Esame di Matthew 24, parte 5: la risposta!

by | Dicembre 12, 2019 | Esame di Matthew 24 Series, Video | 33 commenti

Questo è ora il quinto video della nostra serie su Matthew 24.

Riconosci questo ritornello musicale?

Non puoi sempre ottenere quello che vuoi
Ma se ci provi qualche volta, beh, potresti trovarlo
Ottieni quello che ti serve ...

Rolling Stones, giusto? È molto vero.

I discepoli volevano conoscere il segno della presenza di Cristo, ma non avrebbero ottenuto ciò che volevano. Avrebbero ottenuto ciò di cui avevano bisogno; e ciò di cui avevano bisogno era un modo per salvarsi da ciò che doveva venire. Stavano per affrontare la più grande tribolazione che la loro nazione avesse mai sperimentato, o che avrebbe mai sperimentato di nuovo. La loro sopravvivenza richiederebbe che riconoscessero il segno che Gesù diede loro e che abbiano la fede necessaria per seguire le sue istruzioni.

Quindi, arriviamo ora alla parte della profezia in cui Gesù risponde effettivamente alla loro domanda: "Quando saranno tutte queste cose?" (Matteo 24: 3; Marco 13: 4; Luca 21: 7)

Mentre tutti e tre i racconti differiscono l'uno dall'altro in molti modi, iniziano tutti con Gesù che risponde alla domanda con la stessa frase di apertura:

"Quando dunque vedrai ..." (Matthew 24: 15)

"Quando poi vedi ..." (Mark 13: 14)

"Quando poi vedi ..." (Luke 21: 20)

L'avverbio "quindi" o "allora" è usato per mostrare un contrasto tra ciò che è andato prima e ciò che viene adesso. Gesù ha finito di dare loro tutti gli avvertimenti di cui avranno bisogno per arrivare a questo momento, ma nessuno di quegli avvertimenti ha costituito un segno o un segnale per l'azione. Gesù sta per dare loro quel segno. Matteo e Marco si riferiscono ad esso in modo criptico per un non ebreo che non avrebbe conosciuto la profezia biblica come farebbe un ebreo, ma Luca non lascia dubbi sul significato del segnale di avvertimento di Gesù.

"Pertanto, quando vedi la cosa disgustosa che causa la desolazione, come parla il profeta Daniele, in piedi in un luogo santo (lascia che il lettore usi il discernimento)", (Mt 24: 15)

"Tuttavia, quando vedi la cosa disgustosa che provoca la desolazione in piedi dove non dovrebbe essere (lascia che il lettore usi il discernimento), allora lascia che quelli in Giudea inizino a fuggire sulle montagne." (Mr 13: 14)

"Tuttavia, quando vedi Gerusalemme circondata da eserciti accampati, allora sappi che la sua desolazione si è avvicinata." (Lu 21: 20)

È molto probabile che Gesù abbia usato il termine "cosa disgustosa", che Matteo e Marco si riferiscono, perché a un ebreo esperto nella legge, dopo averlo letto e ascoltato leggere ogni sabato, non ci sarebbe dubbio che cosa costituisse un "cosa disgustosa che causa desolazione."  Gesù si riferisce ai rotoli di Daniele il profeta che contengono molteplici riferimenti a una cosa disgustosa, o alla desolazione della città e del tempio. (Vedi Daniele 9:26, 27; 11:31 e 12:11).

Siamo interessati in particolare a Daniel 9: 26, 27 che legge in parte:

“… E la gente di un leader che sta per venire distruggerà la città e il luogo santo. E la sua fine sarà per il diluvio. E fino alla fine ci sarà la guerra; ciò che viene deciso sono le desolazioni ... E sull'ala delle cose disgustose ci sarà quella che provoca desolazione; e fino allo sterminio, ciò che è stato deciso verrà riversato anche su quello che giace desolato. ”” (Da 9: 26, 27)

