Quando parliamo di ristabilire la Congregazione cristiana, non parliamo di istituire una nuova religione. Al contrario. Stiamo parlando del ritorno alla forma di adorazione che esisteva nel I secolo, una forma in gran parte sconosciuta ai nostri giorni. Ci sono migliaia di sette e denominazioni cristiane in tutto il mondo, dall'ultra-grande, come la Chiesa cattolica, all'unica propaggine locale di qualche denominazionale fondamentalista. Ma una cosa che sembrano avere tutti in comune è che c'è qualcuno che guida la congregazione e che fa rispettare una serie di regole e un quadro teologico a cui tutti devono aderire se desiderano rimanere in associazione con quella particolare congregazione. Naturalmente, ci sono alcuni gruppi completamente non denominativi. Cosa li governa? Il fatto che un gruppo si definisca aconfessionale non significa che sia libero dal problema fondamentale che ha perseguitato il cristianesimo praticamente sin dal suo inizio: la tendenza degli uomini che prendono il sopravvento e alla fine trattano il gregge come se fosse il proprio. Ma che dire dei gruppi che vanno all'estremo opposto e tollerano ogni sorta di fede e comportamento? Una sorta di forma di adorazione "tutto va bene".

La via del cristiano è la via della moderazione, una via che cammina tra le rigide regole del fariseo e la sfrenata licenziosità del libertario. Non è una strada facile, perché è costruita non su regole, ma su principi, ei principi sono difficili perché ci richiedono di pensare da soli e di assumerci la responsabilità delle nostre azioni. Le regole sono molto più semplici, no? Tutto quello che devi fare è seguire ciò che un leader auto-nominato ti dice di fare. Si assume la responsabilità. Questa è, ovviamente, una trappola. Alla fine, staremo tutti davanti al tribunale di Dio e risponderemo delle nostre azioni. La scusa: "Stavo solo eseguendo gli ordini", allora non la taglierà.

Se vogliamo crescere fino alla misura della statura che appartiene alla pienezza del Cristo, come Paolo esortò a fare gli Efesini (Efesini 4:13), allora dobbiamo iniziare a esercitare la nostra mente e il nostro cuore.

Nel corso della pubblicazione di questi video, abbiamo in programma di scegliere alcune situazioni comuni che si presentano di volta in volta e che ci richiedono di prendere alcune decisioni. Non stabilirò regole, perché sarebbe presuntuoso da parte mia, e sarebbe il primo passo sulla via del dominio umano. Nessun uomo dovrebbe essere il tuo leader; solo il Cristo. La sua regola si basa sui principi che ha stabilito che, combinati con una coscienza cristiana addestrata, ci guidano sulla retta via.

Ad esempio, potremmo chiederci se votare alle elezioni politiche; o se possiamo celebrare certe festività; come Natale o Halloween, sia che possiamo commemorare il compleanno di qualcuno o la festa della mamma; o cosa costituirebbe in questo mondo moderno un matrimonio onorevole.

Cominciamo da quest'ultimo e tratteremo gli altri nei video futuri. Ancora una volta, non stiamo cercando regole, ma come applicare i princìpi biblici per ottenere l'approvazione di Dio.

Lo scrittore di Ebrei ha consigliato: "Il matrimonio sia onorevole fra tutti e il letto matrimoniale sia senza contaminazioni, poiché Dio giudicherà le persone sessualmente immorali e gli adulteri". (Ebrei 13: 4)

Può sembrare piuttosto semplice, ma cosa succede se una coppia sposata con figli inizia a frequentare la tua congregazione e dopo un po 'hai appreso che stanno insieme da 10 anni, ma non hai mai legalizzato il loro matrimonio davanti allo stato? Li considereresti un matrimonio onorevole o li etichetteresti come fornicatori?

Ho chiesto a Jim Penton di condividere alcune ricerche su questo argomento che ci aiuteranno a determinare quali principi applicare per prendere una decisione che sia gradita al nostro Signore. Jim, ti andrebbe di parlare di questo?

