Clicca qui per visualizzare il video

Ciao, il titolo di questo video è "I testimoni di Geova dicono che è sbagliato adorare Gesù, ma sono felici di adorare gli uomini". Sono sicuro che riceverò commenti da testimoni di Geova scontenti che mi accusano di averli travisati. Dichiareranno di non adorare gli uomini; dichiareranno di essere gli unici sulla terra ad adorare il vero Dio, Geova. Poi mi criticheranno per aver suggerito che adorare Gesù è una parte scritturalmente corretta della vera adorazione. Potrebbero anche citare Matteo 4:10 che mostra Gesù che dice al diavolo: "Vattene, Satana! Poiché è scritto: “Devi adorare Geova tuo Dio, ea lui solo devi rendere sacro servizio'”. Traduzione del Nuovo Mondo

Bene, ho fatto l'accusa e l'ho fatto pubblicamente. Quindi ora ho bisogno di sostenerlo con la Scrittura.

Cominciamo col chiarire alcuni potenziali malintesi. Se sei un testimone di Geova, cosa intendi con la parola "adorazione"? Pensaci un momento. Dichiari di adorare Geova Dio, ma come lo fai esattamente? Se qualcuno venisse da te per strada e ti chiedesse cosa devo fare per adorare Dio, come risponderesti?

Ho scoperto che è una domanda molto impegnativa da porre, non solo a un testimone di Geova, ma a qualsiasi membro di qualsiasi altra fede religiosa. Tutti pensano di sapere cosa significa adorare Dio, ma quando chiedi loro di spiegarlo, di metterlo in parole, spesso c'è un lungo silenzio.

Naturalmente, quello che tu ed io pensiamo che significhi adorare è irrilevante. Ciò che conta è ciò che Dio intende quando dice che dobbiamo adorare solo lui. Il modo migliore per scoprire cosa pensa Dio sulla questione del culto è leggere la Sua parola ispirata. Ti sorprenderebbe sapere che ci sono quattro parole greche tradotte con "adorazione" nella Bibbia? Quattro parole per tradurre l'unica parola inglese. Sembra che la nostra parola inglese, adorazione, stia trasportando un carico pesante.

Ora questo diventerà un po' tecnico, ma ti chiederò di avere pazienza con me perché la materia non è accademica. Se ho ragione nel dire che i testimoni di Geova adorano gli uomini, allora stiamo parlando di un'azione che potrebbe portare alla condanna di Dio. In altre parole, stiamo parlando di un argomento che è una questione di vita o di morte. Quindi, merita la nostra massima attenzione.

A proposito, anche se mi sto concentrando sui testimoni di Geova, penso che alla fine di questo video vedrai che non sono le uniche persone religiose che adorano gli uomini. Cominciamo:

La prima parola greca usata per “adorazione” che prenderemo in considerazione è Threskeia.

La Concordanza di Strong dà la definizione sintetica di questo termine come “culto rituale, religione”. La definizione più completa che fornisce è: "(senso sottostante: riverenza o adorazione degli dei), culto espresso in atti rituali, religione". NAS Esaustive Concordance la definisce semplicemente come “religione”. Questa parola greca Thréskeia ricorre solo quattro volte nella Scrittura. La New American Standard Bible lo rende solo una volta come "adorazione" e le altre tre volte come "religione". Tuttavia, la Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture, la Bibbia dei testimoni di Geova, la rende in ogni caso “adorazione” o “forma di adorazione”. Ecco i testi dove compare nel NWT:

“che mi conoscevano in precedenza, se volevano testimoniare, che secondo la setta più severa della nostra forma di culto [thréskeia], vivevo come fariseo”. (Atti 26:5)

“Nessuno ti privi del premio che si compiace di una falsa umiltà e di una forma di adorazione [thréskeia] degli angeli, “prendendo posizione” sulle cose che ha visto”. (Col 2:18)

“Se un uomo pensa di essere un adoratore [thréskos] di Dio ma non tiene a freno la lingua, sta ingannando il proprio cuore e la sua adorazione [thréskeia] è inutile. La forma di adorazione [thréskeia] che è pura e incontaminata dal punto di vista del nostro Dio e Padre è questa: prendersi cura degli orfani e delle vedove nella loro tribolazione e mantenersi senza macchia dal mondo”. (Giacomo 1:26, 27)

Dal rendering thréskeia come “forma di culto”, la Bibbia dei Testimoni trasmette l'idea di culto formalizzato o rituale; cioè, culto prescritto seguendo una serie di regole e/o tradizioni. Questa è la forma di culto o religione praticata nei luoghi di culto, come le sale del Regno, i templi, le moschee, le sinagoghe e le chiese tradizionali. È interessante notare che ogni volta che questa parola viene usata nella Bibbia, porta una connotazione fortemente negativa. Dunque…

Se sei cattolico, il tuo culto è thréskeia.

Se sei protestante, la tua adorazione è thréskeia.

Se sei un avventista del settimo giorno, la tua adorazione è thréskeia.