Possiamo ringraziare Luke per averci chiarito a cosa si riferisce la cosa disgustosa che causa la desolazione. Possiamo solo ipotizzare perché Luca abbia deciso di non usare lo stesso termine usato da Matteo e Marco, ma una teoria ha a che fare con il suo pubblico previsto. Apre il suo account dicendo: “. . Ho deciso anche, perché ho tracciato tutte le cose con accuratezza dall'inizio, di scriverle in ordine logico, eccellentissimo Teofilo. . . " (Luca 1: 3) A differenza degli altri tre vangeli, quello di Luca è stato scritto per una persona in particolare. Lo stesso vale per l'intero libro degli Atti che Luca si apre con “Il primo racconto, o Teofilo, ho composto di tutte le cose che Gesù ha iniziato a fare e ad insegnare. "(At 1: 1)

L'onorevole "più eccellente" e il fatto che Atti si concluda con Paolo in arresto a Roma ha portato alcuni a suggerire che Teofilo fosse un funzionario romano collegato al processo di Paolo; forse il suo avvocato. In ogni caso, se il racconto dovesse essere usato nel suo processo, difficilmente aiuterebbe il suo appello a riferirsi a Roma come "una cosa disgustosa" o un "abominio". Dire che Gesù aveva predetto che Gerusalemme sarebbe stata circondata da eserciti sarebbe stato molto più accettabile per i funzionari romani.

Daniele si riferisce al "popolo di un leader" e "all'ala delle cose disgustose". Gli ebrei odiavano gli idoli e gli adoratori pagani di idoli, quindi l'esercito pagano romano che portava il suo vessillo da idolo, un'aquila con le ali spiegate che assediava la città santa e cercava di incursione attraverso la porta del tempio, sarebbe stato un vero abominio.

E cosa dovevano fare i cristiani quando videro l'abominio desolante?

“Allora lascia che quelli in Giudea inizino a fuggire sulle montagne. Lascia che l'uomo sul tettuccio non scenda per portare fuori la merce da casa sua e che l'uomo nel campo non torni a ritirare il suo indumento esterno. ”(Matthew 24: 16-18)

“. . ., Allora che quelli in Giudea inizino a fuggire sulle montagne. Che l'uomo sulla terrazza non scenda e non entri per portare qualcosa fuori dalla sua casa; e che l'uomo nel campo non torni alle cose dietro per prendere la sua veste ". (Marco 13: 14-16)

Quindi, quando vedono una cosa disgustosa, devono fuggire immediatamente e con grande urgenza. Tuttavia, noti qualcosa di apparentemente strano nell'istruzione impartita da Gesù? Guardiamolo di nuovo come lo descrive Luke:

“Tuttavia, quando vedi Gerusalemme circondata da eserciti accampati, sappi che la sua desolazione si è avvicinata. Allora quelli in Giudea comincino a fuggire verso i monti, che quelli in mezzo a lei se ne vadano e quelli che sono nelle campagne non entrino in lei "(Luca 21:20, 21)

In che modo esattamente avrebbero dovuto rispettare questo comando? Come scappi da una città che è già circondata dal nemico? Perché Gesù non ha fornito loro maggiori dettagli? C'è una lezione importante per noi in questo. Raramente abbiamo tutte le informazioni che vogliamo. Ciò che Dio vuole è che noi ci fidiamo di lui, che abbiamo fiducia che lui ci copre le spalle. La fede non riguarda il credere nell'esistenza di Dio. Si tratta di credere nel suo carattere.

Certamente, tutto ciò che Gesù predisse, avvenne.

Nel 66 EV gli ebrei si ribellarono al dominio romano. Il generale Cestio Gallo fu inviato per sedare la ribellione. Il suo esercito circondò la città e preparò la porta del tempio per essere violata dal fuoco. La cosa disgustosa nel luogo santo. Tutto questo è accaduto così rapidamente che i cristiani non hanno avuto la possibilità di fuggire dalla città. In effetti, gli ebrei furono così sopraffatti dalla velocità dell'avanzata romana che erano pronti ad arrendersi. Nota questo racconto di un testimone oculare dello storico ebreo Flavio Giuseppe:

“E ora fu che un'orrida paura si impadronì dei sediziosi, tanto che molti di loro corsero fuori dalla città, come se dovesse essere presa immediatamente; ma la gente su questo prese coraggio, e dove la parte malvagia della città diede terreno, vennero là, per aprire le porte e ammettere Cestio come loro benefattore, che, se avesse, continuò un po 'l'assedio più a lungo, aveva sicuramente conquistato la città; ma fu, suppongo, a causa dell'avversione che Dio aveva già in città e nel santuario, che gli fu impedito di porre fine alla guerra quel giorno stesso.

