Forse ti starai chiedendo il titolo di questo video: Addolora lo spirito di Dio quando respingiamo la nostra speranza celeste per un paradiso terrestre? Forse questo sembra un po' duro, o un po' giudicante. Tieni presente che è destinato specialmente ai miei ex amici JW che, pur continuando a credere nel nostro Padre celeste e in suo figlio, Cristo Gesù, e che hanno iniziato a prendere gli emblemi (come comandato da Gesù a tutti coloro che ripongono fede in lui ) ancora non vogliono "andare in paradiso". Molti hanno commentato sul mio canale YouTube e anche tramite e-mail private le loro preferenze e volevo affrontare questa preoccupazione. I commenti sono un campione reale di ciò che vedo spesso:

"Sento nel profondo di voler possedere la terra... questo va ben oltre un modo infantile di intendere il paradiso."

“Amo questo pianeta e le incredibili creazioni di Dio. Non vedo l'ora che arrivi una nuova terra, governata da Cristo e dai suoi compagni re/sacerdoti e voglio restare qui”.

"Anche se mi piace pensare di essere giusto, non ho alcun desiderio di andare in paradiso".

“Potremmo sempre aspettare e vedere. Non sono troppo preoccupato per quello che accadrà davvero poiché è stato promesso che andrà bene”.

Questi commenti sono forse sentimenti in parte nobili poiché vogliamo lodare la bellezza della creazione di Dio e confidare nella bontà di Dio; anche se, naturalmente, sono anche il prodotto dell'indottrinamento di JW, il relitto di decenni in cui è stato detto che per la stragrande maggioranza delle persone, la salvezza comporterà una "speranza terrena", un termine che non si trova nemmeno nella Bibbia. Non sto dicendo che non ci sia una speranza terrena. Sto chiedendo, c'è un punto nella Scrittura in cui ai cristiani viene offerta una speranza terrena per la salvezza?

I cristiani di altre confessioni religiose credono che andiamo in paradiso quando moriamo, ma capiscono cosa significa? Sperano davvero in quella salvezza? Ho parlato con moltissime persone nei miei decenni di predicazione di porta in porta come testimone di Geova, e posso dire con certezza che le persone con cui ho parlato che si consideravano dei buoni cristiani credevano che le brave persone andassero in paradiso . Ma questo è il massimo. Non hanno davvero idea di cosa significhi, forse seduti su una nuvola a suonare un'arpa? La loro speranza era così vaga che la maggior parte non la bramava davvero.

Mi chiedevo perché le persone di altre denominazioni cristiane avrebbero combattuto così duramente per rimanere in vita quando erano malate, sopportando persino un dolore orribile mentre soffrivano di una malattia terminale, piuttosto che lasciarsi andare e andare alla loro ricompensa. Se credevano davvero che sarebbero andati in un posto migliore, perché combattere così duramente per restare qui? Non era il caso di mio padre, morto di cancro nel 1989. Era convinto della sua speranza e non vedeva l'ora. Naturalmente, la sua speranza era che sarebbe risorto in un paradiso terrestre come insegnato dai testimoni di Geova. È stato ingannato? Se avesse compreso la vera speranza che viene offerta ai cristiani, l'avrebbe rifiutata, come fanno tanti Testimoni? Non lo so. Ma conoscendo l'uomo, non credo.

In ogni caso, prima di parlare di ciò che dice la Bibbia sul “cielo” come destinazione dei veri cristiani, è importante chiedere a coloro che hanno dei timori riguardo all'andare in paradiso, da dove vengono realmente questi timori? I timori che hanno riguardo all'andare in paradiso si riferiscono alla paura dell'ignoto? E se imparassero che la speranza celeste non significa lasciare la terra e l'umanità alle spalle per sempre e andare in un mondo spirituale sconosciuto? Questo cambierebbe il loro punto di vista? O il vero problema è che non vogliono fare lo sforzo. Gesù ci dice che «piccola è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e solo pochi la trovano». (Matteo 7:14 BSB)

