Questa serie di video è dedicata specificamente ai testimoni di Geova che hanno o si stanno risvegliando alla vera natura di JW.org. Quando la tua vita è tutta pianificata per te e la tua salvezza è assicurata sulla base dell'appartenenza e dell'obbedienza a un'organizzazione, è estremamente angosciante essere improvvisamente "in strada" per così dire.

Per alcuni, la motivazione a lasciare l'organizzazione deriva da un amore per la verità.[I]  Seduto in una riunione ascoltando le menzogne ​​esposte dalle griglie della piattaforma sull'anima al punto che non puoi più sopportarlo e devi uscire.   

Altri sono scacciati da rivelazioni di grave ipocrisia provenienti da uomini di cui si sono fidati per la loro stessa salvezza. Disassociare qualcuno, ad esempio, per aver ottenuto un'iscrizione alla YMCA o per aver votato è inconcepibile quando proviene da uomini che hanno autorizzato un'affiliazione volontaria di 10 anni con le Nazioni Unite, l'immagine della Bestia Selvaggia.[Ii] 

Ma forse per la maggior parte, "la goccia che ha spezzato la schiena del cammello" è stata la cattiva gestione a livello mondiale dell'abuso sessuale di minori rivelato in modo evidente quando il governo australiano ha indagato sui testimoni di Geova. Hanno sequestrato i loro registri dalla filiale e hanno visto che sono stati gestiti oltre un migliaio di casi, eppure nessuno è stato segnalato alle autorità, rivelando una politica di silenzio decennale.[Iii]

Qualunque sia la causa, il vantaggio per molti è stata la libertà che deriva dalla conoscenza della verità. Proprio come aveva promesso Gesù, la verità ci ha resi liberi. Quindi, sembra una tale tragedia che, avendo guadagnato la libertà, alcuni soccombano di nuovo alla schiavitù degli uomini. La scansione di Internet porta all'inevitabile conclusione che la maggior parte di coloro che lasciano l'Organizzazione dei Testimoni di Geova si rivolgono all'agnosticismo e all'ateismo. Poi ci sono altri che cadono preda dei molti teorici della cospirazione là fuori che sputano ogni sorta di idee bizzarre.  

La domanda da porsi è: "La maggior parte delle persone ha perso il potere del pensiero critico?" Non stiamo parlando solo di religione, ma piuttosto sembra esserci una volontà in tutti i ceti sociali - politica, economia, scienza, lo chiami tu - di cedere semplicemente la propria capacità di pensiero ad altri che potremmo considerare più informati o più intelligente o più potente di noi stessi. Questo è comprensibile, anche se non scusabile, perché siamo così occupati solo per sbarcare il lunario che sentiamo di non avere il tempo e l'inclinazione per esaminare adeguatamente se ciò che qualcuno predica e insegna è realtà o finzione.

Ma possiamo davvero permetterci di farlo? L'apostolo Giovanni ci dice che “tutto il mondo giace nel potere del malvagio”. (1 Giovanni 5:19) Gesù chiama Satana il padre della menzogna e l'omicida originale. (Giovanni 8: 42-44 NTW Reference Bible) Ne consegue che la menzogna e l'inganno sarebbero lo standard modus operandi del mondo di oggi.

Paolo disse ai Galati: “Per tale libertà Cristo ci ha liberati. Perciò state saldi e non lasciatevi rinchiudere di nuovo in un giogo di schiavitù ". (Galati 5: 1 NWT) E ancora ai Colossesi disse: "Guardate che nessuno vi tenga prigionieri per mezzo della filosofia e del vuoto inganno secondo la tradizione umana, secondo le cose elementari del mondo e non secondo Cristo ; " (Col 2: 8 NWT)

Sembra che per molti, dopo essere stati liberati dalla schiavitù degli uomini che governano l'Organizzazione dei Testimoni di Geova, cadono quindi preda delle moderne "filosofie e vuoti inganni" e diventano di nuovo "prigionieri di un concetto".