L'intero argomento del matrimonio è molto complesso, poiché so quanto sia stato preoccupante per i testimoni di Geova e la loro comunità. Notate che, secondo la dottrina dei poteri superiori di Rutherford del 1929, i Testimoni prestavano poca attenzione alla legge secolare. Durante il proibizionismo c'erano molte corse di rum dei Testimoni tra Toronto e Brooklyn e, inoltre, i Testimoni che avevano contratto matrimoni consensuali erano spesso considerati molto fedeli all'organizzazione. Curiosamente, tuttavia, nel 1952 Nathan Knorr decise per fiat che qualsiasi coppia che avesse avuto rapporti sessuali prima che il loro matrimonio fosse solennizzato da un rappresentante dello Stato laico sarebbe stata disassociata nonostante il fatto che ciò fosse contrario alla dottrina del 1929 che non fu abbandonata fino al metà degli anni sessanta.

Devo menzionare, tuttavia, che la Società ha fatto un'eccezione. Lo fecero nel 1952. Era che se una coppia di TdG viveva in un paese che richiedeva il matrimonio legale da parte di una certa organizzazione religiosa, allora la coppia JW poteva semplicemente dichiarare che si sarebbero sposati davanti alla loro congregazione locale. Poi, solo più tardi, quando la legge è stata modificata, è stato chiesto loro di ottenere un certificato di matrimonio civile.

Ma diamo uno sguardo più ampio alla questione del matrimonio. Prima di tutto, nell'antico Israele tutto il matrimonio era che la coppia avesse qualcosa di simile a una cerimonia locale, tornasse a casa e consumasse il loro matrimonio sessualmente. Ma le cose sono cambiate nell'alto medioevo sotto la Chiesa cattolica. Sotto il sistema sacramentale, il matrimonio divenne un sacramento che doveva essere solennizzato da un sacerdote negli ordini sacri. Ma quando ebbe luogo la Riforma, tutto cambiò di nuovo; i governi secolari hanno assunto l'attività di legalizzazione dei matrimoni; primo, per proteggere i diritti di proprietà, e secondo, per proteggere i bambini dalla bastardaggine.

Naturalmente, il matrimonio in Inghilterra e in molte delle sue colonie fu controllato dalla Chiesa d'Inghilterra fino al diciannovesimo secolo. Ad esempio, due dei miei bisnonni si sono dovuti sposare nell'Alto Canada nella cattedrale anglicana di Toronto, nonostante la sposa fosse battista. Anche dopo la Confederazione nel 1867 in Canada, ogni provincia aveva il potere di concedere il diritto di celebrare il matrimonio a varie chiese e organizzazioni religiose, e altre no. È significativo che i testimoni di Geova potessero solennizzare matrimoni solo in alcune province dopo la seconda guerra mondiale e molto, molto più tardi nel Quebec. Quindi, da ragazzo, ricordo quante coppie di Testimoni di Geova dovettero percorrere grandi distanze per sposarsi negli Stati Uniti. E durante la Depressione e durante la seconda guerra mondiale ciò era spesso impossibile, in particolare quando i Testimoni furono messi al bando totale per quasi quattro anni. Così, molti semplicemente "si sono riuniti" e alla Società non importava.

Le leggi sul matrimonio sono state molto diverse in vari luoghi. Ad esempio, in Scozia, le coppie potrebbero sposarsi a lungo semplicemente pronunciando un giuramento davanti a uno o più testimoni. Ecco perché le coppie inglesi hanno attraversato il confine con la Scozia per generazioni. Spesso anche l'età del matrimonio era molto bassa. I miei nonni materni hanno seguito molte miglia dal Canada occidentale al Montana nel 1884 per sposarsi con un matrimonio civile. Aveva poco più di vent'anni, lei tredici e mezzo. È interessante notare che la firma di suo padre è sulla loro licenza di matrimonio che mostra il suo consenso al loro matrimonio. Quindi, il matrimonio in vari luoghi è stato molto, molto vario.