Vedete, come testimone di Geova, non dovevo essere abbastanza bravo per meritare la vita eterna. Dovevo solo essere abbastanza bravo per sopravvivere ad Armageddon. Allora avrei mille anni per lavorare su ciò che serve per meritare la vita eterna. L'altra speranza delle pecore è una specie di premio "anche corso", un premio di consolazione per aver partecipato alla gara. La salvezza per i Testimoni di Geova si basa molto sulle opere: partecipare a tutte le adunanze, partecipare all'opera di predicazione, sostenere l'Organizzazione, Ascolta, obbedisci e sii benedetto. Quindi, se selezioni tutte le caselle e rimani all'interno dell'Organizzazione, supererai l'Armageddon e poi potrai lavorare per perfezionare la tua personalità in modo da ottenere la vita eterna.

Dopo che questi avranno raggiunto l'effettiva perfezione umana alla fine del Millennio e poi superato la prova finale, saranno nella posizione di essere dichiarati giusti per la vita umana eterna. — 12/1, pagine 10, 11, 17, 18. (w85). 12/15 p.30 Vi ricordate?)

Riesci a immaginare che "lo raggiungano"? Essendosi abituato alla voce che tuba di la Torre di Guardia che dipinge un quadro di giusti Testimoni di Geova che vivono in pace in un paradiso terrestre, forse molti ex TdG apprezzano ancora l'idea di essere solo “amici di Geova”, un concetto menzionato spesso nelle pubblicazioni della Torre di Guardia ma non una volta nella Bibbia (l'unico “ amico di Geova” di cui parla la Bibbia era il non cristiano Abraamo in Giacomo 1:23). I testimoni di Geova si considerano giusti e credono che erediteranno una terra paradisiaca dopo Armaghedon e lì lavoreranno verso la perfezione e otterranno la vita eterna alla fine del regno millenario di Cristo. Questa è la loro “speranza terrena”. Come sappiamo, i testimoni di Geova credono anche che solo un piccolo gruppo di cristiani, solo 144,000 che sono vissuti dal tempo di Cristo, andranno in cielo come esseri spirituali immortali appena prima di Armaghedon e che regneranno dal cielo. In realtà, la Bibbia non lo dice. Apocalisse 5:10 dice che questi regneranno "sulla o sulla terra", ma la Traduzione del Nuovo Mondo lo rende come "sopra" la terra, che è una traduzione fuorviante. Questo è ciò che intendono come una “speranza celeste”. In effetti, qualsiasi rappresentazione del cielo che potresti vedere nelle pubblicazioni della Watch Tower Society di solito raffigura uomini barbuti e vestiti di bianco (tutti bianchi del resto) che galleggiano tra le nuvole. D'altra parte, le raffigurazioni della speranza terrena offerta alla stragrande maggioranza dei testimoni di Geova sono colorate e accattivanti, mostrando famiglie felici che vivono in paesaggi simili a giardini, banchettando con il cibo migliore, costruendo belle case e godendo della pace con il Il regno degli animali.

Ma tutta questa confusione si basa su una falsa comprensione di cosa sia il paradiso in relazione alla speranza cristiana? Il paradiso o i cieli si riferiscono a un luogo fisico oa uno stato dell'essere?

Quando lasci l'ambiente di clausura di JW.org, hai un compito da affrontare. Devi pulire casa, rimuovere dalla tua mente tutte le false immagini impiantate da anni in cui ti sei nutrito di immagini e pensieri della Watchtower.