La tua unica protezione è la tua capacità di pensare in modo critico. Puoi ancora fidarti delle persone, ma solo dopo aver verificato che sono affidabili e anche in questo caso la tua fiducia deve avere dei limiti. "Fidati ma verifica" deve essere il nostro mantra. Puoi fidarti di me fino a un certo punto - e farò il possibile per guadagnarti quella fiducia - ma non rinunciare mai al tuo potere di pensiero critico e non seguire mai più gli uomini. Segui solo il Cristo.

Se sei stato disilluso dalla religione, potresti, come molti, rivolgerti all'agnosticismo, che essenzialmente sta dicendo: 'Forse c'è un dio e forse no. Nessuno lo sa, e non mi interessa davvero in nessun caso. Questa è una vita senza speranza e alla fine non è soddisfacente. Altri negano del tutto l'esistenza di Dio. Senza alcuna speranza, le parole dell'apostolo Paolo hanno un buon senso per questi: "Se i morti non risorgono," Mangiamo e beviamo, perché domani moriremo ". (1 Co 15:32 NIV)

Tuttavia, sia gli atei che gli agnostici hanno un problema: come spiegare l'esistenza della vita, dell'universo e di tutto. Per questo, molti si rivolgono all'evoluzione.

Ora, per il bene di alcuni, dovrei affermare che esiste una minoranza di credenti nell'evoluzione che accetta quella che potreste chiamare evoluzione creazionista, che è la convinzione che certi processi ritenuti evolutivi siano il risultato della creazione da parte di un'intelligenza superiore. Tuttavia, questa non è la premessa su cui è costruita la teoria evoluzionistica, non insegnata nelle istituzioni educative, né supportata nelle riviste scientifiche. Quella teoria si occupa di spiegare il processo mediante il quale il "fatto stabilito" dell'evoluzione si risolve. Ciò che insegnano gli scienziati che supportano l'evoluzione è che la vita, l'universo e tutto il resto sono avvenuti per caso, non per un'intelligenza dominante.

È quella differenza fondamentale che sarà oggetto di questa discussione.

Sarò in anticipo con te. Non credo affatto nell'evoluzione. Credo in Dio. Tuttavia, le mie convinzioni non contano. Potrei sbagliarmi. È solo esaminando le prove e valutando le mie conclusioni che sarai in grado di determinare se sei d'accordo con me, o invece, ti schieri con coloro che credono nell'evoluzione.

La prima cosa che devi valutare quando ascolti qualcuno è ciò che lo motiva. Sono motivati ​​dal desiderio di conoscere la verità, di seguire l'evidenza ovunque possa condurla, anche se all'inizio la destinazione potrebbe non essere desiderabile? 

Non è sempre facile capire la motivazione di un altro, ma se è diverso dall'amore per la verità, bisogna fare molta attenzione.

Tradizionalmente, ci sono due lati dell'argomento riguardante l'origine di tutte le cose: Evoluzione vs. Creazionismo.

Un dibattito rivelatore

In aprile 4, 2009 alla Biola University, a dibattito si è tenuto tra il professor William Lane Craig (un cristiano) e Christopher Hitchens (un ateo) sulla domanda: "Dio esiste?" 

Ci si aspetterebbe che un argomento del genere si basi sulla scienza. Entrare in questioni di interpretazione religiosa confonderebbe le acque e non offrirebbe solide basi di prova. Eppure, è esattamente lì che entrambi gli uomini sono andati con i loro argomenti, e abbastanza volentieri potrei aggiungere.

Credo che il motivo sia stato rivelato dall'ateo, il signor Hitchens, in una splendida gemma di onestà non richiesta al 1: mark 24 minuto.

Ed eccolo qui! C'è la chiave dell'intera questione e la ragione per cui i religiosi e gli evoluzionisti affrontano questo problema con tale fervore e zelo. Per un leader religioso, l'esistenza di Dio significa che ha il diritto di dire agli altri cosa fare della loro vita. Per gli evoluzionisti, l'esistenza di Dio conferisce alla religione un ruolo significativo nel modo in cui la nostra società è controllata.

