Esame di Matteo 24, parte 8: estrarre la chiave di volta dalla dottrina del 1914

by | APRILE 18, 2020 | 1914, Esame di Matthew 24 Series, Video | 8 commenti

Salve e benvenuti alla Parte 8 della nostra discussione su Matteo 24. Finora in questa serie di video, abbiamo visto che tutto ciò che Gesù aveva predetto ebbe il suo adempimento nel I secolo. Tuttavia, i testimoni di Geova non sarebbero d'accordo con tale valutazione. In effetti, si concentrano su una frase pronunciata da Gesù per sostenere la loro convinzione che la profezia abbia un importante adempimento moderno. È una frase che si trova solo nel racconto di Luca. Sia Matteo che Marco non riescono a registrarlo, né si trova da nessun'altra parte nella Scrittura.

Una sola frase, che è alla base della loro dottrina della presenza invisibile di Cristo del 1914. Quanto è importante la loro interpretazione di questa singola frase? Quanto sono importanti le ruote per la tua auto?

Mettiamola in questo modo: sai cos'è un fulcro? Un perno è un piccolo pezzo di metallo che passa attraverso un foro nell'asse di un veicolo, come un carro o un carro. È ciò che impedisce alle ruote di staccarsi. Ecco un'immagine che mostra come funziona un perno.

Quello che sto dicendo è che la frase o il verso in questione è come un perno; apparentemente insignificante, ma è l'unica cosa che impedisce alla ruota di staccarsi. Se l'interpretazione data a questo verso dal Corpo Direttivo è sbagliata, le ruote del loro credo religioso cadono. Il loro carro si ferma. La base per la loro convinzione di essere gli eletti di Dio cessa di essere.

Non ti terrò più con il fiato sospeso. Sto parlando di Luca 21:24 che recita:

“E cadranno dal bordo della spada e saranno condotti prigionieri in tutte le nazioni; e Gerusalemme sarà calpestata dalle nazioni fino a quando i tempi stabiliti delle nazioni non saranno rispettati."(Luca 21:24 NWT)

Potresti pensare che sto esagerando. Come può un'intera religione dipendere dall'interpretazione di questo singolo verso?

Lasciami rispondere chiedendoti questo: quanto è importante il 1914 per i Testimoni di Geova?

Il modo migliore per rispondere è pensare a cosa succederebbe se lo togliessi. Se Gesù non lo avesse fatto'Nel 1914 venne invisibilmente a sedere sul trono di David nel regno dei cieli, quindi non vi è alcuna base per affermare che gli ultimi giorni sono iniziati in quell'anno. Non vi è inoltre alcuna base per la convinzione della generazione sovrapposta, poiché ciò dipende dal fatto che la prima parte di quella generazione è viva nel 1914. Ma's molto di più. I testimoni credono che Gesù abbia iniziato la sua ispezione della cristianità nel 1914 e nel 1919, aveva concluso che tutte le altre religioni erano false e che solo gli studenti biblici che in seguito divennero noti come Geova's I Testimoni hanno ottenuto l'approvazione divina. Di conseguenza, ha nominato il Corpo Direttivo come suo schiavo fedele e discreto nel 1919 e da allora sono stati l'unico canale di comunicazione di Dio per i cristiani.

Tutto questo svanisce se il 1914 risulta essere una falsa dottrina. Il punto che stiamo facendo qui è che l'intera dottrina del 1914 dipende da una particolare interpretazione di Luca 21:24. Se questa interpretazione è sbagliata, la dottrina è sbagliata, e se la dottrina è sbagliata, allora i testimoni di Geova non hanno alcuna base per affermare di essere l'unica vera organizzazione di Dio sulla terra. Butta giù quel domino e cadranno tutti.

