Secondo me, una delle cose più pericolose che puoi dire come proclamatore della buona notizia è: "la Bibbia dice ...". Lo diciamo sempre. Lo dico sempre. Ma c'è un vero pericolo se non stiamo molto, molto attenti. È come guidare una macchina. Lo facciamo tutto il tempo e non ci pensiamo niente; ma possiamo facilmente dimenticare che stiamo guidando un macchinario molto pesante e in rapido movimento che può causare danni incredibili se non controllato con grande cura. 

Il punto che sto cercando di sottolineare è questo: quando diciamo: "la Bibbia dice ...", stiamo assumendo la voce di Dio. Quello che viene dopo non è da noi, ma da Geova Dio stesso. Il pericolo è che questo libro che ho in mano non è la Bibbia. È l'interpretazione di un traduttore del testo originale. È una traduzione della Bibbia e, in questo caso, non particolarmente buona. In effetti, queste traduzioni sono spesso chiamate versioni.

  • NIV - Nuova versione internazionale
  • ESV - Versione standard inglese
  • NKJV - Nuova versione di King James

Se ti viene chiesta la tua versione di qualcosa, qualunque essa sia, cosa significa?

Questo è il motivo per cui utilizzo risorse come biblehub.com e bibliatodo.com che ci danno molte traduzioni della Bibbia da rivedere mentre cerchiamo di scoprire la verità su un passo della Scrittura, ma a volte anche questo non è abbastanza. Il nostro studio di oggi è un ottimo esempio calzante.

Leggiamo 1 Corinzi 11: 3.

“Ma voglio che tu sappia che il capo di ogni uomo è il Cristo; a sua volta, la testa di una donna è l'uomo; a sua volta, la testa di Cristo è Dio. ”(1 Corinthians 11: 3 NWT)

Qui la parola "testa" è una traduzione inglese per la parola greca kephalé. Se parlassi in greco della testa che poggia sulle mie spalle, userei la parola kephalé.

Ora, la Traduzione del Nuovo Mondo è irrilevante nella sua interpretazione di questo verso. Infatti, tranne due, le altre 27 versioni elencate su biblehub.com renderanno kephale come capo. Le due eccezioni di cui sopra rendono kephale dal suo presunto significato. Ad esempio, la Good News Translation ci offre questa interpretazione:

“Ma voglio che tu capisca che Cristo lo è supremo ogni uomo, il marito è supremo su sua moglie, e Dio è supremo su Cristo ".

L'altro è la traduzione della PAROLA DI DIO che recita:

“Tuttavia, voglio che tu capisca che Cristo l'ha fatto autorità finita ogni uomo, un marito ha autorità su sua moglie e Dio ha autorità su Cristo ".

Adesso dirò qualcosa che suonerà presuntuoso - io, non essendo uno studioso della Bibbia e tutto il resto - ma tutte queste versioni sbagliano. Questa è la mia opinione come traduttore. Ho lavorato come traduttore professionista nella mia giovinezza e, sebbene non parli greco, so che l'obiettivo della traduzione è trasmettere accuratamente il pensiero e il significato originali nell'originale.

Una semplice traduzione parola per parola non sempre lo fa. In effetti, spesso può metterti nei guai a causa di qualcosa chiamato semantica. La semantica si occupa del significato che diamo alle parole. Illustrerò. In spagnolo, se un uomo dice a una donna "ti amo", potrebbe dire "Te amo" (letteralmente "ti amo"). Tuttavia, come comune se non di più è, "Te quiero" (letteralmente, "ti voglio"). In spagnolo, entrambi significano essenzialmente la stessa cosa, ma se dovessi tradurre "Te quiero" in inglese usando una traduzione parola per parola - "Ti voglio" - trasmetterei lo stesso significato? Dipenderebbe dalle circostanze, ma dire a una donna in inglese che la vuoi non sempre implica l'amore, almeno quello romantico.