Se sei mormone, la tua adorazione è thréskeia.

Se sei ebreo, la tua adorazione è thréskeia.

Se sei musulmano, la tua adorazione è thréskeia.

e sì, decisamente,

Se sei un testimone di Geova, la tua adorazione è thréskeia.

Perché la Bibbia cast thréskeia in una luce negativa? Potrebbe essere perché questo è il culto della pittura per numero? Culto che obbedisce alle regole degli uomini piuttosto che ai principi guida di nostro Signore il Cristo? Per fare un esempio, se sei un testimone di Geova e vai regolarmente a tutte le adunanze e esci nel servizio di campo settimanalmente, dedicando almeno 10 ore al mese all'opera di predicazione e se doni il tuo denaro per sostenere l'opera mondiale , allora “adori Geova Dio” in modo accettabile, secondo le regole della Watch Tower e della Bible Tract Society, thréskeia.

Questa è una sciocchezza, ovviamente. Quando James dice che la thréskeia che è "pulita e incontaminata dal punto di vista di Dio è prendersi cura degli orfani e delle vedove", è ironico. Non c'è ritualismo coinvolto in questo. Solo amore. In sostanza, sta dicendo in tono beffardo: "Oh, pensi che la tua religione sia gradita a Dio, vero? Se ci fosse una religione che Dio accetta, sarebbe quella che si prende cura dei bisognosi e non segue la via del mondo”.

Thréskeia (aggettivo): religione, ritualizzata e formale

Quindi, possiamo dire che thréskeia è la parola di Culto Formalizzato o Ritualizzato, o per dirla in un altro modo, Religione Organizzata. Per me, la religione organizzata è una tautologia, come dire "tramonto serale", "ghiaccio congelato" o "tonno". Tutta la religione è organizzata. Il problema con la religione è che sono sempre gli uomini che si occupano dell'organizzazione, quindi finisci per fare le cose nel modo in cui gli uomini ti dicono di fare allora, altrimenti subirai qualche punizione.

La prossima parola greca che esamineremo è:

Sebo (verbo): riverenza e devozione

 Appare dieci volte nelle Scritture cristiane: una volta in Matteo, una volta in Marco e le restanti otto volte nel libro degli Atti. È la seconda di quattro distinte parole greche che le moderne traduzioni della Bibbia rendono "adorazione". Secondo la Concordanza di Strong, Sebo può essere usato per riverenza, adorazione o adorazione. Ecco alcuni esempi del suo utilizzo:

“Invano continuano ad adorare [Sebo] me, poiché insegnano comandi di uomini come dottrine.'”” (Matteo 15:9 NWT)

“Uno che ci ha ascoltato era una donna di nome Lidia, della città di Tiatira, una venditrice di beni di porpora, che era adoratrice [Sebo] di Dio. Il Signore le ha aperto il cuore per prestare attenzione a quanto detto da Paolo”. (Atti 16:14 CEI)

“Quest'uomo sta persuadendo le persone ad adorare [Sebo] Dio contrario alla legge”. (Atti 18:13 CEI)

Per tua comodità, fornisco tutti questi riferimenti nel campo della descrizione del video che stai guardando se desideri incollarli in un motore di ricerca della Bibbia, come biblegateway.com in modo da vedere come rendono altre traduzioni Sebo. [Riferimenti a sebó in greco: Mt 15; Marco 9:7; Atti 7:13; 43,50:16; 14:17; 4,17:18; 7,13:29]

Mentre Sebo è un verbo, in realtà non rappresenta alcuna azione. Infatti, in nessuna delle dieci occorrenze dell'uso di Sebo è possibile dedurre esattamente come le persone menzionate si stanno impegnando? Sebo, nel culto reverenziale o adorazione di Dio. Ricorda, questo termine non descrive un processo di adorazione rituale o formalistico. Anche la definizione di Strong non indica l'azione. Riverire Dio e adorare Dio parlano entrambi di un sentimento o un atteggiamento nei confronti di Dio o nei confronti di Dio. Posso sedermi nel mio soggiorno e adorare Dio senza fare nulla. Naturalmente, si può sostenere che la vera adorazione di Dio, o di chiunque altro, alla fine deve manifestarsi in qualche forma di azione, ma quale forma dovrebbe assumere tale azione non è specificato in nessuno di questi versetti.

Vengono rese numerose traduzioni della Bibbia Sebo come “devoto”. Di nuovo, questo parla di una disposizione mentale più che di qualsiasi azione specifica e questa è una distinzione importante da tenere a mente.

Una persona devota, che riverisce Dio, il cui amore per Dio raggiunge il livello dell'adorazione, è una persona riconoscibile come devota. Il suo culto caratterizza la sua vita. Parla il discorso e cammina la passeggiata. Il suo fervente desiderio è di essere come il suo Dio. Quindi, tutto ciò che fa nella vita è guidato dal pensiero di autoesame: "Questo farebbe piacere al mio Dio?"