I testimoni diventano solo un altro gruppo di credenti ben intenzionati, ma fuorviati che seguono gli uomini piuttosto che Dio. (Matteo 15: 9)

Per spiegare perché Luca 21:24 è così critico, dobbiamo capire qualcosa sul calcolo usato per arrivare al 1914. Per questo, dobbiamo andare a Daniele 4 dove leggiamo del sogno di Nabucodonosor di un grande albero che è stato abbattuto e il cui moncone fu legato per sette volte. Daniele interpretò i simboli di questo sogno e predisse che il re Nabucodonosor sarebbe impazzito e avrebbe perso il suo trono per un periodo di sette volte, ma poi, alla fine del tempo, la sua sanità mentale e il suo trono gli sarebbero stati restituiti. La lezione? Nessun essere umano può governare se non con il permesso di Dio. O come dice la Bibbia della NIV:

"L'Altissimo è sovrano su tutti i regni della terra e li dà a chiunque desideri." (Daniele 4:32)

Tuttavia, i Testimoni credono che quello che è successo a Nabucodonosor prefigura qualcosa di più grande. Pensano che ci fornisca un modo per calcolare quando Gesù sarebbe tornato come Re. Naturalmente, Gesù ha detto che "nessun uomo conosce il giorno né l'ora". Ha anche detto che "sarebbe tornato in un momento in cui pensavano che non fosse". Ma non 'giochiamo con le parole di Gesù' quando abbiamo questo piccolo ingegnoso pezzo di matematica che ci guida. (Matteo 24:42, 44; w68 8/15 pp. 500-501 parr. 35-36)

(Per una spiegazione dettagliata della dottrina del 1914, vedi il libro, Il regno di Dio si è avvicinato cap. 14 p. 257)

Fin dall'inizio, riscontriamo un problema. Vedete, dire che ciò che è accaduto a Nabucodonosor prefigura un adempimento più grande è creare quello che viene chiamato adempimento tipico / antitipico. Il libro Il regno di Dio si è avvicinato afferma "questo sogno aveva un realizzazione tipica su Nabucodonosor quando divenne matto per sette letterali "tempi" (anni) e masticò l'erba come un toro nel campo ".

Naturalmente, l'adempimento più grande che coinvolge la presunta intronizzazione di Gesù nel 1914 sarebbe chiamato adempimento antitipico. Il problema con questo è che recentemente, la leadership dei Testimoni ha liquidato gli antitipi o gli adempimenti secondari come "andare oltre ciò che è scritto". In sostanza, contraddicono la loro stessa fonte del 1914.

I sinceri testimoni di Geova hanno scritto al Corpo Direttivo chiedendo se questa nuova luce significhi che il 1914 non può più essere vero, poiché dipende da un adempimento antitipico. In risposta, l'Organizzazione cerca di aggirare questa scomoda conseguenza della loro "nuova luce" affermando che il 1914 non è affatto un antitipo, ma solo un compimento secondario.

Oh si. Questo ha perfettamente senso. Non sono affatto la stessa cosa. Vedete, un adempimento secondario è quando qualcosa che è accaduto nel passato rappresenta qualcosa che accadrà di nuovo in futuro; mentre un adempimento antitipico è quando qualcosa che è accaduto nel passato rappresenta qualcosa che accadrà di nuovo in futuro. La differenza è evidente a chiunque.

Ma diamo loro questo. Lascia che giochino con le parole. Non farà differenza una volta che avremo finito con Luca 21:24. È il fulcro e stiamo per tirarlo fuori e guardare le ruote che cadono.

Per arrivarci, abbiamo bisogno di un piccolo contesto.

Prima ancora che Charles Taze Russell nascesse, un avventista di nome William Miller supponeva che le sette volte del sogno di Nabucodonosor rappresentassero sette anni profetici di 360 giorni ciascuna. Data la formula di un giorno per un anno, li ha sommati per ottenere un arco di tempo di 2,520 anni. Ma un periodo di tempo è inutile come mezzo per misurare la lunghezza di qualsiasi cosa a meno che tu non abbia un punto di partenza, una data da cui contare. Ebbe il 677 aEV, l'anno in cui credeva che il re Manasse di Giuda fosse stato catturato dagli assiri. La domanda è: perché? Di tutte le date che possono essere prese dalla storia di Israele, perché quella?