Cosa ha a che fare questo con 1 Corinti 11: 3? Ah, ecco dove le cose si fanno davvero interessanti. Vedete - e penso che possiamo essere tutti d'accordo su questo - quel verso non sta parlando della testa letterale, ma piuttosto usa la parola "testa" in senso figurato come simbolo di autorità. È come quando diciamo "capo dipartimento", ci riferiamo al capo di quel particolare dipartimento. Quindi, in quel contesto, in senso figurato, "testa" si riferisce alla persona che ha autorità. A quanto mi risulta, questo è anche il caso del greco oggi. Tuttavia, ed ecco il problema, il greco parlato ai giorni di Paolo, 2,000 anni fa, non usava kephale ("Testa") in questo modo. Come è possibile? Bene, sappiamo tutti che le lingue cambiano nel tempo.

Ecco alcune parole usate da Shakespeare che significano qualcosa di molto diverso oggi.

  • BRAVE - Bello
  • DIVANO - Per andare a dormire
  • EMBOSS - Per tracciare con l'intento di uccidere
  • KNAVE - Un ragazzino, un servitore
  • MATE - Per confondere
  • QUAINT - Bello, ornato
  • RISPETTO - Prevedenza, considerazione
  • ANCORA - Sempre, per sempre
  • ABBONAMENTO - Acquiescenza, obbedienza
  • FISCALE - Colpa, censura

Questo è solo un campione e ricorda che sono stati usati solo 400 anni fa, non 2,000.

Il punto è che se la parola greca per "testa" (kephale) non era usato ai tempi di Paolo per trasmettere l'idea di avere autorità su qualcuno, quindi una traduzione parola per parola in inglese non avrebbe indotto in errore il lettore a una comprensione sbagliata?

Il lessico greco-inglese più completo oggi esistente è quello pubblicato per la prima volta nel 1843 da Liddell, Scott, Jones e McKenzie. È un lavoro davvero impressionante. Oltre 2,000 pagine, copre il periodo della lingua greca da mille anni prima di Cristo a seicento anni dopo. I suoi risultati sono tratti dall'esame di migliaia di scritti greci in quel periodo di 1600 anni. 

Elenca un paio di dozzine di significati per kephale usato in quegli scritti. Se vuoi verificarlo tu stesso, inserirò un link alla versione online nella descrizione di questo video. Se ci vai, vedrai di persona che non c'è alcun significato in greco di quel periodo che corrisponda al significato inglese per testa come "autorità su" o "supremo su". 

Quindi, una traduzione parola per parola è semplicemente sbagliata in questo caso.

Se pensi che forse questo lessico sia solo influenzato dal pensiero femminista, tieni presente che questo è stato originariamente pubblicato a metà del 1800 molto prima che ci fosse un movimento femminista. Allora abbiamo a che fare con una società completamente dominata dagli uomini.

Sto davvero sostenendo che tutti questi traduttori della Bibbia abbiano sbagliato? Sì, lo sono. E per aggiungere le prove, diamo un'occhiata al lavoro di altri traduttori, in particolare i 70 responsabili della traduzione dei Settanta delle Scritture Ebraiche in greco fatta nei secoli prima dell'arrivo di Cristo.

La parola per "testa" in ebraico è ro'sh e porta l'uso figurativo di uno in autorità o di un capo proprio come in inglese. La parola ebraica ro'sh (testa) usata in senso figurato per indicare leader o capo si trova circa 180 volte nell'Antico Testamento. Sarebbe la cosa più naturale per un traduttore usare la parola greca, kephalé, come traduzione in quei luoghi se aveva lo stesso significato della parola ebraica - "testa" per "testa". Tuttavia, troviamo che i vari traduttori usavano altre parole per tradurre ro'sh in greco. Il più comune dei quali era arcoōn che significa "sovrano, comandante, leader". Altre parole sono state usate, come "capo, principe, capitano, magistrato, ufficiale"; ma ecco il punto: se kephale significava qualsiasi di queste cose, sarebbe più normale che un traduttore lo usasse. Non l'hanno fatto.

Sembrerebbe che i traduttori della Settanta sapessero che la parola kephale come si diceva ai loro giorni non trasmetteva l'idea di un capo o di un sovrano o di uno che ha autorità, e così scelsero altre parole greche per tradurre la parola ebraica ro'sh (testa).