In breve, il suo culto non riguarda l'esecuzione di un rituale di alcun tipo come prescritto dagli uomini nel culto metodico. La sua adorazione è il suo stesso modo di vivere.

Tuttavia, la capacità di auto-illusione che fa parte della carne decaduta ci richiede di stare attenti. Nei secoli passati, quando devoti (Sebo) I cristiani hanno bruciato un compagno di fede sul rogo, pensavano di rendere sacro servizio o servizio reverenziale a Dio. Oggi i testimoni di Geova pensano di adorare Dio (Sebo) quando evitano un compagno di fede perché si esprime contro alcune trasgressioni commesse dal Corpo Direttivo, come la loro ipocrita affiliazione decennale con l'Organizzazione delle Nazioni Unite o la loro cattiva gestione di migliaia di casi di abusi sessuali su minori.

Allo stesso modo, è possibile rendere Sebo (reverente, adorante devozione o adorazione) al Dio sbagliato. Gesù condannò il Sebo degli scribi, dei farisei e dei sacerdoti, perché insegnavano i comandi degli uomini come provenienti da Dio. Gesù disse: "Adorano [Sebo] me invano; insegnano come dottrina i precetti degli uomini”. Matteo (15:9 BSB) Così, rappresentarono male Dio e non lo imitarono. Il Dio che stavano imitando era Satana e Gesù disse loro così:

“Tu appartieni a tuo padre, il diavolo, e vuoi realizzare i suoi desideri. Era un assassino fin dall'inizio, rifiutando di sostenere la verità, perché non c'è verità in lui. Quando mente, parla la sua lingua madre, perché è un bugiardo e il padre della menzogna”. (Giovanni 8:44, BSB)

Ora veniamo alla terza parola greca resa "adorazione" nella Bibbia.

Thréskeia (aggettivo): religione, ritualizzata e formale

Sebo (verbo): riverenza e devozione

Latreuo (verbo): servizio sacro

La Concordanza di Strong ci dà:

Latreuo

Definizione: servire

Uso: servo, specialmente Dio, forse semplicemente: adoro.

Alcune traduzioni lo renderanno "culto". Ad esempio:

"Ma punirò la nazione che servono come schiavi", disse Dio, "e poi usciranno da quel paese e adoreranno [Latreuo] me in questo luogo. '"(Atti 7: 7 NIV)

“Ma Dio si allontanò da loro e li affidò al culto [Latreuo] del sole, della luna e delle stelle. (Atti 7:42 CEI)

Tuttavia, la traduzione del Nuovo Mondo preferisce rendere Latreuo come “servizio sacro” che ci riporta all'incontro di Gesù con il Diavolo di cui abbiamo parlato all'inizio di questo video:

“Vattene, Satana! Poiché è scritto: 'Devi adorare Geova tuo Dio, e a lui solo devi rendere sacro servizio [Latreuo]'” (Mt 4:10 TN)

Gesù collega l'adorazione di Dio con il servizio a Dio.

Ma che dire della prima parte di quel rimprovero quando Gesù disse: "Devi adorare Geova il tuo Dio" (Matteo 4:10 NWT)?

quella parola non è Thréskeia, né sebó, né latreuó.  Questa è la quarta parola greca tradotta come culto nelle Bibbie inglesi ed è quella su cui si basa il titolo di questo video. Questa è l'adorazione che dovremmo rendere a Gesù, ed è l'adorazione che i testimoni di Geova si rifiutano di rendere. Questa è l'adorazione che i Testimoni rendono agli uomini. Ironia della sorte, anche la maggior parte delle altre religioni della cristianità, pur affermando di rendere questo culto a Gesù, non lo fanno e adorano invece gli uomini. Questa parola in greco è proskuneo.

Secondo Strong's Concordance:

proskuneo significa:

Definizione: fare riverenza a

Uso: mi metto in ginocchio per rendere omaggio, adorare.

proskuneo è una parola composta.

AIUTI Word-study afferma che deriva da “prós, “verso” e kyneo, “baciare”. Si riferisce all'azione di baciare il suolo quando ci si prostra davanti a un superiore; adorare, pronti “a prostrarsi per adorare in ginocchio” (DNTT); a “rendere omaggio” (BAGD)”

A volte la Traduzione del Nuovo Mondo lo rende come "adorazione" e talvolta come "inchino". Questa è davvero una distinzione senza differenza. Ad esempio, quando Pietro entrò in casa di Cornelio, il primo cristiano gentile, leggiamo: “Quando Pietro entrò, Cornelio gli andò incontro, si gettò ai suoi piedi e inchino [proskuneo] a lui. Ma Pietro lo sollevò dicendo: “Alzati; Io stesso sono anche un uomo". (Atti 10:25, 26)

La maggior parte delle Bibbie rende questo come "lo adorava". Per esempio, la New American Standard Bible ci dice: “Mentre Pietro entrava, Cornelio gli andò incontro e si gettò ai suoi piedi e adorato lui ".

