Nell'ultimo video, abbiamo visto come il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova ha distorto il significato di Matteo 18:15-17 in un ridicolo tentativo di far sembrare che sostenga il loro sistema giudiziario, basato sul sistema farisaico con la sua punizione definitiva dell'evitare , che è una forma di morte sociale, anche se a volte spinge le persone alla morte letterale.

Rimane la domanda: cosa intendeva Gesù quando pronunciò le parole riportate in Matteo 18:15-17? Stava istituendo un nuovo sistema giudiziario? Stava dicendo ai suoi ascoltatori che avrebbero dovuto evitare chiunque pecca? Come possiamo saperlo con certezza? Abbiamo bisogno di affidarci agli uomini per dirci cosa Gesù vuole che facciamo?

Qualche tempo fa, ho prodotto un video intitolato "Imparare a pescare". Era basato sul detto: “Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegna a un uomo a pescare e lo nutrirai per tutta la vita.

Quel video introduceva il metodo di studio della Bibbia noto come esegesi. Imparare l'esegesi è stata per me una vera manna dal cielo, perché mi ha liberato dalla dipendenza dalle interpretazioni dei capi religiosi. Col passare degli anni, sono arrivato ad affinare la mia comprensione delle tecniche dello studio esegetico. Se il termine ti è nuovo, si riferisce semplicemente allo studio critico della Scrittura per tirarne fuori la verità, invece di imporre il nostro punto di vista e il pregiudizio preconcetto sulla Parola di Dio.

Quindi ora applichiamo le tecniche esegetiche al nostro studio delle istruzioni di Gesù in Matteo 18:15-17 che le pubblicazioni della Watch Tower Society interpretano totalmente male per sostenere la loro dottrina e le loro politiche di disassociazione.

Lo leggerò come reso nella Traduzione del Nuovo Mondo, ma non preoccuparti, consulteremo più traduzioni della Bibbia prima di aver finito.

“Inoltre, se il tuo fratello si impegna a peccato, vai e rivela la sua colpa tra te e lui solo. Se ti ascolta, hai guadagnato tuo fratello. Ma se non ascolta, prendi con te uno o due in più, in modo che sulla testimonianza di due o tre Testimoni ogni questione può essere stabilita. Se non li ascolta, parla con il congregazione. Se non ascolta nemmeno la congregazione, lascia che sia per te proprio come a uomo delle nazioni e come a esattore delle tasse.” (Matteo 18:15-17 NWT)

Noterai che abbiamo sottolineato alcuni termini. Perché? Perché prima di poter iniziare a capire il significato di qualsiasi passaggio biblico, dobbiamo capire i termini usati. Se la nostra comprensione del significato di una parola o di un termine è errata, allora siamo destinati a trarre una conclusione errata.

Anche i traduttori della Bibbia sono colpevoli di questo. Ad esempio, se vai su biblehub.com e osservi il modo in cui la maggior parte delle traduzioni rende il versetto 17, scoprirai che quasi tutte usano la parola "chiesa" dove la Traduzione del Nuovo Mondo usa "congregazione". Il problema che crea è che al giorno d'oggi, quando dici “chiesa”, la gente pensa immediatamente che tu stia parlando di una particolare religione o di un luogo o di un edificio.

Anche l'uso della parola “congregazione” nella Traduzione del Nuovo Mondo porta con sé la connotazione di una qualche forma di gerarchia ecclesiastica, in particolare nella forma di un corpo di anziani. Quindi dobbiamo stare molto attenti a non saltare alle conclusioni. E non c'è motivo per noi di farlo poiché ora abbiamo molti preziosi strumenti biblici a portata di mano. Ad esempio, biblehub.com ha un interlineare che rivela che la parola in greco è ekklesia. Secondo Strong's Concordance, disponibile anche attraverso il sito Web biblehub.com, quella parola si riferisce a un'assemblea di credenti e si applica a una comunità di persone chiamate fuori dal mondo da Dio.

Ecco due versioni che rendono il versetto 17 senza alcuna connotazione o connessione gerarchica religiosa.