Nell'antico Israele non c'era l'obbligo di registrarsi davanti allo stato. Al tempo del matrimonio di Giuseppe con Maria era così. In effetti, l'atto di un fidanzamento equivaleva al matrimonio, ma questo era un contratto reciproco tra le parti, non un atto legale. Così, quando Giuseppe seppe che Maria era incinta, decise di divorziare segretamente da lei perché "non voleva farne uno spettacolo pubblico". Ciò sarebbe stato possibile solo se il loro contratto di fidanzamento / matrimonio fosse stato mantenuto privato fino a quel momento. Se fosse stato pubblico, non ci sarebbe stato modo di mantenere segreto il divorzio. Se avesse divorziato da lei in segreto, cosa che gli ebrei permettevano a un uomo di fare, sarebbe stata giudicata una fornicatrice, piuttosto che un'adultera. Il primo le imponeva di sposare il padre del bambino, che senza dubbio Giuseppe presumeva fosse un compagno israelita, mentre il secondo era punibile con la morte. Il punto è che tutto questo è stato realizzato senza il coinvolgimento dello Stato.

Vogliamo mantenere la congregazione pulita, libera da adulteri e fornicatori. Tuttavia, cosa costituisce tale comportamento? Chiaramente un uomo che assume una prostituta è impegnato in attività immorali. Anche due persone che hanno rapporti sessuali occasionali sono chiaramente impegnate nella fornicazione e, se una di loro è sposata, nell'adulterio. Ma che dire di qualcuno che, come Giuseppe e Maria, fanno alleanza davanti a Dio di sposarsi, e poi vivono la loro vita in armonia con quella promessa?

Complichiamo la situazione. Cosa succede se la coppia in questione lo fa in un paese o provincia in cui il matrimonio di common law non è riconosciuto legalmente? Chiaramente, non possono usufruire delle protezioni previste dalla legge che tutelano i diritti di proprietà; ma non avvalersi di disposizioni legali non è la stessa cosa che violare la legge.

La domanda diventa: possiamo giudicarli come fornicatori o possiamo accettarli nella nostra congregazione come una coppia che si è sposata davanti a Dio?

Atti 5:29 ci dice di obbedire a Dio piuttosto che agli uomini. Romani 13: 1-5 ci dice di obbedire alle autorità superiori e di non opporci ad esse. Ovviamente, un voto fatto davanti a Dio ha più validità di un contratto legale cioè fatto prima di qualsiasi governo mondano. Tutti i governi mondani esistenti oggi passeranno, ma Dio durerà per sempre. Quindi, la domanda diventa: il governo richiede che due persone che vivono insieme si sposino o è facoltativo? Sposarsi legalmente risulterebbe effettivamente in una violazione della legge del paese?

Mi ci è voluto molto tempo per portare mia moglie americana in Canada negli anni '1960 e mio figlio più giovane ha avuto lo stesso problema nel portare sua moglie americana in Canada negli anni '1980. In ogni caso, eravamo legalmente sposati negli Stati Uniti prima di iniziare il processo di immigrazione, cosa che ora è contro la legge degli Stati Uniti. Se ci fossimo sposati davanti al Signore, ma non davanti alle autorità civili, saremmo stati in regola con la legge del paese e avremmo notevolmente facilitato il processo di immigrazione dopo il quale avremmo potuto sposarci legalmente in Canada, che era un requisito all'epoca dato che eravamo testimoni di Geova governati dalle regole di Nathan Knorr.

Lo scopo di tutto questo è dimostrare che non esistono regole ferree, come una volta ci insegnò a credere l'Organizzazione dei Testimoni di Geova. Invece, dobbiamo valutare ogni situazione sulla base delle circostanze guidate dai principi stabiliti nelle Scritture, il primo dei quali è il principio dell'amore.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.
    16
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x