È degno di nota per il serio studioso della Bibbia che una circostanza e una formulazione molto simili si verificano in Apocalisse dove l'apostolo Giovanni dice:

“Allora caddi ai suoi piedi per culto [proskuneo] lui. Ma lui mi dice: “Stai attento! Non farlo! Tutto ciò che sono è un compagno schiavo di te e dei tuoi fratelli che hanno il compito di testimoniare Gesù. Culto [proskuneo] Dio; poiché la testimonianza di Gesù è ciò che ispira la profezia.” (Apocalisse 19:10, NWT)

Qui, la Traduzione del Nuovo Mondo usa "adorare" invece di "rendere omaggio" per la stessa parola, proskuneo. Perché viene mostrato che Cornelio fa un inchino, mentre Giovanni viene mostrato mentre adora quando viene usata la stessa parola greca in entrambi i luoghi e le circostanze sono praticamente identiche.

In Ebrei 1:6 leggiamo nella Traduzione del Nuovo Mondo:

“Ma quando riconduce il suo Primogenito sulla terra abitata, dice: “E tutti gli angeli di Dio gli facciano omaggio.”” (Ebrei 1:6)

Eppure praticamente in ogni altra traduzione della Bibbia leggiamo che gli angeli lo adorano.

Perché la traduzione del Nuovo Mondo usa "inchino" invece di "adorazione" in questi casi? Come ex anziano dell'Organizzazione dei Testimoni di Geova, posso affermare senza alcun dubbio che questo serve a creare una distinzione artificiale basata su pregiudizi religiosi. Per i testimoni di Geova, puoi adorare Dio, ma non puoi adorare Gesù. Forse lo hanno fatto originariamente per contrastare l'influenza del trinitarismo. Sono persino arrivati ​​al punto di degradare Gesù allo stato di angelo, anche se l'arcangelo Michele. Ora, per essere chiari, non credo nella Trinità. Tuttavia, adorare Gesù, come vedremo, non richiede che accettiamo che Dio è una Trinità.

Il pregiudizio religioso è un impedimento molto potente per un'accurata comprensione della Bibbia, quindi prima di procedere oltre, cerchiamo di capire bene che cosa la parola proskuneo significa davvero.

Ricorderete il racconto della tempesta quando Gesù andò dai suoi discepoli nella loro barca da pesca camminando sull'acqua, e Pietro chiese di fare lo stesso, ma poi cominciò a dubitare e ad affondare. Il conto recita:

“Subito Gesù stese la mano e afferrò Pietro. "Tu di poca fede", disse, "perché hai dubitato?" E quando furono risaliti in barca, il vento cessò. Poi quelli che erano nella barca Lo adoravo (proskuneo,) dicendo: "Veramente tu sei il Figlio di Dio!"" (Matteo 14:31-33 BSB)

Perché la Traduzione del Nuovo Mondo sceglie di rendere, proskuneo, in questo racconto come "rendere omaggio" quando in altri luoghi lo rende come adorazione? Perché quasi tutte le traduzioni seguono la Bibbia da studio di Berean dicendo che i discepoli adoravano Gesù in questo caso? Per rispondere, dobbiamo capire quale sia la parola proskuneo significava per i parlanti greci nel mondo antico.

proskuneo significa letteralmente "inchinarsi e baciare la terra". Detto questo, quale immagine ti viene in mente mentre leggi questo passaggio. I discepoli hanno appena dato al Signore un caloroso pollice in su? “È stato molto carino, Signore, quello che hai fatto laggiù, camminare sull'acqua e calmare la tempesta. Fresco. Koodos a te!”

No! Erano così intimiditi da questa impressionante dimostrazione di potere, vedendo che gli elementi stessi erano soggetti a Gesù - la tempesta si placava, l'acqua lo sosteneva - che caddero in ginocchio e si prostrarono davanti a lui. Hanno baciato la terra, per così dire. Questo è stato un atto di totale sottomissione. proskuneo è una parola che implica sottomissione totale. La totale sottomissione implica l'obbedienza totale. Tuttavia, quando Cornelio fece la stessa cosa davanti a Pietro, l'apostolo gli disse di non farlo. Era solo un uomo come Cornelius. E quando Giovanni si inchinò per baciare la terra davanti all'angelo, l'angelo gli disse di non farlo. Anche se era un angelo retto, era solo un compagno di servizio. Non meritava l'obbedienza di John. Tuttavia, quando i discepoli si inchinarono e baciarono la terra davanti a Gesù, Gesù non li rimproverò e non disse loro di non farlo. Ebrei 1:6 ci dice che anche gli angeli si inchineranno e baceranno la terra davanti a Gesù, e di nuovo, lo fanno correttamente per decreto di Dio.