“Ma se non li ascolterà, dica all'assembleae se non ascolta l'assemblea, sia per voi come un pubblicano e come un pagano». (Matteo 18:17 Bibbia aramaica in inglese semplice)

"Se ignora questi testimoni, raccontalo alla comunità dei credenti. Se anche lui ignora la comunità, trattalo come faresti con un pagano o con un pubblicano». (Matteo 18:17 PAROLA DI DIO Traduzione)

Quindi, quando Gesù dice di mettere il peccatore davanti alla congregazione, non sta insinuando che dovremmo portare il peccatore da un sacerdote, un ministro o qualsiasi autorità religiosa, come un corpo di anziani. Intende quello che dice, che dovremmo portare la persona che ha commesso il peccato davanti all'intera assemblea dei credenti. Cos'altro potrebbe voler dire?

Se stiamo esercitando correttamente l'esegesi, cercheremo ora riferimenti incrociati che forniscano conferma. Quando Paolo scrisse ai Corinzi di uno dei loro membri il cui peccato era così noto che anche i pagani ne furono offesi, la sua lettera era indirizzata al corpo degli anziani? Era contrassegnato solo con occhi riservati? No, la lettera era indirizzata a tutta la congregazione e spettava ai membri della congregazione affrontare la situazione come gruppo. Per esempio, quando la questione della circoncisione sorse tra i credenti gentili in Galazia, Paolo e altri furono inviati alla congregazione di Gerusalemme per risolvere la questione (Galati 2:1-3).

Paolo si incontrò solo con il corpo degli Anziani a Gerusalemme? Solo gli apostoli e gli anziani furono coinvolti nella decisione finale? Per rispondere a queste domande, diamo un'occhiata al racconto nel 15th capitolo degli Atti.

“In verità, quindi, essendo stati mandati avanti dal montaggio [ekklesia], percorrevano la Fenice e la Samaria, annunciando la conversione delle nazioni, e rallegravano tutti i fratelli. E giunti a Gerusalemme, furono ricevuti dal montaggio [ekklesia], e gli apostoli, e gli anziani, dichiararono anche quante cose Dio aveva fatto con loro;” (Atti 15:3, 4 traduzione letterale di Young)

“Allora è sembrato buono agli apostoli e agli anziani, con il tutto montaggio [ekklesia], uomini scelti di persona per mandarli ad Antiochia con Paolo e Barnaba…” (Atti 15:22 Versione letterale standard)

Ora che abbiamo lasciato che le Scritture rispondano a queste domande, sappiamo che la risposta è che l'intera assemblea era coinvolta nell'affrontare il problema dei giudaizzanti. Questi ebrei cristiani cercavano di corrompere la congregazione appena formata in Galazia insistendo affinché i cristiani tornassero alle opere della Legge mosaica come mezzo di salvezza.

Quando riflettiamo esegeticamente sull'istituzione della congregazione cristiana, comprendiamo che una parte essenziale del ministero di Gesù e degli apostoli era di unire coloro che erano stati chiamati da Dio, coloro che erano stati unti dallo spirito santo.

Come disse Pietro: “Ciascuno di voi deve pentirsi dei propri peccati e rivolgersi a Dio ed essere battezzato nel nome di Gesù Cristo per il perdono dei propri peccati. Allora riceverai il dono dello Spirito Santo. Questa promessa è per voi... tutti coloro che sono stati chiamati dal Signore nostro Dio”. (Atti 2:39)

E Giovanni disse: "e non solo per quella nazione, ma anche per i figli di Dio dispersi, per riunirli e renderli uno". (Giovanni 11:52) 

Come scrisse in seguito Paolo: “Scrivo alla chiesa di Dio in Corinto, a voi che siete stati chiamati da Dio ad essere il suo popolo santo. Egli vi ha santificati per mezzo di Cristo Gesù, come ha fatto per tutte le persone di tutto il mondo che invocano il nome del nostro Signore Gesù Cristo…” (1 Corinzi 1:2 New Living Translation)

Ulteriore prova che il ekklesia Di cui parla Gesù è composto dai suoi discepoli, è il suo uso della parola “fratello”. Gesù dice: “Inoltre, se tuo fratello commette un peccato…”

Chi Gesù considerava un fratello. Di nuovo, non assumiamo, ma lasciamo che sia la Bibbia a definire il termine. Fare una ricerca su tutte le occorrenze della parola "fratello" fornisce la risposta.