Quindi, cosa dovrebbero capire gli ex TdG che cercano la verità biblica e trovano la loro libertà in Cristo riguardo alla loro salvezza? Si innamorano ancora del messaggio nascosto di JW destinato a fare appello a coloro che hanno un? speranza terrena? Vedete, se sarete ancora in uno stato peccaminoso secondo la dottrina di JW, anche dopo la vostra risurrezione, o dopo essere sopravvissuti ad Armaghedon, allora la barra per la sopravvivenza nel Nuovo Mondo non è troppo alta. Anche gli ingiusti entrano nel nuovo mondo attraverso la risurrezione. Insegnano che non devi essere davvero bravo per farcela, devi solo essere abbastanza bravo per passare l'asticella, perché avrai ancora mille anni per farlo bene, per risolvere i difetti di la tua imperfezione E soprattutto non dovrai più soffrire persecuzioni per il Cristo, come facciamo in questo mondo. Questo è molto più piacevole da immaginare di quello che leggiamo in Ebrei 10:32-34 su ciò che i veri cristiani hanno dovuto sopportare nel mostrare il loro amore per Gesù.

“Ricorda come sei rimasto fedele anche se ciò significava terribili sofferenze. A volte sei stato esposto al pubblico ridicolo e sei stato picchiato, [o evitato!] ea volte hai aiutato altri che stavano soffrendo le stesse cose. Hai sofferto insieme a coloro che sono stati gettati in carcere, e quando ti è stato tolto tutto ciò che possedevi, l'hai accettato con gioia. Sapevi che c'erano cose migliori che ti aspettavano che dureranno per sempre. (Ebrei 10:32, 34 NLT)

Ora potremmo essere tentati di dire: “Sì, ma sia i TdG che alcuni ex TdG hanno frainteso la speranza celeste. Se lo capissero davvero, non si sentirebbero in quel modo”. Ma vedi, non è questo il punto. La nostra salvezza non è facile come ordinare il cibo dal menu di un ristorante: “Prenderò la vita eterna con un contorno di terra paradisiaca e, come antipasto, un po' di gioco con gli animali. Ma tieni i re e i sacerdoti. Fatto?

Alla fine di questo video, vedrai che c'è solo una speranza offerta ai cristiani. Solo uno! Prendere o lasciare. Chi diavolo siamo noi, chiunque di noi, per rifiutare un dono di grazia di Dio Onnipotente? Voglio dire, pensaci, l'assoluta sfacciataggine: la sfrontatezza dei veri testimoni di Geova, e persino alcuni ex TdG che sono stati illusi dalla speranza di una risurrezione terrena e che ora rifiuteranno effettivamente un dono di Dio. Sono arrivato a vedere che mentre disdegnano il materialismo, a loro modo, i Testimoni di Geova sono molto materialisti. È solo che il loro materialismo è un materialismo differito. Stanno rimandando le cose che vogliono ora nella speranza di ottenere cose molto migliori dopo l'Armageddon. Ho sentito più di un Testimone bramare qualche bella casa che hanno visitato durante l'opera di predicazione, dicendo: “È lì che vivrò dopo Armaghedon!”

Conoscevo un anziano "unto" che tenne una severa lezione alla congregazione in una parte dei bisogni locali sul fatto che non ci sarebbe stato un "accaparramento di terre" dopo Armaghedon, ma che i "principi" avrebbero assegnato case a tutti - "Quindi basta aspetta il tuo turno!" Certo, non c'è niente di sbagliato nel volere una bella casa, ma se la tua speranza di salvezza è focalizzata sui desideri materiali, allora ti manca l'intero punto di salvezza, vero?

Quando un Testimone di Geova dice, come un bambino petulante: “Ma non voglio andare in paradiso. Voglio restare sulla terra paradisiaca”, non sta mostrando una totale mancanza di fede nella bontà di Dio? Dov'è la fiducia che il nostro Padre celeste non ci darà mai qualcosa che non saremmo incredibilmente felici di ricevere? Dov'è la fede che Egli conosce molto meglio di quanto potremmo mai, proprio ciò che ci renderebbe felici oltre i nostri sogni più sfrenati?