Ora, se ti dicessi di fare qualcosa, mi obbediresti senza fare domande senza riserve? Faresti meglio a non. Perchè no? Perché sono solo un umano come te. Ma cosa accadrebbe se un angelo apparisse e ti dicesse di fare qualcosa? Obbediresti all'angelo incondizionatamente e senza fare domande? Di nuovo, faresti meglio a non farlo. Paolo disse ai Galati che anche se "un angelo dal cielo vi dichiarasse come buona notizia qualcosa che va oltre la buona notizia che vi abbiamo annunciato, sia maledetto". (Galati 1:8 NWT)

Ora chiediti, quando Gesù tornerà, obbedirai volentieri a tutto ciò che ti dice di fare senza domande né riserve? Vedi la differenza?

Quando Gesù fu risorto, disse ai suoi discepoli che "ogni autorità mi è stata data in cielo e sulla terra". (Matteo 28:18 NWT)

Chi gli ha dato tutta l'autorità? Il nostro Padre celeste, ovviamente. Quindi, se Gesù ci dice di fare qualcosa, è come se il nostro Padre Celeste stesso ce lo dicesse. Non c'è differenza, vero? Ma se un uomo ti dice di fare qualcosa sostenendo che Dio gli ha detto di dirti che è diverso, allora dovresti comunque verificare con Dio, non è vero?

“Se qualcuno desidera fare la sua volontà, saprà riguardo all'insegnamento se è da Dio o se parlo della mia originalità. Chi parla della propria originalità cerca la propria gloria; ma colui che cerca la gloria di colui che lo ha mandato, questo è veritiero, e non c'è ingiustizia in lui”. (Giovanni 7:17, 18 NWT)

Gesù ci dice anche:

“In verità vi dico: il Figlio non può fare una sola cosa di propria iniziativa, ma solo ciò che vede fare dal Padre. Infatti tutto ciò che fa uno, anche il Figlio lo fa allo stesso modo». (Giovanni 5:19 NWT)

Quindi, adoreresti Gesù? Vorresti proskuneo Gesù? Vale a dire, gli daresti la tua completa sottomissione? Ricorda, proskuneo è la parola greca per adorazione che implica la completa sottomissione. Se Gesù ti apparisse davanti in questo istante, cosa faresti? Dagli una pacca sulla schiena e digli: “Bentornato, Signore. È bello vederti. Cosa ti ha fatto perdere così tanto tempo?" No! La prima cosa che dobbiamo fare è cadere in ginocchio, inchinarci a terra per dimostrare che siamo disposti a sottometterci totalmente a lui. Questo è ciò che significa adorare veramente Gesù. Adorando Gesù, adoriamo Geova, il Padre, perché ci sottomettiamo alla sua disposizione. Ha incaricato il Figlio e ci ha detto, nientemeno che tre volte: «Questi è mio Figlio, l'amato, che ho approvato; ascoltalo." (Matteo 17:5 TN)

Ricordi quando eri un bambino e agivi in ​​modo disobbediente? I tuoi genitori direbbero: “Non mi stai ascoltando. Ascoltami!" E poi ti dicevano di fare qualcosa e sapevi che avresti fatto meglio a farlo.

Il nostro Padre Celeste, l'unico vero Dio ci ha detto: "Questo è mio Figlio... ascoltatelo!"

Faremmo meglio ad ascoltare. Faremmo meglio a sottometterci. Avevamo di meglio proskuneo, adora nostro Signore Gesù.

È qui che le persone si confondono. Non riescono a capire come sia possibile adorare sia Geova Dio che Gesù Cristo. La Bibbia dice che non puoi servire due padroni, quindi adorare Gesù e Geova non sarebbe come cercare di servire due padroni? Gesù disse al Diavolo di adorare solo [proskuneo] Dio, quindi come potrebbe accettare di adorare se stesso. Un trinitario aggirerà questo dicendo che funziona perché Gesù è Dio. Veramente? Allora perché la Bibbia non ci dice di adorare anche lo spirito santo? No, c'è una spiegazione molto più semplice. Quando Dio ci dice di non adorare nessun altro dei tranne lui, chi decide cosa significa adorare Dio? L'adoratore? No, Dio decide come deve essere adorato. Quello che il Padre si aspetta da noi è la totale sottomissione. Ora, se accetto di sottomettermi totalmente al mio Padre celeste, Geova Dio, e poi mi dice di sottomettermi totalmente a suo Figlio, Gesù Cristo, dirò: "Scusa, Dio. Non posso farlo. Mi sottometterò solo a te?" Possiamo vedere quanto sarebbe ridicola una simile posizione? Geova sta dicendo: “Voglio che mi sottometti tramite mio Figlio. Ubbidire a lui è obbedire a me".

E stiamo dicendo: "Mi dispiace, Geova, posso solo obbedire ai comandi che mi dai direttamente. Non accetto alcun mediatore tra te e me".

Ricorda che Gesù non fa nulla di sua iniziativa, quindi obbedire a Gesù è obbedire al Padre. Per questo Gesù è chiamato “la Parola di Dio”. Potresti ricordare Ebrei 1:6 che abbiamo letto due volte finora. Dove si dice che il Padre porterà il suo primogenito e tutti gli angeli lo adoreranno. Allora chi porta chi? Il Padre sta portando il figlio. Chi sta dicendo agli angeli di adorare il Figlio? Il padre. E il gioco è fatto.