Dato che tu ed io, in quanto anglofoni, leggemmo "il capo dell'uomo è il Cristo, il capo della donna è l'uomo, il capo del Cristo è Dio" e lo prenderemmo come riferimento a una struttura di autorità o catena di comando, puoi capire perché sento che i traduttori hanno lasciato cadere la palla durante la traduzione di 1 Corinzi 11: 3. Non sto dicendo che Dio non abbia autorità su Cristo. Ma non è di questo che parla 1 Corinzi 11: 3. C'è un messaggio diverso qui e viene perso a causa della cattiva traduzione.

Qual è quel messaggio perso?

In senso figurato, la parola kephale può significare "top" o "crown". Può anche significare "fonte". Abbiamo conservato l'ultimo nella nostra lingua inglese. Ad esempio, la sorgente di un fiume è indicata come "acque di testa". 

Gesù è indicato come la fonte della vita, in particolare la vita del corpo di Cristo.

"Ha perso la connessione con la testa, da cui tutto il corpo, sostenuto e unito dalle sue articolazioni e legamenti, cresce mentre Dio lo fa crescere". (Colossesi 2:19 BSB)

Un pensiero parallelo si trova in Efesini 4:15, 16:

"Ha perso la connessione con la testa, da cui l'intero corpo, sostenuto e unito dalle sue articolazioni e legamenti, cresce mentre Dio lo fa crescere". (Efesini 4:15, 16 BSB)

Cristo è il capo (fonte di vita) del corpo che è la Congregazione cristiana.

Con questo in mente, facciamo una piccola modifica testuale per conto nostro. Ehi, se i traduttori di la Traduzione del Nuovo Mondo possiamo farlo inserendo "Geova" dove l'originale metteva "Signore", quindi possiamo farlo anche noi, giusto?

"Ma voglio che tu capisca che la [fonte] di ogni uomo è Cristo, e la [fonte] della donna è l'uomo, e la [fonte] di Cristo è Dio". (1 Corinzi 11: 3 BSB)

Sappiamo che Dio come il Padre è la fonte dell'unigenito Dio, Gesù. (Giovanni 1:18) Gesù era il dio per mezzo del quale, dal quale e per il quale tutte le cose furono fatte secondo Colossesi 1:16, e così, quando fu creato Adamo, fu per mezzo di Gesù. Quindi, hai Geova, fonte di Gesù, Gesù, fonte dell'uomo.

Geova -> Gesù -> Uomo

Ora la donna, Eva, non è stata creata dalla polvere del suolo come lo era l'uomo. Invece, è stata fatta da lui, dal suo fianco. Non stiamo parlando di due creazioni distinte qui, ma tutti - maschio o femmina - derivano dalla carne del primo uomo.

Geova -> Gesù -> Uomo -> Donna

Ora, prima di andare oltre, so che ci saranno alcuni là fuori che scuotono la testa a questo mormorio “No, no, no, no. No, no, no, no. " Mi rendo conto che qui stiamo sfidando una visione del mondo di lunga data e molto apprezzata. Ok, quindi adottiamo il punto di vista opposto e vediamo se funziona. A volte il modo migliore per dimostrare se qualcosa funziona è portarlo alla sua logica conclusione.

Geova Dio ha autorità su Gesù. Va bene, va bene. Gesù ha autorità sugli uomini. Anche questo va bene. Ma aspetta, Gesù non ha autorità anche sulle donne, o deve passare attraverso gli uomini per esercitare la sua autorità sulle donne. Se 1 Corinzi 11: 3 è tutto incentrato su una catena di comando, una gerarchia di autorità, come alcuni sostengono, allora dovrebbe esercitare la sua autorità tramite l'uomo, ma non c'è nulla nella Scrittura a sostegno di tale visione.

Ad esempio, nel Giardino, quando Dio parlò ad Eva, lo fece direttamente e lei rispose da sola. L'uomo non era coinvolto. Questa era una discussione padre-figlia. 

