a Marta che “chiunque vive e crede in me non morirà mai”. Ora, sia Marta che Lazzaro sono morti. Ma non dal punto di vista di Dio. Dal suo punto di vista, si sono addormentati. Una persona che dorme non è morta. I cristiani del primo secolo finalmente lo capirono.

Nota come lo esprime Paolo quando scrive ai Corinzi riguardo alle varie apparizioni di Gesù dopo la sua risurrezione:

“Dopo ciò, apparve contemporaneamente a più di cinquecento fratelli e sorelle, la maggior parte dei quali è ancora in vita, anche se alcuni si sono addormentati”. (Primi Corinzi 15:6 New International Version)

Per i cristiani non erano morti, si erano solo addormentati.

Quindi, Gesù è sia la risurrezione che la vita perché chiunque crede in lui non muore realmente, ma semplicemente si addormenta e quando lo sveglia, è alla vita eterna. Questo è ciò che Giovanni ci dice come parte dell'Apocalisse:

“Poi vidi i troni e a coloro che vi erano seduti era stata data autorità di giudicare. E vidi le anime di quelli che erano stati decapitati per la loro testimonianza di Gesù e per la parola di Dio, e quelli che non avevano adorato la bestia o la sua immagine, e non avevano ricevuto il suo marchio sulla fronte o sulle mani. E presero vita e regnarono con Cristo per mille anni. Questa è la prima resurrezione. Beati e santi coloro che partecipano alla prima risurrezione! Su di loro non ha potere la seconda morte, ma saranno sacerdoti di Dio e di Cristo e regneranno con lui per mille anni». (Apocalisse 20:4-6 BSB)

Quando Gesù resuscita questi, è una resurrezione alla vita. La seconda morte non ha potere su di loro. Non possono mai morire. Nel video precedente, [inserisci scheda] abbiamo discusso del fatto che ci sono due tipi di morte nella Bibbia, due tipi di vita nella Bibbia e due tipi di resurrezione. La prima risurrezione è alla vita e chi la vive non subirà mai la seconda morte. Tuttavia, la seconda resurrezione è diversa. Non è per la vita, ma per il giudizio e la seconda morte ha ancora potere su coloro che sono risorti.

Se hai familiarità con il passaggio dell'Apocalisse che abbiamo appena letto, potresti aver notato che ho tralasciato qualcosa. È un'espressione parentetica particolarmente controversa. Poco prima che Giovanni dica: "Questa è la prima risurrezione", ci dice: "Il resto dei morti non è tornato in vita fino a quando i mille anni non sono stati completati".

Quando parla del resto dei morti, parla dal nostro punto di vista o da quello di Dio? Quando parla del ritorno alla vita, parla dal nostro punto di vista o da quello di Dio? E qual è esattamente la base del giudizio di coloro che tornano nella seconda risurrezione?

Queste sono domande a cui ci occuperemo il nostro prossimo video.

Meleti Vivlon

Articolo di Meleti Vivlon.
    10
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x