Nel mio ultimo video sulla Trinità, abbiamo esaminato il ruolo dello Spirito Santo e determinato che qualunque cosa sia effettivamente, non è una persona, e quindi non poteva essere la terza gamba nel nostro sgabello Trinity a tre gambe. Ho molti fedeli difensori della dottrina della Trinità che mi attaccano, o in particolare i miei ragionamenti e le scoperte scritturali. C'era un'accusa comune che ho trovato rivelatrice. Sono stato spesso accusato di non comprendere la dottrina della Trinità. Sembravano sentire che stavo creando un argomento di paglia, ma che se avessi veramente capito la Trinità, allora avrei visto il difetto nel mio ragionamento. Quello che trovo interessante è che questa accusa non è mai accompagnata da una spiegazione chiara e concisa di ciò che questi pensano che sia veramente la Trinità. La dottrina della Trinità è una quantità nota. La sua definizione è stata una questione di dominio pubblico per 1640 anni, quindi posso solo concludere che hanno una loro definizione personale della Trinità che differisce da quella ufficiale pubblicata per la prima volta dai vescovi di Roma. O è quello o non sono in grado di sconfiggere il ragionamento, stanno solo ricorrendo alla fionda.

Quando ho deciso per la prima volta di fare questa serie di video sulla dottrina della Trinità, era con l'intenzione di aiutare i cristiani a vedere che sono stati sviati da un falso insegnamento. Avere trascorso la maggior parte della mia vita seguendo gli insegnamenti del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova, solo per rendermi conto negli anni dell'ultimo anno che ero stato ingannato, mi ha dato una forte motivazione per smascherare la falsità ovunque la trovassi. So per esperienza personale quanto possano essere dolorose queste bugie.

Tuttavia, quando ho saputo che quattro evangelisti americani su cinque credono che "Gesù è stato il primo e il più grande essere creato da Dio Padre" e che 6 su 10 pensano che lo Spirito Santo sia una forza e non una persona, ho iniziato a pensare che forse stavo picchiando un cavallo morto. Dopotutto, Gesù non può essere un essere creato ed essere anche pienamente Dio e se lo Spirito Santo non è una persona, allora non c'è trinità di tre persone in un dio. (Sto inserendo un collegamento nella descrizione di questo video al materiale della risorsa per quei dati. È lo stesso collegamento che ho inserito nel video precedente.),

La consapevolezza che la maggior parte dei cristiani potrebbe etichettarsi come trinitaria in modo da essere accettata da altri membri della loro particolare denominazione, mentre allo stesso tempo non accetta i principi fondamentali del trinitarismo, mi ha fatto capire che è necessario un approccio diverso.

Mi piace pensare che molti cristiani condividano il mio desiderio di conoscere in modo completo e accurato il nostro Padre celeste. Naturalmente, questo è l'obiettivo di una vita, una vita eterna basata su ciò che ci dice Giovanni 17: 3, ma vogliamo farne un buon inizio, e questo significa iniziare su solide fondamenta di verità.

Quindi, continuerò a guardare le Scritture che i trinitari più accaniti usano per sostenere la loro fede, ma non solo per mostrare il difetto nel loro ragionamento, ma più di questo, per aiutarci a capire meglio la vera relazione che esiste tra il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.

Se lo faremo, facciamolo bene. Cominciamo con una base su cui possiamo essere tutti d'accordo, che si adatti ai fatti della Scrittura e della natura.

Per farlo, dobbiamo eliminare tutti i nostri pregiudizi e preconcetti. Cominciamo con i termini "monoteismo", "enoteismo" e "politeismo". Un trinitario si considererà un monoteista perché crede in un solo Dio, sebbene un Dio composto da tre persone. Affermerà che anche la nazione di Israele era monoteista. Ai suoi occhi, il monoteismo è buono, mentre l'enotheismo e il politeismo sono cattivi.

Nel caso in cui non siamo chiari sul significato di questi termini:

Il monoteismo è definito come "la dottrina o la convinzione che esiste un solo Dio".

L'enoteismo è definito come "l'adorazione di un dio senza negare l'esistenza di altri dei".

Il politeismo è definito come "la fede o l'adorazione di più di un dio".