È un dato di fatto, non penso che possiamo sostenere la teoria della catena di comando nemmeno per quanto riguarda Gesù e Geova. Le cose sono più complicate di così. Gesù ci dice che alla sua risurrezione "gli è stata concessa ogni autorità in cielo e in terra". (Matteo 28:18) Sembra che Geova si sia seduto e abbia lasciato che Gesù governasse, e continuerà a farlo fino al momento in cui Gesù avrà portato a termine tutti i suoi compiti, momento in cui il figlio si sottometterà di nuovo al Padre. (1 Corinzi 15:28)

Quindi, quello che abbiamo per quanto riguarda l'autorità è Gesù l'unico leader, e la congregazione (uomini e donne) insieme come uno sotto di lui. Una sorella single non ha motivo di considerare tutti gli uomini della congregazione come aventi autorità su di lei. La relazione marito-moglie è una questione separata che tratteremo in seguito. Per ora parliamo di autorità all'interno della congregazione, e cosa ci dice l'apostolo al riguardo?

“Siete tutti figli di Dio mediante la fede in Cristo Gesù. Poiché tutti voi che siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo. Non c'è né ebreo né greco, schiavo né libero, maschio né femmina, perché siete tutti uno in Cristo Gesù ". (Galati 3: 26-28 BSB)

"Proprio come ognuno di noi ha un corpo con molte membra, e non tutte le membra hanno la stessa funzione, così in Cristo noi che siamo molti siamo un corpo, e ogni membro appartiene l'uno all'altro". (Romani 12: 4, 5 BSB)

“Il corpo è un'unità, sebbene sia composto da molte parti. E sebbene le sue parti siano molte, formano tutte un corpo. Così è con Cristo. Poiché in un solo Spirito fummo tutti battezzati in un solo corpo, sia ebrei che greci, schiavi o liberi, e ci fu dato da bere un solo Spirito ". (1 Corinzi 12:12, 13 BSB)

"Ed è stato Lui che ha dato alcuni per essere apostoli, alcuni per essere profeti, alcuni per essere evangelisti e altri per essere pastori e insegnanti, per equipaggiare i santi per le opere di ministero e per edificare il corpo di Cristo, finché noi tutti raggiungere l'unità nella fede e nella conoscenza del Figlio di Dio, mentre maturiamo fino alla piena misura della statura di Cristo ". (Efesini 4: 11-13 BSB)

Paolo sta inviando lo stesso messaggio agli Efesini, ai Corinzi, ai Romani e ai Galati. Perché batte questo tamburo ancora e ancora? Perché questa è roba nuova. L'idea che siamo tutti uguali, anche se siamo diversi ... l'idea che abbiamo un solo governante, il Cristo ... l'idea che tutti noi costituiamo il suo corpo: questo è un pensiero radicale che altera la mente e ciò non accade durante la notte. Il punto di Paolo è: ebreo o greco, non importa; schiavo o libero, non importa; maschio o femmina, a Cristo non importa. Siamo tutti uguali ai suoi occhi, quindi perché il nostro punto di vista l'uno dell'altro dovrebbe essere diverso?

Questo non vuol dire che non ci sia autorità nella congregazione, ma cosa intendiamo per autorità? 

Per quanto riguarda il dare autorità a qualcuno, beh, se vuoi fare qualcosa, devi incaricare qualcuno, ma non lasciamoci trasportare. Ecco cosa succede quando ci lasciamo trasportare dall'idea dell'autorità umana all'interno della congregazione:

Vedete come l'intera idea che 1 Corinzi 11: 3 stia rivelando una catena di autorità si interrompe a questo punto? No. Allora non siamo ancora andati abbastanza lontano.

Prendiamo l'esercito come esempio. Un generale può comandare una divisione del suo esercito per assumere una posizione fortemente difesa, come lo era Hamburger Hill durante la seconda guerra mondiale. Per tutta la catena di comando, quell'ordine avrebbe dovuto essere seguito. Ma spetterebbe ai leader sul campo di battaglia decidere come eseguire al meglio quell'ordine. Il tenente potrebbe dire ai suoi uomini di attaccare un nido di mitragliatrice sapendo che la maggior parte sarebbe morta nel tentativo, ma avrebbero dovuto obbedire. In quella situazione, ha il potere della vita e della morte.