“Mentre Gesù parlava ancora alla folla, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori, desiderosi di parlargli. Qualcuno gli disse: "Ecco, tua madre e i tuoi fratelli sono fuori e vogliono parlarti". (Matteo 12:46 Nuova traduzione vivente)

“Ma Gesù rispose: “Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?” Indicando i suoi discepoli, disse: “Ecco mia madre e i miei fratelli. Perché chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, mi è fratello, sorella e madre». (Matteo 12:47-50 BSB)

Facendo riferimento al nostro studio esegetico di Matteo 18:17, il prossimo termine che dobbiamo definire è "peccato". Cosa costituisce un peccato? In questo versetto Gesù non lo dice ai suoi discepoli, ma rivela loro tali cose attraverso i suoi apostoli. Paolo dice ai Galati:

“Ora le opere della carne sono evidenti: immoralità sessuale, impurità, sensualità, idolatria, stregoneria, inimicizia, contesa, gelosia, accessi d'ira, rivalità, dissensi, divisioni, invidia, ubriachezza, orge e cose simili. Vi avverto, come vi ho avvertito prima, che coloro che fanno tali cose non erediteranno il regno di Dio». (Galati 5:19-21 NLT)

Si noti che l'apostolo termina con "e cose come queste". Perché non lo spiega semplicemente e ci fornisce un elenco completo ed esaustivo di peccati come fa il manuale segreto degli anziani di JW? Questo è il loro libro di diritto, intitolato ironicamente, Pascete il gregge di Dio. Va avanti per pagine e pagine (in maniera legalistica farisaica) definendo e precisando cosa costituisce un peccato all'interno dell'Organizzazione dei Testimoni di Geova. Perché Gesù non fa lo stesso per mezzo degli scrittori ispirati delle Scritture Cristiane?

Non lo fa perché siamo sotto la legge di Cristo, la legge dell'amore. Cerchiamo ciò che è meglio per ciascuno dei nostri fratelli e sorelle, siano essi quelli che commettono il peccato o quelli che ne sono colpiti. Le religioni della cristianità non comprendono la legge (l'amore) di Dio. Alcuni singoli cristiani - fili di grano in un campo di zizzania - capiscono l'amore, ma le gerarchie ecclesiastiche religiose che sono state edificate nel nome di Cristo no. Comprendere l'amore del Cristo ci permette di riconoscere cos'è il peccato, perché il peccato è l'opposto dell'amore. È davvero così semplice:

“Ecco quale amore ci ha dato il Padre, affinché fossimo chiamati figli di Dio... Chi è nato da Dio rifiuta di commettere il peccato, perché in lui dimora la discendenza di Dio; non può continuare a peccare, perché è nato da Dio. In questo si distinguono i figli di Dio dai figli del diavolo: chi non pratica la giustizia non è da Dio, né lo è chi non ama il proprio fratello». (1 Giovanni 3:1, 9, 10 BSB)

Amare, quindi, è obbedire a Dio perché Dio è amore (1 Giovanni 4:8). Il peccato manca il bersaglio non ubbidendo a Dio.

“E chiunque ama il Padre ama anche i suoi figli. Sappiamo di amare i figli di Dio se amiamo Dio e obbediamo ai suoi comandamenti”. (1 Giovanni 5:1-2 NLT) 

Ma aspetta! Gesù ci sta dicendo che se uno dell'assemblea dei credenti ha commesso un omicidio o ha abusato sessualmente di un bambino, tutto ciò che deve fare è pentirsi e tutto va bene? Possiamo solo perdonare e dimenticare? Dargli un pass gratuito?

Sta dicendo che se sai che tuo fratello ha commesso non solo un peccato, ma un peccato che costituisce un crimine, puoi andare da lui in privato, convincerlo a pentirsi e basta?

Stiamo saltando alle conclusioni qui? Chi ha parlato di perdonare tuo fratello? Chi ha parlato di pentimento? Non è interessante come possiamo scivolare direttamente in una conclusione senza nemmeno renderci conto che stiamo mettendo delle parole nella bocca di Gesù? Diamo un'occhiata di nuovo. Ho sottolineato la frase pertinente:

“Inoltre, se tuo fratello commette un peccato, va' e rivela la sua colpa tra te e lui solo. Se ti ascolta, hai guadagnato tuo fratello. Ma se non ascolta, prendine uno o due in più, affinché ogni cosa sia stabilita sulla testimonianza di due o tre testimoni. Se non ascolta a loro, parla alla congregazione. Se non ascolta anche per la congregazione, sia per te proprio come un uomo delle nazioni e come un esattore di tasse”. (Matteo 18:15-17 NWT)

Non c'è niente sul pentimento e il perdono. "Oh, certo, ma questo è implicito", dici. Certo, ma questa non è la somma totale, vero?