Entrambi hanno torto. L'esistenza di Dio non autorizza gli uomini a governare su altri uomini.

Qual è la mia motivazione nel raccontarvi tutto questo? Non ci guadagno niente e non cerco seguaci. In effetti, rifiuto l'intera idea e considererei che se gli uomini mi seguissero, sarei un fallimento. Cerco solo seguaci di Gesù e, per me, il suo favore.

Credici se vuoi, o dubiti. In ogni caso, guarda le prove presentate.

La parola "scienza" deriva dal latino scientia, da Scire "sapere". La scienza è la ricerca della conoscenza e dovremmo essere tutti scienziati, cioè ricercatori di conoscenza. Il modo sicuro per bloccare la scoperta del fatto scientifico è entrare nella ricerca con l'idea di avere già una verità fondamentale che deve solo essere dimostrata. Un'ipotesi è una cosa. Tutto ciò significa che stiamo iniziando con un presupposto ragionevole e poi andando alla ricerca di prove per sostenerlo o respingerlo, dando uguale peso a entrambe le possibilità.   

Tuttavia, né i creazionisti né gli evoluzionisti si avvicinano ipoteticamente al loro campo di indagine. I creazionisti “sanno” già che la terra è stata creata in sei letterali giorni di 24 ore. Stanno solo cercando prove per dimostrare quel "fatto". Allo stesso modo, gli evoluzionisti "sanno" che l'evoluzione è un fatto. Quando parlano della teoria dell'evoluzione, si riferiscono al processo mediante il quale essa avviene.

La nostra preoccupazione qui non è cambiare le menti di coloro che appartengono alla comunità creazionista né evoluzionista. La nostra preoccupazione è proteggere coloro che si stanno risvegliando da decenni di dottrina di controllo del pensiero che potrebbero essere inclini a cadere di nuovo nello stesso trucco, ma sotto una nuova veste. Non fidiamoci di ciò che ci dicono gli estranei, ma piuttosto "assicuriamoci di ogni cosa". Impegniamo il nostro potere di pensiero critico. Quindi, entreremo in questa discussione con una mente aperta; nessuna conoscenza preconcetta né pregiudizi; e lasciamo che le prove ci portino dove vogliono.

Dio esiste?

La questione dell'esistenza o della non esistenza di Dio è fondamentale per l'insegnamento dell'evoluzione. Pertanto, invece di rimanere coinvolti in infinite controversie sul processo di evoluzione contro il processo di creazione, torniamo al punto di partenza. Tutto dipende dalla prima causa. Non c'è creazione, se Dio non esiste, e non c'è evoluzione se lo fa. (Ancora una volta, alcuni sosterranno che Dio potrebbe usare i processi evolutivi nella creazione, ma ribatto che stiamo solo parlando di una buona programmazione, non di casualità. È ancora progettato da un'intelligenza e questo è ciò che è in discussione qui.)

Questa non sarà una discussione sulla Bibbia. La Bibbia è irrilevante in questa fase, poiché l'intero messaggio dipende da ciò che dobbiamo ancora dimostrare che esiste. La Bibbia non può essere la Parola di Dio se non c'è Dio, e cercare di usarla per provare che Dio esiste è la definizione stessa di logica circolare. Allo stesso modo, tutta la religione, cristiana e non, non ha posto in questa analisi. Nessun dio ... nessuna religione.

Va notato, tuttavia, che provare l'esistenza di Dio non convalida automaticamente che un libro in particolare che gli uomini considerano sacro sia di origine divina. Né la semplice esistenza di Dio legittima alcuna religione. Saremmo sempre più avanti di noi stessi se provassimo a fattorizzare tali domande nella nostra analisi delle prove esistenti.

Dato che stiamo escludendo dalla discussione tutte le religioni e gli scritti religiosi, evitiamo anche di usare il titolo "Dio". La sua associazione con la religione, per quanto ingiustificata e sgradita a mio parere, può creare un pregiudizio indesiderato di cui possiamo fare a meno.