Quando Gesù pregò sul monte degli Ulivi in ​​un'incredibile angoscia per quello che stava affrontando e chiese a suo Padre se il calice che doveva bere poteva essere rimosso, Dio disse "No". (Matteo 26:39) Il Padre ha il potere della vita e della morte. Gesù ci ha detto di essere pronti a morire per il suo nome. (Matteo 10: 32-38) Gesù ha il potere della vita e della morte su di noi. Vedete ora uomini che esercitano questo tipo di autorità sulle donne della congregazione? Agli uomini è stato dato il potere di decisione sulla vita e sulla morte per le donne della congregazione? Non vedo alcuna base biblica per una tale credenza.

In che modo l'idea che Paolo stia parlando della fonte si adatta al contesto?

Torniamo indietro di un verso:

“Ora ti lodo per avermi ricordato in tutto e per mantenendo le tradizioni, proprio come le ho trasmesse a te. Ma voglio che tu capisca che la [fonte] di ogni uomo è Cristo, e la [fonte] della donna è l'uomo, e la [fonte] di Cristo è Dio ". (1 Corinti 11: 2, 3 BSB)

Con la parola connettiva “ma” (o potrebbe essere “comunque”) abbiamo l'idea che lui stia cercando di stabilire una connessione tra le tradizioni del verso 2 e le relazioni del verso 3.

Poi, subito dopo aver parlato delle fonti, parla dei copricapi. Questo è tutto collegato insieme.

Ogni uomo che prega o profetizza con il capo coperto disonora il suo capo. E ogni donna che prega o profetizza con il capo scoperto disonora il suo capo, perché è proprio come se avesse il capo rasato. Se una donna non si copre la testa, dovrebbe tagliarle i capelli. E se è vergognoso per una donna tagliarsi o radersi i capelli, dovrebbe coprirsi la testa.

Un uomo non dovrebbe coprirsi il capo, poiché è l'immagine e la gloria di Dio; ma la donna è la gloria dell'uomo. Perché l'uomo non è venuto dalla donna, ma la donna dall'uomo. Nemmeno l'uomo è stato creato per la donna, ma la donna per l'uomo. Per questo motivo una donna dovrebbe avere un segno di autorità sul capo, a causa degli angeli. (1 Corinti 11: 4-10)

Che cosa hanno a che fare con i copricapo un uomo proveniente da Cristo e una donna proveniente da un uomo? 

Va bene, per cominciare, ai giorni di Paolo si supponeva che una donna avesse la testa coperta quando pregava o profetizzava all'interno della congregazione. Questa era la loro tradizione a quei tempi ed era considerata un segno di autorità. Possiamo presumere che questo si riferisca all'autorità dell'uomo. Ma non saltiamo a nessuna conclusione. Non sto dicendo che non lo sia. Sto dicendo che non iniziamo con un presupposto che non abbiamo dimostrato.

Se pensi che si riferisca all'autorità dell'uomo, quale autorità? Mentre possiamo sostenere che esiste una certa autorità all'interno della disposizione familiare, cioè tra marito e moglie. Questo non mi dà, ad esempio, l'autorità su ogni donna nella congregazione. Alcuni sostengono che sia così. Ma poi considera questo: se così fosse, allora perché l'uomo non deve indossare un copricapo così come un segno di autorità? Se una donna deve indossare una copertura perché l'uomo è la sua autorità, allora gli uomini della congregazione non dovrebbero indossare un copricapo perché Cristo è la loro autorità? Vedi dove sto andando con questo?

Vedi che quando traduci correttamente il versetto 3, estrai l'intera struttura dell'autorità dall'equazione.

Nel verso 10, si dice che una donna fa questo a causa degli angeli. Sembra un riferimento così strano, non è vero? Proviamo a metterlo nel contesto e forse ci aiuterà a capire il resto.

Quando Gesù Cristo fu risorto, gli fu data autorità su tutte le cose in cielo e in terra. (Matteo 28:18) Il risultato di ciò è descritto nel libro di Ebrei.

Così divenne tanto superiore agli angeli quanto il nome che ha ereditato è eccellente oltre il loro. Perché a quale degli angeli Dio ha mai detto:
"Tu sei mio figlio; oggi sono diventato Tuo Padre ”?