Accadde poi che Cestio non era consapevole né di quanto l'assediato disperasse per il successo, né di quanto il popolo fosse coraggioso per lui; e così ricordò i suoi soldati dal luogo, e dalla disperazione di ogni aspettativa di prenderlo, senza aver ricevuto alcuna disgrazia, si ritirò dalla città, senza alcun motivo al mondo. "
(Le guerre degli ebrei, Libro II, capitolo 19, pars. 6, 7)

Immagina solo le conseguenze se Cestio Gallo non si fosse ritirato. Gli ebrei si sarebbero arresi e la città con il suo tempio sarebbe stata risparmiata. Gesù sarebbe stato un falso profeta. Non succederà mai. Gli ebrei non sarebbero sfuggiti alla condanna che il Signore aveva pronunciato su di loro per aver versato tutto il sangue giusto da Abele in poi, fino al suo stesso sangue. Dio li aveva giudicati. La sentenza sarebbe stata scontata.

Il ritiro sotto Cestio Gallo adempì le parole di Gesù.

“In effetti, a meno che quei giorni non fossero abbreviati, nessuna carne sarebbe salvata; ma a causa degli eletti quei giorni saranno abbreviati ". (Matteo 24:22)

“In effetti, se Geova non avesse abbreviato i giorni, nessuna carne sarebbe stata salvata. Ma a causa degli eletti che ha scelto, ha abbreviato i giorni. ”(Mark 13: 20)

Notare di nuovo un parallelo con la profezia di Daniele:

"... E durante quel periodo la tua gente scapperà, tutti quelli che vengono trovati scritti nel libro." (Daniel 12: 1)

Lo storico cristiano Eusebio registra di aver colto l'occasione e fuggì sulle montagne verso la città di Pella e altrove oltre il fiume Giordano.[I]  Ma l'inspiegabile ritiro sembra aver avuto un altro effetto. Ha incoraggiato gli ebrei, che hanno molestato l'esercito romano in ritirata e hanno ottenuto una grande vittoria. Così, quando i romani alla fine tornarono ad assediare la città, non si parlò di arrendersi. Invece, una specie di follia ha preso il popolo.

Gesù predisse che una grande tribolazione sarebbe arrivata su questo popolo.

“. . .perché allora ci sarà una grande tribolazione come non si è verificata dall'inizio del mondo fino ad ora, no, né accadrà più ". (Matteo 24:21)

“. . .per quei giorni saranno giorni di tribolazione come non si è verificata dall'inizio della creazione che Dio ha creato fino a quel momento, e non si verificherà più ". (Marco 13:19)

“. . .Poiché ci sarà grande angoscia nel paese e ira contro questo popolo. E cadranno sotto il taglio della spada e saranno condotti prigionieri in tutte le nazioni; . . . " (Luca 21:23, 24)

Gesù ci ha detto di usare il discernimento e osservare le profezie di Daniele. Uno in particolare è rilevante per la profezia che implica una grande tribolazione o, come dice Luca, grande angoscia.

"... E si verificherà un momento di angoscia come non si è verificato da quando vi è stata una nazione fino a quel momento ..." (Daniel 12: 1)

Qui è dove le cose si confondono. Coloro che hanno una propensione a voler predire il futuro leggono più nelle parole seguenti di quanto non ci sia. Gesù disse che una tale tribolazione "non è avvenuta dall'inizio del mondo fino ad ora, no, e non si ripeterà più". Ragionano che una tribolazione che colpì Gerusalemme, per quanto cattiva fosse, non è un paragone né portata né portata a quanto accaduto nella prima e seconda guerra mondiale. Potrebbero anche indicare l'Olocausto che, secondo i documenti, ha ucciso 6 milioni di ebrei; un numero maggiore di quello che morì nel primo secolo a Gerusalemme. Pertanto, ritengono che Gesù si riferisse a qualche altra tribolazione molto più grande di quanto accadde a Gerusalemme. Guardano Apocalisse 7: 14 dove Giovanni vede una grande folla in piedi davanti al trono in cielo e gli viene detto dall'angelo: "Questi sono quelli che escono dalla grande tribolazione ...".