Voglio che eliminiamo questi termini. Sbarazzati di loro. Perché? Semplicemente perché se incaselliamo la nostra posizione anche prima di iniziare la nostra ricerca, chiuderemo le nostre menti alla possibilità che ci sia qualcosa di più là fuori, qualcosa che nessuno di questi termini comprende adeguatamente. Come possiamo essere sicuri che uno qualsiasi di questi termini descriva accuratamente la vera natura e adorazione di Dio? Forse nessuno di loro lo fa. Forse mancano tutti il ​​bersaglio. Forse, quando finiremo la nostra ricerca, dovremo inventare un termine completamente nuovo per rappresentare accuratamente i nostri risultati.

Cominciamo con una tabula rasa, perché entrare in una ricerca con un preconcetto ci espone al pericolo di "bias di conferma". Potremmo facilmente, anche inconsapevolmente, trascurare le prove che contraddicono il nostro preconcetto e dare un peso eccessivo alle prove che possono sembrare supportarlo. In tal modo, potremmo perdere l'occasione di trovare una verità più grande che fino a quel momento non avevamo nemmeno preso in considerazione.

Ok, quindi eccoci qui. Da dove cominciare? Probabilmente pensi che un buon punto di partenza sia l'inizio, in questo caso, l'inizio dell'universo.

Il primo libro della Bibbia si apre con questa dichiarazione: "In principio Dio creò i cieli e la terra". (Genesi 1: 1 Bibbia di Re Giacomo)

Tuttavia, c'è un punto migliore per iniziare. Se vogliamo capire qualcosa della natura di Dio, dovremo tornare a prima dell'inizio.

Adesso ti dirò qualcosa e quello che ti dirò è falso. Vedi se riesci a capirlo.

"Dio esisteva in un momento prima che l'universo venisse all'esistenza."

Sembra un'affermazione perfettamente logica, non è vero? Non lo è, ed ecco perché. Il tempo è una parte così intrinseca della vita che diamo poco o nessun pensiero alla sua natura. Semplicemente è. Ma cos'è esattamente il tempo? Per noi, il tempo è una costante, un padrone di schiavi che ci spinge inesorabilmente avanti. Siamo come oggetti che galleggiano in un fiume, trasportati a valle dalla velocità della corrente, incapaci di rallentarla o accelerarla. Esistiamo tutti in un momento fisso nel tempo. Il “me” che esiste ora mentre pronuncio ogni parola cessa di esistere ad ogni momento che passa per essere sostituito dal presente “me”. Il "me" che esisteva all'inizio di questo video è andato per non essere mai sostituito. Non possiamo tornare indietro nel tempo, siamo portati avanti con il movimento del tempo. Tutti esistiamo di momento in momento, solo in un istante di tempo. Pensiamo di essere tutti coinvolti nello stesso flusso di tempo. Che ogni secondo che passa per me è lo stesso che passa per te.

Non è così.

Einstein arrivò e suggerì che il tempo non era questa cosa immutabile. Ha teorizzato che sia la gravità che la velocità possono rallentare il tempo: che se un uomo facesse un viaggio verso la stella più vicina e tornasse indietro viaggiando molto vicino alla velocità della luce, il tempo rallenterebbe per lui. Il tempo sarebbe continuato per tutti coloro che si era lasciato alle spalle e avrebbero invecchiato di dieci anni, ma sarebbe tornato invecchiato solo di poche settimane o mesi a seconda della velocità del suo viaggio.

So che sembra troppo strano per essere vero, ma da allora gli scienziati hanno condotto esperimenti per confermare che il tempo rallenta effettivamente in base all'attrazione gravitazionale e alla velocità. (Metterò alcuni riferimenti a questa ricerca nella descrizione di questo video per coloro che hanno un'inclinazione scientifica che vogliono approfondire.)

Il mio punto in tutto questo è che contrariamente a ciò che considereremmo "buon senso", il tempo non è una costante dell'universo. Il tempo è mutevole o alterabile. La velocità con cui il tempo si muove può cambiare. Ciò indica che il tempo, la massa e la velocità sono tutti correlati. Sono tutti relativi l'uno all'altro, da cui il nome della teoria di Einstein, la teoria della relatività. Abbiamo tutti sentito parlare del Continuum Spazio-Tempo. Per dirla in un altro modo: niente universo fisico, niente tempo. Il tempo è una cosa creata, proprio come la materia è una cosa creata.