Stiamo cercando di stabilire se la vita, l'universo e tutto sia avvenuto per disegno o per caso. Questo è tutto. Il "come" non ci riguarda qui, ma solo il "cosa".

A livello personale, devo affermare che non mi piace il termine "progetto intelligente" perché lo considero una tautologia. Tutto il design richiede intelligenza, quindi non è necessario qualificare il termine con un aggettivo. Allo stesso modo, usare il termine "design" nei testi evolutivi è fuorviante. Il caso casuale non può progettare nulla. Se tiro un 7 al tavolo di Craps e poi grido: "I dadi sono usciti 7 come previsto", è probabile che verrò scortato fuori dal casinò.)

Fai il Math

Come dimostreremo se l'universo è nato dal design o dal caso? Usiamo la scienza che viene utilizzata per definire tutti gli aspetti dell'universo: la matematica. La teoria della probabilità è una branca della matematica che si occupa di quantità con distribuzioni casuali. Vediamolo per esaminare un elemento vitale per la vita, la proteina.

Abbiamo tutti sentito parlare di proteine, ma la persona media - e io includo me stesso in quel numero - non sa veramente cosa siano. Le proteine ​​sono costituite da amminoacidi. E no, non so nemmeno cosa sia un amminoacido, solo che sono molecole complesse. Sì, so cos'è una molecola, ma se non sei sicuro, semplifichiamo il tutto dicendo che un amminoacido è come una lettera dell'alfabeto. Se combini le lettere nel modo giusto, ottieni parole significative; nel modo sbagliato e diventi incomprensibile.

Ci sono molte proteine. Ce n'è uno in particolare chiamato Citocromo C. È fondamentale nelle cellule per il metabolismo energetico. È una proteina relativamente piccola composta da soli 104 aminoacidi, una parola di 104 lettere. Con 20 aminoacidi tra cui scegliere, potremmo dire di avere un alfabeto di 20 lettere, 6 in meno dell'alfabeto inglese. Quali sono le possibilità che questa proteina possa nascere per caso? La risposta è 1 su 2,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000,000

Questo è un 2 con 135 zeri dopo. Per metterlo in prospettiva, il numero di atomi nell'intero universo osservabile è stato calcolato essere 1080 o un 10 con zero 80 dopo di esso, inferiore agli zero 55. 

Ora tieni presente che il citocromo C è una piccola proteina. C'è una grande proteina chiamata titina che è un componente del muscolo e arriva tra 25,000 e 30,000 aminoacidi. Immagina una parola composta da 30,000 lettere che si verificano per caso.

Comprendere le probabilità qui presentate va oltre la comprensione della maggior parte di noi, quindi riduciamolo a qualcosa di più semplice. E se ti dicessi che avevo due biglietti per la lotteria di ieri e volevo dartene uno, ma tu dovevi scegliere. Uno era un vincitore e l'altro un biglietto perdente. Poi ho detto che quello nella mia mano destra aveva il 99% di probabilità di essere il vincitore, mentre quello nella mia mano sinistra aveva solo l'1% di probabilità di essere il vincitore. Quale biglietto sceglieresti?

Ecco come funziona la scoperta scientifica. Quando non possiamo saperlo con certezza, dobbiamo andare con la probabilità. Probabilmente che qualcosa sia vero al 99% è molto convincente. Una probabilità del 99.9999999% è irresistibile. Allora perché uno scienziato dovrebbe scegliere l'opzione meno probabile? Cosa lo spingerebbe a intraprendere una tale linea di condotta?

Per gli evoluzionisti insistere contro tali al di là delle probabilità astronomiche che l'universo nato per caso dovrebbe farci mettere in discussione la sua motivazione. Uno scienziato non dovrebbe mai provare a fare in modo che le prove si adattino a una conclusione, ma piuttosto dovrebbe seguire le prove fino alla sua conclusione più probabile.