"Aha! Esclamano. Vedere! Vengono usate le stesse parole - "grande tribolazione" - quindi deve riferirsi allo stesso evento. Amici, fratelli e sorelle, questo è un ragionamento molto traballante su cui costruire un completo adempimento profetico della fine dei tempi. Prima di tutto, Gesù non usa l'articolo determinativo quando risponde alla domanda dei discepoli. Non lo chiama "i grande tribolazione ”come se ce ne fosse una sola. È solo "grande tribolazione".

Secondo, il fatto che una frase simile sia usata in Rivelazione non significa nulla. Altrimenti, dovremmo collegare anche questo passaggio dell'Apocalisse:

“'Tuttavia, sostengo [questo] contro di te, che tolleri quella donna Jezebel, che si definisce profetessa, e insegna e induce in errore i miei schiavi a commettere fornicazione e a mangiare cose sacrificate agli idoli. E le ho dato il tempo di pentirsi, ma lei non è disposta a pentirsi della sua fornicazione. Guarda! Sto per gettarla in un letto di malati e quelli che commettono adulterio con lei grande tribolazione, a meno che non si pentano delle sue azioni. ”(Apocalisse 2: 20-22)

Tuttavia, coloro che promuovono l'idea di un adempimento secondario e maggiore indicheranno il fatto che egli dice che questa grande tribolazione non si verificherà mai più. Allora penserebbero che, poiché si sono verificate tribolazioni peggiori di quanto accadde a Gerusalemme, si riferisse a qualcosa di ancora più grande. Ma aspetta un minuto. Dimenticano il contesto. Il contesto parla di una sola tribolazione. Non parla di un adempimento minore e maggiore. Non c'è nulla che indichi l'esistenza di un adempimento antitipico. Il contesto è molto specifico. Guarda ancora le parole di Luca:

“Ci sarà grande angoscia nel paese e ira contro questo popolo. E cadranno sotto il taglio della spada e saranno condotti prigionieri in tutte le nazioni ”. (Luca 21:23, 24)

Si tratta degli ebrei, punto. Ed è esattamente quello che è successo agli ebrei.

"Ma questo non ha senso", diranno alcuni. "Il diluvio di Noè fu una tribolazione più grande di quanto accadde a Gerusalemme, quindi come potevano essere vere le parole di Gesù?"

Tu ed io non abbiamo detto quelle parole. Gesù ha detto quelle parole. Quindi, quello che pensiamo che voglia dire non conta. Dobbiamo capire cosa intendeva veramente. Se accettiamo la premessa che Gesù non può mentire né contraddire se stesso, allora dobbiamo guardare un po 'più a fondo per risolvere l'apparente conflitto.

Matteo lo registra dicendo: "ci sarà una grande tribolazione come non si è verificata dall'inizio del mondo". Quale mondo? Il mondo dell'umanità o il mondo del giudaismo?

Mark sceglie di rendere le sue parole in questo modo: "una tribolazione come non è avvenuta dall'inizio della creazione". Quale creazione? La creazione dell'universo? La creazione del pianeta? La creazione del mondo dell'umanità? O la creazione della nazione di Israele?

Daniele dice: "un tempo di angustia come non si è verificato da quando è nata una nazione" (Da 12: 1). Quale nazione? Qualche nazione? O la nazione di Israele?

L'unica cosa che funziona, che ci consente di capire le parole di Gesù come accurate e veritiere è accettare che stesse parlando nel contesto della nazione di Israele. La tribolazione che li colpì fu la peggiore che una nazione avesse mai vissuto?

Giudica per te stesso. Ecco alcuni punti salienti:

Quando Gesù fu portato per essere crocifisso, si fermò per dire alle donne che piangevano per lui: “figlie di Gerusalemme, piangete non per me, ma per voi stessi e per i vostri figli. (Luke 23: 28). Poteva vedere gli orrori che sarebbero arrivati ​​sulla città.