Quindi, quando ho detto: "Dio esisteva in un momento prima che l'universo venisse all'esistenza", ho posto una falsa premessa. Non esisteva il tempo prima dell'universo, perché il flusso del tempo fa parte dell'universo. Non è separato dall'universo. Al di fuori dell'universo non c'è materia e non c'è tempo. Fuori c'è solo Dio.

Tu ed io esistiamo nel tempo. Non possiamo esistere al di fuori del tempo. Ne siamo vincolati. Gli angeli esistono anche entro i limiti del tempo. Sono diversi da noi in modi che non comprendiamo, ma sembra che anche loro facciano parte della creazione dell'universo, che l'universo fisico sia solo una parte della creazione, la parte che possiamo percepire e che siano vincolati dal tempo e anche lo spazio. In Daniele 10:13 leggiamo di un angelo inviato in risposta alla preghiera di Daniele. Venne da Daniele da dovunque si trovasse, ma fu trattenuto per 21 giorni da un angelo avversario e fu liberato solo quando Michele, uno degli angeli più importanti, venne in suo aiuto.

Quindi le leggi dell'universo creato governano tutti gli esseri creati che furono creati all'inizio di cui si riferisce Genesi 1: 1.

Dio, d'altra parte, esiste al di fuori dell'universo, al di fuori del tempo, al di fuori di tutte le cose. Non è soggetto a niente ea nessuno, ma tutte le cose sono soggette a lui. Quando diciamo che Dio esiste, non stiamo parlando di vivere per sempre nel tempo. Ci riferiamo a uno stato d'essere. Dio ... semplicemente ... è. Egli è. Lui esiste. Non esiste di momento in momento come io e te. Semplicemente lo è.

Potresti avere difficoltà a capire come Dio possa esistere al di fuori del tempo, ma la comprensione non è richiesta. Accettare questo fatto è tutto ciò che è richiesto. Come ho detto nel video precedente di questa serie, siamo come un cieco nato che non ha mai visto un raggio di luce. Come può un cieco come quello capire che ci sono colori come il rosso, il giallo e il blu? Non può capirli, né possiamo descrivergli quei colori in alcun modo che gli permetta di coglierne la realtà. Deve semplicemente crederci sulla parola che esistono.

Quale nome prenderebbe per sé un essere o un'entità che esiste al di fuori del tempo? Quale nome sarebbe abbastanza unico da non avere diritto a nessun'altra intelligenza? Dio stesso ci dà la risposta. Per favore, vai a Esodo 3:13. Leggerò da World English Bible.

Mosè disse a Dio: "Ecco, quando vengo dai figli d'Israele e dico loro:" L'Iddio dei vostri padri mi ha mandato a voi "; e mi chiedono: "Qual è il suo nome?" Cosa dovrei dire loro? " Dio disse a Mosè: "IO SONO COLUI CHE SONO", e lui disse: "Dirai ai figli d'Israele questo: 'IO SONO mi ha mandato a te'". Dio disse inoltre a Mosè: "Lo dirai ai bambini d'Israele questo: "L'Eterno, l'Iddio dei vostri padri, l'Iddio di Abramo, l'Iddio di Isacco e l'Iddio di Giacobbe, mi ha mandato da voi". Questo è il mio nome per sempre, e questo è il mio memoriale per tutte le generazioni ". (Esodo 3: 13-15 WEB)

Qui dà il suo nome due volte. Il primo è "io sono", che è ehi in ebraico per "io esisto" o "io sono". Quindi dice a Mosè che i suoi antenati Lo conoscevano con il nome YHWH, che traduciamo come "Yahweh" o "Geova" o forse "Yehowah". Entrambe queste parole in ebraico sono verbi e sono espresse come tempi verbali. Questo è uno studio molto interessante e merita la nostra attenzione, tuttavia altri hanno fatto un ottimo lavoro nello spiegarlo, quindi non reinventerò la ruota qui. Invece, metterò un collegamento nella descrizione di questo video a due video che ti forniranno le informazioni necessarie per comprendere meglio il significato del nome di Dio.