Torneremo su quello.

Il suo calcolo lo portò al 1843/44 come l'anno in cui Cristo sarebbe tornato. Naturalmente, sappiamo tutti che Cristo non ha obbligato il povero Miller ei suoi seguaci si sono esauriti in disillusione. Un altro avventista, Nelson Barbour, accettò il calcolo di 2,520 anni, ma cambiò l'anno di inizio nel 606 aEV, l'anno in cui credeva che Gerusalemme fosse stata distrutta. Ancora una volta, perché pensava che quell'evento fosse profeticamente significativo? In ogni caso, con un po 'di ginnastica numerica, ha pensato al 1914 come la grande tribolazione, ma ha messo la presenza di Cristo 40 anni prima nel 1874. Anche in questo caso, Cristo non ha obbligato apparendo quell'anno, ma nessuna preoccupazione. Barbour era più astuto di Miller. Ha semplicemente cambiato la sua previsione da un ritorno visibile a uno invisibile.

Fu Nelson Barbour a far appassionare Charles Taze Russell alla cronologia biblica. La data del 1914 rimase l'anno di inizio della grande tribolazione per Russell e seguaci fino al 1969 quando la leadership di Nathan Knorr e Fred Franz la abbandonò per una data futura. I testimoni continuarono a credere che il 1874 fosse l'inizio della presenza invisibile di Cristo fino alla presidenza del giudice Rutherford, quando fu spostato al 1914.

Ma tutto questo, tutto questo, si basa su un anno di inizio del 607 a.C. Perché se non puoi misurare i tuoi 2,520 anni da un anno di inizio, non puoi arrivare alla data di fine del 1914, vero?

Quale base scritturale avevano William Miller, Nelson Barbour e Charles Taze Russell per i rispettivi anni iniziali? Tutti usavano Luca 21:24.

Puoi capire perché lo chiamiamo una scrittura fondamentale. Senza di esso, non è possibile fissare un anno di inizio per il calcolo. Nessun anno di inizio, nessun anno di fine. Nessun anno che finisce, nessun 1914. Nessun 1914, nessun testimone di Geova come popolo eletto di Dio.

Se non riesci a stabilire un anno dal quale eseguire i tuoi calcoli, allora l'intera faccenda diventa una grande fiaba e molto oscura.

Ma non saltiamo a nessuna conclusione. Diamo uno sguardo approfondito a come l'Organizzazione utilizza Luca 21:24 per il loro calcolo del 1914 per vedere se c'è qualche validità nella loro interpretazione.

La frase chiave è (dal Traduzione del Nuovo Mondo): “Gerusalemme sarà calpestata dalle nazioni fino al i tempi nominati delle nazioni sono soddisfatti. "

Il Diodati rende questo: "Gerusalemme sarà calpestata dai Gentili, fino a quando i tempi dei Gentili non saranno compiuti".

Il Traduzione di buone notizie ci dà: "i pagani calpesteranno Gerusalemme fino allo scadere del loro tempo".

Il Versione standard internazionale ha: "Gerusalemme sarà calpestata dai miscredenti fino a quando i tempi dei miscredenti non saranno compiuti".

Potresti chiederti, come diavolo fanno a ottenere un anno di inizio per il loro calcolo da quello? Beh, richiede un po 'di jiggery-pokery piuttosto creativo. Osservare:

La teologia dei testimoni di Geova postula ciò quando Gesù disse Gerusalemme, non si riferiva realmente alla città letterale nonostante il contesto. No, no, no, stupido. Stava introducendo una metafora. Ma più di questo. Questa doveva essere una metafora che sarebbe stata nascosta ai suoi apostoli ea tutti i discepoli; anzi, da tutti i cristiani nel corso dei secoli fino a quando arrivarono i testimoni di Geova ai quali sarebbe stato rivelato il vero significato della metafora. Cosa dicono i Testimoni che Gesù intendeva con "Gerusalemme"?