Ora, gli evoluzionisti potrebbero suggerire che l'ordine preciso degli amminoacidi in una proteina è molto, molto flessibile e che ci sono molte diverse combinazioni possibili. È come dire che ci sono molte più possibilità di vincere una lotteria se, invece di un numero vincente, ci sono centinaia di migliaia di numeri vincenti. Questa era la speranza quando la biologia molecolare era agli inizi, dopo la scoperta del DNA. Tuttavia, oggi siamo arrivati ​​a vedere che non è così. Le sequenze sono molto fisse e invariabili e c'è una marcata assenza del tipo di proteine ​​di transizione che ci si aspetterebbe se le specie si evolvessero dall'una all'altra. 

Nondimeno, evoluzionisti morti in fretta insisteranno sul fatto che per quanto improbabili siano queste combinazioni casuali, esiste la possibilità che, dato abbastanza tempo, siano inevitabili. Potresti avere maggiori possibilità di essere colpito da un fulmine che di vincere alla lotteria, ma ehi, qualcuno finisce per vincere alla lotteria e alcuni vengono colpiti da un fulmine.

Va bene, andiamo con quello. Per la maggior parte di noi, è difficile comprendere tutte queste cose microbiologiche, quindi ecco qualcosa di più semplice:

Questo è un diagramma di un flagello batterico. Sembra un motore con un'elica attaccata ed è esattamente quello che è: un motore biologico. Ha uno statore, un rotore, boccole, un gancio e un'elica. Le cellule lo usano per muoversi. Ora riconosciamo che ci sono diversi modi in cui una cellula può spingersi da sola. Mi vengono in mente gli spermatozoi. Tuttavia, qualsiasi ingegnere ti dirà che le alternative per un sistema di propulsione praticabile sono abbastanza limitate. Invece di un'elica in ottone sul mio motore fuoribordo, prova a usare vasi da fiori rotanti e guarda quanto lontano arrivi.

Quali sono le possibilità che questa piccola bestiola sia nata per caso? Non so fare i conti, ma quelli che sanno dire 1 su 2234. Il numero di volte che dovresti provare sarebbe un 2 seguito da 234 zeri.

È concepibile, figuriamoci inevitabile, che, dato il tempo sufficiente, un tale dispositivo potrebbe verificarsi per caso?

Vediamo. C'è qualcosa chiamato costante di Planck che è una misura del tempo più veloce in cui la materia può passare da uno stato all'altro. Sono le 10-45 di un secondo. Abbiamo già discusso che il numero totale di atomi nell'universo osservabile è un 1080 e se andiamo con le stime più liberali per l'età dell'universo espresse in secondi, otteniamo 1025.

Quindi, diciamo che ogni atomo nell'universo (1080) è dedicato al solo compito di far evolvere il flagello batterico e che ogni atomo sta lavorando a questo compito alla massima velocità consentita dalla fisica (10-45 secondi) e che questi atomi hanno funzionato sin dall'inizio letterale dei tempi (1025 secondi). Quante possibilità hanno avuto per portare a termine questo compito?

1080 X 1045 X 1025 ci dà 10150.   

Se lo perdessimo solo per uno zero, avremmo bisogno di 10 universi per realizzarlo. Se perdessimo di 3 zeri, avremmo bisogno di mille universi per farlo, ma siamo a corto di oltre 80 zeri. Non c'è nemmeno una parola in lingua inglese per esprimere un numero di quella portata.

Se l'evoluzione non può dimostrare di produrre una struttura relativamente semplice per caso, che dire del DNA che è lungo miliardi di elementi?

Una mente riconosce l'intelligenza

Finora abbiamo discusso di matematica e probabilità, ma c'è un altro elemento che dovremmo considerare.

Nel film, Contatti, basato sull'omonimo libro del famoso evoluzionista Carl Sagan, il personaggio principale, la dottoressa Ellie Arroway, interpretata da Jodie Foster, rileva una serie di impulsi radio dallo star system Vega. Questi impulsi hanno uno schema che conta i numeri primi: numeri divisibili solo per uno e per se stessi, come 1, 2, 3, 5, 7, 11, 13 e così via. Tutti gli scienziati riconoscono questo come un'indicazione di vita intelligente, comunicando usando il linguaggio universale della matematica. 

