(Luca 20: 34-36) Gesù disse loro: “I figli di questo sistema di cose si sposano e sono dati in matrimonio, 35 ma quelli che sono stati ritenuti degni di guadagnare quel sistema di cose e la risurrezione dai morti non si sposano né né sono dati in matrimonio. 36 In effetti, non possono più morire, perché sono come gli angeli, e sono figli di Dio essendo figli della risurrezione.
Fino a circa 80 anni fa, nessun cristiano - nominale o no - aveva problemi con questo passaggio. Tutti sarebbero andati in paradiso per essere come gli angeli, quindi non è stato un problema. Anche oggi, non è un argomento caldo all'interno della cristianità per lo stesso motivo. Tuttavia, a metà degli anni '1930, i testimoni di Geova identificarono l'altra classe di pecore e le cose iniziarono a cambiare. Non era subito un argomento caldo, perché la fine era vicina e le altre pecore sarebbero sopravvissute ad Armageddon; così avrebbero continuato a sposarsi, ad avere figli e a godersi l'intera enchilada, a differenza dei miliardi di ingiusti risorti. Ciò creerebbe un'interessante società del Nuovo Mondo in cui esisterebbe una minuscola minoranza di pochi milioni circondata da innumerevoli miliardi di umani (presumibilmente) sterilizzati.
Sfortunatamente, la fine non è arrivata subito e gli amati compagni hanno iniziato a morire e gradualmente l'applicazione che stavamo dando questo passaggio è diventata carica di emozione.
La nostra posizione ufficiale in 1954 era che i risuscitati non si sposassero, sebbene ci fosse uno strano codice in quella interpretazione, presumibilmente per calmare i membri delle altre pecore che avevano perso i loro amati compagni.

“È persino ragionevole e ammissibile intrattenere il pensiero confortante che quelli delle altre pecore che ora muoiono fedeli avranno una resurrezione precoce e vivranno durante il periodo in cui il mandato di procreazione viene adempiuto e quando le condizioni del paradiso si stanno diffondendo in tutta la terra e che condivideranno in questo servizio divinamente dato. Geova sostiene quella speranza di servire loro adesso e sembra ragionevole che non li lascerà perdere su di essa a causa della morte prematura ora, forse una morte causata dalla fedeltà a lui ”. (W54 9 / 15 p. Domande 575 dai lettori)

Questo pio desiderio infondato non fa più parte della nostra teologia. L'ultimo riferimento a Luca 20: 34-36 nelle nostre pubblicazioni risale a 25 anni fa. Da allora non abbiamo più affrontato l'argomento. Quindi rimane la nostra posizione ufficiale in merito, ovvero che i risuscitati non si sposeranno. Tuttavia, lascia la porta aperta ad altre possibilità: “Quindi, se un cristiano trova difficile accettare la conclusione che i risuscitati non si sposeranno, può essere sicuro che Dio e Cristo hanno comprensione. E può semplicemente aspettare per vedere cosa succede. " (w87 6/1 p. 31 Domande dai lettori)
L'ho letto come una tacita punta di cappello all'idea che forse ci sbagliamo. Nessun problema però, aspetta e vedrai.
Data l'apparente ambiguità in questa Scrittura (Gesù si riferiva alla risurrezione celeste, o terrena, o entrambe?) Ci si chiede perché ne prendiamo una posizione. È perché sentiamo di dover avere una risposta a ogni domanda scritturale? Questa sembra essere la nostra posizione da un po 'di tempo ormai. Che dire allora di Giovanni 16:12?
Tuttavia, abbiamo preso una posizione su questa Scrittura. Pertanto, poiché lo scopo di questo forum è promuovere una ricerca biblica imparziale, riesaminiamo le prove.

Le circostanze

La situazione che ha dato origine a questa rivelazione di Gesù è stato un attacco appena velato contro di lui da parte dei sadducei che non credevano affatto nella risurrezione. Stavano cercando di intrappolarlo con quello che vedevano come un enigma irrisolvibile.
Quindi la prima domanda che dobbiamo porre è Perché Gesù ha scelto di rivelare una nuova verità ai suoi oppositori anziché a questi fedeli discepoli?
Questo non era il suo modo.

(essere p. 66 pars. 2-3 Sapere come si deve rispondere)

In alcuni casi, come indicato da Gesù ai suoi apostoli, una persona può chiedere informazioni alle quali non ha diritto o questo non gli sarebbe davvero utile. - Atti 1: 6, 7.

Le Scritture ci consigliano: "Lascia che la tua espressione sia sempre con grazia, condita con sale, in modo da sapere come dovresti dare una risposta a ciascuno di essi". (Col. 4: 6) Quindi, prima di rispondere, dobbiamo considera non solo quello che stiamo per dire, ma come lo diremo.

Ci viene insegnato a imitare il suo esempio di insegnamento di Gesù determinando ciò che è realmente dietro la domanda che ci viene posta - la vera motivazione dell'interrogatore - prima di inquadrare la nostra risposta.

(essere p. 66 par. 4 Sapere come si deve rispondere) *

I sadducei cercarono di intrappolare Gesù con una domanda sulla risurrezione di una donna che era stata sposata più volte. Tuttavia, Gesù sapeva che in realtà non credevano nella risurrezione. Quindi nella sua risposta, ha risposto alla loro domanda in un modo che ha affrontato il punto di vista errato che era la base alla base di tale domanda. Usando un ragionamento magistrale e un familiare resoconto delle Scritture, Gesù fece notare qualcosa che non avevano mai preso in considerazione in precedenza: una chiara prova che Dio avrebbe davvero resuscitato i morti. La sua risposta ha stupito così tanto i suoi oppositori che hanno avuto paura di interrogarlo ulteriormente- Luke 20: 27-40.