"Era una restauro del regno di David, che in precedenza aveva dominato a Gerusalemme, ma che era stato rovesciato da Nabucodonosor re di Babilonia nel 607 aEV Quindi ciò che accadde nel 1914 d.C. fu il contrario di quanto accadde nel 607 aEV Ora, ancora una volta, un discendente di Davide regnò. " (Il regno di Dio si è avvicinato, cap. 14 p. 259 par. 7)

Per quanto riguarda il calpestio, insegnano:

“Ciò significava un totale di 2,520 anni (7 × 360 anni). Per così tanto tempo le nazioni dei Gentili mantennero il dominio su tutta la terra. Durante tutto quel tempo che hanno avuto calpestato il diritto del regno messianico di Dio di esercitare il dominio mondiale. "(Il regno di Dio si è avvicinato, cap. 14 p. 260 par. 8)

quindi, il tempi dei gentili si riferisce a un periodo di tempo lungo 2,520 anni, che iniziò nel 607 aEV quando Nabucodonosor calpestò il diritto di Dio di esercitare il dominio mondiale e terminò nel 1914, quando Dio si riprese quel diritto. Ovviamente chiunque può discernere i cambiamenti radicali avvenuti nel 1914 nella scena mondiale. Prima di quell'anno, le nazioni “calpestarono il diritto del regno messianico di Dio di esercitare il dominio mondiale”. Ma da quell'anno, quanto è diventato evidente che le nazioni non sono più in grado di calpestare il diritto del regno messianico di esercitare il dominio mondiale. Sì, i cambiamenti sono ovunque da vedere.

Qual è la loro base per presentare tali richieste? Perché concludono che Gesù non sta parlando della città letterale di Gerusalemme, ma invece sta parlando metaforicamente della restaurazione del regno di David? Perché concludono che il calpestio non si applica alla città letterale, ma alle nazioni che calpestano il diritto di Dio al dominio mondiale? In effetti, da dove prendono l'idea che Geova avrebbe persino permesso alle nazioni di calpestare il suo diritto di governare attraverso l'unto prescelto, Gesù Cristo?

L'intero processo non suona come un caso da manuale di eisegesi? Di imporre il proprio punto di vista sulla Scrittura? Tanto per cambiare, perché non lasciare che la Bibbia parli da sola?

Cominciamo con la frase "tempi dei gentili". Viene da due parole greche: Kairoi Ethnos, letteralmente "tempi dei gentili".  Ethnos si riferisce a nazioni, pagani, gentili — essenzialmente al mondo non ebreo.

Cosa significa questa frase? Normalmente, guarderemmo in altre parti della Bibbia dove è usato per stabilire una definizione, ma non possiamo farlo qui, perché non compare da nessun'altra parte nella Bibbia. È usato solo una volta, e anche se Matteo e Marco coprono la stessa risposta data da nostro Signore alla domanda dei discepoli, solo Luca include questa particolare espressione.

Quindi, lasciamolo per il momento e guardiamo gli altri elementi di questo verso. Quando Gesù parlò di Gerusalemme, stava parlando metaforicamente? Leggiamo il contesto.