Basti dire che per i nostri scopi oggi, solo Dio può contenere il nome "io esisto" o "io sono". Che diritto ha un essere umano su un simile nome? Lavoro dice:

"Uomo, nato da donna,
È di breve durata e pieno di guai.
Viene su come un fiore e poi appassisce;
Fugge come un'ombra e scompare. "
(Giobbe 14: 1, 2 NM)

La nostra esistenza è troppo effimera per giustificare un nome del genere. Solo Dio è sempre esistito e sempre esisterà. Solo Dio esiste al di là del tempo.

Per inciso, lasciatemi affermare che uso il nome Geova per riferirmi a YHWH. Preferisco Yehowah perché penso che sia più vicino alla pronuncia originale, ma un amico mi ha aiutato a vedere che se uso Yehowah, quindi per motivi di coerenza, dovrei riferirmi a Gesù come Yeshua, poiché il suo nome contiene il nome divino in la forma di un'abbreviazione. Quindi, per motivi di coerenza piuttosto che per accuratezza di pronuncia in linea con le lingue originali, userò "Geova" e "Gesù". In ogni caso, non credo che la pronuncia precisa sia un problema. Ci sono quelli che sollevano un gran polverone sulla pronuncia corretta, ma secondo me molte di queste persone stanno davvero cercando di convincerci a non usare affatto il nome, e cavillare sulla pronuncia è uno stratagemma. Dopotutto, anche se conoscessimo la pronuncia esatta nell'ebraico antico, la stragrande maggioranza della popolazione mondiale non potrebbe usarla. Mi chiamo Eric, ma quando vado in un paese latinoamericano, poche sono le persone che riescono a pronunciarlo correttamente. Il suono finale della "C" viene eliminato o talvolta sostituito con una "S". Suonerà come "Eree" o "Erees". È sciocco pensare che la pronuncia corretta sia ciò che conta davvero per Dio. Ciò che conta per lui è che capiamo cosa rappresenta il nome. Tutti i nomi in ebraico hanno un significato.

Adesso voglio fermarmi un attimo. Potresti pensare che tutto questo parlare di tempo, nomi ed esistenza sia accademico e non veramente critico per la tua salvezza. Suggerirei diversamente. A volte la verità più profonda è nascosta in bella vista. È sempre stato lì, in piena vista, ma non l'abbiamo mai capito per quello che era veramente. Questo è ciò di cui abbiamo a che fare qui, secondo me.

Spiegherò riaffermando i principi che abbiamo appena discusso in forma di punti:

  1. Geova è eterno.
  2. Geova non ha inizio.
  3. Geova esiste prima del tempo e fuori dal tempo.
  4. I cieli e la terra di Genesi 1: 1 ebbero un inizio.
  5. Il tempo faceva parte della creazione dei cieli e della terra.
  6. Tutte le cose sono soggette a Dio.
  7. Dio non può essere soggetto a nulla, compreso il tempo.

Sei d'accordo con queste sette affermazioni? Prenditi un momento, meditalo e consideralo. Le considereresti assiomatiche, vale a dire verità evidenti e indiscutibili?

Se è così, allora hai tutto ciò di cui hai bisogno per respingere la dottrina della Trinità come falsa. Hai tutto ciò di cui hai bisogno anche per respingere l'insegnamento sociniano come falso. Dato che queste sette affermazioni sono assiomi, Dio non può esistere come Trinità né possiamo dire che Gesù Cristo è venuto all'esistenza solo nel grembo di Maria come fanno i Sociniani.

Come posso dire che accettare questi sette assiomi elimina la possibilità di quegli insegnamenti diffusi? Sono sicuro che i Trinitari là fuori accetteranno gli assiomi appena dichiarati mentre allo stesso tempo affermeranno che non hanno alcun impatto sulla Divinità così come la percepiscono.

Giusto. Ho fatto un'affermazione, quindi ora devo provarlo. Cominciamo con la piena implicazione del punto 7: "Dio non può essere soggetto a nulla, compreso il tempo".

L'idea che potrebbe offuscare la nostra percezione è il malinteso su ciò che è possibile per Geova Dio. Di solito pensiamo che tutto sia possibile per Dio. Dopo tutto, la Bibbia non lo insegna davvero?