Ciò che il nostro Padre celeste ci ha promesso è di essere suoi figli, figli di Dio, e di ereditare la vita eterna. E soprattutto, lavorare insieme al suo prezioso Figlio per regnare nel regno dei cieli come re e sacerdoti. Saremo responsabili di riportare l'umanità peccatrice nella famiglia di Dio — Sì, ci sarà una risurrezione terrena, la risurrezione degli ingiusti. E il nostro lavoro sarà un lavoro che durerà oltre 1,000 anni. Parliamo di sicurezza del lavoro. Dopo di che, chissà cosa ha in serbo nostro Padre.

Dovremmo essere in grado di fermare questa discussione proprio qui. Quello che ora sappiamo è tutto ciò che abbiamo davvero bisogno di sapere. Con quella conoscenza, fondata sulla fede, abbiamo ciò di cui abbiamo bisogno per portare avanti la lealtà fino alla fine.

Tuttavia, nostro Padre ha scelto di rivelarci di più e lo ha fatto attraverso suo Figlio. Ciò che è necessario è riporre fede in Dio e credere che qualunque cosa ci sta offrendo sarà incredibilmente buono per noi da avere. Non dovremmo avere dubbi sulla sua bontà. Tuttavia, le idee che sono state piantate nei nostri cervelli dalla nostra precedente religione possono ostacolare la nostra comprensione e sollevare preoccupazioni che possono minare la nostra gioia per la prospettiva che ci viene presentata. Esaminiamo le varie caratteristiche della speranza di salvezza offerta nella Bibbia e confrontiamola con la speranza di salvezza offerta dall'organizzazione dei testimoni di Geova.

Dobbiamo iniziare sgombrando il nostro piatto da alcune idee sbagliate che potrebbero impedirci di comprendere appieno la buona notizia della salvezza. Cominciamo con la frase “speranza celeste”. Questo è un termine che non si trova nelle Scritture, anche se ricorre più di 300 volte nelle pubblicazioni della Watch Tower Society. Ebrei 3:1 parla di una "chiamata celeste", ma si riferisce all'invito dal cielo che è stato fatto per mezzo di Cristo. Allo stesso modo, la frase “paradiso terrestre” non si trova nemmeno nella Bibbia, anche se compare 5 volte nelle note a piè di pagina della Traduzione del Nuovo Mondo e si trova quasi 2000 volte nelle pubblicazioni della Società.

Dovrebbe importare che le frasi non appaiano nella Bibbia? Ebbene, non è questa una delle obiezioni che l'organizzazione dei Testimoni di Geova solleva contro la Trinità? Che la parola stessa non si trova mai nella Scrittura. Ebbene, applicando la stessa logica alle parole che usano frequentemente per descrivere la salvezza che promettono al loro gregge, “speranza celeste”, “paradiso terrestre”, dovremmo scartare ogni interpretazione basata su quei termini, no?

Quando cerco di ragionare con le persone sulla Trinità, chiedo loro di abbandonare ogni preconcetto. Se credono che Gesù è Dio che entra, colorerà qualsiasi comprensione che hanno di qualsiasi versetto. Lo stesso si può dire ai Testimoni di Geova riguardo alla loro speranza di salvezza. Quindi, e questo non sarà facile, qualunque cosa tu abbia pensato prima, qualunque cosa avevi immaginato prima quando hai sentito la frase "speranza celeste" o "paradiso terrestre", toglilo dalla mente. Puoi provarlo per favore? Premi il tasto Canc su quell'immagine. Cominciamo con una tabula rasa in modo che i nostri preconcetti non ostacolino l'acquisizione della conoscenza della Bibbia.

I cristiani sono esortati a porre «gli occhi sulle realtà del cielo, dove Cristo siede al posto d'onore alla destra di Dio» (Col 3). Paolo disse ai cristiani gentili di “pensare alle cose del cielo, non alle cose della terra. Perché sei morto a questa vita e la tua vera vita è nascosta con Cristo in Dio». (Colossesi 1:3 NLT) Paolo sta parlando della posizione fisica del cielo? Il paradiso ha anche una posizione fisica o stiamo imponendo concetti materiali a cose immateriali? Notate, Paolo non ci dice di pensare alle cose IN paradiso, ma OF Paradiso. Non riesco a immaginare le cose in un posto che non ho mai visto né posso vedere. Ma posso pensare a cose che hanno origine da un luogo se quelle cose sono presenti con me. Quali sono le cose del paradiso che i cristiani conoscono? Pensaci.