“Ma quando vedi Gerusalemme circondata da esercitilo saprai la sua desolazione è vicino. Quindi lascia che quelli che sono in Giudea fuggano sulle montagne, lascia che entrino la città esci e lascia che quelli del paese restino fuori la città. Perché questi sono i giorni della vendetta, per adempiere tutto ciò che è scritto. Come saranno miserabili quei giorni per le donne incinte e che allattano! Perché ci sarà grande angoscia sulla terra e ira contro questo popolo. Cadranno dal bordo della spada e saranno condotti prigionieri in tutte le nazioni. E Gerusalemme sarà calpestato dai Gentili, fino a quando i tempi dei Gentili non saranno compiuti. " (Luca 21: 20-24 BSB)

"Gerusalemme circondato da eserciti ","suo la desolazione è vicina "," esci la città", "stai fuori da la città","Gerusalemme sarà calpestato “… c'è qualcosa qui a suggerire che dopo aver parlato così letteralmente della città reale, Gesù improvvisamente e inspiegabilmente passa nel mezzo di una frase a una Gerusalemme simbolica?

E poi c'è il tempo verbale che usa Gesù. Gesù era un maestro maestro. La sua scelta delle parole era sempre estremamente attenta e puntuale. Non ha commesso errori di grammatica o di verbo. Se i tempi dei Gentili fossero iniziati più di 600 anni prima, a partire dal 607 aEV, allora Gesù non avrebbe usato il tempo futuro, no? Non avrebbe detto che “Gerusalemme sarà calpestato ", perché ciò indicherebbe un evento futuro. Se il calpestio fosse continuato dall'esilio babilonese come sostengono i Testimoni, avrebbe detto correttamente “e Gerusalemme continuerà ad esserlo calpestato. " Ciò indicherebbe un processo che era in corso e che continuerà nel futuro. Ma non ha detto questo. Ha parlato solo di un evento futuro. Riuscite a vedere quanto questo sia devastante per la dottrina del 1914? I testimoni hanno bisogno che le parole di Gesù si applichino a un evento che era già accaduto, non che ancora si verificherà nel suo futuro. Tuttavia, le sue parole non supportano una tale conclusione.

Allora, cosa significano "i tempi dei gentili"? Come ho detto, c'è solo un'occorrenza della frase nell'intera Bibbia, quindi dovremo andare con il contesto di Luca per determinarne il significato.

La parola per gentili (ethnos, da cui otteniamo la nostra parola inglese "etnica") viene utilizzata tre volte in questo passaggio.

Gli ebrei sono condotti in cattività in tutto il mondo ethnos o gentili. Gerusalemme è calpestata o calpestata dai ethnos. E questo calpestio continua fino ai tempi del ethnos è completato. Questo calpestio è un evento futuro, quindi i tempi del ethnos o gentili inizia in futuro e finisce in futuro.

Sembrerebbe, quindi, dal contesto che i tempi dei Gentili inizino con il calpestio della città letterale di Gerusalemme. È il calpestio che è legato ai tempi dei Gentili. Sembrerebbe anche che possano solo calpestare Gerusalemme, perché Geova Dio lo ha permesso rimuovendo la sua protezione. Più che permetterlo, sembrerebbe che Dio stia attivamente usando i gentili per eseguire questo calpestio.

C'è una parabola di Gesù che ci aiuterà a capire meglio questo:

“. . Ancora una volta Gesù parlò loro con illustrazioni, dicendo: “Il Regno dei cieli può essere paragonato a un re che fece un matrimonio per suo figlio. E mandò i suoi schiavi a chiamare quelli invitati alla festa nuziale, ma non erano disposti a venire. Di nuovo mandò altri schiavi, dicendo: 'Di' a quelli invitati: “Guarda! Ho preparato la mia cena, i miei tori e gli animali da ingrasso vengono macellati e tutto è pronto. Vieni alla festa del matrimonio. »« Ma non preoccupati se ne andarono, uno nel suo campo, un altro nei suoi affari; ma gli altri, catturando i suoi schiavi, li trattarono in modo insolito e li uccisero. "Il re si adirò e mandò i suoi eserciti e uccise quegli assassini e bruciò la loro città". (Matteo 22: 1-7)

Il Re (Geova) inviò i suoi eserciti (i gentili romani) e uccise coloro che uccisero suo Figlio (Gesù) e bruciarono la loro città (distrussero totalmente Gerusalemme). Geova Dio stabilì un tempo per i gentili (l'esercito romano) per calpestare Gerusalemme. Una volta completato quel compito, il tempo assegnato ai gentili finì.