"Guardandoli in faccia, Gesù disse loro:" Agli uomini questo è impossibile, ma a Dio ogni cosa è possibile "" (Matteo 19:26)

Tuttavia, in un altro punto, abbiamo questa affermazione apparentemente contraddittoria:

"... è impossibile per Dio mentire ..." (Ebrei 6:18)

Dovremmo essere felici che sia impossibile per Dio mentire, perché se può mentire, allora può anche fare altre cose malvagie. Immagina un Dio onnipotente che può commettere atti immorali come, oh, non lo so, torturare le persone bruciandole vive, quindi usando il suo potere per mantenerle in vita mentre le brucia più e più volte, senza mai permettere loro alcuna fuga per sempre. Yikes! Che scenario da incubo!

Naturalmente, il dio di questo mondo, Satana il Diavolo, è malvagio e se fosse onnipotente, probabilmente apprezzerebbe un simile scenario, ma Geova? Non c'è modo. Geova è giusto, giusto e buono e più di ogni altra cosa, Dio è amore. Quindi non può mentire perché questo lo renderebbe immorale, malvagio e malvagio. Dio non può fare nulla che corrompe il suo carattere, lo limiti in alcun modo, né lo renda soggetto a nessuno o a niente. In breve, Geova Dio non può fare nulla che possa sminuirlo.

Tuttavia, anche le parole di Gesù riguardo a tutte le cose possibili per Dio sono vere. Guarda il contesto. Ciò che Gesù sta dicendo è che nulla che Dio vuole realizzare è al di là della sua capacità di realizzare. Nessuno può porre un limite a Dio perché per lui tutto è possibile. Quindi un Dio d'amore che vuole stare con la sua creazione, come lo era con Adamo ed Eva, creerà un mezzo per farlo, che non limita in alcun modo la sua natura divina sottoponendosi in alcun modo a qualcosa.

Così il gioco è fatto. L'ultimo pezzo del puzzle. lo vedi adesso?

Non l'ho fatto. Per molti anni non sono riuscito a vederlo. Tuttavia, come tante verità universali, è abbastanza semplice e abbastanza ovvio una volta rimossi i paraocchi del preconcetto istituzionale e dei pregiudizi, siano essi dall'organizzazione dei Testimoni di Geova, o dalla Chiesa cattolica o da qualsiasi altra istituzione che insegna falsi insegnamenti su Dio.

La domanda è: come può Geova Dio, che esiste al di là del tempo e che non può essere soggetto a nulla, entrare nella sua creazione e sottomettersi al flusso del tempo? Non può essere diminuito, tuttavia, se viene nell'universo per stare con i suoi figli, allora, come noi, deve esistere di momento in momento, soggetto proprio al tempo che ha creato. Dio Onnipotente non può essere soggetto a nulla. Ad esempio, considera questo account:

“. . In seguito udirono la voce di Geova Dio mentre camminava nel giardino nella parte ventilata della giornata, e l'uomo e sua moglie si nascosero dalla faccia di Geova Dio tra gli alberi del giardino ". (Genesi 3: 8 NWT)

Hanno sentito la sua voce e hanno visto la sua faccia. Come può essere?

Anche Abraamo vide Geova, mangiò con lui, parlò con lui.

“. . .Poi gli uomini partirono di là e andarono verso Sodoma, ma Geova rimase con Abrahamo ... Quando Geova finì di parlare ad Abraamo, se ne andò e Abraamo tornò al suo posto ". (Genesi 18:22, 33)

Tutto è possibile con Dio, quindi ovviamente Geova Dio ha trovato un modo per esprimere il suo amore per i suoi figli stando con loro e guidandoli senza limitare o sminuire se stesso in alcun modo. Come ci è riuscito?

La risposta è stata data in uno degli ultimi libri scritti nella Bibbia in un racconto parallelo di Genesi 1: 1. Qui l'apostolo Giovanni approfondisce il racconto della Genesi rivelando una conoscenza fino ad allora nascosta.

“In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio. All'inizio era con Dio. Tutte le cose vennero all'esistenza per mezzo di Lui e, a parte Lui, nemmeno una cosa venne all'esistenza che è venuta all'esistenza ". (Giovanni 1: 1-3 New American Standard Bible)

Ci sono un certo numero di traduzioni che rendono l'ultima parte del verso uno come "la Parola era un dio". Ci sono anche traduzioni che lo rendono come "la Parola era divina".