Consideriamo di cosa parla Paolo quando dice nei versetti che abbiamo appena letto da Colossesi 3:2,3 che siamo morti a “questa vita” e che la nostra vera vita è nascosta in Cristo. Cosa vuol dire che siamo morti a questa vita ponendo gli occhi sulle realtà del cielo? Sta parlando di morire per le nostre vite ingiuste caratterizzate dal realizzare le nostre inclinazioni carnali ed egoistiche. Possiamo ottenere maggiori informazioni su "questa vita" rispetto alla nostra "nostra vita reale" da un'altra scrittura, questa volta in Efesini.

“…Per il suo grande amore per noi, Dio, che è ricco di misericordia, ci ha fatto vivere con Cristo anche quando eravamo morti nelle nostre trasgressioni. È per grazia che sei stato salvato! E Dio ci ha risuscitati con Cristo e ci ha fatto sedere con Lui nei regni celesti in Cristo Gesù”. (Efesini 2:4-6 BSB)

Quindi fissare "i nostri occhi sulle realtà del cielo" ha a che fare con il cambiamento della nostra natura ingiusta in una giusta o da una visione carnale a una spirituale.

Il fatto che il versetto 6 di Efesini 2 (che abbiamo appena letto) sia scritto al passato è molto significativo. Significa che coloro che sono giusti sono già metaforicamente seduti nei regni celesti anche se vivono ancora sulla terra nei loro corpi carnali. Come è possibile? Succede quando appartieni a Cristo. In altre parole, comprendiamo che quando siamo stati battezzati, la nostra vecchia vita è stata, in sostanza, sepolta con Cristo affinché anche noi potessimo essere risuscitati a nuova vita con Lui (Col 2) perché confidavamo nella potenza di Dio . Paolo lo mette in un altro modo in Galati:

“Coloro che appartengono a Cristo Gesù hanno crocifisso la carne con le sue passioni e desideri. Poiché viviamo secondo lo Spirito, camminiamo al passo con lo Spirito”. (Galati 5:24, 25 BSB)

“Quindi io dico, cammina secondo lo Spirito, e non soddisferai i desideri della carne.” (Galati 5:16 BSB)

"Tu, tuttavia, sono controllati non dalla carne, ma dallo Spirito, se lo Spirito di Dio vive in te. E se uno non ha lo Spirito di Cristo, non appartiene a Cristo. Ma se Cristo è in te, il tuo corpo è morto a causa del peccato, eppure il tuo spirito è vivo a causa della giustizia». (Romani 8:9,10 BSB)

Quindi qui possiamo vedere i mezzi e stabilire il collegamento con il motivo per cui è possibile diventare retti. È l'azione dello spirito santo su di noi perché abbiamo fede in Cristo. A tutti i cristiani viene offerto il diritto di ricevere lo spirito santo perché è stato loro offerto il diritto di essere figli di Dio dalla stessa autorità di Cristo. Questo è ciò che ci insegna Giovanni 1:12,13.

Chiunque riponga vera fede in Gesù Cristo (e non negli uomini) riceverà lo spirito santo e ne è guidato come garanzia, rata, pegno o segno (come dice la Traduzione del Nuovo Mondo) che riceverà il eredità di vita eterna che Dio ha promesso loro a motivo della loro fede in Gesù Cristo come loro salvatore, come loro redentore dal peccato e dalla morte. Ci sono molte Scritture che lo chiariscono.