Ora potresti avere un'interpretazione diversa, ma qualunque essa sia, possiamo dire con un grado molto alto di certo che i tempi dei gentili non iniziarono nel 607 aEV. Perché? Perché Gesù non stava parlando della “restaurazione del Regno di Davide” che aveva cessato di esistere secoli prima dei suoi giorni. Stava parlando della città letterale di Gerusalemme. Inoltre, non stava parlando di un periodo di tempo preesistente chiamato i tempi dei Gentili, ma di un evento futuro, un tempo che si è rivelato essere più di 30 anni nel suo futuro.

Solo creando collegamenti immaginari tra Luca 21:24 e Daniele capitolo 4 è possibile inventare un anno di partenza per la dottrina del 1914.

E il gioco è fatto! Il fulcro è stato tirato. Le ruote sono venute fuori dalla dottrina del 1914. Quell'anno Gesù non iniziò a governare invisibilmente nei cieli. Gli ultimi giorni non sono iniziati nell'ottobre di quell'anno. La generazione in vita allora non fa parte del conto alla rovescia di Last Days per la distruzione. Allora Gesù non ispezionò il suo tempio e, quindi, non avrebbe potuto scegliere i testimoni di Geova come suo popolo eletto. Inoltre, il Corpo Direttivo - cioè JF Rutherford e compari - non fu nominato Schiavo Fedele e Discreto su tutti i possedimenti materiali dell'Organizzazione nel 1919.

Il carro ha perso le ruote. Il 1914 è una bufala fantasiosa. È l'hocus-pocus teologico. È stato usato dagli uomini per raccogliere seguaci dopo di loro creando la convinzione di avere una conoscenza arcana delle verità nascoste. Instilla la paura nei loro seguaci che li mantiene leali e obbedienti ai comandi degli uomini. Induce un senso artificiale di urgenza che induce le persone a servire con una data in mente e quindi crea una forma di culto basata sulle opere che sovverte la vera fede. La storia ha mostrato l'enorme danno che questo provoca. Le vite delle persone vengono sbilanciate. Prendono decisioni abissali che alterano la vita sulla base della convinzione di poter prevedere quanto sia vicina la fine. Una grande disillusione segue la delusione delle speranze non soddisfatte. Il prezzo è incalcolabile. Lo sconforto che questo induce nel rendersi conto di essere stato fuorviato ha persino indotto alcuni a togliersi la vita.

Le false fondamenta su cui è costruita la religione dei Testimoni di Geova si sono sgretolate. Sono solo un altro gruppo di cristiani con la loro teologia basata sugli insegnamenti degli uomini.

La domanda è: cosa faremo al riguardo? Resteremo sul carro ora che le ruote si sono staccate? Rimarremo a guardare gli altri che ci passano accanto? Oppure ci renderemo conto che Dio ci ha dato due gambe su cui camminare e quindi non abbiamo bisogno di salire sul carro di nessuno. Camminiamo per fede, fede non negli uomini, ma nel nostro Signore Gesù Cristo. (2 Corinti 5: 7)

Grazie per il tuo tempo.

Se desideri supportare questo lavoro, utilizza il link fornito nella casella della descrizione di questo video. Puoi anche inviarmi un'e-mail a Meleti.vivlon@gmail.com in caso di domande o se desideri aiutarci a tradurre i sottotitoli dei nostri video.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.

    Leggi questo nella tua lingua:

    English简体中文DanskNederlandsFilipinoSuomiFrançaisDeutschItaliano日本語한국어ພາສາລາວPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀРусскийEspañolKiswahiliSvenskaதமிழ்TürkçeУкраїнськаTiếng ViệtZulu

    Pagine dell'autore

    Temi

    Articoli per mese

    8
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x