O ancora:
"Io sarò Suo Padre e Lui sarà Mio Figlio"?

E ancora, quando Dio mette nel mondo il suo primogenito, dice:
"Che tutti gli angeli di Dio Lo adorino".
(Ebrei 1: 4-6)

Sappiamo che gli angeli possono cedere il passo alla gelosia proprio come fanno gli umani. Satana è solo il primo di molti angeli a peccare. Anche se Gesù era il primogenito di tutta la creazione e tutte le cose furono fatte per lui e per mezzo di lui e da lui, sembra che non avesse autorità su tutte le cose. Gli angeli hanno risposto direttamente a Dio. Quella condizione cambiò una volta che Gesù superò la sua prova e fu reso perfetto dalle cose che soffrì. Ora gli angeli dovevano riconoscere che il loro status era cambiato all'interno della disposizione di Dio. Dovevano sottomettersi all'autorità del Cristo.

Potrebbe essere stato difficile per alcuni, una sfida. Eppure ci sono quelli che ci sono riusciti. Quando l'apostolo Giovanni fu sopraffatto dalla magnificenza e dal potere della visione che aveva visto, la Bibbia dice:

“Allora sono caduto davanti ai suoi piedi per adorarlo. Ma lui mi dice: “Stai attento! Non farlo! Sono solo un compagno di schiavitù tuo e dei tuoi fratelli che hanno il compito di testimoniare riguardo a Gesù. Adorate Dio! Poiché la testimonianza riguardo a Gesù è ciò che ispira la profezia. "" (Rivelazione 19:10)

Giovanni era un umile peccatore quando si è inchinato davanti a questo angelo santo e molto potente di Dio, eppure l'angelo gli dice che è solo un compagno di schiavitù di Giovanni e dei suoi fratelli. Non conosciamo il suo nome, ma quell'angelo riconobbe il suo giusto posto nella disposizione di Geova Dio. Le donne che lo fanno allo stesso modo forniscono un potente esempio.

Lo status di una donna è diverso da quello di un uomo. La donna è stata creata dall'uomo. I suoi ruoli sono diversi e il suo trucco è diverso. Il modo in cui la sua mente è cablata è diverso. C'è più diafonia tra i due emisferi in un cervello femminile che in un cervello maschile. Gli scienziati lo hanno dimostrato. Alcuni ipotizzano che questa sia la causa di ciò che chiamiamo intuizione femminile. Tutto ciò non la rende più intelligente del maschio, né meno intelligente. Solo diverso. Deve essere diversa, perché se fosse la stessa, come potrebbe essere il suo complemento. Come poteva completarlo, o lui, lei, del resto? Paolo ci sta chiedendo di rispettare questi ruoli dati da Dio.

Ma per quanto riguarda il verso che dice che lei è la gloria dell'uomo significa. Sembra un po 'condiscendente, non è vero? Penso alla gloria e il mio background culturale mi fa pensare alla luce che emana da qualcuno.

Ma dice anche nel verso 7 che l'uomo è la gloria di Dio. Dai. Sono la gloria di Dio? Dammi una pausa. Di nuovo, dobbiamo guardare alla lingua. 

La parola ebraica per gloria è una traduzione della parola greca doxa.  Letteralmente significa "ciò che evoca una buona opinione". In altre parole, qualcosa che reca lode, onore o splendore al suo proprietario. Ne parleremo più dettagliatamente nel nostro prossimo studio, ma riguardo alla congregazione di cui Gesù è capo leggiamo:

“I mariti! Amate le vostre mogli, come anche il Cristo ha amato l'assemblea e ha dato se stesso per essa, per poterla santificare, dopo averla purificata con il bagno dell'acqua nel detto, affinché potesse presentarla a se stesso. assemblea in gloria ", (Efesini 5: 25-27 Traduzione letterale di Young)

Se un marito ama sua moglie come Gesù ama la congregazione, essa sarà la sua gloria, perché diventerà splendida agli occhi degli altri e questo si riflette bene su di lui: evoca una buona opinione.