Grammaticamente, c'è una giustificazione da trovare per ogni rendering. Quando c'è ambiguità in un testo, il vero significato viene rivelato determinando quale versione è armoniosa con il resto della Scrittura. Quindi, mettiamo da parte per il momento qualsiasi controversia sulla grammatica e concentriamoci sulla Parola o sul Logos stesso.

Chi è la Parola e, di pari importanza, perché è la Parola?

Il "perché" è spiegato nel versetto 18 dello stesso capitolo.

“Nessuno ha mai visto Dio; l'unico Dio generato che è nel seno del Padre, lo ha spiegato ". (Giovanni 1:18 NASB 1995) [Vedi anche, Tim 6:16 e Giovanni 6:46]

Il Logos è un Dio generato. Giovanni 1:18 ci dice che nessuno ha mai visto Geova Dio, ed è proprio per questo che Dio creò il Logos. Il Logos o Parola è divino, esiste nella forma di Dio come ci dice Filippesi 2: 6. È un Dio, il Dio visibile, che spiega il Padre. Adamo, Eva e Abraamo non videro Geova Dio. Nessun uomo ha mai visto Dio, dice la Bibbia. Hanno visto la Parola di Dio, il Logos. Il Logos è stato creato o generato in modo che potesse colmare il divario tra Dio Onnipotente e la sua creazione universale. La Parola o Logos può entrare nella creazione ma può anche essere con Dio.

Poiché Geova generò il Logos prima della creazione dell'universo, sia l'universo spirituale che quello fisico, il Logos esisteva prima del tempo stesso. È quindi eterno come Dio.

Come può un essere nato o generato non avere un inizio? Ebbene, senza tempo non ci può essere né inizio né fine. L'eternità non è lineare.

Per capirlo, tu ed io dovremmo comprendere aspetti del tempo e l'assenza di tempo che sono al di là della nostra capacità di comprendere attualmente. Ancora una volta, siamo come persone cieche che cercano di capire il colore. Ci sono alcune cose che dobbiamo accettare perché sono chiaramente indicate nella Scrittura, perché sono semplicemente al di là della nostra scarsa capacità mentale di comprendere. Geova ci dice:

“Poiché i miei pensieri non sono i vostri pensieri, né le vostre vie sono le mie vie, dice l'Eterno. Poiché come i cieli sono più alti della terra, così le mie vie sono più alte delle vostre vie e i miei pensieri dei vostri pensieri. Poiché come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano, ma annaffiano la terra, facendola produrre e germogliare, dando seme al seminatore e pane al mangiatore, così sarà la mia parola che esce dalla mia bocca ; non mi tornerà vuoto, ma realizzerà ciò che mi propongo e riuscirà nella cosa per cui l'ho mandato ". (Isaia 55: 8-11 ESV)

Basti dire che il Logos è eterno, ma è stato generato da Dio, e quindi è subordinato a Dio. Nel tentativo di aiutarci a comprendere l'incomprensibile, Geova usa l'analogia di un padre e di un figlio, ma il Logos non è nato come è nato un bambino umano. Forse potremmo capirlo in questo modo. Eva non è nata, né è stata creata come Adamo, ma è stata tolta dalla sua carne, dalla sua natura. Quindi, era carne, la stessa natura di Adamo, ma non lo stesso essere di Adamo. Il Verbo è divino perché è fatto da Dio, unico in tutta la creazione essendo l'unico generato da Dio. Tuttavia, come ogni figlio, è distinto dal Padre. Non è Dio, ma un essere divino a se stesso. Un'entità distinta, un Dio, sì, ma il Figlio di Dio Onnipotente. Se fosse Dio stesso, allora non potrebbe entrare nella creazione per stare con i figli degli uomini, perché Dio non può essere sminuito.

Lascia che te lo spieghi in questo modo. Al centro del nostro sistema solare si trova il sole. Al centro del sole, la materia è così calda che irradia a 27 milioni di gradi. Se potessi teletrasportare un pezzo del nucleo del sole delle dimensioni di un marmo a New York City, cancelleresti istantaneamente la città per miglia intorno. Ci sono miliardi di soli, all'interno di miliardi di galassie, e colui che li ha creati tutti è più grande di tutti loro. Se fosse entrato nel tempo, avrebbe cancellato il tempo. Se fosse entrato nell'universo, avrebbe cancellato l'universo.