La gente chiederà ancora: "Ma allora chi prego?" Prima di tutto, la preghiera non è proskuneó. La preghiera è dove puoi parlare con Dio. Ora Gesù è venuto per darti la possibilità di chiamare Geova tuo Padre. Prima di lui non era possibile. Prima di lui eravamo orfani. Dato che ora sei un figlio adottivo di Dio, perché non vorresti parlare con tuo padre? "Abbà, padre." Anche tu vuoi parlare con Gesù. Ok, nessuno ti ferma. Perché trasformarlo in una cosa o/o?

Ora che abbiamo stabilito cosa significa adorare Dio e Cristo, passiamo all'altra parte del titolo del video; la parte in cui ho detto che i testimoni di Geova in realtà adorano gli uomini. Pensano di adorare Geova Dio, ma in realtà non lo sono. Adorano gli uomini. Ma non limitiamolo ai soli testimoni di Geova. La maggior parte dei membri della religione organizzata affermerà di adorare Gesù, ma in realtà adora anche gli uomini.

Ricordi l'uomo di Dio che fu ingannato da un vecchio profeta in 1 Re 13:18, 19? Il vecchio profeta mentì all'uomo di Dio che veniva da Giuda e al quale Dio aveva detto di non mangiare né bere con nessuno e di tornare a casa per un'altra strada. Il falso profeta disse:

“A ciò gli disse: “Anch'io sono un profeta come te, e un angelo mi ha detto mediante la parola di Geova: 'Fatelo tornare con te a casa tua affinché mangi pane e beva acqua'”. (Lo sedusse). Così tornò con lui a mangiare il pane e a bere l'acqua in casa sua”. (1 Re 13:18, 19 NWT)

Geova Dio lo punì per la sua disubbidienza. Obbedì o si sottomise a un uomo piuttosto che a Dio. In quel caso, ha adorato [proskuneó] un uomo perché questo è ciò che significa la parola. Ne ha subito le conseguenze.

Geova Dio non ci parla come ha fatto al profeta in 1 Re. Invece, Geova ci parla tramite la Bibbia. Ci parla attraverso suo Figlio, Gesù, le cui parole e insegnamenti sono registrati nella Scrittura. Siamo come quell'"uomo di Dio" in 1 Re. Dio ci dice quale strada seguire. Lo fa attraverso la sua parola la Bibbia che tutti noi abbiamo e possiamo leggere da soli.

Quindi, se un uomo afferma di essere un profeta - sia lui un membro del Corpo Direttivo, o un evangelista televisivo, o il Papa a Roma - se quell'uomo ci dice che Dio gli parla e poi ci dice di prendere una diversa cammino verso casa, un cammino diverso da quello tracciato da Dio nella Scrittura, allora dobbiamo disubbidire a quell'uomo. Se non lo facciamo, se obbediamo a quell'uomo, lo adoriamo. Ci inchiniamo e baciamo la terra davanti a lui perché ci sottomettiamo a lui invece di sottometterci a Geova Dio. Questo è molto pericoloso.

Gli uomini mentono. Gli uomini parlano della propria originalità, cercando la propria gloria, non la gloria di Dio.

Purtroppo, i miei ex compagni dell'Organizzazione dei Testimoni di Geova non obbediscono a questo comandamento. Se non sei d'accordo, prova un piccolo esperimento. Chiedi loro se c'era qualcosa nella Bibbia che diceva loro di fare una cosa, ma il Corpo Direttivo ha detto loro di fare qualcos'altro, a cosa avrebbero obbedito? Sarai sorpreso dalla risposta.

Un anziano di un altro paese che aveva servito per oltre 20 anni mi ha raccontato di una scuola per anziani che aveva frequentato dove uno degli istruttori era sceso da Brooklyn. Quest'uomo importante sollevò una Bibbia con la copertina nera e disse alla classe: "Se il Corpo Direttivo mi dicesse che la copertina di questa Bibbia è blu, allora è blu". Ho avuto esperienze simili io stesso.

Capisco che può essere difficile comprendere alcuni passaggi della Bibbia e quindi il Testimone di Geova medio si fiderà degli uomini in carica, ma ci sono alcune cose che non sono difficili da capire. Nel 2012 è successo qualcosa che avrebbe dovuto scioccare tutti i testimoni di Geova, perché affermano di essere nella verità e affermano di adorare [proskuneo, sottomettersi a] Geova Dio.

Fu in quell'anno che il Corpo Direttivo prese presuntuosamente su di sé la designazione di “schiavo fedele e discreto” e chiese a tutti i testimoni di Geova di sottomettersi alla loro interpretazione delle Scritture. Si sono definiti pubblicamente i "Guardiani della dottrina". (Google se dubiti di me.) Chi li ha nominati Guardiani della Dottrina. Gesù disse che colui che “parla della propria originalità cerca la propria gloria…” (Giovanni 7:18, NWT)

Nel corso della storia dell'Organizzazione, gli “unti” sono stati considerati lo schiavo fedele e discreto, ma quando, nel 2012, il Corpo Direttivo ha preso su di sé quel mantello, non c'era quasi un sussurro di protesta da parte del gregge. Sorprendente!

