[Questo punto è stato portato alla mia attenzione da Apollo. Ho sentito che dovrebbe essere rappresentato qui, ma il merito va a lui per aver elaborato il pensiero iniziale e la successiva linea di ragionamento.]
(Luca 23: 43) E gli disse: "Veramente te lo dico oggi, sarai con me in Paradiso".
Ci sono molte polemiche su questo testo. La TNM lo rende con la virgola posta in modo che sia chiaro che Gesù non sta dicendo che il malfattore inchiodato a un palo accanto a lui sarebbe andato in paradiso quel giorno stesso. Sappiamo che non era così perché Gesù non fu risorto fino al terzo giorno.
Quelli che credono che Gesù è Dio usano questa Scrittura per 'provare' che il malfattore - e tutti gli altri che semplicemente credono in Gesù - non solo furono perdonati, ma andarono letteralmente in paradiso quel giorno stesso. Tuttavia, tale interpretazione è in conflitto con ciò che la Bibbia dice sullo stato dei morti, la natura di Gesù come uomo, gli insegnamenti di Gesù riguardo alla risurrezione e alla speranza per la vita terrena e celeste. Questo argomento è stato ben discusso nelle nostre pubblicazioni e non ho intenzione di reinventare quella particolare ruota qui.
Lo scopo di questo post è proporre un significato alternativo alle parole di Gesù. La nostra interpretazione, sebbene coerente con il resto degli insegnamenti biblici su questi e argomenti correlati, solleva ancora alcune domande. Il greco non usa virgole, quindi dobbiamo dedurre ciò che Gesù intendeva dire. Come comprensibile conseguenza della nostra decennale difesa della verità prima dell'assalto di un mondo di falsi insegnamenti religiosi, ci siamo concentrati su una resa che, pur essendo fedele al resto della Scrittura, temo ci nega un aspetto particolarmente bello comprensione profetica.
In base alla nostra interpretazione, la frase "In verità vi dico oggi ..." è qui usata da Gesù per sottolineare la veridicità di ciò che sta per dire. Se è davvero così che lo intendeva, è interessante che questo segna l'unica occasione in cui usa la frase in quel modo. Usa la frase "davvero ti dico" o "veramente ti dico" letteralmente dozzine di volte, ma solo qui aggiunge la parola "oggi". Perché? In che modo l'aggiunta di quella parola aumenta l'affidabilità di ciò che sta per dire? Il malfattore ha appena coraggiosamente rimproverato il suo compagno di crimine e poi umilmente implorato Gesù per il perdono. Non è probabile che sia dubbioso. Se ha dei dubbi, è molto probabile che siano legati alla sua visione di se stesso come indegno. Ha bisogno di essere rassicurato, non che Gesù stia dicendo quella verità, ma piuttosto che qualcosa che sembra troppo bello per essere vero - la possibilità che possa essere redento in un momento così tardo della sua vita - è infatti possibile. In che modo la parola "oggi" si aggiunge a tale compito?
Successivamente, dobbiamo pensare alle circostanze. Gesù era in agonia. Ogni parola, ogni respiro, deve essergli costato qualcosa. In linea con ciò, la sua risposta mostra un'economia di espressione. Ogni parola è concisa e piena di significato.
Dobbiamo anche tenere a mente che Gesù era il grande insegnante. Ha sempre considerato le esigenze del suo pubblico e ha adattato il suo insegnamento di conseguenza. Tutto quello di cui abbiamo discusso sulla situazione del malfattore gli sarebbe stato ovvio e, di più, avrebbe visto la vera condizione del cuore dell'uomo.
L'uomo non aveva solo bisogno di rassicurazioni; aveva bisogno di trattenere l'ultimo respiro. Non poteva cedere al dolore e, per citare la moglie di Giobbe, "maledire Dio e morire". Dovette resistere ancora per qualche ora.
La risposta di Gesù sarebbe stata a beneficio dei posteri o si preoccupava prima di tutto del benessere di una pecora trovata di recente. Dato quello che aveva precedentemente insegnato in Luca 15: 7, doveva essere quest'ultimo. Quindi la sua risposta, sebbene economica, avrebbe detto al malfattore ciò che aveva bisogno di sentire per perseverare fino alla fine. Come sarebbe stato incoraggiante per lui sapere che quel giorno stesso sarebbe stato in Paradiso.
Ma aspetta! Non è andato in Paradiso quel giorno, vero? Sì, lo ha fatto, dal suo punto di vista. E ammettiamolo; quando stai morendo, l'unico punto di vista che conta è il tuo.
Prima che quel giorno finisse, gli hanno rotto le gambe in modo che tutto il peso del suo corpo potesse tirare sulle sue braccia. Ciò si traduce in uno stress posto sul diaframma che non può funzionare correttamente. Si muore lentamente e dolorosamente per asfissia. È una morte terribile. Ma sapere che non appena fosse morto, sarebbe stato in Paradiso deve avergli fornito un enorme conforto. Dal suo punto di vista, il suo ultimo pensiero cosciente su quel palo di tortura è separato dal suo primo pensiero cosciente nel Nuovo Mondo da un battito di ciglia. Quel giorno è morto e per lui emerge quello stesso giorno nella luce splendente di una mattina del Nuovo Mondo.
Il bello di questo pensiero è che serve anche a noi. Noi che stiamo morendo di malattia, o di vecchiaia, o anche dell'ascia del boia, dobbiamo solo pensare a quel malfattore per renderci conto che siamo a giorni, ore o pochi minuti dal Paradiso.
Sento che la nostra attuale interpretazione, sebbene intesa a difenderci dai falsi insegnamenti dei Trinitari, ci fa un disservizio derubandoci di una meravigliosa e profetica immagine della parola profetica.

Meleti Vivlon

Articoli di Meleti Vivlon.
    6
    0
    Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x