La sua soluzione al problema era generare un Figlio che potesse manifestarsi agli uomini, come fece nella forma di Gesù. Potremmo quindi dire che Geova è il Dio invisibile, mentre il Logos è il Dio visibile. Ma non sono lo stesso essere. Quando il Figlio di Dio, la Parola, parla per Dio, è a tutti gli effetti, Dio. Tuttavia, non è vero il contrario. Quando il Padre parla, non parla per il Figlio. Il Padre fa quello che vuole. Il Figlio, invece, fa ciò che il Padre vuole. Lui dice,

“In verità, in verità vi dico che il Figlio non può fare nulla da Sé, se non qualcosa che può vedere fare dal Padre; poiché qualunque cosa faccia, anche queste cose il Figlio fa lo stesso. Perché il Padre ama il Figlio e gli mostra tutte le cose che fa. E gli mostrerà opere più grandi di queste, così che tu possa meravigliarti.

Perché come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi vuole. Poiché il Padre non giudica nessuno, ma ha dato tutto il giudizio al Figlio, affinché tutti onorino il Figlio, proprio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio non onora il Padre, Colui che Lo ha mandato…. Non cerco la mia volontà, ma la volontà di Colui che Mi ha mandato.
(Giovanni 5: 19-23, 30 Bibbia letterale bereana)

In un altro punto dice: “Andò un po 'più in là e cadde con la faccia a terra, e pregò, dicendo:“ O Padre mio, se è possibile, lascia che questo calice passi da Me; tuttavia, non come voglio io, ma come vuoi tu. " (Matteo 26:39 NKJV)

Come individuo, un essere senziente creato a immagine di Dio, il Figlio ha la sua volontà, ma quella volontà è sottomessa a Dio, quindi quando agisce come la Parola di Dio, il Logos, il Dio visibile inviato da Geova, è il Rappresenta la volontà del padre.

Questo è davvero il punto di Giovanni 1:18.

Il Logos o Parola può essere con Dio perché esiste nella forma di Dio. Questo è qualcosa che non si può dire di nessun altro essere senziente.

Filippesi dice,

"Poiché questa mente sia in voi che [è] anche in Cristo Gesù, il quale, essendo nella forma di Dio, pensò [che] non fosse qualcosa da afferrare per essere uguale a Dio, ma svuotò Se stesso, avendo preso la forma di un servo, essendo stato creato a somiglianza di uomini, ed essendo stato trovato in apparenza come un uomo, si è umiliato, essendo diventato obbediente alla morte, anche alla morte di croce, anche per questo motivo Dio Lo ha altamente esaltato, e Gli diede un Nome che [è] al di sopra di ogni nome, affinché nel Nome di Gesù ogni ginocchio possa piegarsi - dei celesti, dei terreni e di ciò che è sotto la terra - e ogni lingua possa confessare che Gesù Cristo [è] il SIGNORE, alla gloria di Dio Padre ". (Filippesi 2: 5-9 Traduzione letterale di Young)

Qui possiamo davvero apprezzare la natura subordinata del Figlio di Dio. Era con Dio, esisteva nell'eternità senza tempo nella forma di Dio o l'essenza eterna di Geova in mancanza di un termine migliore.

Ma il Figlio non può rivendicare il nome YHWH, "io sono" o "io esisto", perché Dio non può morire o cessare di esistere, eppure il Figlio può farlo e lo ha fatto, per tre giorni. Si è svuotato, diventando un essere umano, soggetto a tutti i limiti dell'umanità, anche alla morte in croce. Geova Dio non poteva farlo. Dio non può morire, né subire le umiliazioni che Gesù ha sofferto.

Senza un Gesù preesistente come il Logos, senza un Gesù subordinato, noto anche come Parola di Dio in Apocalisse 19:13, non potrebbe esserci modo per Dio di interagire con la sua creazione. Gesù è il ponte che unisce l'eternità con il tempo. Se Gesù venne all'esistenza solo nel grembo di Maria, come alcuni sostengono, allora come interagì Geova Dio con la sua creazione, sia angelica che umana? Se Gesù è completamente Dio come suggeriscono i trinitari, allora siamo tornati al punto in cui siamo partiti con Dio che non è stato in grado di ridursi allo stato di essere creato e di sottomettersi al tempo.