Quegli uomini ora affermano di essere il canale di comunicazione di Dio. Dichiarano audacemente di essere sostituti di Cristo, come vediamo nella loro versione 2017 della TNM in 2 Cor 2:20.

“Siamo dunque ambasciatori sostitutivi di Cristo, come se Dio facesse un appello attraverso di noi. In sostituzione di Cristo, preghiamo: “Riconciliatevi con Dio”.”

La parola "sostituzione" non ricorre nel testo originale. È stato inserito dal comitato della Traduzione del Nuovo Mondo.

Come sostituti di Gesù Cristo, si aspettano che i testimoni di Geova obbediscano loro incondizionatamente. Ad esempio, ascolta questo estratto da la Torre di Guardia:

“Quando “l'assiro” attacca… la guida salvavita che riceviamo dall'organizzazione di Geova potrebbe non sembrare pratica da un punto di vista umano. Tutti noi dobbiamo essere pronti a obbedire a tutte le istruzioni che riceviamo, che appaiano valide da un punto di vista strategico o umano o meno".
(w13 11 / 15 p. 20 par. 17 Sette pastori, otto duchi: cosa significano per noi oggi)

Si considerano un Mosè collettivo. Quando qualcuno non è d'accordo con loro, considerano quella persona come un moderno Cora, che si oppose a Mosè. Ma questi uomini non sono l'equivalente moderno di Mosè. Gesù è il Mosè più grande e chiunque si aspetti che gli uomini li seguano invece di seguire Gesù è seduto al posto di Mosè.

I testimoni di Geova ora credono che questi uomini del Corpo Direttivo siano la chiave per la loro salvezza.

Questi uomini affermano di essere re e sacerdoti che Gesù ha scelto e ricordano ai testimoni di Geova che “non dovrebbero mai dimenticare che la loro salvezza dipende dal loro sostegno attivo degli unti “fratelli” di Cristo ancora sulla terra. (w12 3/15 p. 20 par. 2)

Ma Geova Dio ci dice:

“Non riporre la tua fiducia nei principi, negli uomini mortali, che non possono salvare.” (Salmo 146:3 BSB)

Nessun uomo, nessun gruppo di uomini, nessun papa, nessun cardinale, nessun arcivescovo, nessun evangelista televisivo, né corpo direttivo funge da pietra angolare della nostra salvezza. Solo Gesù Cristo ricopre quel ruolo.

“Questa è 'la pietra che è stata trattata da voi costruttori senza alcun riguardo che è diventata la pietra angolare'. Inoltre, non c'è salvezza in nessun altro, perché non c'è altro nome sotto il cielo che sia stato dato agli uomini per mezzo del quale dobbiamo essere salvati.” (Atti 4:11, 12)

Francamente, sono scioccato dal fatto che i miei ex amici Testimoni di Geova siano così facilmente scivolati nell'adorazione degli uomini. Sto parlando di uomini e donne che conosco da decenni. Individui maturi e intelligenti. Tuttavia, non sono diversi dai Corinzi che Paolo rimproverò quando scrisse:

“Poiché voi sopportate volentieri le persone irragionevoli, vedendo che siete ragionevoli. Infatti sopportate chi vi rende schiavi, chi divora [ciò che avete], chi afferra [ciò che avete], chi si esalta su [VOI], chi vi colpisce in faccia”. (2 Corinzi 11:19, 20, TN)

Dov'è finito il sano ragionamento dei miei ex amici?

Permettetemi di parafrasare le parole di Paolo ai Corinzi, parlando ai miei cari amici:

Perché sopporti volentieri persone irragionevoli? Perché sopporti un Corpo Direttivo che ti rende schiavo chiedendo la stretta obbedienza a ogni suo dettame, dicendoti quali feste puoi e non puoi celebrare, quali cure mediche puoi e non puoi accettare, quali divertimenti puoi e non puoi ascoltare? Perché sopporti un Corpo Direttivo che divora ciò che hai vendendo la tua proprietà della sala del regno conquistata a fatica proprio da sotto i tuoi piedi? Perché sopporti un Corpo Direttivo che ruba ciò che hai, prelevando tutti i fondi in eccesso dal tuo conto di congregazione? Perché adori gli uomini che si esaltano su di te? Perché sopporti uomini che ti colpiscono in faccia, chiedendoti di voltare le spalle ai tuoi stessi figli che decidono di non voler più essere testimoni di Geova? Uomini che usano la minaccia della disassociazione come un'arma per farti inchinare davanti a loro e sottometterti.