Dopo che Cestio Gallo si ritirò, fu inviato un altro generale. Vespasiano tornò nel 67 EV e catturò Flavio Giuseppe. Giuseppe Flavio vinse il favore del generale prevedendo con precisione che sarebbe diventato imperatore, cosa che fece circa due anni dopo. Per questo motivo Vespasiano lo nominò a un posto d'onore. Durante questo periodo, Giuseppe Flavio fece una vasta documentazione della guerra ebraica / romana. Con i cristiani in salvo nel 66 EV, Dio non aveva motivo di trattenersi. La città cadde nell'anarchia con bande organizzate, fanatici violenti ed elementi criminali che causarono grande angoscia. I romani non tornarono direttamente a Gerusalemme, ma si concentrarono in altri luoghi come la Palestina, la Siria e Alessandria. Migliaia di ebrei morirono. Questo spiega l'avvertimento di Gesù per coloro che sono in Giudea a fuggire quando hanno visto la cosa disgustosa. Alla fine i romani vennero a Gerusalemme e circondarono la città. Coloro che cercavano di sfuggire all'assedio venivano o presi dai fanatici e avevano la gola tagliata, oppure dai romani che li inchiodavano alle croci, ben 500 al giorno. La carestia ha preso la città. C'erano caos, anarchia e guerra civile all'interno della città. I negozi che avrebbero dovuto tenerli in funzione per anni sono stati incendiati dalle forze ebraiche opposte per impedire che l'altra parte li avesse. Gli ebrei caddero nel cannibalismo. Giuseppe Flavio riporta quell'opinione secondo cui gli ebrei si ferirono l'un l'altro di più di quanto non facessero i romani. Immagina di vivere sotto quel terrore giorno dopo giorno, dalla tua stessa gente. Quando i romani finalmente entrarono in città, impazzirono e massacrarono la gente indiscriminatamente. Meno di un ebreo su 10 è sopravvissuto. Il tempio fu bruciato nonostante l'ordine di Tito di preservarlo. Quando finalmente Tito entrò in città e vide le fortificazioni, si rese conto che se avessero tenuto insieme avrebbero potuto tenere lontani i romani per molto tempo. Questo gli ha fatto dire in modo percettivo:

“Abbiamo certamente avuto Dio per la nostra esistenza in questa guerra, e non era altro che Dio che ha espulso gli ebrei sotto queste fortificazioni; perché cosa potrebbero fare le mani degli uomini o di qualsiasi macchina per rovesciare queste torri![Ii]

L'imperatore ordinò quindi a Tito di radere al suolo la città. Così, le parole di Gesù riguardo a una pietra che non veniva lasciata su una pietra si avverarono.

Gli ebrei persero la loro nazione, il loro tempio, il loro sacerdozio, loro record, la loro stessa identità. Questa fu davvero la peggiore tribolazione mai capitata alla nazione, superando persino l'esilio babilonese. Niente di simile gli verrà mai più in mente. Non stiamo parlando di singoli ebrei, ma della nazione che era il popolo eletto di Dio fino a quando non uccisero suo figlio.

Cosa impariamo da questo? Lo scrittore di Ebrei ci dice:

“Poiché se pratichiamo il peccato volontariamente dopo aver ricevuto l'accurata conoscenza della verità, non rimane più alcun sacrificio per i peccati, ma c'è una certa paurosa aspettativa di giudizio e un'ardente indignazione che consumerà coloro che si oppongono. Chiunque abbia ignorato la Legge di Mosè muore senza compassione sulla testimonianza di due o tre. Secondo voi, quale punizione più grande meriterà una persona che ha calpestato il Figlio di Dio e che ha considerato di valore ordinario il sangue dell'alleanza con cui è stato santificato e che ha oltraggiato lo spirito di immeritata benignità con disprezzo? Poiché conosciamo Colui che disse: “La vendetta è mia; Ti ripagherò. " E ancora: "Geova giudicherà il suo popolo". È una cosa spaventosa cadere nelle mani del Dio vivente ". (Ebrei 10: 26-31)

Gesù è amorevole e misericordioso, ma dobbiamo ricordare che è l'immagine di Dio. Pertanto, Geova è amorevole e misericordioso. Lo conosciamo conoscendo Suo Figlio. Tuttavia, essere l'immagine di Dio significa riflettere tutti i suoi attributi, non solo quelli caldi e sfocati.