Paolo non sta dicendo che anche una donna non è fatta a immagine di Dio. Genesi 1:27 chiarisce che lo è. Il suo obiettivo qui è semplicemente far sì che i cristiani rispettino i loro posti relativi nella disposizione di Dio.

Per quanto riguarda la questione dei copricapi, Paul rende molto chiaro che questa è una tradizione. Le tradizioni non dovrebbero mai diventare leggi. Le tradizioni cambiano da una società all'altra e da un momento all'altro. Ci sono posti sulla terra oggi dove la donna deve andare in giro con la testa coperta per non essere considerata sciolta e licenziosa.

Che la direzione sul copricapo non debba essere trasformata in una regola dura e veloce per tutti i tempi è evidente da ciò che dice nel verso 13:

“Giudicate voi stessi: è appropriato che una donna preghi Dio con il capo scoperto? La natura stessa non ti insegna che se un uomo ha i capelli lunghi, è una vergogna per lui, ma che se una donna ha i capelli lunghi, è la sua gloria? Per i capelli lunghi le viene dato come copertura. Se qualcuno è incline a contestarlo, non abbiamo altra pratica, né le chiese di Dio ". (Primo Corinzi 11: 13-16)

Eccolo: "Giudicate voi stessi". Non fa una regola. Infatti, ora dichiara che il pelo lungo è stato dato alle donne come copricapo. Dice che è la sua gloria (greco: doxa), quella che “evoca una buona opinione”.

Quindi, in realtà, ogni congregazione dovrebbe decidere in base alle usanze e ai bisogni locali. La cosa importante è che le donne siano viste per onorare la disposizione di Dio, e lo stesso vale per gli uomini.

Se comprendiamo che le parole di Paolo ai Corinti si applicano riguardo al giusto decoro e non all'autorità degli uomini nella congregazione, saremo protetti dall'abuso delle Scritture a nostro vantaggio. 

Voglio condividere un ultimo pensiero su questo argomento kephale come fonte. Sebbene Paolo esorti sia gli uomini che le donne a rispettare i loro ruoli e il loro posto, non ignora la tendenza degli uomini a cercare la preminenza. Quindi aggiunge un po 'di equilibrio dicendo:

“Nel Signore, tuttavia, la donna non è indipendente dall'uomo, né l'uomo è indipendente dalla donna. Perché come la donna è nata dall'uomo, così anche l'uomo è nato dalla donna. Ma tutto viene da Dio ". (1 Corinzi 11:11, 12 BSB)

Sì fratelli, non lasciatevi trasportare dall'idea che la donna venga dall'uomo, perché ogni maschio vivo oggi proviene da una donna. C'è equilibrio. C'è interdipendenza. Ma alla fine, tutti vengono da Dio.

Agli uomini là fuori che ancora non sono d'accordo con la mia comprensione, posso solo dire questo: spesso il modo migliore per mostrare il difetto in un argomento è accettare l'argomento come una premessa e poi portarlo alla sua conclusione logica.

Un fratello, che è un buon amico, non è d'accordo con le donne che pregano o profetizzano - cioè insegnano - nella congregazione. Mi ha spiegato che non permette a sua moglie di pregare in sua presenza. Quando sono insieme, le chiede per cosa vorrebbe che pregasse e poi prega Dio per lei. A me sembra che si sia fatto il suo mediatore, poiché è lui che parla a Dio per lei. Immagino che se fosse stato nel Giardino dell'Eden e Geova si fosse rivolto a sua moglie, sarebbe entrato e avrebbe detto: “Mi dispiace Dio, ma io sono la sua testa. Parla con me e poi le riferirò quello che le dici. "

Capisci cosa intendo quando si tratta di portare un argomento alla sua conclusione logica. Ma c'è di più. Se consideriamo il principio dell'autorità come "autorità su", un uomo pregherà nella congregazione per conto delle donne. Ma chi prega a nome degli uomini? Se "testa" (kephale) significa "autorità su", e lo prendiamo nel senso che una donna non può pregare nella congregazione perché farlo significherebbe esercitare autorità sull'uomo, quindi ti metto che l'unico modo in cui un uomo può pregare nella congregazione è se è l'unico maschio in un gruppo di donne. Vedi, se una donna non può pregare in mia presenza per mio conto perché sono un uomo e lei non è il mio capo - non ha autorità su di me - allora neanche un uomo può pregare in mia presenza perché anche lui non è il mio capo. Chi è lui per pregare per me? Non è la mia testa.