Il Corpo Direttivo afferma di essere lo schiavo fedele e discreto, ma cosa rende quello schiavo fedele e discreto? Lo schiavo non può essere fedele se insegna falsità. Non può essere discreto se si proclama con arroganza fedele e discreto invece di aspettare che lo faccia il suo padrone al suo ritorno. Da quello che sai delle azioni storiche e attuali del Corpo Direttivo, pensi che Matteo 24:45-47 sia una descrizione accurata di loro, lo schiavo fedele e discreto, o i prossimi versetti si adatterebbero meglio?

“Ma se mai quello schiavo malvagio dice in cuor suo: "Il mio padrone tarda", e comincia a picchiare i suoi compagni di schiavitù e a mangiare e a bere con gli ubriaconi convinti, il padrone di quello schiavo verrà il giorno in cui lo farà non aspetta e in un'ora che non sa, e lo punirà con la massima severità e gli assegnerà il suo posto con gli ipocriti. Là sarà il suo pianto e lo stridore dei suoi denti». (Matteo 24:48-51 NWT)

Il Corpo Direttivo è pronto a etichettare chiunque non sia d'accordo con loro come un apostata velenoso. Come un mago che ti distrae con un movimento della mano qui, mentre l'altra mano sta facendo il trucco, dicono: "Stai attento agli oppositori e agli apostati. Non ascoltarli nemmeno per paura che ti sedurranno con parole dolci”.

Ma chi sta facendo la vera seduzione? La Bibbia dice:

“Nessuno vi seduca in alcun modo, perché non verrà a meno che non venga prima l'apostasia e non si manifesti l'uomo dell'illegalità, il figlio della distruzione. Si pone in opposizione e si innalza su chiunque sia chiamato “dio” o oggetto di riverenza, così che si siede nel tempio del Dio, mostrando pubblicamente di essere un dio. Non ti ricordi che, mentre ero ancora con te, ti dicevo queste cose?” (2 Tessalonicesi 2:3-5) NWT

Ora, se pensi che mi rivolga solo ai testimoni di Geova, ti sbagli. Se sei cattolico, o mormone, o un evangelista, o qualsiasi altra fede cristiana, e sei contento nella convinzione che stai adorando Gesù, ti chiedo di dare un'occhiata alla tua forma di culto. Preghi Gesù? Lodi Gesù? Predichi Gesù? Va tutto bene, ma non è adorazione. Ricorda cosa significa la parola. Inchinarsi e baciare la terra; in altre parole, sottomettersi completamente a Gesù. Se la tua chiesa ti dice che va bene inchinarsi davanti a uno statuto e pregare quello statuto, quell'idolo, obbedisci alla tua chiesa? Perché la Bibbia ci dice di fuggire l'idolatria in tutte le sue forme. È Gesù che parla. La tua chiesa ti dice di essere pienamente coinvolto nella politica? Perché Gesù ci dice di non essere parte del mondo. La tua chiesa ti dice che va bene imbracciare le armi e uccidere i compagni cristiani che si trovano dall'altra parte del confine? Perché Gesù ci dice di amare i nostri fratelli e sorelle e quelli che vivono di spada moriranno di spada.

L'adorazione di Gesù, l'obbedienza incondizionata a lui, è dura, perché ci mette in contrasto con il mondo, anche il mondo che si dice cristiano.

La Bibbia ci dice che presto verrà un tempo in cui i crimini della chiesa saranno giudicati da Dio. Proprio come ha distrutto la sua precedente nazione, Israele al tempo di Cristo, a causa della loro apostasia, distruggerà anche la religione. Non dico falsa religione perché sarebbe una tautologia. La religione è una forma di culto formalizzata o ritualizzata imposta dagli uomini e quindi è per sua natura falsa. Ed è diverso dal culto. Gesù disse alla Samaritana che né a Gerusalemme al tempio, né sul monte dove i Samaritani adoravano Dio avrebbe accettato il culto. Cercava invece individui, non un'organizzazione, un luogo, una chiesa o qualsiasi altra disposizione ecclesiastica. Cercava persone che lo adorassero in spirito e verità.

Ecco perché Gesù ci dice attraverso Giovanni nell'Apocalisse di uscire da lei il mio popolo se non vuoi condividere con lei i suoi peccati. (Apocalisse 18:4,5). Ancora una volta, come l'antica Gerusalemme, la religione sarà distrutta da Dio per i suoi peccati. È meglio per noi non essere all'interno di Babilonia la Grande quando sarà il momento.

In conclusione, ricorderete che proskuneo, adorazione, in greco significa baciare la terra davanti ai piedi di qualcuno. Baceremo la terra davanti a Gesù sottomettendoci completamente e incondizionatamente a lui, a prescindere dal costo personale?

Vi lascio con questo pensiero finale dal Salmo 2:12.

“Baciate il figlio, affinché non si arrabbi e voi non periate [dalla] via, Poiché la sua ira divampa facilmente. Beati tutti quelli che in lui si rifugiano». (Salmo 2:12)

Grazie per il tuo tempo e la tua attenzione.

Meleti Vivlon

Articolo di Meleti Vivlon.