Gesù è raffigurato in Rivelazione come un re guerriero. Quando la Traduzione del Nuovo Mondo dice: “'La vendetta è mia; Io ripagherò ', dice Geova ”, non significa rendere il greco accuratamente. (Romani 12: 9) In realtà si dice: “'La vendetta è mia; Io ripagherò ', dice il Signore. " Gesù non è seduto in disparte, ma è lo strumento che il Padre usa per esigere vendetta. Ricorda: l'uomo che ha accolto i bambini tra le sue braccia, ha anche modellato una frusta con corde e ha cacciato i prestatori di denaro fuori dal tempio, due volte! (Matteo 19: 13-15; Marco 9:36; Giovanni 2:15)

Qual è il mio punto? Ora non parlo solo ai testimoni di Geova, ma a ogni denominazione religiosa che sente che il proprio particolare tipo di cristianesimo è quello che Dio ha scelto come proprio. I Testimoni credono che la loro organizzazione sia l'unica scelta da Dio tra tutta la cristianità. Ma lo stesso si può dire per quasi tutte le altre denominazioni là fuori. Ognuno crede che la sua sia la vera religione, altrimenti perché dovrebbe rimanere in essa?

Tuttavia, c'è una cosa su cui tutti possiamo essere d'accordo; una cosa che è innegabile per tutti coloro che credono nella Bibbia: cioè che la nazione di Israele era il popolo eletto di Dio tra tutti i popoli della terra. Era, in sostanza, la chiesa di Dio, la congregazione di Dio, l'organizzazione di Dio. Ciò li ha salvati dalla tribolazione più orribile che si possa immaginare?

Se pensiamo che l'appartenenza abbia i suoi privilegi; se pensiamo che l'affiliazione con un'organizzazione o una chiesa ci conceda una carta speciale per uscire di prigione; allora stiamo ingannando noi stessi. Dio non ha solo punito gli individui nella nazione di Israele. Ha sradicato la nazione; cancellato la loro identità nazionale; rase al suolo la loro città come se un diluvio avesse attraversato proprio come predisse Daniel; li ha trasformati in un paria. "È una cosa spaventosa cadere nelle mani del Dio vivente".

Se vogliamo che Geova ci sorrida favorevolmente, se vogliamo che il nostro Signore, Gesù ci difenda, allora dobbiamo prendere posizione per ciò che è giusto e vero, indipendentemente dal costo per noi stessi.

Ricorda cosa ci ha detto Gesù:

“Tutti, quindi, che confessano l'unione con me davanti agli uomini, confesserò anche l'unione con lui davanti a mio Padre che è nei cieli; ma chiunque mi rinnegherà davanti agli uomini, lo rinnegherò anche davanti a mio Padre che è nei cieli. Non pensare che io sia venuto per mettere la pace sulla terra; Sono venuto per mettere, non la pace, ma una spada. Perché sono venuto a causare divisione, con un uomo contro suo padre, una figlia contro sua madre e una giovane moglie contro sua suocera. In effetti, i nemici di un uomo saranno persone della sua stessa famiglia. Chi ha più affetto per padre o madre che per me non è degno di me; e chi ha più affetto per figlio o figlia che per me non è degno di me. E chi non accetta il suo palo di tortura e mi segue non è degno di me. Chi trova la sua anima la perderà e chi perderà la sua anima per me la troverà. ”(Matthew 10: 32-39)

Cosa resta da discutere in Matteo 24, Marco 13 e Luca 21? Un ottimo affare. Non abbiamo parlato dei segni del sole, della luna e delle stelle. Non abbiamo discusso della presenza di Cristo. Abbiamo accennato al legame che esiste tra la "grande tribolazione" qui menzionata e la "grande tribolazione" registrata in Apocalisse. Oh, e c'è anche la singolare menzione dei "tempi fissati delle nazioni", o "tempi dei gentili" da Luca. Tutto questo sarà l'argomento del nostro prossimo video.

Grazie mille per la visione e il supporto.

_______________________________________________________________

[I] Eusebio, Storia ecclesiastica, III, 5: 3

[Ii] Le guerre degli ebrei, capitolo 8: 5

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.

    Leggi questo nella tua lingua:

    English简体中文DanskNederlandsFilipinoSuomiFrançaisDeutschItaliano日本語한국어ພາສາລາວPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀРусскийEspañolKiswahiliSvenskaதமிழ்TürkçeУкраїнськаTiếng ViệtZulu

    Pagine dell'autore

    Temi

    Articoli per mese

    33
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x