“Ora è Dio che stabilisce noi e te in Cristo. Ci ha unto, ha posto su di noi il suo sigillo e ha messo il suo Spirito nei nostri cuori come pegno di ciò che deve venire. (2 Corinzi 1:21,22 BSB)

“Voi siete tutti figli di Dio per la fede in Cristo Gesù”. (Galati 3:26 BSB)

“Poiché tutti coloro che sono guidati dallo Spirito di Dio sono figli di Dio”. (Romani 8:14 BSB)

Ora, tornando alla teologia di JW e alla promessa che gli uomini della Watch Tower Organization fanno agli “amici di Dio”” (le altre pecore), vediamo sorgere un problema insormontabile. Com'è possibile che questi “amici di Dio” possano essere chiamati giusti poiché ammettono apertamente di non ricevere, e non vogliono ricevere, l'unzione dello spirito santo? Non possono mai essere giusti senza lo Spirito di Dio, vero?

“Solo lo Spirito dona la vita eterna. Lo sforzo umano non porta a nulla. E le stesse parole che ti ho detto sono spirito e vita”. (Giovanni 6:63, NLT)

“Tuttavia, sei in armonia, non con la carne, ma con lo spirito, se lo spirito di Dio abita veramente in te. Ma se qualcuno non ha lo spirito di Cristo, questa persona non gli appartiene. "(Romani 8: 9)

Come può qualcuno di noi aspettarsi di essere salvato come un cristiano retto se non apparteniamo a Cristo? Un cristiano che non appartiene a Cristo è una contraddizione in termini. Il libro dei Romani mostra chiaramente che se lo spirito di Dio non abita in noi, se non siamo stati unti con lo spirito santo, allora non abbiamo lo spirito di Cristo e non gli apparteniamo. In altre parole, non siamo cristiani. Dai, la parola stessa significa unto, christos in greco. Guardalo!

Il Corpo Direttivo dice ai Testimoni di Geova di stare attenti agli apostati che li sedurranno con falsi insegnamenti. Questo si chiama proiezione. Significa che stai proiettando il tuo problema o la tua azione o il tuo peccato sugli altri, accusando gli altri di fare proprio la cosa che pratichi. Fratelli e sorelle, non lasciatevi sedurre dalla falsa speranza di una risurrezione terrena dei giusti come amici di Dio, ma non suoi figli, come distribuito nelle pubblicazioni della Società Torre di Guardia. Quegli uomini vogliono che tu li obbedisca e affermi che la tua salvezza riposa sul tuo sostegno a loro. Ma fermati un momento e ricorda l'avvertimento di Dio:

“Non riporre la tua fiducia nei leader umani; nessun essere umano può salvarti”. (Salmo 146:3)

Gli esseri umani non possono mai renderti giusto.

La nostra unica speranza di salvezza è spiegata nel libro degli Atti degli Apostoli:

“La salvezza non esiste in nessun altro, poiché non c'è altro nome sotto il cielo [oltre a Cristo Gesù] dato agli uomini mediante il quale dobbiamo essere salvati”. Atti 4:14

A questo punto, potresti chiederti: "Ebbene, qual è esattamente la speranza che viene data ai cristiani?"

Saremo portati in paradiso in un luogo lontano dalla terra, per non tornare mai più? Come saremo? Che tipo di corpo avremo?

Queste sono domande che richiederanno un altro video per rispondere correttamente, quindi eviteremo di rispondere fino alla nostra prossima presentazione. Per ora, il punto principale che ci dovrebbe essere lasciato è questo: anche se tutto ciò che sapevamo sulla speranza che Geova ci promette è che avremmo ereditato la vita eterna, dovrebbe essere sufficiente. La nostra fede in Dio, la fede che Egli è amorevole e ci concederà tutto ciò che potremmo desiderare e di più, è tutto ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento. Non spetta a noi dubitare della qualità e della desiderabilità dei doni di Dio. Le uniche parole che usciamo dalla nostra bocca dovrebbero essere parole di enorme gratitudine.

Grazie ancora a tutti per l'ascolto e per continuare a supportare questo canale. Le tue donazioni ci fanno andare avanti.

 

 

Meleti Vivlon

Articolo di Meleti Vivlon.
    27
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x