Ci vuole un'intelligenza per riconoscere un'intelligenza. Se atterri su Marte con il tuo gatto e trovi scarabocchiato sul terreno davanti a te le parole: “Benvenuto su Marte. Spero tu abbia portato la birra. " Il tuo gatto non avrà idea che hai appena trovato prove di vita intelligente, ma lo farai.

Ho programmato computer da prima che esistesse un PC IBM. Ci sono due cose che posso affermare con certezza. 1) Un programma per computer è il risultato dell'intelligenza non casuale. 2) Il codice del programma è inutile senza un computer sul quale eseguirlo.

Il DNA è il codice del programma. Come un programma per computer, è inutile da solo. Solo entro i confini di una cellula il codice di programmazione del DNA può fare il suo lavoro. Confrontare anche il più complesso dei programmi per computer umani con il DNA è come confrontare una candela con il sole. Tuttavia, l'analogia serve a sottolineare che ciò che vediamo nel DNA - ciò che la nostra intelligenza riconosce - è design. Riconosciamo un'altra intelligenza.

Il DNA prenderà una cellula e la indurrà a riprodursi e quindi, attraverso un meccanismo che stiamo appena iniziando a capire, dirà ad alcune cellule di trasformarsi in ossa, altre in muscoli, o un cuore, o un fegato, o un occhio, un orecchio, o un cervello; e dirà loro quando fermarsi. Questo filone di codice microscopico contiene non solo la programmazione per assemblare la materia che costituisce il corpo umano, ma anche istruzioni che ci danno la capacità di amare, ridere e gioire, per non parlare della coscienza umana. Tutto programmato lì dentro. Non ci sono davvero parole per esprimere quanto sia meraviglioso.

Se vuoi concludere dopo tutto ciò che non esiste un designer, nessuna intelligenza universale, vai avanti. Questo è il libero arbitrio. Naturalmente, avere il diritto al libero arbitrio non garantisce a nessuno di noi la libertà dalle conseguenze.

La portata del pubblico di questo video, come ho affermato all'inizio, è piuttosto restrittiva. Si tratta di persone che hanno sempre creduto in Dio, ma che potrebbero aver perso la fede nel divino a causa dell'ipocrisia degli uomini. Se abbiamo aiutato alcuni a riconquistarlo, tanto meglio.

Potrebbero esserci ancora dubbi persistenti. Dov'è Dio? Perché non ci aiuta? Perché moriamo ancora? C'è qualche speranza per il futuro? Dio ci ama? Se è così, perché permette l'ingiustizia e la sofferenza? Perché in passato ha ordinato il genocidio?

Domande valide, tutte. Mi piacerebbe provarli tutti, dato il tempo. Ma almeno abbiamo un punto di partenza. Qualcuno ci ha creati. Ora possiamo iniziare a cercarlo. 

La maggior parte delle idee in questo video sono state apprese leggendo un eccellente trattato sull'argomento trovato nel libro, Catastrofi, caos e convoluzioni di James P. Hogan, "Intelligence Test", p. 381. Se desideri approfondire questo argomento, ti consiglio quanto segue:   

Evoluzione al microscopio di David Swift

No Free Lunch di William Dembski

Non per caso! Di Lee Spetner

__________________________________________________

[I] Il fallito generazione sovrapposta dottrina, i senza fondamento Insegnamento 1914, o il falso insegnamento che il altre pecore di Giovanni 10: 16 rappresenta una classe distinta di cristiani che non sono i figli di Dio.

[Ii] Pur lodando i fratelli e le sorelle del Malawi per aver resistito a persecuzioni indicibili anziché comprometterne l'integrità acquistando una tessera nel partito politico in carica, l'organo direttivo ha autorizzato un Affiliazione 10-anno a sostegno della Wild Beast of Revelation, l'Organizzazione delle Nazioni Unite.

[Iii] Commissione reale australiana in risposte istituzionali agli abusi sessuali su minori.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.
    25
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x