Quando Isaia 55:11, che abbiamo appena considerato, dice che Dio invia la sua parola, non sta parlando metaforicamente. Il Gesù preesistente era ed è l'incarnazione della parola di Dio. Considera Proverbi 8:

Il Signore mi ha creato come sua prima portata,
prima delle sue opere antiche.
Dall'eternità sono stato stabilito,
dall'inizio, prima che la terra iniziasse.
Quando non c'erano profondità acquose, sono stato generato,
quando nessuna sorgente traboccava d'acqua.
Prima che le montagne si stabilissero,
prima delle colline, sono stato generato,
prima che creasse la terra oi campi,
o qualsiasi polvere della terra.
Ero lì quando ha stabilito i cieli,
quando ha inscritto un cerchio sulla faccia dell'abisso,
quando stabilì le nuvole in alto,
quando sgorgavano le fonti degli abissi,
quando ha stabilito un confine per il mare,
in modo che le acque non superassero il suo comando,
quando ha tracciato le fondamenta della terra.
Allora ero un abile artigiano al suo fianco,
e la sua gioia giorno dopo giorno,
rallegrandoci sempre alla sua presenza.
Gioivo in tutto il suo mondo,
godendo insieme dei figli degli uomini.

(Proverbi 8: 22-31 BSB)

La saggezza è l'applicazione pratica della conoscenza. Essenzialmente, la saggezza è conoscenza in azione. Dio conosce tutte le cose. La sua conoscenza è infinita. Ma solo quando applica quella conoscenza c'è saggezza.

Questo proverbio non sta parlando di Dio che crea la saggezza come se quella qualità non esistesse già in lui. Sta parlando della creazione dei mezzi con cui è stata applicata la conoscenza di Dio. L'applicazione pratica della conoscenza di Dio fu compiuta dalla sua Parola, il Figlio da lui generato per mezzo del quale, da chi e per il quale fu compiuta la creazione dell'universo.

Ci sono diverse Scritture nelle Scritture precristiane, note anche come Antico Testamento, che parlano chiaramente di Geova che fa qualcosa e per le quali troviamo una controparte nelle Scritture cristiane (o nel Nuovo Testamento) dove Gesù è colui di cui si parla come adempiere la profezia. Ciò ha portato i Trinitari a concludere che Gesù è Dio, che il Padre e il Figlio sono due persone in un essere. Tuttavia, questa conclusione crea molti problemi con innumerevoli altri passaggi che indicano che Gesù è subordinato al Padre. Credo che la comprensione del vero scopo per cui Dio Onnipotente generò un figlio divino, un dio a sua somiglianza, ma non il suo equivalente, un dio che poteva attraversare tra il Padre eterno e senza tempo e la Sua creazione ci permette di armonizzare tutti i versi e arrivare a una comprensione che pone un solido fondamento per il nostro scopo eterno di conoscere sia il Padre che il Figlio, proprio come ci dice Giovanni:

"La vita eterna è conoscere te, l'unico vero Dio, e conoscere Gesù Cristo, colui che hai mandato". (Giovanni 17: 3 Versione inglese conservatrice)

Possiamo conoscere il Padre solo attraverso il Figlio, perché è il Figlio che interagisce con noi. Non c'è bisogno di considerare il Figlio come equivalente al Padre in tutti gli aspetti, per credere in lui come pienamente Dio. In effetti, una tale convinzione ostacolerà la nostra comprensione del Padre.

Nei prossimi video, esaminerò i testi di prova che i Trinitari utilizzano per supportare il loro insegnamento e dimostrerò come in ogni caso, la comprensione che abbiamo appena esaminato si adatta senza che dobbiamo creare una triade artificiale di persone che formano una Divinità.

Nel frattempo, vorrei ringraziarti per la visione e per il tuo continuo supporto.

______________________________________________________

, https://www.christianitytoday.com/news/2018/october/what-do-christians-believe-ligonier-state-theology-heresy.html

Meleti Vivlon

Articolo di Meleti Vivlon.
    32
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x