Solo Gesù, il mio capo, può pregare in mia presenza. Vedi come diventa sciocco? Non solo diventa sciocco, ma Paolo afferma chiaramente che una donna può pregare e profetizzare in presenza di uomini, l'unica condizione è che dovrebbe avere la testa coperta in base alle tradizioni tenute in quel momento. Il copricapo è semplicemente un simbolo che riconosce il suo status di donna. Ma poi dice che anche i capelli lunghi possono fare il lavoro.

Temo che gli uomini abbiano usato 1 Corinzi 11: 3 come il bordo sottile del cuneo. Stabilendo il dominio maschile sulle donne, e poi passando al dominio maschile sugli altri uomini, gli uomini si sono fatti strada verso posizioni di potere per le quali non hanno diritto. È vero che Paolo scrive a Timoteo e Tito dando loro le qualifiche richieste per poter servire come uomo anziano. Ma come l'angelo che parlò all'apostolo Giovanni, tale servizio assume la forma della schiavitù. Gli uomini più anziani devono essere schiavi dei suoi fratelli e sorelle e non esaltarsi su di loro. Il suo ruolo è quello di un insegnante e di uno che esorta, ma mai, mai, di uno che governa perché il nostro unico governante è Gesù Cristo.

Il titolo di questa serie è il ruolo delle donne nella congregazione cristiana, ma questo rientra in una categoria che chiamo "Ristabilire la congregazione cristiana". Ho notato che per molti secoli la congregazione cristiana si è allontanata sempre di più dal giusto standard stabilito dagli apostoli nel I secolo. Il nostro obiettivo è ristabilire ciò che è stato perso. Ci sono molti piccoli gruppi non confessionali in tutto il mondo che stanno cercando di fare proprio questo. Plaudo ai loro sforzi. Se vogliamo evitare gli errori del passato, se vogliamo evitare di rivivere la storia, dobbiamo resistere a quegli uomini che rientrano in questa categoria di schiavi:

"Ma supponiamo che il servo dica a se stesso: 'Il mio padrone impiega molto tempo a venire', e poi inizia a picchiare gli altri servi, sia uomini che donne, ea mangiare, bere e ubriacarsi". (Luca 12:45 NIV)

Che tu sia un uomo o una donna, nessun uomo ha il diritto di dirti come vivere la tua vita. Tuttavia, questo è precisamente il potere di vita e di morte che lo schiavo malvagio assume per se stesso. Negli anni '1970, i testimoni di Geova nella nazione africana del Malawi subirono stupri, morte e perdita di proprietà perché gli uomini del Corpo Direttivo stabilirono una regola dicendo loro che non potevano acquistare una tessera del partito che era richiesta dalla legge in un unico - stato del partito. Migliaia di persone sono fuggite dal paese e hanno vissuto nei campi profughi. Non si può immaginare la sofferenza. Più o meno nello stesso periodo, lo stesso Corpo Direttivo permise ai fratelli Testimoni di Geova del Messico di acquistare la loro uscita dal servizio militare acquistando una carta del governo. L'ipocrisia di questa posizione continua a condannare l'organizzazione fino ad oggi.

Nessun anziano JW può esercitare autorità su di te a meno che tu non gliela conceda. Dobbiamo smettere di concedere autorità agli uomini quando non ne hanno diritto. Affermare che 1 Corinzi 11: 3 dà loro un tale diritto è un uso improprio di un versetto tradotto male.

Nella parte finale di questa serie, discuteremo di un altro significato della parola "testa" in greco così come si applica tra Gesù e la congregazione e tra marito e moglie.

Fino ad allora, vorrei ringraziarti per la tua pazienza. So che questo è stato un video più lungo del normale. Voglio anche ringraziarti per il tuo supporto. Mi fa andare avanti.

 

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.
    6
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x