Il re Davide commise adulterio con Betsabea e quando lei rimase incinta, cospirò per coprirlo. Quando ciò fallì, cospirò per far uccidere suo marito in modo che potesse sposarla e nascondere il suo peccato. Nathan andò da lui in privato e gli rivelò il suo peccato. Davide lo ascoltò. Si pentì ma ci furono delle conseguenze. Fu punito da Dio.

Gesù non ci sta dando un mezzo per coprire peccati gravi e crimini come lo stupro e l'abuso sessuale di minori. Ci sta dando un modo per salvare nostro fratello o nostra sorella dal perdere la vita. Se ci ascoltano, allora devono fare ciò che è necessario per sistemare le cose, il che potrebbe comportare l'andare alle autorità, il ministro di Dio, e confessare un crimine e accettare la punizione come andare in prigione per aver violentato un bambino.

Gesù Cristo non sta fornendo alla comunità cristiana il fondamento di un sistema giudiziario. Israele aveva un sistema giudiziario perché era una nazione con il proprio insieme di leggi. I cristiani non costituiscono una nazione in questo senso. Siamo soggetti alle leggi del paese in cui viviamo. Ecco perché Romani 13:1-7 è stato scritto per noi.

Mi ci è voluto molto tempo per rendermene conto perché ero ancora influenzato dai presupposti con cui ero stato indottrinato come testimone di Geova. Sapevo che il sistema giudiziario dei TdG era sbagliato, ma pensavo ancora che Matteo 18:15-17 fosse la base di un sistema giudiziario cristiano. Il problema è che pensare alle parole di Gesù come alla base di un sistema giudiziario conduce facilmente al legalismo ea una magistratura – tribunali e giudici; uomini in posizione di potere per emettere severi giudizi che alterano la vita degli altri.

Non pensare che i Testimoni di Geova siano gli unici a creare un sistema giudiziario all'interno della loro religione.

Ricorda che i manoscritti greci originali sono stati scritti senza interruzioni di capitolo e numeri di versetto - e questo è importante - senza interruzioni di paragrafo. Cos'è un paragrafo nella nostra lingua moderna? È un metodo per segnare l'inizio di un nuovo pensiero.

Ogni traduzione della Bibbia che ho scansionato su biblehub.com rende Matteo 18:15 l'inizio di un nuovo paragrafo, come se fosse un nuovo pensiero. Tuttavia, il greco inizia con una parola connettiva, una congiunzione, come "inoltre" o "dunque", che molte traduzioni non riescono a rendere.

Ora guarda cosa succede alla tua percezione delle parole di Gesù quando includiamo il contesto, usiamo la congiunzione ed evitiamo l'interruzione di paragrafo.

(Matteo 18:12-17 2001Translation.org)

"Cosa ne pensi? Se un uomo ha 100 pecore, ma una di esse si smarrisce, non lascerà le 99 e cercherà sui monti quella che si è smarrita? «Allora, se gli capita di trovarlo, ti dico, sarà più felice per quello che per i 99 che non si sono smarriti! 'Così è con mio Padre nei cieli... Egli non vuole che neanche uno di questi piccoli perisca. Quindi, se tuo fratello dovesse fallire in qualche modo, prendilo da parte e discutine tra te e lui solo; allora se ti ascolta, avrai conquistato tuo fratello. 'Ma se non ascolta, dovresti portare con te uno o due altri, in modo che tutto ciò che viene detto [da lui] possa essere provato per bocca di due o tre testimoni. Tuttavia, se si rifiuta di ascoltare anche loro, dovresti parlare alla congregazione. E se rifiuta di ascoltare anche la congregazione, diventi in mezzo a voi come un pagano o come un pubblicano”.

Non ne traggo le basi per un sistema giudiziario. Fai? No, quello che vediamo qui è un modo per salvare una pecora smarrita. Un modo di esercitare l'amore di Cristo nel fare ciò che dobbiamo per salvare un fratello o una sorella dalla perdita di Dio.

Quando Gesù dice: "se [il peccatore] ti ascolta, hai vinto il fratello", sta affermando l'obiettivo di tutta questa procedura. Ma ascoltandoti, il peccatore ascolterà tutto ciò che hai da dire. Se ha commesso un peccato molto grave, anche un crimine, allora gli dirai cosa deve fare per sistemare le cose. Potrebbe anche essere andare dalle autorità e confessare. Potrebbe essere un risarcimento alle parti lese. Voglio dire, potrebbero esserci una miriade di situazioni che vanno dal meschino al veramente atroce, e ogni situazione richiederebbe la propria soluzione.