Dopo aver letto questo consiglio, se incontrassi un ateo nel ministero di campo e ti venisse posta una domanda sulla risurrezione intesa a confonderti, entreresti nei dettagli della risurrezione dei 144,000 e di quella dei giusti e degli ingiusti. Ovviamente no. Imitando l'esempio di Gesù, discerneresti la vera intenzione dell'ateo e gli daresti informazioni sufficienti per farlo tacere. Troppi dettagli sarebbero macinati per il suo mulino, aprendogli altre strade per attaccarti. Gesù abilmente diede ai sadducei una breve risposta che li zittì, quindi usando una base nella Scrittura che rispettavano, dimostrò loro succintamente la risurrezione.
Noi sosteniamo che poiché i sadducei non sapevano nulla della risurrezione celeste, Gesù deve aver fatto riferimento a quella terrena nella sua risposta. Rafforziamo questo argomento mostrando come fece riferimento ad Abraamo, Isacco e Giacobbe, tutti coloro che godranno di una risurrezione terrena. C'è un problema con la linea di ragionamento.
In primo luogo, il fatto che abbia fatto riferimento ai loro antenati non significa che non si potesse riferire alla risurrezione celeste nella sua risposta. Le due parti della sua argomentazione sono separate. La prima parte aveva lo scopo di dare loro una risposta che avrebbe vanificato il loro pietoso tentativo di farlo inciampare. La seconda parte consisteva nel dimostrare che si sbagliavano nel ragionamento usando le proprie convinzioni contro di loro.
Vediamola in un altro modo. Se la risurrezione terrena non preclude la possibilità del matrimonio, allora Gesù avrebbe pensato che, poiché non credevano nella risurrezione celeste, si sarebbe limitato a parlare del terreno. Non è probabile? Neanche loro credevano nel terreno. Se il terreno include il matrimonio, allora ci sono molte situazioni di nodi gordiani che si presentano e che solo Geova Dio può risolvere. La conoscenza di come li risolve cade sotto l'ombrello di Giovanni 16:12 e Atti 1: 6,7. Non siamo riusciti a gestire questa verità nemmeno adesso, quindi perché avrebbe dovuto rivelarla agli oppositori allora?
Ha molto più senso concludere che ha dato loro lo scenario della risurrezione celeste, non è vero? Non aveva bisogno di spiegare che stava parlando della risurrezione celeste. Poteva lasciare che facessero le proprie ipotesi. Il suo unico obbligo era dire la verità. Non era obbligato ad entrare nei dettagli. (Mt 7: 6)
Naturalmente, questa è solo una linea di ragionamento. Non costituisce una prova. Tuttavia, neanche la linea di ragionamento contraria è prova scritturale. Esistono prove scritturali per un argomento piuttosto che un altro?

Cosa dice realmente Gesù?

I bambini di questo sistema di cose sposarsi. Siamo tutti figli di questo sistema di cose. Possiamo tutti sposarci. I figli di che sistema di cose non si sposano. Secondo Gesù sono degni di ottenerli entrambi che sistema di cose e la risurrezione dai morti. Non muoiono più. Sono come gli angeli. Sono figli di Dio essendo figli della risurrezione.
Sia i giusti che gli ingiusti vengono risuscitati alla vita sulla terra. (Atti 24:15) Gli ingiusti tornano in uno stato in cui 'non possono più morire'? Gli ingiusti vengono risuscitati come figli di Dio? Sono gli ingiusti degno della risurrezione? Cerchiamo di spiegarlo affermando che questo si applica solo dopo che hanno superato con successo il test finale alla fine dei mille anni. Ma questo non è ciò che Gesù sta dicendo. "Otterranno ... la risurrezione dai morti" centinaia di anni prima della prova finale. Sono considerati figli di Dio non per aver superato una prova finale, ma perché Dio li ha risuscitati. Nessuna di queste cose corrisponde a ciò che dice la Bibbia sullo stato degli ingiusti risuscitati.
L'unico gruppo di risuscitati per cui tutto quanto sopra è vero senza impegnarsi in alcuna ginnastica teologica è quello dei 144,000 figli di Dio unti con lo spirito. (Rom. 8:19; 1 Cor.15: 53-55) Le parole di Gesù si adattano a quel gruppo se semplicemente lasciamo che intenda ciò che dice.

Che dire dello scopo di Geova?

Geova ha progettato l'uomo per vivere in associazione con la femmina della specie. La donna è stata concepita come complemento dell'uomo. (Gen. 2: 18-24) Nessuno può ostacolare Geova nel portare a termine questo proposito. Nessun problema è troppo difficile da risolvere per lui. Certo, potrebbe cambiare la natura stessa del maschio e della femmina per eliminare la necessità che si completino a vicenda, ma non cambia il suo scopo. Il suo design è perfetto e non necessita di modifiche per adattarsi alle mutevoli circostanze. Certo, potremmo ipotizzare che avesse intenzione di neutralizzare l'umanità in futuro, ma se così fosse, Gesù avrebbe fatto uscire il gatto dalla borsa a un gruppo di oppositori increduli e non ai suoi fedeli discepoli? Rivelerebbe un segreto così sacro o santo ai miscredenti? Non sarebbe l'epitome di lanciare perle davanti ai maiali? (Mt 7: 6)

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.
    3
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x