Quindi rivediamo ciò che abbiamo scoperto finora. In Matteo 18, Gesù si rivolge ai suoi discepoli, che presto sarebbero diventati figli adottivi di Dio. Non sta istituendo un sistema giudiziario. Invece, sta dicendo loro di agire come una famiglia, e se uno dei loro fratelli spirituali, un figlio di Dio, pecca, devono seguire questa procedura per riportare quel cristiano nella grazia di Dio. Ma cosa succede se quel fratello o quella sorella non ascolta la ragione? Anche se l'intera congregazione si riunisce per testimoniare che lui o lei sta facendo qualcosa di sbagliato, che dire se fanno orecchie da mercante? Cosa fare allora? Gesù dice che l'assemblea dei credenti deve vedere il peccatore come un giudeo vedrebbe un uomo delle nazioni, un gentile, o come vedrebbe un pubblicano.

Ma cosa implica? Non salteremo alle conclusioni. Lasciamo che la Bibbia sveli il significato delle parole di Gesù, e questo sarà il soggetto del nostro prossimo video.

Grazie per il vostro sostegno. Ci aiuta a continuare a diffondere la parola.

4.9 10 voti
Articolo di valutazione
Sottoscrivi
Notifica

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

10 Commenti
ultimo
il più vecchio più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Ad_Lang

Ottima analisi. Devo mettere una nota a margine sulla nazione di Israele che ha il proprio insieme di leggi. Avevano il proprio insieme di leggi finché non furono portati prigionieri a Ninive/Babilonia. Tuttavia, il loro ritorno non li ha riportati ad essere una nazione indipendente. Piuttosto, divennero uno stato vassallo, con un grande grado di autonomia, ma ancora sotto il governo supremo di un altro governo umano. Questo rimase il caso quando Gesù era in giro, ed era il motivo per cui gli ebrei dovettero coinvolgere Pilato, il governatore romano, per far uccidere Gesù. I romani avevano... Per saperne di più »

Ultima modifica 1 anno fa di Ad_Lang
jwc

Grazie Eric,

Ma trovo che sia molto più facile permettere allo Spirito Santo di guidarci - Isaia 55.

Psalmbee

Ho sempre trovato più facile non farmi ingannare da uomini o donne stando fuori dalle Sale del Regno e dalle Chiese. Tutti dovrebbero avere cartelli affissi sulle porte d'ingresso che dicono: "Entra a tuo rischio!"

Salmbee (Fil 1:27)

gavindlt

Grazie !!!

Leonardo Giuseppe

ciao Eric. È tutto così semplice e logico, e davvero ben spiegato. Ci hai mostrato che ciò che Gesù disse può essere applicato in modo amorevole senza compromessi su quale sia la cosa giusta da fare. Perché non potevo vederlo prima di vedere la luce? Probabilmente perché ero come tanti, alla ricerca di regole, e così facendo sono stato fortemente influenzato dall'interpretazione dell'organizzazione dei TdG. Sono così grato che tu ci abbia aiutato a pensare e, si spera, a fare ciò che è giusto. Non abbiamo bisogno di regole. Abbiamo solo bisogno... Per saperne di più »

Leonardo Giuseppe

Certo che lo è. Ed è la chiave per comprendere tutto ciò che Gesù ha fatto e ciò che ha detto, anche se trovo che alcune cose precedenti nella Bibbia siano più difficili da equiparare all'amore. In verità, però, Gesù è il nostro modello.

Ireneo

Hola Eric Acabo de terminar de leer tu book y me pareció muy bueno , de hecho me alegro ver que en varios asuntos hemos concluido lo mismo sin siquiera conocernos Un esempio è la partecipazione alla commemorazione y el no centrarse en el lugar Hay sin embargo algunos punti di tipo e antitipo che quizás un giorno ti chiedono quando los trates Sobre lo que describiste hoy, stoy de acuerdo que el sistema attuale para tratar pecados en la congregación está bastante mal. De hecho se utiliza para echar al que no concuerda con le idee del cuerpo... Per saperne di più »

Meleti Vivlon

Articolo di Meleti Vivlon.